Saggi storici • Biografie • Dizionari • Enciclopedie • Memorie • Diari
 

ULTIMO AGGIORNAMENTO Mercoledì 28 Dicembre 2016


 

THE SHOOTERS

Autore:
Leon Claire Metz
Editore: Berkley Books
Anno: 1996
Formato: Brossura, 21 cm, illustrato con fotografie b/n
Pagine:
299

With a scholar's authority and a storyteller's passion, Leon Metz chronicles the lives of famous gunfighters like Billy the Kid, Wyatt Earp, and Wild Bill Hickok, as well as lesser-known desperadoes who left just as many corpses and whiskey bottles in their wake. Rich in detail, and woven with wit and insight, these fascinating portraits reveal the Shooters as they really lived, fought, and died.

 
 

GUNS AND THE GUNFIGHTERS

Curatore:
Guns & Ammo Magazine
Editore: Bonanza Books
Anno: 1975
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con fotografie b/n e disegni a colori
Pagine:
224

 
 

BADMEN OF THE WEST

Autore:
Robert Elman
Editore: Ridge Press
Anno: 1975
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con fotografie b/n e disegni a colori
Pagine:
256

Books have been written about a few of the most infamous badmen – Frank & Jesse James, Cole Younger, Sam Bass, Billy the Kid, Wild Bill Longley, Wes Hardin, the Dalton Gang, but most of them are based as much on fancy as on fact, and none of them brings together the lives and times of all the badmen. Here for the first time, is a true history in words and pictures, of the notorious American outlaws who blazed across the last half of the Nineteenth century in a wave of violence whose like had never been experienced before and was never seen again.

 
 

STORIA DEGLI APACHE
1520 - 1995

Titolo originale:
Histoire des Apaches
Autore:
Jean-Louis Rieupeyrout
Traduzione: Simonetta Falvo
Editore:
Club Degli Editori
Anno: 1996
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con mappe nel testo e fotografie in b/n fuori testo
Pagine:
383

 
 

TRIGGERNOMETRY
A Gallery of Gunfighters


Autore:
Eugene Cunningham
Editore: Barnes & Noble Books
Anno: 1996
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, illustrato con alcune fotografie b/n fuori testo
Pagine:
441

In this now classic volume, Eugene Cunningham collects—in his "gallery"? —biographies of nearly a score of master gunfighters, including such notables as John Wesley Hardin, Billy the Kid, Dallas Stoudenmire, Sam Bass, Wild Bill Hickok, Butch Cassidy, and Tom Horn. Himself a Westerner familiar with the feel of pistol and rifle, Cunningham knew firsthand several of the Texas gunfighters featured in his book, the product of more than thirty-five years of research, interviews, and writing.
Cunningham examines the evidence and breaks down the myths surrounding the exploits of Wild Bill Hickok, for example, preferring instead to find the living, breathing human behind the legend. His final chapter, "Triggernometry," remains a fascinating discussion of the gunfighters' expertise with the fast draw, the “road-agent's spin,â? pistol fanning, the "border shift," “rollingâ? and “pinwheeling,â? and the use of various holsters and harnesses. This new edition includes an extensive introduction and updated bibliography by Joseph G. Rosa. Discussing in detail the types of pistols used by the gunfighters, their speed and accuracy in gunfights, and the qualities of a deadly gunfighter, Rosa also provides new information on many of the more prominent gunfighters in Cunningham's gallery.

 
 

GOLD IN THE BLACK HILLS

Autore:
Watson Parker
Editore: University of Nebraska Press
Collana: Bison Book
Anno: 1982
Formato: Brossura leggera, 20 cm, illustrato con alcune fotografie b/n fuori testo
Pagine:
259

 
 

PELLEROSSA

Autore:
Piero Pieroni
Editore: Vallecchi
Collana: Vallecchi Giovanissimi (n.5)
Anno: 1973
Formato: Brossura leggera, 20 cm
Pagine:
219

 
 

AN ILLUSTRATED HISTORY OF THE TEXAS RANGERS

Autore:
Bern Keating
Editore:
Promontory Press
Anno: 1980
Formato: Rilegato con sovracopertina, 32 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
192

 
 

PIOMBO, POLVERE E SANGUE
La violenza nella storia del West, 1848-1900


Autore:
Mario Raciti
Introduzione: Luca Barbieri
Editore: Villaggio Maori
Collana: Fibre. Ombre Bianche
Anno: 2016
Formato: Brossura leggera, 20 cm
Pagine:
232

Il cinema e la letteratura hanno da sempre raccontato le gesta di pistoleri veloci e letali, sceriffi implacabili, giudici dall'impiccagione facile, assalti alle diligenze, rapine alle banche, sparatorie selvagge. Ma quanto c’è di mitico e quanto di vero? In questo libro Mario Raciti esamina le dinamiche storiche, sociali e ambientali che resero il West americano un territorio violento e pericoloso. Ripercorre le gesta e le vite di alcuni dei protagonisti della storia della Frontiera – uomini di legge, cacciatori di taglie, banditi psicopatici, cowboy, prostitute, giocatori d'azzardo, pistoleri sanguinari o semplici pionieri. Sfata alcuni miti duri a morire, mette in mostra il lato brutale della vita quotidiana nel vecchio West e illustra i pericoli di una terra che fu allo stesso tempo meravigliosa e selvaggia.

• Info e link per acquisto online: http://westerncampfire.blogspot.it/2016/03/piombo-polvere-e-sangue-il-vero-rovente_15.html

 
 

BEST OF THE WEST

Autore:
Bill O'Neal
Editore:
Publications International
Anno: 1997
Formato: Cartonato, 25 cm, illustrato con fotografie in b/n e a colori
Pagine:
312

 
 

PIONEER WOMEN
Voices from the Kansas Frontier


Autore:
Joanna L. Stratton
Editore:
Simon and Schuster
Anno: 1981
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, illustrato con tavole di fotografie in b/n
Pagine:
320

 
 

PIONEERS OF THE OLD WEST

Autore:
Virginia Hopkins
Editore:
Tiger Book International
Anno: 1988
Formato: Rilegato con sovracopertina, 32 cm, illustrato con fotografie in b/n e a colori
Pagine:
144

 
 

WONDROUS TIMES ON THE FRONTIER

Autore:
Dee Brown
Editore:
August House
Anno: 1991
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm
Pagine:
324

 
 

THE OLD WEST QUIZ & FACT BOOK

Autore:
Rod Gragg
Editore:
Harper & Row
Anno: 1986
Formato: Brossura, 24 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
230

 
 

THE EXPRESSMEN

Autore:
David Nevin
Editore:
Time Life Books
Collana: The Old West
Anno: 1974
Formato: Cartonato, 29 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
240

 
 

LA VERA STORIA DEL WEST
Un'epoca da scoprire per capire a fondo l'America di oggi, 1776-1890


Editore: Sprea
Anno: febbraio 2016
Collana: Conoscere la Storia Speciale (n.2)
Formato: Brossura, 29,5 cm, completamente illustrato con foto, illustrazioni, disegni in b/n e a colori
Pagine:
130

Pubblicazione da edicola

 
 

TEXAS RANGERS

Autore:
Renzo Calegari
Editore: La Frontiera - Lo Vecchio
Anno: 1985
Formato: Brossura leggera, 29 cm, illustrato con foto e disegni in b/n e a colori; in appendice un breve fumetto
Pagine:
110

 
 

STORIA DELLA RIVOLUZIONE MESSICANA
Volume primo: Da Justo Sierra a Francisco Madero
Volume secondo: Da Victoriano Huerta alla Costituzione del 1917

Titolo originale:
Breve Historia de la Revolucion Mexicana
Autore:
Jesus Silva Herzog
Traduzione: Mariano de Angelis
Editore:
Longanesi
Collana: Pocket Storia Serie Rossa
Anno: 1975
Formato: Brossura leggera, 19 cm
Pagine:
212+190

 
 

BILLY O'REILLY'S LEGENDS & LIES
The Real West

Autore:
David Fisher, Bill O'Reilly
Editore: Henry Holt & Co.
Anno: 2015
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, illustrato con fotografie, disegni e illustrazioni in b/n e a colori
Pagine:
304

 
 

WESTWARD EXPANSION
1849-1890

Autore:
Sara E. Quay
Editore: Greenwood
Collana: American Popular Culture Through History
Anno: 2002
Formato: Cartonato, 23 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
264

As men and women traveled west to settle America's untamed lands, and tried to "strike it rich" in gold, they led a simple existence, often carrying the barest necessities from one location to another. Yet they also carried with them their own popular culture, through folk songs, legends, and literature, that has often been mythologized into our present American popular culture. Through primary sources such as letters, diaries, and photographs, the author draws parallels and makes distinctions between the pioneers and cowboys of the past and those of today. Students and fans of the Old West will find this volume a rich source of history for this time period. Many images and items in today's popular culture were born in the time of westward expansion. Log cabins, cowboys such as the Marlboro Man and Woody of Toy Story fame, and Levi's jeans, all have their roots in the Old West. Outlaws such as Wild Bill Hickock, Billy the Kid, and Jessie James, and "good guys" such as Davy Crockett, continue to fascinate students and western enthusiasts.
Traveling entertainments, mail-order houses, and patent medicines, although no longer popular in today's society, tell us much about the nomadic existence of families during this time. With a timeline and a list of everyday products and their prices during the time period, this volume will be an invaluable resource to students and historians tracing the roots of American popular culture.

 
 

SALT OF THE EARTH
The Story of the Homesteaders in Western Canada

Autore:
Heather Robertson
Editore: Lorimer
Anno: 1974
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22x26 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
224

Salt of the Earth is a portrait of the settlement of the prairies seen through the eyes of the settlers themselves.
Based on the experiences of homesteaders themselves as recorded in letters, diaries, autobiographies and personal reminiscences, this book offers a remarkably vivid view of the hardships and joys of settling the Canadian West.
Illustrated with dozens of candid and revealing photographs, Salt of the Earth evokes a sense of sympathy with the people of the country which is absent in the official history of Canada.

 
 

SKIDOO
Viaggio nelle città fantasma del selvaggio West

Titolo originale:
Skidoo
Autore:
Alex Capus
Traduzione: Sergio Bestente
Editore:
EDT
Collana: Piccola Biblioteca di Ulisse
Anno: 2014
Formato: Brossura leggera, 18 cm, illustrato con fotografie in b/n nel testo
Pagine:
80

Alex Capus, forse come antidoto al romanzo d'amore appena terminato, lascia le sue nevi alpine e, con un pezzo di cuore un po' ossessivamente rivolto verso casa, si spinge fra i deserti e le infuocate praterie del Far West, sulle tracce delle città fantasma dei cercatori d'oro; lungo il percorso, oggi tutt'altro che avventuroso, raccoglie da vecchissimi ritagli di giornale delle storie degne di uno spaghetti-western o di una comica di Buster Keaton. E così fra desperados e pistoleri ubriaconi, inventori pazzi e diligenze da assaltare, fumerie d'oppio e cammellieri arabi trapiantati nella Death Valley, riscopre un mondo in cui tutto poteva accadere, o meglio tutto poteva essere raccontato come veramente accaduto, perché nella grande epopea della corsa al progresso e all'oro, leggenda e verità si mescolavano pericolosamente, facendo nascere qualcosa che oggi rassomiglia molto alle fantasie di un bambino. O a quelle di uno scrittore.

Materiali online
• http://westerncampfire.blogspot.it/2015/02/skidoo-piccole-storie-dal-selvaggio-west.html

 
 

THE WICKED WEST
Boozers, Cruisers, Gamblers, and more

Autore:
Sherry Monahan
Editore:
Rio Nuevo
Anno: 2005
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con fotografie in b/n nel testo
Pagine:
160

The Wicked West takes readers on a sinful journey back to frontier days. Gallop your horse right into a saloon. Learn how our forefathers—and foremothers—enjoyed life’s wild little pastimes, such as drinking, smoking, gambling, and of course, prostitution. Your guide for this riotous trip through saloons and bordellos all across the Old West is popular historian Sherry Monahan. She shows you how to mix a mean whiskey cocktail and gives the rules for the high-rolling game of faro. Best of all, she introduces you to a crowd of rough, tough, real-life men and women who tell their unforgettable stories in their own salty words. View 60 b/w photographs.

 
 

WILD CANADIAN WEST

Autore:
E.C. Meyers
Editore: Hancock House
Anno: 2007
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con fotografie in b/n fuori testo
Pagine:
208

The history of the Wild West for too many years, has been considered the exclusive domain of the men and women who inhabited the South-western states of Kansas, Arizona, Texas, New Mexico, Oklahoma and Wyoming. Canada had her share of men and women, good and bad, who opened the west for exploration and exploitation. Many famous gunfighters, outlaws, gamblers and lawmen of the Wild West were Canadian. This book exhibits the differences between Canadian settlers and their American counterparts. It shows how the law was enforced in the west even though lawmen were few in number. It touches on the naivete of some settlers and the lack of judgement shown by some leaders. It also seeks to show the injustice that was done to the native people who neither knew nor understood the white man's law.

 
 

WAGON ROAD NORTH
Historic Photographs from 1863 of Caribou Gold Rush

Autore:
Art Down
Editore: Foremost
Anno: 1973
Formato: Spillato, 28 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n e a colori nel testo e fuori testo
Pagine:
80

 
 

VOCABULARIO VAQUERO COWBOY TALK
A Dictionary of Spanish Terms from the American West

Autore:
Robert N. Smead
Introduzione: Richard W. Slatta
Disegni: Ronald Kil
Editore: University of Oklahoma Press
Anno: 2005
Formato: Brossura leggera, 21 cm, con alcuni disegni nel testo
Pagine:
224

Spanish is an important source for terms and expressions that have made their way into the English of the southwestern United States. Vocabulario Vaquero/Cowboy Talk is the first book to list all Spanish-language terms pertaining to two important activities in the American West--ranching and cowboying--with special reference to American Indian terms that have come through Spanish. In addition to presenting the most accurate definitions available, this A-to-Z lexicon traces the etymology of words and critically reviews and assesses the specialized English sources for each entry. It is the only dictionary of its kind to reference Spanish sources.The scholarly treatment of this volume makes it an essential addition to the libraries of linguists and historians interested in Spanish/English contact in the American West. Western enthusiasts of all backgrounds will find accessible entries full of invaluable information.

 
 

IL MESSICO INSORGE

Titolo originale:
Insurgent Mexico
Autore:
John Reed
Traduzione: Enrico Basaglia
Editore: Einaudi
Collana: Gli Struzzi
Anno: 1979
Formato: Brossura leggera, 19 cm
Pagine:
270

 
 

LA FEBBRE DELL'ORO
L'America dei cercatori di fortune


Autore:
Mario Bussoni
Editore: Mattioli 1885
Collana: Archivi Storici
Anno: 2012
Formato: Brossura leggera, 24 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
175

La scoperta, all'inizio del 1848, di un ricco filone aurifero sulla Sierra Nevada, in California fu l'evento scatenante di una delle più incredibili migrazioni di popolo che la storia americana ricordi: era il primo, leggendario, Gold Rush. In pochi mesi la Febbre dell'Oro contagiò decine di migliaia di improvvisati cercatori, travolti da uno stato di esaltazione che rasentava l'isteria collettiva. Occorsero anni perché il fenomeno si attenuasse, ma il fuoco covava sotto la cenere.
Nell'agosto del 1896, la scoperta fra i ciotoli del Rabbit Creek di una polvere d'oro di tale purezza che "sembrava burro spalmato sul pane" riaccese la febbre. Fu un'epopea ancora più grandiosa e disperata. Da Skagway in Alaska, inospitale porto di sbarco, al White pass ed al Chilkoot pass, durissime porte di accesso ai gelidi territori del Canada occidentale, la marcia dei cercatori verso la fortuna era una vera e propria discesa all'inferno.
Questo libro ripercorre, fra ricostruzione documentale e ricerca sul campo, i drammatici fatti dei due Gold Rush nordamericani del '48 e del '96 e dei meno noti Gold Rush, che nella seconda metà dell'800, interessarono Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Perché la fame dell'oro non conosce limiti di tempo e di spazio.

 
 

CACCIA A PANCHO VILLA
L'attacco a Columbus e la spedizione punitiva di Pershing 1916-17


Titolo originale:
The Hunt for Pancho Villa
Autore:
Alejandro M. De Quesada
Illustrazioni: Peter Dennis, Donato Spedaliere e Johnny Shumate
Editore:
Editrice Goriziana
Collana: Biblioteca di Arte Militare
Anno: 2013
Traduzione: Lorena Lanza e Patrizia Vicentini
Formato: Brossura leggera, 24 cm, illustrato con disegni a colori e foto in b/n
Pagine:
108

Il 9 marzo 1916, truppe irregolari al comando di Pancho Villa attaccarono Columbus, nel Nuovo Messico, e il locale distaccamento del 13° reggimento di cavalleria statunitense, uccidendo 18 uomini e dando alle fiamme la città. Sei giorni dopo, il generale John J. "Black Jack" Pershing guidò in Messico una forza di spedizione di 4.800 uomini per catturare il comandante guerrigliero. Seguì una serie di scontri, battaglie e cacce nel selvaggio territorio messicano. Questa campagna, durante la quale i militari nordamericani utilizzarono per la prima volta veicoli a motore, fu anche la prima esperienza di combattimento di un giovane tenente, George S. Patton. Il libro ricostruisce le fasi dell'impresa, ripercorrendo le marce polverose e rievocando gli aspri scontri a fuoco nelle strade di cittadine di frontiera, e analizzando i successi e i fallimenti di una spedizione unica nel suo genere.

 
 

L'ULTIMA CAVALCATA DI JESSE JAMES
Il raid su Northfield - 1876


Titolo originale:
The Last Raid of James-Younger Gang
Autore:
Sean McLachlan
Illustrazioni: Peter Dennis e Johnny Shumate
Editore:
Editrice Goriziana
Collana: Biblioteca di Arte Militare
Anno: 2013
Traduzione: Fulvio Cardoni
Formato: Brossura leggera, 24 cm, illustrato con disegni a colori e foto in b/n
Pagine:
108

Nei dieci anni trascorsi dalla fine della Guerra civile americana, Frank e Jesse James da sconosciuti guerriglieri confederati diventarono i più celebri fuorilegge del mondo. Una lunga serie di audaci rapine a banche, treni e diligenze procurarono loro notorietà, ammirazione, odio e, cosa sorprendente, poca ricchezza. Nel 1876 progettarono il colpo più temerario di quelli concepiti insieme ai fratelli Younger: cavalcare per centinaia di chilometri dallo stato nativo del Missouri per svaligiare la First National Bank a Northfields in Minnesota. Malgrado la loro grande esperienza bellica di ex irregolari sudisti, la rapina fu un fallimento, complice la scarsa disciplina della banda e la sua stessa fama che mise sul piede di guerra ogni città, pronta a respingerli armi alla mano. Questo libro ha come argomento la storia dell'ultima azione della banda James - Younger.

 
 

LOST BONANZAS
Tales of the Legendary Lost Mines of the American West

Autore:
Harry Sinclair Drago
Editore:
Dodd & Mead
Anno: 1966
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm
Pagine:
276

 
 

GHOST TOWNS OF THE AMERICAN WEST

Autore:
Bill O'Neal
Editore:
Publications International
Anno: 1995
Formato: Cartonato, 25 cm, illustrato con fotografie in b/n e a colori
Pagine:
312

 
 

GHOST TOWNS OF THE WEST
A Pictorial Guide to Towns and Mining Camps that opened the West

Autore:
William Carter
Editore:
Lane Magazine
Anno: 1971
Formato: Cartonato, 30 cm, illustrato con fotografie in b/n e a colori
Pagine:
256

Some of the most bizarre and unforgettable events in all of American history took place during the bonanza mining years in the West. You can still see where these events happened. Ghost towns, old mills, ruined mines--the saloons and the camps and the theaters--these remain as mute testimony to the rowdy, reckless, raucous boom years that opened our West and changed its character forever. But, until publication of this book, there had never been a full panoramic portrayal of that heritage; there had never been an adequate guide to help you find the ghost towns and mining camps that lie hidden, in forgotten places, throughout the American Western states. Now here is that volume. The first comprehensive portrait and guide to the significant ghost towns in all parts of the West. This book shows you what these towns look like today, in panorama and in detail, in beautiful modern photos. It takes you back into the periods of peak activity in each area, by means of what is probably the best collection of historical photos from the mining days that has ever been assembled. It vividly tells the story of the prospectors' subsequent "rushes," and tells of unusual happenings in the individual areas. And, it offers maps and directions to each town or camp, so you can enjoy exploring it for yourself. As you look through this book, you will find that it employs a unique editorial structure that compares past with present and provides a detailed as well as an overall picture of this period in our history. You may even be able to hear the shouts and the laughter of those wild and unrestrained years, and think of a free weekend coming up when you can see, in person, one of these memory filled towns.

 
 

WESTERN WAYS
Images of the American West

Autore:
Bruce I. Bustard
Editore:
Natural Archives Trust Fund Board
Anno: 1992
Formato: Brossura, 23 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
115

An exhibition at the National Arches and Records Administration, October 9, 1992 through October 17, 1993.

This complexity is reflected in the remarkable variety of photographs, drawings, maps, and other documents reproduced in this publication. The traditional West is here, but here too are less well known stories: Native Americans; Chinese immigrant workers, who built much of the transcontinental railroad; African-American soldiers on the frontier; and women homesteaders.

 
 

WESTWARD TO PROMONTORY
Building the Union Pacific across the Plains and Mountains. A Pictorial Documentary

Autore:
Barry B. Combs
Editore:
Promontory Press
Anno: 1969
Formato: Rilegato con sovracopertina, 29 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
80

From the century-old, 10 x 13-inch, wet-plate collodion negatives of A. J. Russell - chronicler of the building of the Union Pacific Railroad, one of the greatest engineering feats of the day. 'The Great Work of the Age!' it was hailed by the politicians, journalists, promoters, and philosophers of America and Europe. This was the Union Pacific, the continent-shrinking streak of gleaming iron, speculative dollars, and human sweat and ingenuity that bound together the nation that was to lead the world into the twentieth century. The men who built the U.P. knew they were making history, and they had the foresight and insight to document their work in the imperishable images of an outstanding practitioner of the nascent art of photography - A. J. Russell, who stood next to the great Matthew Brady as a keen interpreter of great events. Now, for the first time, his marvelous original negatives are reproduced in expensive double-plate printing on quality paper. This great documentary of one of America's epic adventures is interpreted and highlighted by the narrative of Barry B. Combs, who combines his intimate knowledge of the history of the Union Pacific Railroad with a long and thorough study of the original photographs. His knowledgeable introduction and detailed, perceptive captions provide a sparkling and informative narrative for one of the most beautiful photographic collections the nineteenth century West ever produced.

 
 

THE LAST BEST WEST

Autore:
Jean Bruce
Editore:
Fitzhenry & Whiteside
Anno: 1976
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
177

As the great tide of settlers surged into Canada in the years 1896-1914, to claim the free homesteads advertised by the government, immigration officers laboured to record a bewildering variety of nationalities, languages and occupations. This book contains photographs taken by professionals and amateurs, combining to form a striking, visual record of a fascinating diversity of people, of costume and habitation, of churches and stores, of farming methods and implements. Powerfully evocative first-hand accounts taken from letters and diaries communicate something which the photographs alone cannot: despite all the obvious differences of origin and outlook, of religion and education and personal advantage, settling the west was essentially a common experience. Interior Department files contain the story of the Government's great campaign for settlers, and the complex chain of officialdom down which the immigrants passed until they reached their destination. A treasure trove of photographs and personal reminiscences exists in public sources across Canada. Material used in this book comes from the Public Archives of Canada; the GlenBow-Alberta Institute; the United Church Archives; the Provincial Archives of British Columbia, Alberta, Saskatchewan, Manitoba, and Ontario; the public libraries of Saskatchewan and Vancouver; Vancouver City Archives; the University of British Columbia Library; the Western Development Museum, Saskatoon, and the Canadian Pacific Railway.

 
 

CAMERA EYE ON IDAHO
Pioneer Photography, 1863-1913

Autore:
Arthur A. Hart
Editore:
Caxton
Anno: 2001
Formato: Brossura, 27 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
201

This book is a collection of the most compelling and beautiful photographs made of early Idaho people, places, and events in Idaho from 1863 through 1913. Virtually nothing had been published on Idaho s pioneer photographers when Arthur A. Hart began his research.

 
 

MINING IN THE OLD WEST

Autore:
Sandor Demlinger
Editore:
Schiffer Publishing
Anno: 2014
Formato: Brossura, 27 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
173

The 1848 discovery of gold at Sutter's Mill in northern California set off a mining explosion that greatly hastened the development of the American West. This new book gathers historic photographs of mining in the Old West, from "panning" for gold in the waters of California to deep mining throughout the Western Territorities. The photos capture the lives of miners and the tent cities and early towns that grew up around the mines. What is captured is the stuff of which legends were made: the old saloons, wooden sidewalks, and dirt streets. Readers look the old miners in the eye, where the harshness of their lives is etched. They also see the places where they worked: the makeshift mining operations rising on mountainsides just out of town, the deep and dusty shafts, the tools and machinery designed to mine the precious ore. With over 300 vintage images, this is a treasure trove for historians, Old West aficionados, and lovers of old photographs.

 
 

GOLD RUSHES AND MINING CAMPS OF THE EARLY AMERICAN WEST

Autori:
Vardis Fisher e Opal Laurel Holmes
Editore:
Caxton Press
Anno: 1968
Formato: Rilegato con sovracopertina, 34 cm, con fotografie in b/n
Pagine:
465

 
 

LOST GOLD AND SILVER MINES OF THE SOUTHWEST

Autore:
Eugene L. Conrotto
Editore:
Dover Publications
Anno: 1996
Formato: Brossura, 21 cm, con disegni e mappe in b/n
Pagine:
256

Handy guide to the long-lost mines, rich veins of ore, silver lodes, buried treasure, and other bonanzas. All fully described, including fascinating anecdotes about the treasure, its general locale and other information. Each description also accompanied by a map of the region. 96 maps and over 50 other line illustrations.

 
 

VIAGGIO NELLE PRATERIE DEL WEST

Titolo originale:
A Tour on the Prairies
Autore:
Washington Irving
Editore:
Spartaco
Anno: 2013
Collana: Dissensi
Traduzione: Paolo Graziano
Formato: Brossura, 20 cm
Pagine:
295

Un fucile, una coperta, un cavallo, una terra sconfinata da esplorare: nel 1832, il selvaggio West americano si presentava come un infinito campo di possibilità, di aspirazioni, di speranze. Nel suo diario di viaggio nell'Oklahoma, "A Tour on the Prairies", scritto praticamente in sella a un cavallo, Washington Irving restituisce del Far West un'immagine viva e dinamica, ancora non contaminata da tanta letteratura e cinema di genere. Sedotto dal fascino della frontiera, lo scrittore è pronto a inseguire purosangue dal fiero portamento. E poi si lancia alla caccia del bisonte, animale che è l'immagine perfetta della rabbia e del furore. Eccolo, infine, riposarsi all'ombra di alberi i cui tronchi gli ricordano i pilastri di una chiesa. A seguirlo, costante, l'ombra minacciosa degli indiani. Lontano dalle atmosfere cupe della "Leggenda di Sleepy Hollow", questo taccuino racconta l'esperienza di uno dei grandi spiriti nomadi della letteratura dell'Ottocento. Una lettura che diventa tanto più affascinante perché, attraverso le piste dei pionieri e gli accampamenti delle tribù di nativi, "Irving non cerca l'avventura, il mito, la leggenda, bensì l'autenticità", come scrive Roberto Donati nella prefazione. Del resto, precisa nella postfazione Leomacs, uno dei disegnatori di Tex, il viaggio è "un approssimarci alla "frontiera" che, di volta in volta, traccia gli orizzonti in espansione della nostra esistenza".

 
 

SILVER & GOLD
Cased Images of the California Gold Rush

Curatori:
Drew Heath Johnson e Marcia Eymann
Editore:
University of Iowa Press
Anno: 1998
Formato: Brossura, 29 cm, con fotografie in b/n
Pagine:
264

Silver and Gold includes works by Robert Vance, P. M. Batchelder, William Shew, Frederick Coombs, and W. H. Rulofson - images of native Californians and those who shared the land with them, memorable images of the men and women who sought their fortunes in the gold fields. Photographs from the mining communities reflect the miners' rough houses, sunburned faces, and makeshift clothes, capturing the isolation and determination of people working under difficult conditions far from home. Essays by John Wood, poet and founding president of the Daguerreian Society; Peter Palmquist, independent scholar and curator in the field of photography; and Drew Johnson and Marcia Eymann, co-curators of the Oakland Museum exhibition that complements this volume, enhance these striking early images. In addition, annotations on the back of the photographs and written accounts of the experiences they record provide glimpses into the intentions of the photographers.

 
 

THE MOUNTAIN MEN

Autore:
Bill Harris
Editore:
Skyhorse Publishing
Anno: 2012
Formato: Rilegato con sovracopertina, 25 cm, con fotografie in b/n e a colori
Pagine:
176

The pioneering mountain men entered the uncharted American wilderness with nothing but their wits, their survival skills, and what few tools they could carry along with them. Yet just a short time later, they had already established a booming fur trade, a thriving and unique rural culture, and legendary characters like Jim Bridger and Kit Carson. Thrilling and educational, and packed with hundreds of full-color photographs, The Mountain Men details every facet of the extraordinary history and lifestyle of these remarkable men, including their weapons, their traps and methods, the culture they developed, their cuisine, and their encounters with Native Americans.

 
 

IL MONDO DEL WEST

Autore:
Piero Pieroni
Editore:
Mondadori
Collana: Il club delle Giovani Marmotte
Anno: 1976
Formato: Cartonato, 28 cm, illustrato con fotografie e disegni in b/n e a colori
Pagine:
125

 

 
 

SCRAPBOOK OF THE AMERICAN WEST

Autore:
Ernest L. Reedstrom
Editore:
Caxton
Anno: 1991
Formato: Cartonato, 27 cm, illustrato con fotografie e disegni in b/n
Pagine:
259

 

 
 

TIMOTHY O'SULLIVAN. AMERICA'S FORGOTTEN PHOTOGRAPHER

Autore: James D. Horan
Editore:
Bonanza
Anno: 1966
Formato: Rilegato con sovracopertina, 27 cm, completamente illustrato con fotografie e disegni in b/n
Pagine:
334

 
 

PICTURE MAKER OF THE OLD WEST
William H. Jackson

Autore: Clarence Jackson
Editore:
Charles Scribner's Sons
Anno: 1947
Formato: Rilegato con sovracopertina, 31 cm, completamente illustrato con fotografie e disegni in b/n
Pagine:
308

 
 

TRAIL DRIVING DAYS
The Golden Days of the Old Trail Driving Cattlemen

Autore: Dee Brown e Martin F. Schmitt
Editore:
Bonanza
Anno: 1952
Formato: Rilegato con sovracopertina, 29 cm, completamente illustrato con fotografie e disegni in b/n
Pagine:
264

In 229 extraordinary photos and a running text, the authors have told the history of the long cattle drives, from 1521 to the Great Blizzard of 1887 which virtually wiped out the greatest range herds in the world. Mentions the Dodge City gang: Hickok, Billy Thompson, Rowdy Joe Lowe, Wyatt Earp, Hardin, Tom Horn, et al. A whole chapter on Billy the Kid.

 
 

THE GREAT AMERICAN WEST
A Pictorial History from Coronado to the Last Frontier

Autore:
James D. Horan
Editore:
Crown Publishers
Anno: 1959
Formato: Rilegato con sovracopertina, 31 cm, illustrato con fotografie, disegni, quadri, manifesti in b/n e a colori
Pagine:
288

Here is the full western story, from the days of the conquistadores to the twentieth century, in an account notable not only for its comprehensiveness, but also for its amazing collection of photographs which show all aspects of the West as it actually was. 650 B&W and color illustrated. 288pp.

 
 

THE AMERICAN WEST IN THE THIRTIES
122 Photographs by Arthur Rothstein

Autore:
Arthur Rothstein
Editore:
Dover Publications
Anno: 1982
Formato: Rilegato con sovracopertina, 26x26 cm, album di fotografie in b/n
Pagine:
121

 
 

THE ILLUSTRATED LIFE & TIMES OF DOC HOLLIDAY

Autore:
Bob Boze Bell
Editore:
Tri-Star Boze Publications
Anno: 1995
Formato: Rilegato con sovracopertina, 27 cm, illustrato con fotografie, disegni, quadri, manifesti in b/n e a colori
Pagine:
128

 
 

THE ILLUSTRATED LIFE & TIMES OF WYATT EARP

Autore:
Bob Boze Bell
Editore:
Tri-Star Boze Publications
Anno: 1994
Formato: Rilegato con sovracopertina, 27 cm, illustrato con fotografie, disegni, quadri, manifesti in b/n e a colori
Pagine:
144

Finally a book about America's most famous, old west lawman that presents the facts of his controversial long life in a concise, easy to read format. Over 80 pen&ink, watercolors, & oils.

 
 

HISTORICAL ATLAS OF THE OUTLAW WEST

Autore:
Richard Patterson
Editore:
Johnson Books
Anno: 1989
Formato: Rilegato con sovracopertina, 27 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
250

A state-by-state and town-by-town guide to the infamous acts of outlaws and desperados west of the Mississippi. A gazetter's look at western outlaw history. Much of yesterday's frontier is now buried under asphalt and cement, but many sites remain or have been restored and can be visited and relished. The book contains information from the following states: Arizona, California, Colorado, Idaho, Iowa, Kansas, Missouri, Montana, Nebraska, Nevada, New Mexico, Oklahoma, Oregon, South Dakota, Texas, Utah, Washington, and Wyoming. Each section has a map of state and photos from the state.

 
 

THE NEW ENCYCLOPEDIA OF THE AMERICAN WEST

Curatore:
Howard R. Lamar
Editore:
Yale University Press
Anno: 1998
Formato: Rilegato con sovracopertina, 30 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
1344

This authoritative, comprehensive, and lavishly illustrated single-volume encyclopedia is a rich source of information about the American West -- real and imaginary, old and new, stretching from coast to coast throughout the country's history and culture. The encyclopedia consists of more than 2,400 entries in alphabetical order by more than 300 contributors, along with over 600 illustrations and maps.
The encyclopedia, a thoroughly revised and expanded version of Howard Lamar's acclaimed twenty-year-old 'Reader's Encyclopedia of the American West,' consists of more than 2,400 entries in alphabetical order by more than 300 contributors, along with over 600 illustrations and maps (four times more than in the original editon). Among the topics covered are: the formative period of each state; the diplomacy of American expansion; important discoverers and mountain men; major Native American tribes, their leaders, and culture; pivotal women such as Sacagawea, Annie Oakley, and Willa Cather; African Americans, Asian Americans, and Mexican Americans on the western frontier; novelists, artists, and filmmakers and the real and fictional people they turned into mythic heroes or villains; politicians from Benjamin Franklin to Ronald Reagan; major cities and landmarks; and conservation and wildlife issues.
A comprehensive work, with thousands of alphabetically arranged entries on varied aspects of the West, including history, topography, famous people, places, events, articles, writers, gunslingers, outlaws, Indian tribes, mountain men, ghost towns, forts, missions; with cross-references and full index. With hundreds of maps and illustrations.
Lamar's and Yale's comprehensive encyclopedia of the American West and its western frontier. Topics include the formative period of each state, the diplomacy behind America's expansion, important discoverers and mountain men, major American Indian tribes and their leaders and pivotal women, African Americans, Mexicans and Asians on the western frontier.
Did you know that when Annie Oakley was not performing her sharp-shooting skills, she preferred a quiet Quaker lifestyle and an embroidery needle to a rifle? That gunman John Wesley Hardin killed more people than either Jesse James or Billy the Kid? Or that Frederick Law Olmsted was once commissioned to manage the Yosemite Valley and was instrumental in the national-park movement? The New Encyclopedia of the American West is full of such interesting information. This weighty volume, compiled by Sterling Professor Emeritus of History at Yale University Howard R. Lamar, contains over 2,400 entries by more than 300 contributors on all aspects of the American West, from prehistory to the present. Types of entries include brief biographical sketches of important men and women, extensive descriptions of the physiogeography of the continent, pieces on art and literature of the West, and histories of the area's transportation systems. Over 600 illustrations and maps complement the text and help make this book a joy to read. Lamar provides a brief timeline of Western history to help put things in perspective, and the individual entries are extensively cross-referenced. A detailed index provides a comprehensive list of every person mentioned in the book, and most articles provide bibliographic citations to point the interested reader to further sources. The tone of the book is authoritative yet accessible - and refreshingly jargon-free. So whether you're interested in Sacajawea, Sasquatch, or Santa Fe, The New Encyclopedia of the American West will please scholar and casual reader alike.

 
 

THE SETTLERS' WEST

Autori:
Dee Brown e Martin F. Schmitt
Editore:
Bonanza
Anno: 1988
Formato: Rilegato con sovracopertina, 29 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
258

 
 

GHOST TOWNS
How They Were Born, How They Lived, and How They Died

Autore:
Tom Robotham
Editore:
Courage Books
Anno: 1993
Formato: Rilegato con sovracopertina, 30 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
128

 
 

FRONTIER FAMILY LIFE
A Photographic Chronicle of the Old West

Autore:
Marianne Bell
Editore:
Barnes & Noble
Anno: 1998
Formato: Rilegato con sovracopertina, 30x24 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
127

 
 

THE OPENING OF THE AMERICAN WEST
In Early Photographs and Prints

Autore:
Bill Yenne
Editore:
Barnes & Noble
Anno: 1997
Formato: Rilegato con sovracopertina, 30x24 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
192

Many photographs with some text depicting scenes from the early years of the American West from the pioneers through exploration and the time of the cattle drives.

 
 

THE TAMING OF THE WEST
A Photographic Perspective

Autori:
David R. Phillips e Robert A. Weinstein
Editore:
H. Regnery Co.
Anno: 1974
Formato: Rilegato con sovracopertina, 34 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
232

The art of photography has been developing for more than 100 years, and for his Taming of the West the author has selected from his collection of several hundred thousand glass wet-plate negatives some two hundred of the most outstanding to depict the westward movement in America from 1850 to 1900. Unique photographic reproductions portray the migration west from its beginnings in the East, the struggle to carve a new life in a new land, and the efforts to realize the truly American Dream, giving substance and reality to a vital segment of American history. The Taming of the West reveals not only the expansion of a nation but also the growth of a people, their aspirations and their achievements, their defeats and their victories. This spectacular visual document records in exquisite detail the toil and sweat of miners and farmers, the fever of gold-rush Alaska, the pride and resignation of the Indian - unheralded people who tamed the land, quite unaware that they were effecting a major transformation in American history. The Taming of the West is a pictorial social history of the men and women who forged westward, leaving their pattern on the land and the imprint of the land on our culture.

 
 

1001 MOST-ASKED QUESTIONS ABOUT THE AMERICAN WEST

Autore:
Harry E. Chrisman
Editore:
Swallow Press
Anno: 1982
Formato: Brossura, 23 cm
Pagine:
361

During his more than 40 years of newspaper and magazine work, Harry Chrisman has been answering questions about the American West — both the standard and the oddball queries, such as "What is the most fantastic bear story you ever heard?"
Chrisman first encountered many of these questions in his monthly column "Roundup Time," which appeared in The West, a national monthly magazine.
Concentrating on the puzzlers, Chrisman has gathered in his illustrated volume over one thousand of the most frequently asked questions about the American West. Readers will find chapters devoted to the people of the West (cowboys, Indians, lawmen, outlaws, and gunfighters), chapters on the Western lifestyle (culture, pioneer life, folklore, and business and commerce), as well as chapters on the land (geography and geology, and towns and territories).
Here, then, is an entertaining volume to which readers can turn for information and recreation and which will remain a constant source for the younger generations who wish to learn of their forefathers and of the many problems they encountered and resolved during the settlement of the Great American West.

 
 

ONE MAN'S GOLD RUSH
A Klondike Album

Autori:
Murray Morgan (testo), E.A. Hegg (fotografie)
Editore:
University of Washington Press
Anno: 1967
Formato: Brossura, 23x23 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
207

When Eric A. Hegg rushed north to Alaska in 1897 he was a journeyman photographer, largely self-trained. He forced a sled load of photographic equipment across the coastal mountains in the dead of winter. He hiked out to the claims on Bonanza and Eldorado, and he poked his camera into the banks and bars and bordellos in Dawson. He rode a paddle-wheel steamer down the Yukon to the Bering and was on the dark sands of the beach at Nome when the prospectors swirled gravel in their pans and worked their mechanical rockers. Most important, he was there, high on the Chilkoot Pass in the winter of 1897-98, as the dark-clad men climbed antlike up the frozen steps of The Scales under the burden of a year's supplies.

 
 

PHOTOGRAPHY AND THE OLD WEST

Autore:
Karen Current
Editore:
Abradale/Abrams
Anno: 1986
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28x22 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
272

 
 

EVERYDAY LIFE IN COLONIAL CANADA

Autore:
Loris Russell
Editore:
Batsford
Anno: 1973
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
207

 
 

A ROOM FOR THE NIGHT
Hotels of the Old West

Autore:
Richard A. Van Orman
Editore:
Bonanza
Anno: 1966
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
162

 
 

THE TOWNSMEN

Autore:
Keith Wheeler
Editore:
Time Life Books
Collana: The Old West
Anno: 1975
Formato: Cartonato, 29 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
240

 
 

GUNFIGHTERS
The outlaws and their weapons

Curatore:
Chris McNab
Editore:
Thunder Bay Press
Anno: 2005
Formato: Rilegato con sovracopertina, 32 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
448

Avviso a chi vuole acquistare questo libro! Il libro in questione è una riedizione NON SEGNALATA di "Age of the Gunfighters" di Joseph G. Rosa (in Italia edita da Idealibri col titolo "I pistoleri", se scorrete fin quasi alla fine troverete la scheda), di cui reimpagina testo e foto, aggiungendovi solo qualche immagine, dei box di approfondimento e un capitolo - l'ultimo - scritto da Chris McNab. Purtroppo tutto ciò non è segnalato nè in copertina, nè nel colophon, come nemmeno citato è il vero autore, Joseph G. Rosa.

 
 

THE OLD WEST DAY BY DAY

Autore:
Mike Flanagan
Editore:
Facts on File
Anno: 1995
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
498

The Old West: Day by Day is a unique historical reference that chronicles the peak years of westward expansion, from the first discovery of gold in California in 1848 to the massacre at Wounded Knee in 1890. During these years, Americans drove westward, spurred in part by their faith in "manifest destiny, " the belief that the United States was destined to expand across the continent - even if that meant Indian loss of life and land. Aided by the completion of the transcontinental railroad and other technological developments, the desire for a country stretching "from sea to shining sea" was realized by the end of the 19th century. More than 15,000 chronological entries document in meticulous detail the major historical events of this period of westward expansion as well as everyday occurrences that marked life in the Old West, from new gold discoveries, advances in transcontinental travel and racial skirmishes to the establishment of newspapers and journals. In a given month in the Old West, work begins on the Colorado Central and Pacific Railroad, the first school in Wyoming is dedicated in Cheyenne, Buffalo Bill Cody goes on a buffalo hunt, the Chinese Theater opens in San Francisco and a skirmish is reported in Arizona. The Old West condenses and organizes decades of history that would otherwise need to be laboriously searched in newspaper records and secondary sources. The Old West provides a broad and comprehensive overview of the more than four decades that comprised the days of the open frontier, a period that left an indelible mark on United States history and the American character. Ideal for students, researchers, historians, writers and history buffs who need historicalbackground and hard facts, The Old West belongs in any serious library collection on the West.

 
 

ALAMO

Titolo originale:
El Álamo
Autore:
Paco Ignacio Taibo II
Editore:
Tropea
Anno: 2012
Collana: I Narratori
Traduzione: Pino Cacucci
Formato: Brossura, 21 cm, con alcune foto b/n nel testo
Pagine:
283

Per gli Stati Uniti la battaglia di Alamo, avvenuta nel 1836 tra i messicani e duecento coloni texani per l'indipendenza del Texas, costituisce uno dei miti fondanti del paese. Si tratta di un motivo di orgoglio patriottico, un'autentica epopea nazionale alla base dell'ideologia imperialistica che ispira la politica americana. Per il Messico, invece, è stata solo una vittoria militare, da menzionare senza troppa enfasi sui libri di Storia. Ma che cosa è successo veramente ad Alamo? Perché una battaglia che si è conclusa con una sconfitta ha inciso tanto sull'immaginario nordamericano? Paco Ignacio Taibo II ricostruisce minuziosamente i fatti, al netto di reticenze e menzogne; palesa di che lacrime e di che sangue gronda il mito della libertà e dell'indipendenza statunitense; usa insomma la storiografia per restituirci la realtà dei fatti, deformata per anni dalla retorica hollywoodiana attraverso il volto virile di John Wayne. Questo libro è il frutto di sei anni di ricerche d'archivio, e rivela aspetti del tutto inediti su personaggi storici come David Crockett, affrontando senza paura le ambiguità, le debolezze e la ferocia degli "eroi della libertà".

 
 

UN RIVOLUZIONARIO CHIAMATO PANCHO
Pancho Villa. Una biografia narrativa


Titolo originale:
Pancho Villa. Una biografia narrativa
Autore:
Paco Ignacio Taibo II
Editore:
Tropea
Anno: 2007
Collana: Saggi
Traduzione: Pino Cacucci
Formato: Brossura, 21 cm, con 16 pagine di foto b/n fuori testo
Pagine:
858

La biografia definitiva del rivoluzionario messicano entrato nella leggenda. Una monumentale opera storica e narrativa, scritta nello stile vibrante di Paco Ignacio Taibo II, che in anni di ricerche ha dipanato un groviglio di aneddoti, testimonianze, mistificazioni, coniugando documenti ufficiali e fonti meno note. Imprese memorabili e particolari stravaganti. Un affresco della rivoluzione più complessa – la prima del XX secolo – attraverso le avventure dell’uomo che si chiamava in realtà Doroteo Arango, ma che la storia ci ha consegnato come l’invincibile Pancho Villa, bandito per ribellione ai soprusi dei latifondisti, divenuto generale della Division Del Norte al servizio della lotta contro la dittatura. Un carismatico condottiero del popolo, un combattente sagace e imprevedibile, che utilizza le scarse risorse a disposizione per escogitare raffinate strategie di battaglia, e crea un esercito di peones cosi efficiente e disciplinato da suscitare l’ammirazione di osservatori internazionali. Un personaggio sfuggente e controverso, generoso quanto spietato, astemio in un ambiente di forti bevitori, furfante e donnaiolo ma integerrimo nell’osservanza dei propri principi morali, illetterato eppure capace di fondare cinquanta scuole in un solo mese quando diventa governatore dello stato di Chihuahua. "Lo storico non può evitare di rimanere affascinato da un simile personaggio": così Taibo ripercorre la storia e il mito, e ci racconta il suo Pancho Villa.

 
 

THE COWBOYS

Autore:
William H. Forbis
Editore:
Caxton Publishing
Collana: Old West
Anno: 2004
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con fotografie, disegni, mappe a colori e in b/n
Pagine:
240

The high time of the American cowboy lasted a bare generation, from the end of the Civil War until the mid-1880's, when bad weather, poor range management and disastrous cattle-market prices forced an end to the old freewheeling ways. In that brief span the number of cowboys who rode the cattle trails across the Great Plains totaled no more than 40,000. As surviving photographs suggest, most cowhands were surprisingly young (their average age was only 24), and despite their steely gaze and the guns they may have put on especially for the camera, they seemed to have a lot of the bumpkin in them.

Yet neither flash impressions nor bare statistics can take the true measure of the cowboys or dim the elemental stage presence and the riveting appeal they generated in their own time and forever afterward. They were men of a particular time and place, living by a code compounded of hardfisted frontier desperation and Victorian-era social values, performing body-punishing and hazardous jobs, and pitting themselves against a land of sweeping grandeur that offered prodigious drafts of misery. For each man these harsh realities of range life manifested themselves in different ways. Yet they also emphasize the enduring quality and the acceptance of his lot that characterized virtually every cowboy.

 
 

THE GUNFIGHTERS

Autore:
Paul Trachtman
Editore:
Caxton Publishing
Collana: Old West
Anno: 2004
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con fotografie, disegni, mappe a colori e in b/n
Pagine:
240

On a blustery day toward the end of October, 1881, the town of Tombstone, Arizona, witnessed the most notorious shoot-out in the history of the West. In a vacant lot at the rear of the O.K. Corral, City Marshall Virgil Earp and his brothers Wyatt and Morgan, joined by a gambler friend, Doc Holliday, exchanged gunfire with four local cowboys, the Clanton and McLaury brothers. "Three Men Hurled into Eternity in the Duration of a Moment," blared the headline over the first report of the affair in The Tombstone Epitaph. The duration, in fact, was slightly more than half a minute, although a deadly staccato of vengeful gunfire echoed for months afterward.
The clash was not unique. Possession of firearms was far more commonplace on the frontier than back East, and newspaper across the West carried accounts of gunfights of every variety) - saloon braels, outlaw raids, vigilante wars and even an occasional face-off in the style of European duels. But the shoot-out at the O.K. Corral was better documented than most, and its fame as a classic confrontation of gunfighters was well deserved, for it embodied some basic frontier animosities - lawman against outlaw, cardsharp aganist cowboy, citified carpetbagger against weather-beaten settler.
The 19th Century was in its final quarter yet law and order  had not kept pace with the waves of settlement in the West. Frontier society included a large number of floaters, as reckless as they were rootless, bent on enjoying a few years of deviltry before setting down. Their natural habitat was the frontier town with its wide, unpaved main street, where they could raise hell in the saloon, dance hall and brothel, where sex, drink and money flowed freely. When gunfighters clashed, one or another of these elements was almost always a contributing cause.
Whether they were lawmen, bandits or wanton killers, all of them shared a deadly purposefulness. Bat Masterson, a renowned peace officer among the breed, recalled that when it came to settling a dispute, any one of the numerous gunfighters he had known "would not have hesitated a moment to put up his life as the stake to be played for."

 
 

STORIA POPOLARE DEGLI STATI UNITI

Titolo originale:
We, the People
Autore:
Leo Huberman
Editore:
Einaudi
Anno: 1977
Collana: Gli Struzzi
Traduzione: Sandro Sarti
Formato: Brossura, 19,5 cm
Pagine:
361

 
 

GERONIMO
La leggenda del grande capo apache


Titolo originale:
Geronimo
Autore:
Robert M. Utley
Editore:
Mondadori
Anno: 2014
Collana: Oscar Storia
Traduzione: D. Ferrari
Formato: Brossura, 20 cm, con alcune cartine nel testo e una sezione di foto b/n fuori testo
Pagine:
450

Tra i leader indiani, Geronimo è senza dubbio il più famoso, il suo nome è profondamente radicato nell'immaginario collettivo: noto fin dall'Ottocento per la sua ferocia e audacia in battaglia, negli ultimi decenni è stato dipinto come un eroe che ha guidato l'estrema resistenza del popolo apache contro l'invasione delle sue terre. Quale è la verità storica? In realtà Geronimo rimane in buona parte un personaggio misterioso. Non era neppure un vero capo: il «popolo» da lui guidato era composto da poche decine di uomini, con i quali razziava i territori messicani in scorribande di una brutalità inedita. Come è stato possibile, allora, che si sia creata la leggenda di Geronimo? Per scavare dietro il mito, Robert M. Utley ha analizzato una grande moltitudine di fonti, in parte mai utilizzate, arrivando a presentare la realtà storica dalla doppia prospettiva, quella dei bianchi e quella dei nativi. Il risultato è una biografia sorprendente, che ricostruisce la vera vita di un uomo estremamente contraddittorio e sfuggente, con le sue forze e le sue debolezze, scaraventato dal destino nel cuore della Storia.

 
 

I CAVALIERI DEL WEST

Curatore:
Tullio Kezich
Editore:
Della Volpe
Anno: 1965
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, con foto b/n fuori testo
Pagine:
380

 
 

BUFFALO BILL
Il mito e la verità del più celebre eroe del West


Titolo originale:
Buffalo Bill
Autore:
R. Croft-Cooke e W.S. Meadmore
Editore:
Longanesi
Anno: 1976
Collana: I libri pocket
Traduzione: Elisa Morpurgo
Formato: Brossura, 18 cm
Pagine:
295

William Cody, meglio conosciuto col soprannome di Buffalo Bill, divenne un personaggio leggendario quand'era ancora in vita. Ai suoi tempi uscirono centinaia di libri e di opuscoli che lo descrivevano intento a scotennare una schiera quasi infinita di indiani, a salvare un numero spropositato di giovani donne dal palo della tortura. Più tardi vennero i film che ci fecero conoscere un Buffalo Bill non meno pittoresco; e infine una tra le più fortunate commedie musicali americane, anch'essa passata al mondo della celluloide, Annie get your gun (Anna, prendi il fucile), ne illustrò le gesta di direttore del più pittoresco circo equestre esistito al mondo. Ma la figura di Buffalo Bill della realtà, come viene provato anche dal film di Altman, non appare meno avvincente o meno sorprendente di quella creata dai romanzieri. Gli autori che ci consentono di conoscere il vero William Cody, rimasto sinora celato ai più, sono Croft-Cooke, un romanziere appassionato della vita del West, e Meadmore, un fedele cronista delle vicende dei grandi circhi equestri.

 
 

I NATIVI AMERICANI
Miti e leggende

Titolo originale:
A Brief Guide to Native American
Autore:
Lewis Spence
Curatore:
Jon E. Lewis
Editore:
Odoya
Collana: Odoya Library
Traduzione: Stefano Focacci
Anno: 2014
Formato: Brossura, 22 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
302

Un grande classico di Lewis Spence, arricchito dai contributi di Jon E. Lewis, che apre le porte del mondo dei nativi americani: dalla loro religione allo stile di vita, dagli usi e costumi alle tradizioni e leggende. Il racconto entra nei dettagli della vita degli indiani d’America, fornendo anche una mappa dell’insediamento delle diverse tribù con le loro specifiche credenze. Il mondo dei nativi americani è reso attraverso la narrazione del mito delle tribù dell’intero Nord America e illustrato in tutto il suo fascino grazie a contributi eccezionali come un glossario degli dèi, degli spiriti e degli esseri mitici della Nazione.
Quali sono le divinità alle quali gli Indiani intonano canti propiziatori? Qual è l’origine dei totem? Quali sono le leggende in cui credono? A queste e a tante altre domande Spence risponde con uno stile vivace che, unito all’esattezza delle ricerche storiche, ne fa un volume di riferimento imperdibile sia per gli appassionati del genere che per i neofiti.
La storia degli indiani d’America non comincia nel 1492 con l’arrivo di Cristoforo Colombo, né nel 1620 con lo sbarco del Mayflower: I nativi americani traccia infatti un percorso ideale nel tempo e nello spazio per farci conoscere un mondo antico fatto di tradizioni, costumi e usanze sociali che si sono sviluppate in relazione al territorio e al rapporto con la natura. Un percorso e una riflessione che si rivelano illuminanti per l’uomo contemporaneo. Lewis ci accompagna con passione e maestria alla scoperta di questo universo magico e meraviglioso.

 
 

SENTIERI DI POLVERE
La cavalleria americana e gli indiani 1865-1890

Autore:
Domenico Rizzi
Editore:
Fabrizio Filios
Anno: 2008
Formato: Brossura, 21 cm
Pagine:
226

 
 

 

TREMILA CAVALIERI INDIANI
La campagna militare del 1876-77 contro Sioux e Cheyenne e la disfatta del generale Custer al Little Big Horn

Autore:
Domenico Rizzi
Editore:
Nuovi autori
Anno: 1995
Formato: Brossura, 21 cm
Pagine:
180

 
 

MONAHSEETAH E IL GENERALE CUSTER

Autore:
Domenico Rizzi
Editore:
Actac
Anno: 2005
Formato: Brossura, 21 cm
Pagine:
141

 
 

 

IL GIORNO DI CUSTER
La battaglia del Little Big Horn

Autore:
Domenico Rizzi
Editore:
Actac
Anno: 1999
Formato: Brossura, 21 cm
Pagine:
127

 
 

STORY OF THE GREAT AMERICAN WEST

Curatore:
Reader's Digest
Editore:
Reader's Digest
Anno: 1978
Formato: Rilegato, 28 cm, completamente illustrato con fotografie, disegni, mappe a colori e in b/n
Pagine:
384

This spectacularly illustrated work brings the entire sweep and scope of the West to life- from the early expeditions over the Appalachians to the end of the open range. Nearly 1,000 paintings, drawings, photographs, diagrams, and maps. "No other single book helps you to understand so well what life was really like for the westering pioneers. With the aid of 23 vivid reconstructions, prepared under the supervision of expert consultants, you can imagine yourself in a variety of frontier situations." In one volume, the story of America's grestest adventure, the new country, the Indians, the people, the wars, the trails, and the great bonanzas of silver and gold. Hundreds of visual aids packed with informaiton. Detailed maps follow every step of the way. Cutaway paintings that let you see the insides of things. With a lively text and almost 1,000 illustrations with more than 200 in color. Helps you really understand what life was like for western pioneers.

 
 

HISTORY OF THE AMERICAN WEST

Autore:
Robin May
Editore:
Bookthrift Co.
Anno: 1984
Formato: Rilegato con sovracopertina, 33 cm, completamente illustrato con fotografie, disegni, mappe a colori e in b/n
Pagine:
256

 
 

THE OLD WEST

Curatore:
Time Life Books
Editore:
Time Life Education
Anno: 1990
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con fotografie, disegni, mappe a colori e in b/n
Pagine:
432

Breathtaking in scope and execution, Time-Life Books The Old West succeeds in providing an authentic grasp of what is was really like to be part of the frontier movement. It is a volume that will fascinate, inform, and entertain young and old alike.

 
 

THE STORY OF THE WEST
A history of the American West and its people

Curatore:
Robert Utley
Editore:
DK
Anno: 2003
Formato: Rilegato con sovracopertina, 32 cm, completamente illustrato con fotografie, disegni, mappe a colori e in b/n
Pagine:
320

This blend of social, cultural, political, and economic history tells the complete story of the American West -- from prehistoric mammoth hunters to present-day Silicon Valley entrepreneurs. Written in an clear, engaging style by prominent historians in conjunction with the Smithsonian Institution, The Story of the West brings to life the historical figures behind the myths with photos, objects, paintings, and drawings from the Smithsonian's collection. Contributors include: James P. Ronda, John Logan Allen, Glenda Riley, and W. Raymond Wood.

 
 

TRAIL BOSS'S COWBOY COOKBOOK

Editore:
Society for Range Management
Anno: 1988
Formato: Rilegato a spirale, 22 cm, illustrato con fotografie e disegni b/n
Pagine:
310

Trail Boss's Cowboy Cookbook includes 458 recipes from 24 states and 8 countries. Not just a meat-and-potatoes cookbook, this collection of authentic rangeland dishes and the historical notes behind them will surprise and satisfy everyone from seasoned gourmets to casual cooks. With recipes for foods in 31 categories, including hors d'oeuvres, sauces and condiments, casseroles, game, Mexican dishes, breads, cakes and pies, and, of course, meat and poultry, Trail Boss's Cowboy Cookbook brings the best of cowboy cooking to your own kitchen.

 
 

HAUNTED OLD WEST
Phantom cowboys, spirit-filled saloons, mystical mine camps, and spectral indians

Autore:
Matthew P. Mayo
Editore:
Globe Pequot Press
Collana: Haunted
Anno: 2012
Formato: Brossura, 23 cm
Pagine:
256

Howling hauntings from the raw mountain passes and wind-stripped plains of the Old West
The Old West is filled with enough phenomenal happenings, curious mysteries, and ghastly ghosts to send chills up and down any spine. Haunted Old West is the petrifyingly perfect collection for campfire gatherings and makes an eerily ideal guide for a ghost-hunting trip to the Old West. In these pages explore horror-filled mine shafts and outrun herds of stampeding spectral cattle. Stumble upon a supernatural saloon, investigate ghost towns teeming with residents of the afterlife, and feel phantom freight trains pass through your body. Haunted Old West provides the inside story on some of the most actively haunted spots in the great American West, including:
• Ghostly Garnet: In summer, visitors frequent this best-preserved ghost town in Montana, but it is winter when Garnet truly comes alive.
Raucous music can be heard within the Kelly Saloon, and the blacksmith’s ringing anvil punctuates the sounds of a busy 1880s street scene. Yes indeed, Garnet puts the “ghost” in ghost town.
• Bandit Ghoul of Six Mile Canyon: Respected businessman by day, bandit gang leader by night, Big Jack Davis amasses a fortune robbing trains, stagecoaches, and bullion wagons in 1860s Nevada. Shot in the back while robbing a stagecoach, Big Jack is now a shrieking white demon, flapping wings sprouted from his wounds and driving off anyone who gets too close to his buried loot.
 

 
 

THE SALOON ON THE ROCKY MOUNTAIN MINING FRONTIER

Autore:
Elliott West
Editore:
University of Nebraska Press
Anno: 1996
Formato: Brossura, 20 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
199

Elliott West’s careful analysis of the role and development of the saloon as an institution on the mining frontier provides unique insights into the social and economic history of the American West. Drawing on contemporaneous newspapers and many unpublished firsthand accounts, West shows that the physical evolution of the saloon, from crude tents and shanties into elegant establishments for drinking and gaming, reflected the growth and maturity of the surrounding community.

 
 

THE WEST
An illustrated history

Autori:
Geoffrey C. Ward e Dayton Duncan
Introduzione:
Stephen Ives e Ken Burns
Editore:
Little, Brown & Company
Anno: 1996
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con foto b/n e a colori
Pagine:
445

For the first time in paperback--the magnificent, copiously illustrated companion volume to the landmark PBS television series. Featuring more than 400 illustrations, many of them never before published--and many of them reproduced here in striking full color--this vivid narrative history takes us on a gripping journey through the turbulent history of the region that has come to symbolize America around the world. Drawing on hundreds of letters, diaries, memoirs, and journals as well as the latest scholarship, the book--like the television series--presents a cast as rich and diverse as the western landscape itself: explorers and soldiers and Indian warriors, settlers and railroad builders and gaudy showmen. THE WEST is an unrivaled work of history that brilliantly captures all the drama and excitement, the sober realities and bright myths, of the American West.

 
 

THE WILD WEST

Introduzione:
Dee Brown
Editore:
Time Life Books
Anno: 1993
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con foto b/n e a colori
Pagine:
368

 
 

THE SOUTHWEST
Gold, God, & Grandeur

Autore:
Paul Robert Walker
Editore:
National Geographic
Anno: 2001
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, illustrato con foto b/n e a colori
Pagine:
256

The Southwest is a land of stunning scenery and startling contrast, a dry and sunswept region of deep canyons, jagged mountains, and blistering deserts. It contains more national parks and monuments than any other area of the United States, a measure of its extraordinary beauty and extraordinary efforts to preserve it. But the story behind the scenery is as unique and compelling as the scenery itself. Three great cultures meet in this majestic landscape - Indian, Hispanic and Anglo - and their history is etched into the earth with a clarity that is possible only in a dry and relatively untouched land where a set of wagon tracks may last one hundred years and an adobe village may last a thousand. The Southwest is a chronological history told with a strong sense of the land from the voices of the people who lived on that land. Walker uses first-person eyewitness accounts to bring the experiences of the past into focus, writing not only as a historian examining archival sources but also as an author who has seed the sites that figure in those sources. He writes, "There is a magic in the land and the air and the mix of cultures, a magic that imbues the American Southwest with a special quality all its own. This book will capture that magic for our readers." A broad, ambitious historical survey, The Southwest includes chapters on the ancient Pueblo and Hopi cultures, the Spanish invaders and their missions, the story of the Santa Fe trail, the Mexican War and Manifest Destiny, the gold rush, the Indian wars, cowboys and gunslingers, and the New Southwest and the pressures the region faces from growth and scarcity of resources. Illustrated with contemporary photographs of awe-inspiring landscapes from Colorado and Texas to Arizona, New Mexico, and California taken by acclaimed photographer George H. H. Huey The Southwest is an irresistible visual treat that conveys the beauty and grandeur of the history and landscape it describes.

 
 

DAILY LIFE ON THE 19th-CENTURY AMERICAN FRONTIER

Autore:
Mary Ellen Jones
Editore:
Greenwood
Anno: 1998
Formato: Cartonato, 24 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
288

The nineteenth century American frontier comes alive for students and interested readers in this unique exploration of westward expansion. This study examines the daily lives of ordinary men and women who flooded into the Trans-Mississippi West in search of land, fortune, a fresh start, and a new identity. Their daily life was rarely easy. If they were to survive, they had to adapt to the land and modify every aspect of their lives, from housing to transportation, from education to defense, from food gathering and preparation to the establishment of rudimentary laws and social structures. They also had to adapt to the Native Americans already on the land--whether through acculturation, warfare, or coexistence.

Jones provides insight into the experiences that affected the daily lives of the diverse people who inhabited the American frontier: the Native Americans, trappers, explorers, ranchers, homesteaders, soldiers and townspeople. This fascinating book gives a sense of the extraordinary ordinariness of surviving, prospering, failing, and dying in a new land; and explores how these westering Americans inevitably displaced those already bound to the land by tradition, culture, and religion. A wealth of illustrations complement the text of this easy-to use reference.

 
 

NON SOLO COWBOY
Un viaggio nelle storie più intriganti del Selvaggio West

Titolo originale:
More than cowboys
Autore:
Tim Slessor
Editore:
Odoya
Collana: Odoya Library
Traduzione: S. Focacci
Anno: 2013
Formato: Brossura, 22 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
400

I libri sul West spesso tralasciano i dettagli più intriganti... Per esempio che i giovani Stati Uniti raddoppiarono le loro dimensioni acquistando dalla Francia la Louisiana, nel 1803, col denaro preso in prestito dai britannici, e che questi documenti sul maggiore accordo immobiliare della storia sono, a tutt'oggi, conservati in una cassaforte di Londra. Butch Cassidy rimase davvero ucciso in Bolivia? Sembra invece che sia tornato negli Stati Uniti, sotto falso nome, per finire i suoi giorni nel West povero in canna. Nel 1935 propose perfino una sceneggiatura autobiografica ai produttori hollywoodiani, che la rifiutarono perché poco credibile. Se il ricco zio, proprietario di un ranch, l'avesse spuntata, Winston Churchill, scolaro dallo scarso profitto, sarebbe stato spedito nel Wyoming per diventare un cowboy, cambiando la storia del Novecento... E ancora, i retroscena della temeraria spedizione di Lewis e Clark, la visita inaspettata di una "regale turista" nella minuscola cittadina di Sheridan... Storie inedite che aggiornano e rinfrescano idee e luoghi comuni sulle leggendarie terre di frontiera a ovest del Mississippi. West è infatti molto di più di un'immensa distesa di territorio: si tratta di un ideale, di uno stile di vita, di un atteggiamento, un particolare modo di fare e di parlare.
 

Commento. Nonostante il libro pretendi di raccontare fatti poco conosciuti della storia del West, in realtà tratta di eventi saputi e risaputi. E cioè: l'acquisto della Louisiana, il viaggio di Lewis e Clark, il massacro Fetterman, quello di Custer e quello di Wounded Knee, qualcosa sui cowboy, i boss del bestiame, i pionieri, la storia di Butch Cassidy, la guerra della contea di Johnson, i trapper e la pista per la California. Niente di nuovo sotto il sole, insomma.
Se le intenzioni dell'autore erano quelle di scrivere un libro di storia, i suoi ricordi inframmezzati ai capitoli non aggiungono assolutamente nulla, nè in termini di informazioni storiche nè come "empatia" per le sue emozioni (peraltro davvero espresse male) nell'aver visitato alcuni luoghi storici.

 
 

SALOONS OF THE OLD WEST

Autore:
Richard Erdoes
Editore:
Gramercy Books
Anno: 1997
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, con fotografie in b/n
Pagine:
288

 
 

OLD WEST. INDIANS

Autore:
Mort Kunstler
Editore:
Rutledge Hill Press
Anno: 1998
Formato: Rilegato con sovracopertina, 16 cm, completamente illustrato con disegni dell'autore a colori
Pagine:
192

With breathtaking attention to detail, acclaimed artist Mort Kunstler brings to life the Old West. Indians, the Native Americans who had cherished the land for generations, represent the spirit of tradition and love for an area that was to be shared with a new people.

 
 

ARIZONA PLACE NAMES

Autore:
Will C. Barnes
Editore: University of Arizona Press
Prefazione: Bernard L. Fontana
Anno: 1988 (ed. or. 1935)
Formato: Brossura leggera, 23 cm
Pagine:
503

Will Croft Barnes (1858-1937) first came to Arizona as a cavalryman and went on to become a rancher, state legislator, and conservationist. From 1905 to 1935, his travels throughout the state, largely on horseback, enabled him to gather the anecdotes and geographical information that came to constitute Arizona Place Names. For this first toponymic encyclopedia of Arizona, Barnes compiled information from published histories, federal and state government documents, and reminiscences of "old timers, Indians, Mexicans, cowboys, sheep-herders, historians, any and everybody who had a story to tell as to the origin and meaning of Arizona names." The result is a book chock full of oddments, humor, and now-forgotten lore, which belongs on the night table as well as in the glove compartment. Barnes' original Arizona Place Names has become a booklover's favorite and is much in demand. The University of Arizona Press is pleased to reissue this classic of Arizoniana, which remains as useful and timeless as it was more than half a century ago.

 
 

COLORADO PLACE NAMES

Autore:
William Bright
Editore: Johnson Books
Anno: 2004
Formato: Brossura leggera, 21 cm
Pagine:
208

Colorado Place Names lists nearly 2,000 Colorado communities, counties, peaks, rivers, streams, and other geographical features. Each alphabetical entry includes, as appropriate, a pronunciation guide, elevation, location, date of founding, history and origin of name.

 
 

WYOMING PLACE NAMES

Autore:
Mae Urbanek
Editore: Mountain Press
Anno: 1988
Formato: Brossura leggera, 23 cm
Pagine:
238

The romance of Wyoming is included in the names of its rivers and mountains and in the titles of its cities and counties. The author gathered information from books, newspapers, private letters, pamphlets, and interviews. Filled with local history and lore, Wyoming Place Names provides a fascinating look at not just the background of each name, but the state's history.

 
 

THE GUNFIGHTERS

Autore:
Bruce Wexler
Editore:
Skyhorse Publishing
Anno: 2011
Formato: Rilegato con sovracopertina, 25 cm, con fotografie in b/n e a colori
Pagine:
176

Of all the wild characters of the Western frontier, gunfighters were certainly the most feared and the most legendary. Was it their bizarre moral code, their depravity, their charisma and good looks, their temper, or their precise marksmanship that made them so memorable? The Gunfighters takes a closer look at the most famous Wild West gun slingers, such as Doc Holiday, Wyatt Earp, Jesse James, Billy the Kid, Butch Cassidy and the Sundance Kid, and Wild Bill Hickok. The book explores the truth and tall tales surrounding their lives, and the tools of the “shootist’s” trade—some of the most iconic weapons ever discharged in the West. 150 color and 50 black-and-white illustrations.

 
 

ENCYCLOPEDIA OF THE AMERICAN WEST

Curatore:
Robert Utley
Contributi: Robert M. Utley, Dale L. Walker, Jace Weaver, George R. Robinson
Editore: Wings Books
Anno: 1997
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28,5 cm, con fotografie in b/n
Pagine:
497

For many, the American West conjures up images of a wild, almost mytich place and time. During the nineteenth century, story after story was played out in the vasr spaces of North America, from the Mississippi River to the Pacific Ocean. It was a difficult and challenging time, in which Native Americans, explorers, settlers of all colors and creeds, miners, trappers, outlaws, and many others took part.
The Encyclopedia of the American West takes a new look at this fascinating era. Designed in a straightforward A-to-Z format, this one-volume reference book will provide readers with a striking portrait of the varied and diverse groups of people who made up the West. Entries on Native American tribes, such as the Sioux and the Apaches, provide insight into their history and traditions and record their perspective on the white settlers.
Unique to this volum is a special emphasis on the contributions of particular religious and ethnic groups in the history of the West: from Mormons, Jews, Jesuits, Franciscans, and Quakers to Italians, Swedes, Spaniards, Irish and many others.
The history of the West is inextricably tied to its geography. To obtain a rich and detailed portrait of the land, entries are provided on mountain ranges, rivers, national parks, and each western state.
The conflicts that wracked the West, that brought violence into the everyday lives of those caught in the crossfire, are also here rendered. Gangs, such as the Wild Bunch and the Daltons, brought reckless gun battles into the lives of common folk in small towns. And the bloody clash between the Union and the Confederacy during the Civil War also found its way west.
Although it has been over a century since historian Frederick Jackson Turner claimed that America's frontier was closed, the memories and the legacies of the era of western expansion live on. This encyclopedia records, and sometimes celebrates, that ever-present past. In addition to the hundreds of comprehensive entries, pratically all illustrated by period engravings and rare and archivial photographs, there are a special maps section and an extensive bibliography.

 
 

THE ENCYCLOPEDIA OF THE OLD WEST

Autore:
Denis McLoughlin
Editore: Routledge & Kegan Paul
Anno: 1977
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, con alcuni disegni in b/n
Pagine:
570

This action-packed compendium presents a fascinating record of the personalities and events that make up the factual, and sometimes legendary, history of the Old West. For all those who enjoy reading a good Western, or enjoy watching a Western on TV or at the cinema, as well as for whole-hearted Western fanatics, this encyclopedia will prove entertaining and absorbing reading.

Over 2,500 entries descrive the famous, and infamous people - Butch Cassidy, Wyatt Earp, Geronimo, 'Black Jack' Ketchum, Annie Oakley, Sitting Bull; the battles - The Alamo, The Little Big Horn; the piooner towns - Dodge City, Fort Worth; and institutions which characterize the Wild West - The Pony Express, Union Pacific, Wells Fargo.

Written factually and accurately, yet in a style which conveys all the lively and colourful atmosphere of the epic era which they describe, the sections are illustrated with line drawings by the classic Wild West artists, including Charles Russell, Frederic Remington and Edward Borein. Highly entertaining as a reference book, this is an invaluable record of the vanished American frontier.

 
 

DICTIONARY OF THE AMERICAN WEST
A panorama of Wild West fact and fiction

Autore:
Winfred Blevins
Editore: Wordsworth
Anno: 1993
Formato: Brossura leggera, 20 cm
Pagine:
266

The Wordsworth Dictionary of the American West is a treasury of the frontier west of the 100th Meridian, and contains 5,000 terms and expressions essential to an understanding of the real West which is more amazing, outlandish, romantic, extravagant and fascinating than the myth. Among the thousands of carefully researched definitions, the reader will find the meaning of 'buck nun' and to 'ride circle' as well as American Indian words such as 'sun dance', 'kachina' and 'medicine pipe'.
 

Commento. Amo questo libro! Un punto di riferimento indispensabile sia per chi scrive la storia del West, sia per chi la legge, sia per chi scrive narrativa, specialmente se si fa tutto questo in lingua inglese. Sono cinquemila (!) termini accuratamente spiegati, con elementi di etimologia e di pronuncia. Contiene un numero infinito di termini in spagnolo che coprono tutto il Sud Ovest e che spesso si sono diffusi in tutti gli Stati Uniti: sono i termini più affascinanti, forse perchè legati alla cultura europea e molto vicini all'italiano (carne, patio, agua, pozo, ecc.).
L'edizione che posseggo io è quella "di riferimento" ossia quella tascabile economica, stampata piccolissima e fitta fitta in 266 pagine, senza illustrazioni. Nel corso degli ultimi 14 anni l'autore ha riveduto e aggiornato l'opera in una o più edizioni illustrate.

 
 

FRONTIER JUSTICE

Autore:
Wayne Gard
Editore: University of Oklahoma Press
Anno: 1949
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, con alcune fotografie in b/n
Pagine:
324

Midnight raids, blazing six-shooters, and dangling ropes played frquent and vital roles in the taming of the West. And in this true account of justice, and, sometimes, vengeance, on the frontier, Wayne Gard ably relates how determined forntiersmen and heroic women achieved order before they had formal law. Theirs was an important contribution, not always recognized, in the settlement of this vast area of America.
Frontier Justice traces the transition from the bloody tomahawk of the painted savage to the polished gavel of the blackrobed judge. On the prairies and in mining camps, orthodox law enforcement often lagged behind the need to punish troublesome offenders. Citizens with long memories - and, perhaps, short tempers - worked as vigilantes, making their own laws and dealing with horse thieves and other outlaws on the spot by hanging them to the nearest cottonwood. And, human nature being what it is, justice sometimes miscarried or was employed for personal ends.
This book covers the period from 1836 to the close of the century, including the gold rush in California, the Wyoming cattle wars, the gallant fights of the Texas Rangers for law and order, the Regulators and Moderators in action, the wars between the cattlemen and the sheepherders (whom the former considered "pariahs of the plains"), and other hair-rising events in New Mexico, Colorado, Arizona, Montana, Nebraska, Oregon, and Idaho.
Colorful Roy Bean, most famous of the frontier oracles, who dispensed liquor with one hand and justice with the other, stalks through the pages, along with Sam Houston, Watt Moorman, Judge Almond, who would not tolerate long speeches by lawyers because they cut down on his fines, the feuding Grahams and Tewksburys and the Jacksons and Goodbreads with their violent outbreaks of killing.
Frontier Justice depicts a bloody and primitive law enforcement on the American Frontier; but, at the same time, it reflects a rapid rise from savagery to civilization in less than one hundred years.

 
 

THE WEST
An american experience

Curatore:
David R. Phillips
Commenti: David R. Phillips e Robert A. Weinstein
Introduzione: Robert G. Athearn
Editore: A&W Visual Library
Anno: 1973
Formato: Brossura, 30 cm, album di fotografie in b/n con didascalie
Pagine:
232
 

Commento. Una bellissima carrellata di foto del West in un formato enorme che permette di godere appieno delle magnifiche foto, alcune addirittura ripiegate.

 
 

LA SCOPERTA DEL FAR WEST

Titolo originale:
Discovery of the American West
Autore:
Charles Chilton
Illustrazioni: Michael McGuinness
Editore:
Mondadori
Collana: I Colibrì (n.31)
Anno: 1971
Traduzione: Ugo Paladini
Formato: Brossura leggera, 18 cm, completamente illustrato con disegni a colori
Pagine:
180

Per i primi colonizzatori, all'inizio del XIX secolo, il mitico West non era che il vasto territorio che veniva subito al di là degli Appalachi; la seconda barriera da superare, nella caparbia spinta sempre più verso occidente, fu la zona delle "grandi pianure", poi fu la volta delle Montagne Rocciose e della Sierra Nevada, prima di raggiungere la California e le coste del Pacifico. Nell'arco di un secolo - tanto durò la "marcia" attraverso il Nuovo Continente - i protagonisti di questa avventura furono i pionieri, gli indiani, i trappers, i costruttori di ferrovie, i cacciatori e i cowboys: uomini come Daniel Boone, Kit Carson, Buffalo Bill, Custer, Cavallo Pazzo, Geronimo, Toro Seduto e Billy Kid, che rivivono in queste pagine per opera di un autorevole specialista di quel periodo storico.
 

Commento. Un ottimo compendio tascabile di storia del West, illustratissimo con disegni a colori. Perfetto per chi vuole avvicinarsi all'epopea senza troppi sforzi.

 
 

FRONTIER VIOLENCE
Another look

Autore:
W. Eugene Hollon
Editore: Oxford University Press
Anno: 1976
Formato: Brossura, 20 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
279

 
 

IL RE DELLA FRONTIERA
La vita di Tom Horn scritta da lui stesso. Cowboy, scout dell'esercito USA, cacciatore di indiani, agente della Pinkerton, bounty killer

Titolo originale:
Life of Tom Horn, Government Scout & Interpreter, written by himself
Autore:
Tom Horn
Introduzione: Dean Krakel
Editore: Longanesi
Anno: 1975
Collana: Il West
Traduzione: Margherita e Edoardo Gasparetto
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con disegni
Pagine:
264

 
 

STAGECOACH
Rare Views of the Old West, 1849-1915

Autore:
Sandor Demlinger
Editore: Schiffer
Anno: 2004
Formato: Brossura, 22x27 cm, album di fotografie in b/n con didascalie
Pagine:
176

Over 280 rare and often unpublished vintage photographs explore life in the Old West, from the Gold Rush to the First World War. Here are the stagecoaches, the horse drawn wagons, the towns, and the people who lived on the frontier of America. These are the emigrants who bet their lives, and many times the lives of their entire family, on a trip taking hundreds of days in cramped wagons through very dangerous territories. What is remarkably evident in this book is that there were photographers to record these events on film. Here they are given credit for capturing on film a historic chapter in the nation's history. Their images speak for themselves and Demlinger shares them with the reader, so they may understand the work of these photographers who gambled that they had recorded images for our history.

 
 

THE PRAIRIE TRAVELER
The 1859 Handbook for Westbound Pioneers

Autore:
Randolph B. Marcy
Editore: Dover
Anno: 2006
Formato: Brossura, 21 cm, illustrato con disegni in b/n
Pagine:
256

Along with a good rifle and a sturdy horse, this guide was an essential companion for any westward-bound pioneer of the nineteenth century. Its author, Captain Randolph B. Marcy of the U.S. Army, spent most of his military career in the West. At the invitation of the War Department, he shared the benefits of his frontier experience in this remarkable book. To today's reader, Marcy's manual offers a fascinating view of the rigors and hazards of crossing the country. In 1859, it provided life-or-death advice on everything from finding water and building a fire to avoiding quicksand and treating snakebites. Marcy promised to assist his reader in escaping unforeseen disasters and maintaining relative comfort during the journey, adding that the intrepid pilgrim "will feel himself a master spirit in the wilderness he traverses, and not the victim of every new combination of circumstances which nature affords or fate allots, as if to try his skill and prowess." Marcy's counsel encompasses choosing the best routes to California, wagon maintenance and the selection and care of horses, food supplies, first aid procedures, and fording rivers. He also conveys information "concerning the habits of Indians," including Native American tracking and hunting techniques, smoke signals and sign language, and battle tactics. Twenty-one original illustrations complement the informative and entertaining text. Reprint of the Harper and Brothers, New York, edition.

 
 

LETTERE ALLA FIGLIA
1877-1902


Titolo originale:
Calamity Jane's letters to her daughter
Autore:
Calamity Jane
Curatore e introduzione: Katia Bagnoli
Traduzione: Gabriella Agrati e Katia Bagnoli
Traduzione testi in appendice: Sylvie Coyaud
Editore: Feltrinelli
Anno: 1981
Collana: Universale Economica (n.934)
Altre edizioni: Edizioni delle donne (1979)
Formato:
Brossura leggera, 17,5 cm, illustrato con disegni b/n nel testo e fotografie b/n fuori testo
Pagine: 116

"Sono sola nella mia baracca stanotte e sono stanca".
"Un altro giorno è passato... stanotte sono qui seduta accanto al fuoco del mio accampamento. Il mio cavallo Satan è legato qui intorno. Lo dovresti vedere, la luce del fuoco gioco intorno al suo collo levigato e ai muscoli delle spalle satinate, zampe bianche e bianco diamante tra gli occhi."
Il West dei saloons, dei feroci attacchi indiani, delle sfolgoranti case da gioco e della febbre dell'oro resta fuori dal cerchio di luce tracciato dal fuoco dell'accampamento. In questa atmosfera di provvisoria pace e riflessione, Calamity Jane - scout, pistolera, conducente di diligenze, giocatrice d'azzardo, prostituta, infermiera, cuoca, attrice di circo, vissuta tra il 1852 e il 1902 - dialoga con la figlia lontana, attraverso i fogli di un diario fatto di lettere mai spedite, che fa da contrappunto alle tappe della sua vita tumultuosa fino a formare, tessere dopo tessera, il mosaico di una vicenda umana ben più complessa e contraddittoria di quella riportata, col suo beneplacito, dalle dime novels, i romanzetti biografici in serie sugli "Eroi del West" scritti a uso dei lettori dell'Est.
Fuori dal mito e dalla leggenda, anche da quella costruita dal cinema (con attrici-vamp come Jean Arthur, Jane Russell, Yvonne De Carlo, Doris Day...), Calamity combatte ancora, attraverso queste pagine, la sua dura battaglia per l'esistenza in un mondo violento fatto dagli uomini a loro immagine. Wild Bill Hickok, Buffalo Bill, Belle Starr, il generale Custer, indiani e cowboys, avventurieri e fuorilegge, cercatori d'oro e soldati, prostitute e bigotte vengono restituiti dalla sua penna a una dimensione più umana e realistica, descritti con la essenziale e colorita precisione di una testimonianza accorata.
Oltre alle lettere-diario, questo volume contiene la Vita e avventure di Calamity Jane scritte da lei medesima, opinioni di storici sulla vera vita di Calamity e il cast dei film ispirati alla sua figura.
 

Commento. Questo libretto è un vero gioiellino. Le lettere che Calamity Jane scrisse alla figlia sono uno spaccato di un West molto duro ma al contempo mero sfondo per i sentimenti di una madre sola ed emarginata. Negli scritti (che non hanno mai avuto l'onore dell'autenticità assoluta) c'è tutto l'amore di una mamma verso l'unica figlia lontana.
Questa edizione Feltrinelli (la prima fu degli Editori Riuniti) è un simpaticissimo libretto di poco più di 100 paginette che raccoglie, oltre alle lettere, "la vita di Calamity Jane scritta da lei medesima", alcuni articoli sulla vera Calamity e un elenco di film che l'hanno rappresentata (in modo assolutamente irreale) sullo schermo.
Il testo ha alcune illustrazioni sparse e ben due sezioni di tavole di foto fuori testo.

 
 

THE WESTERN PEACE OFFICER
A legacy of law and order

Autore:
Frank Richard Prassel
Editore: University of Oklahoma Press
Anno: 1972
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
348

This is a well-written, documented, scholarly, and readable account of the bringing and maintaining of law and order to the land west of the Mississippi River. It is of interest to the historian, sociologist, and political scientist as well as the general reader. Police dockets, newspaper reports, and court records to were researched to ascertain a clear picture of who the peace officers were and what problems they had to solve. The book contains an outstanding bibliography, which ranges from archival materials to personal interviews, reflecting the depth of Prassel's research. Frank Richard Prassel, an attorney and former college professor, is the author of The Great American Outlaw: A Legacy of Fact and Fiction, also published by the University of Oklahoma Press.

 
 

THE GREAT RANGE WARS
Violence on the grasslands

Autore:
Harry Sinclair Drago
Editore: Bison Books
Anno: 1985
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
323

Harry Sinclair Drago writes with authority and a sense of drama about the bloodiest range conflicts in Texas, Arizona, New Mexico, Wyoming, and Montana late in the nineteenth century. He details the background and events surrounding the Lincoln County War of New Mexico (1878–81), a violent struggle for economic supremacy between cattle barons and merchants; the ironically named Pleasant Valley War of Arizona (1886–92), a conflict between cattlemen and sheepmen complicated by personal vendettas and old family rivalries; and the Johnson County War of Wyoming (1892), a folly that turned bloody when big cattlemen rode against suspected and known thieves with orders to shoot. These pages are filled with some showy characters: cowmen Charles Goodnight and Oliver Loving; the Grahams and Tewksburys, western counterparts of the Hatfields and McCoys; William Bonney, alias Billy the Kid, who cut a swath in the Lincoln County War; and Ella Watson, said to have been the notorious Cattle Kate Maxwell, after she was lynched for cattle rustling.

 
 

THE CATTLE TOWNS

Autore:
Robert R. Dykstra
Editore: Bison Books
Anno: 1983
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
412

 
 

THE FORGOTTEN FOUNDERS
Rethinking the History of the Old West


Autore:
Stewart L. Udall
Editore: Island Press
Anno: 2004
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
272

This collection of spirited essays is, says its distinguished author, his "final" book. But since serious works of thought like this rarely issue from the pens of former cabinet members, we should hope not. Udall, who served as Interior Secretary under presidents Kennedy and Johnson and before that as a congressman, is no typical politician, having written many serious books, among them the celebrated Quiet Crisis (1963). This one takes on what Udall considers the harmful myths about western U.S. history, myths that put the wrong people (fur traders and gold miners) and the wrong subjects ("Manifest Destiny" and armed violence) at the center of the history of the Old West. With a lively and sometimes personal take, he wants us to replace old folk tales with "reality"-with the known stories of a greater diversity of men and women, natives and newcomers, who gave the West its distinctive character. Udall is particularly compelling when writing of his own and his wife's great-grandparents, among whom was the Mormon who led the infamous Mountain Meadow Massacre of 1857. Unfortunately, this only tends to replace one set of "heroes" with another, "the forgotten founders" who take center stage here only as strong, religious, fearless, hard-working folk without shortcomings. The trappers, miners and politicians who did in fact play a role in the West are elbowed almost totally out of the picture. Nevertheless, Udall's version of the West's past fits well with recent scholarly views, and many who read this book because of its author's renown will gain solid knowledge and much pleasure. Maps, photos.

 
 

DRAW
The greatest gunfights of the American West


Autore:
James Reasoner
Editore: Berkley Trade
Anno: 2003
Formato: Brossura, 21 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
320

James Reasoner has been praised for his well-researched and lively, suspenseful novels. Now, he proves that truth can be even more exciting than fiction. Known for his ability to make history come vividly to life, Reasoner strips away the dime novel legends and Hollywood myths to show us how the gunfighters of the Old West really lived, killed-and were killed. Among the true stories he brings us:

- Doc Holliday's Last Gunfight - The Last Dalton Raid - The End of the Notorious John Wesley Hardin - Wild Bill's Tragic Mistake - The End of an Earp - Gunfight at Stone Corral - The Doolin Bunch vs. the U.S. Marshals - Rourke's Bad Luck Robbery - Shoot-out at the Tuttle Dance Hall - Wichita's New Year's Day Gunfight - Bat Masterson and the Battle of the Plaza - The Sam Bass Gang's Luck Runs Out - The Long Branch Saloon's Spectacular Fray - Ben Thompson and the Vaudeville Ambush - The Man Who Killed the Man Who Killed Jesse James

These are the shootouts and showdowns that gave the Wild West its name...recounted here with gritty accuracy, colorful detail, and all the drama of life-and death-on the frontier.

 
 

DUELS AND THE ROOTS OF VIOLENCE IN MISSOURI

Autore:
Dick Steward
Editore: University of Missouri
Anno: 2000
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
304

In early-nineteenth-century Missouri, the duel was a rite of passage for many young gentlemen seeking prestige and power. In time, however, other social groups, influenced by the ruling class, engaged in a variety of violent acts and symbolic challenges under the rubric of the code duello. InDuels and the Roots of Violence in Missouri,Dick Steward takes an in-depth look at the evolution of dueling, tracing the origins, course, consequences, and ultimate demise of one of the most deadly art forms in Missouri history. By focusing on the history of dueling in Missouri, Steward details an important part of our culture and the long-reaching impact this form of violence has had on our society. Drawing upon accounts of at least a hundred duels-from little-known encounters to those involving celebrated figures such as Senator Thomas Hart Benton, Charles Lucas, Thomas Biddle, Spencer Pettis, and John Smith T-Steward shows how the roots of violence have penetrated our modern culture. He traces the social and cultural changes in the nature of the duel from its earliest form as a defense of honor to its use as a means of revenge. By the latter part of the nineteenth century, the formal southern duel had for the most part given way to the improvised western duel, better known as the gunfight. Involving such gunslingers as Wild Bill Hickok and Jesse James, these violent acts captivated people not only in the state but also across the nation. Although the violence entailed different methods of killing, its allure remained as strong as ever. Steward re-creates the human drama and tragedy in many of these hostile encounters, revealing how different groups operating under the code duello justified family and clan feuds, vigilante justice, and revenge killings. This often-glamorized violence, Steward argues, was viewed as a symbol of honor and courage throughout the century and greatly influenced behavior and attitudes toward violence well into the twentieth century. While this work centers mainly on Missouri and the history of dueling in the state, its inferences extend well past the region itself. Well-written and thoroughly researched,Duels and the Roots of Violence in Missouriprovides valuable insight into the violent social climate of yesterday.

 
 

ARIZONA GUNFIGHTERS

Autori:
Lawrence J. Yadon, Dan Anderson
Curatore: Robert Barr Smith
Editore:
Pelican Publishing
Anno: 2010
Formato: Brossura, 21 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
360

Early Arizona was a magnet for tough, restless men who came to build a fortune or take what others had built. They were quick to anger and quick with a gun, and many found themselves face to face with eternity after an alcohol-fueled night of women and cards. Others were killed robbing stagecoaches or rustling cattle, while some fell victim to the range wars that marked Arizona as one of the most dangerous places in the country. The authors, relying on transcripts, newspaper accounts, contemporary diary entries, and memoirs, tell a vivid story of the history and legend in those untamed days when Arizona was as wild as any place in the Old West and a good deal bloodier. From the real stories behind Wyatt Earp's gunfight at the O.K. Corral and the Pleasant Valley War to the rise and fall of the Arizona Rangers, the authors separate the fact from the fiction surrounding the territory's lethal gunfighters. Laurence J. Yadon is general counsel of a power marketing administration with operations in a six-state area and serves as a federal adjunct settlement judge. Dan Anderson is an award-winning former newspaper journalist and photographer. He and Yadon coauthored 100 Oklahoma Outlaws, Gangsters, and Lawmen: 1839-1939; 200 Texas Outlaws and Lawmen: 1835-1935; and Ten Deadly Texans, all published by Pelican. Robert Barr Smith, the author of numerous books and magazine articles on the history of the West, edited and contributed four chapters to Arizona Gunfighters.

 
 

L'ALBUM DEL GENERALE CUSTER

Titolo originale:
The Custer Album
Autore:
Lawrence A. Frost
Editore:
Vallecchi
Anno: 1976
Traduzione: Piero Pieroni
Formato: Rilegato, 28 cm, completamente illustrato con foto in b/n
Pagine:
180

 
 

SCERIFFI E BANDITI

Autore:
Piero Pieroni
Editore:
Mursia
Anno: 1990
Collana: L'epopea del Nuovo Mondo
Formato: Rilegato, 20 cm, illustrato con 12 tavole di foto
Pagine:
136
 

Commento. Jesse James, Wild Bill Hickok, Black Bart, il Wild Bunch di Butch Cassidy, Wes Hardin, Sam Bass, i Dalton. Ordinaria amministrazione. Ristampa in tascabile del più grande (di formato) "Sceriffi e banditi del Vecchio West".

 
 

THE LOOK OF THE OLD WEST
A fully illustrated guide


Autore:
William Foster-Harris
Illustratore: Evelyn Curro
Editore:
Skyhorse Publishing
Anno: 2010
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con disegni b/n
Pagine:
320

Illustrated with images of sabers, steamboats, handguns, hats, saddles, and more, this is a valuable resource for historians, re-enactors, costumers, and others. With encyclopedic knowledge and an extensive collection of Old West memorabilia handed down to him from Civil War veterans, cowboys, frontiersmen, and Native Americans, William Foster-Harris truly understood what the days of cowboys and trail drivers looked and felt like. His book offers the fashions and feel of the Old West from the end of the Civil War through the 1890s by detailing the styles of the period; military dress for the Union and Confederate armies; weaponry of the time; and more. Illustrated with clear, precise drawings to assist the descriptions, few books present a better idea of how the West really looked.

 
 

THE WEST OF WILD BILL HICKOK

Autore:
Joseph G. Rosa
Editore:
University of Oklahoma Press
Anno: 1994
Formato: Brossura, 25 cm, illustrato con foto e mappe b/n
Pagine:
223
 

Commento. E' l'"album" di Wild Bill Hickok. In questo elegante volume Rosa raccoglie tutte le foto conosciute del principe dei pistoleri, dei posti dove visse, delle armi, dei parenti, degli amici e di quelli che lo conobbero, e altre foto che sono in qualche modo collegate alla sua vita. Ampiamente discusse e introdotte, le foto sono più di un centinaio e offrono un affascinante affresco del famoso pistolero del West.

 
 

FROM GUNS TO GAVELS
How justice grow up in the outlaw West


Autore:
Bill Neal
Editore:
Texas Tech University Press
Anno: 2008
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, illustrato con foto e mappe b/n
Pagine:
384

When a thirteen-year-old boy strikes out on his own in 1885, leaving his Civil War-ravaged Mississippi homeland for the wild Red River borderland between North Texas and Indian Territory, the American West is a land beyond the reach of the law. Crime thrives in the absence of law officers, courtrooms, judges, and jails. Vigilante justice, the posse, and the hangman's noose fill the void. But by the time the young man--now a veteran outlaw--dies by the gun in 1929 after a tempestuous career, the Old West has been largely tamed, its official legal systems firmly in place.
In this companion volume to Getting Away with Murder on the Texas Frontier, veteran defense attorney and prosecutor Bill Neal takes readers from Mississippi to the frontiers of West Texas, Indian Territory, New Mexico Territory, and finally the frozen Montana wilderness through a series of linked, true-life tales of crimes and trials. Tracing the struggles of incipient criminal justice in the Southwest through an engaging progression of outlaws and lawmen, plus a host of colorful frontier trial lawyers and judges, Neal reveals how law and society matured together.
Virtually an anecdotal textbook, From Guns to Gavels follows a bloody trail from the Wild West through the decade after World War I, when the gavel-wielding, black-robed Judge Blackstone at last gained ascendancy over ''Judge Winchester''and ''Judge Lynch.''

 
 

ENCYCLOPEDIA OF WESTERN LAWMEN & OUTLAWS

Autore:
Jay Robert Nash
Editore:
Da Capo Press
Anno: 1994
Formato: Brossura, 28 cm, illustrato con foto b/n nel testo e con una sezione fotografica in appendice
Pagine:
584

With over 1000 entries and 400 illustrations, this volume is the most fact-packed history of the West ever assembled. Crime historian extraordinaire Jay Robert Nash has left no stone unturned in his search for the gunmen, train robbers, gangs, desperadoes, range warriors, gamblers, and lawmen that roamed the frontier. Contrary to popular myth, the Wild West was not a glamorous land where chivalry and courage were the custom and a man died with his boots on. It was a land of incredible hardships—brutal weather, hunger and disease, and the constant threat of violent death. Everyone carried a six-shooter, neutrality was impossible, and violence unavoidable; lawmen and outlaws lived side by side, and often there was no telling one from the other. Into this land came pioneers lured by promises of great fortunes, ex-Confederate soldiers embittered by the outcome of the war, greedy cattle barons, and merchant princes. It was truly an explosive mixture.Included in this volume are all the great Western legends—Billy the Kid, Jesse and Frank James, Butch Cassidy, the Sundance Kid, Wyatt Earp, Doc Holliday, Judge Roy Bean, ”Wild Bill” Hickock—and a host of lesser-known figures who, though they may have missed notoriety, were equally lethal. And while the West was very much a man’s world, several women managed to shoot, steal, or gamble their way to fame—including Belle Starr, Pearl Hart, and Calamity Jane.A compelling read, Encyclopedia of Western Lawmen & Outlaws will be the standard reference for years to come. In addition to alphabetical listings, it offers a glossary of lawmen and a glossary of outlaws, a magnificent photo and illustration appendix, and an extensive bibliography of books on the American West.

 
 

ENCYCLOPEDIA OF WESTERN GUNFIGHTERS

Autore:
Bill O'Neal
Editore:
University of Oklahoma Press
Anno: 1991
Formato: Brossura, 24 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
400

Much information (some of it factual, a lot of it fictional) is available about the famous gunfighters of the Old West—the Jameses, Billy the Kid, Wild Bill Hickok, Wyatt Earp, John Wesley Hardin, and that latter-day folk idol, Butch Cassidy. Dozens of less-well-known but sometimes even more murderous gunslingers—such men as Cullen Baker, Harvey Logan, Longhaired Jim Courtright, and Mysterious Dave Mather—have received only scant mention in scattered accounts.

This encyclopedia—a who’s who of the gunfighting West-provides a compilation of facts, sifted myths, folklore, and outright lies, about the lives and deaths of 255 men, both the famous and the all but forgotten. Also included are detailed accounts of the almost six hundred gunfights the men took part in, mostly between the end of the Civil War and the turn of the century.

Each entry follows a concise and useful format: an alphabetical listing of the gunman; nicknames or aliases; dates and places of birth and death, is known; the occupations the man pursued; a brief biography; and, in chronological order, accounts of the verified gunfights in which he participated.

 In the Introduction, from the information he amassed in this volume, Bill O’Neal provides a fascinating summary of the data and offers new insights into the nature of the western gunmen and of the feuds and fights that bloodied the West. For example, he relates how a large number of the gunfighters used guns as tools of their trades, legitimate and otherwise—lawmen and detectives, buffalo hunters, army scouts, thieves, hired killers, and the like. Of the gunfighters included here 108 served as law officers at some time in their careers. The average lifespan, including those who died of natural causes, was forty-seven years, and more than 50 percent of the gunmen died from gunshot wounds.

Encyclopedia of Western Gunfighters offers a unique compilation of information about these men—a comprehensive and reliable source.

 
 

GUNFIGHTERS HIGHWAYMEN & VIGILANTES
Violence on the Frontier


Autore:
Roger McGrath
Editore:
University of California Press
Anno: 2003
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
288

 
 

WILD BILL HICKOK GUNFIGHTER
An account of Hickok's gunfights


Autore:
Joseph G. Rosa
Editore:
University of Oklahoma Press
Anno: 2003
Formato: Brossura, 25 cm, completamente illustrato con foto b/n
Pagine:
216

Wild Bill Hickok (1837-1876) was a Civil War spy and scout, Indian fighter, gambler, and peace officer. He was also one of the greatest gunfighters in the West. His peers referred to his reflexes as "phenomenal" and to his skill with a pistol as "miraculous." In Wild Bill Hickok, Gunfighter, Joseph G. Rosa, the world's foremost authority on Hickok, provides an informative examination of Hickok's many gunfights. Rosa describes the types of guns used by Hickok and illustrates his use of the plains' style of "quick draw, " as well as examining other elements of the Hickok legend. He even reconsiders the infamous "dead man's hand" allegedly held by Hickok when he was shot to death at age thirty-nine while playing poker. Numerous photographs and drawings accompany Rosa's down-to-earth text.
 

Commento. Se siete sempre stati curiosi di conoscere tutti i retroscena delle sparatorie che coinvolsero Wild Bill durante la sua vita, questo è l'unico libro che dovrete comprare. Ci sono le schede di ogni scontro a fuoco di Wild Bill, corredate da fotografie e addirittura da schemi che illustrano i movimenti dei partecipanti e le mappe del luogo dove si svolsero. Ci sono anche capitoli sulla morte e sulle armi da lui usate, sia pistole che fucili.
E' un bellissimo album, come il suo degno compare "The West of Wild Bill Hickok" (commentato qualche scheda più su).

 
 

THE GUNFIGHTER
Man or myth?


Autore:
Joseph G. Rosa
Editore:
University of Oklahoma Press
Anno: 1980
Formato: Brossura, 20 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
229

THE GUNFIGHTER MAN OR MYTH is a surprisingly complete look at the wild west. He goes beyond a study of gunfighters to the various bodies of lawmakers, the vices, guns and much more.
On the subject of lawmen he covered the history and some adventures of the Texas Rangers, the Pinkertons, and the U.S. Marshals.
The cowboys, cattle drives and the Texas Longhorn cattle were examined.
Mr. Rosa had short essays on some of the prominent gunfighters from both sides of the law. Among those were the Earps, Wild Bill Hickok, John Wesley Hardin, Ben Thompson, and "Mysterious Dave" Mather.
Another fascinating subject was the handguns that were so instrumental in the life and death of a gunfighter. He explored the manufacturers and the models they sold. What was even more interesting was the individual modifications some of the shootists used for safety or to enhance the use of their gun. He also addresses the reasoning for some of carrying more than one pistol.
Among the myths that the author dispelled was the quick draw. It wasn't a normal part of a gunfight. Situational preparation and "deliberation" were under-rated factors. On page 180 Mr. Rose wrote; "Legend has made all the shootists appear much better shots than they were. But there can be no doubt that some of them were great pistol men."
This book not only accomplishes the goal of separating the gunman from the myth, it educates the reader on other relevant topics in the life of the gunfighter. Also helpful are the footnotes to sources and the Index.
 

Commento. Per gli appassionati della figura del pistolero, per quelli che ne rimangono affascinati e vogliono saperne di più, questo è il libro perfetto. Joseph Rosa, in Italia conosciuto (dagli addetti ai lavori come noi) per la perla assoluta “I pistoleri. Armi e uomini sulla Frontiera, 1840-1900”, in questo agile libro tratteggia un’anatomia del pistolero con uno stile rapido, senza fronzoli e ben leggibile. Prende il modello base dell’uomo con la pistola, lo descrive, e poi ci scava dentro tirandone fuori ogni dettaglio che lo rende quel che è, e così troveremo prima di tutto una spiegazione culturale e storica del pistolero, poi Rosa si addentra ancor più nel dettaglio e ce lo fa vedere in azione, raccontando le sparatorie e gli sparatori delle città del bestiame, che videro il fiorire della violenza e furono praticamente la casa (e, a volte, la tomba) dei pistoleri più famosi del West (e anche di un’altra miriade meno famosa ma ugualmente letale).
Sapremo chi sparò a chi, quando, dove (particolare logistico) e dove (particolare anatomico), perché e perché no, e, quando ci sono, presenta anche le versioni di chi partecipò o vide le sparatorie. Ogni capitolo è una parte della realtà e della leggenda di questo mito del West, si parla di uomini di legge e delle loro cariche, della filosofia di pacificazione delle cowtowns, della brutalità dell’uso di un’arma, delle ferite (morali e fisiche) lasciate; si possono trovare la storia delle pistole, quella dei vari tipi di munizioni adatte (caps-and-balls, a percussione, ecc.), quella dei modi di portarle, quella delle fondine e dei cinturoni, quella dei tipi di estrazione e quella delle mogli dei pistoleri. Insomma, qualsiasi cosa sia collegata al pistolero, in questo libro la trovate sicuramente, da quella più chiara e conosciuta (l’uso della pistola, per esempio, o come il cinema e i libri hanno distorto la realtà) a quella meno palese e più nascosta (la vita personale, per esempio, o cosa i pistoleri pensavano del loro destino). In mezzo a tutto ciò è inevitabile trovarci, a leggere tra le righe, una larga visuale sulla violenza nel West e una tesi – ormai del tutto accettata dagli storici – su come il West era realmente. Il volume è corredato da qualche tavola di fotografie fuori testo e da un’accuratissima bibliografia e il mio consiglio è di leggero insieme a “I pistoleri”, sia per avere un più accurato e numeroso supporto iconografico, sia perché alcuni passi del libro sono presenti, ovviamente tradotti, nel librone della Idealibri.

 
 

GOLD DUST & GUNSMOKE
Tales of Gold rush, outlaws, gunfighters, lawmen, and vigilantes


Autore:
John Boessenecker
Editore:
Wiley
Anno: 2000
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
384

A lively collection of true tales of villainy and violence during the California Gold Rush

"Boessenecker has done as much as anyone to change and illuminate California's Wild West image . . . if you would like a good read about how gold fever ignited a rush not only of families, but prostitutes, feuds, lynchings, duels, bare-knuckle prizefights, and vigilantes, then is this the place to start." -Wild West

"A lively, thoughtful, well-researched book, and those interested in the rough, early years of the Mother Lode will not be disappointed." -Ledger-Dispatch (Jackson, Ca)

"[Boessenecker] has done an amazing job of researching newspapers, legal documents, diaries, and other sources, as well as making skillful use of the recent research. . . . Excellent narrative . . . . Very well done, Gold Dust & Gunsmoke is a 'must.'" -True West

"Boessenecker's meticulous research and vivid prose make this excellent book a fascinating collection of true stories." -Tulsa World

Packed with never-before-told tales of the American frontier, Gold Dust & Gunsmoke sends us galloping through the tumultuous California territory of the mid-nineteenth century, where disputes were settled with six-shooters and the lines of justice were in perpetual flux. Armed with meticulous research, John Boessenecker displays a remarkable knack for finding the perfect details to capture all the color, excitement, and hullabaloo of the Gold Rush. Published in tandem with the 150th anniversary of California's statehood, these authentic stories of gunfighters, lawmen, vigilantes, and barroom brawlers are an important contribution to the rich lore of the American West.

 
 

LONE STAR JUSTICE
The first century of the Texas Rangers


Autore:
Robert M. Utley
Editore:
Berkley Books
Anno: 2003
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto b/n e mappe
Pagine:
384

 
 

THE NOT SO WILD WILD WEST
Property rights on the Frontier


Autori:
Terry L. Anderson, Peter J. Hill
Editore:
Stanford University Press
Anno: 2004
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con foto b/n
Pagine:
280

Mention of the American West usually evokes images of rough and tumble cowboys, ranchers, and outlaws. In contrast, The Not So Wild, Wild West casts America’s frontier history in a new framework that emphasizes the creation of institutions, both formal and informal, that facilitated cooperation rather than conflict. Rather than describing the frontier as a place where heroes met villains, this book argues that everyday people helped carve out legal institutions that tamed the West.

The authors emphasize that ownership of resources evolves as those resources become more valuable or as establishing property rights becomes less costly. Rules evolving at the local level will be more effective because local people have a greater stake in the outcome. This theory is brought to life in the colorful history of Indians, fur trappers, buffalo hunters, cattle drovers, homesteaders, and miners. The book concludes with a chapter that takes lessons from the American frontier and applies them to our modern “frontiers”—the environment, developing countries, and space exploration.

 
 

LYNCHING IN THE WEST
1850-1935


Autore:
Ken Gonzales-Day
Editore:
Duke University Press Books
Anno: 2006
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
332

Accounts of lynching in the United States have primarily focused on violence against African Americans in the South. Ken Gonzales-Day reveals racially motivated lynching as a more widespread practice. His research uncovered 350 instances of lynching that occurred in the state of California between 1850 and 1935. The majority were perpetrated against Latinos, Native Americans, and Asian Americans; more Latinos were lynched in California than were persons of any other race or ethnicity.An artist and writer, Gonzales-Day began this study by photographing lynching sites in order to document the absences and empty spaces that are emblematic of the forgotten history of lynching in the West. Drawing on newspaper articles, periodicals, court records, historical photographs, and souvenir postcards, he attempted to reconstruct the circumstances surrounding the lynchings that had occurred in the spaces he was photographing. The result is an unprecedented textual and visual record of a largely unacknowledged manifestation of racial violence in the United States. Including sixteen color illustrations,Lynching in the Westjuxtaposes Gonzales-Dayrs"s evocative contemporary photographs of lynching sites with dozens of historical images.Gonzales-Day examines Californiars"s history of lynching in relation to the spectrum of extra-legal vigilantism common during the nineteenth century-from vigilante committees to lynch mobs-and in relation to race-based theories of criminality. He explores the role of visual culture as well, reflecting on lynching as spectacle and the development of lynching photography. Seeking to explain why the history of lynching in the West has been obscured until now, Gonzales-Day points to popular misconceptions of frontier justice as race-neutral and to the role of the anti-lynching movement in shaping the historical record of lynching in the United States.

 
 

THE WILD FRONTIER
Atrocities during the American-Indian War from Jamestown Colony to Wounded Knee


Autore:
William Osborn
Editore:
Random House
Anno: 2001
Formato: Brossura, 23 cm
Pagine:
384

The real story of the ordeal experienced by both settlers and Indians during the Europeans' great migration west across America, from the colonies to California, has been almost completely eliminated from the histories we now read. In truth, it was a horrifying and appalling experience. Nothing like it had ever happened anywhere else in the world. In The Wild Frontier, William M. Osborn discusses the changing settler attitude toward the Indians over several centuries, as well as Indian and settler characteristics—the Indian love of warfare, for instance (more than 400 inter-tribal wars were fought even after the threatening settlers arrived), and the settlers' irresistible desire for the land occupied by the Indians. The atrocities described in The Wild Frontier led to the death of more than 9,000 settlers and 7,000 Indians. Most of these events were not only horrible but bizarre. Notoriously, the British use of Indians to terrorize the settlers during the American Revolution left bitter feelings, which in turn contributed to atrocious conduct on the part of the settlers. Osborn also discusses other controversial subjects, such as the treaties with the Indians, matters relating to the occupation of land, the major part disease played in the war, and the statements by both settlers and Indians each arguing for the extermination of the other. He details the disgraceful American government policy toward the Indians, which continues even today, and speculates about the uncertain future of the Indians themselves. Thousands of eyewitness accounts are the raw material of The Wild Frontier, in which we learn that many Indians tortured and killed prisoners, and some even engaged in cannibalism; and that though numerous settlers came to the New World for religious reasons, or to escape English oppression, many others were convicted of crimes and came to avoid being hanged. The Wild Frontier tells a story that helps us understand our history, and how as the settlers moved west, they often brutally expelled the Indians by force while themselves suffering torture and kidnapping.

 
 

BEATEN DOWN
A History of interpersonal violence in the West


Autore:
David Paterson Del Mar
Editore:
University of Washington Press
Anno: 2000
Formato: Brossura, 22 cm
Pagine:
312

The word 'violence' conjures up images of terrorism, bombings, and lynchings. "Beaten Down" is concerned with more prosaic acts of physical force - a husband slapping his wife, a parent taking a birch branch to a child, a pair of drunken friends squaring off to establish who is the 'better man'. David Peterson del Mar accounts for the social relations of power that lie behind this intimate form of violence, this 'white noise' that has always been with us, humming quietly between more explosive acts of violence. Broad in its chronological and cultural sweep, "Beaten Down" examines interpersonal violence in Washington, Oregon, and British Columbia beginning with Native American cultures before colonization and continuing into the mid-twentieth century. It contrasts the disparate ways of practicing and punishing interpersonal violence on each side of the U.S.-Canadian border. Del Mar concludes that we cannot comprehend the causes and moral consequences of a violent act without considering larger social relations of power, whether between colonizers and original inhabitants, between spouses, between parents and children, or between and among different ethnic groups. The author has drawn on a vast array of vivid sources, including newspaper accounts, autobiographies, novels, oral histories, historical and ethnographic publications, and hundreds of detailed court cases to account for not only the relative frequency of different forms of violence, but also the shifting definitions and perceptions of what constitutes violence. This is a thoughtful and probing account of how and why people have hit each other and the manner in which opinion makers and ordinary citizens have censured, defended, or celebrated such acts. His conclusions have important implications for an understanding of violence and perceptions of violence in contemporary society. David Peterson del Mar is adjunct assistant professor of history at Portland State University and Oregon State University. He is the author of "What Trouble I Have Seen: A History of Violence against Wives".

 
 

STORIE DEL WEST 2

Autore:
Autori Vari
Curatore:
Staff di www.farwest.it
Editore:
volume non edito
Anno: 2010
Collana: Storie del West (n. 2)
Formato: Brossura, 22 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine:
320
Scaricabile in pdf gratuitamente dal sito www.farwest.it

 
 

UNA LADY NEL WEST
Tra pionieri, serpenti e banditi sulle Montagne Rocciose


Titolo originale:
A Lady's Life in the Rocky Mountains
Autore:
Isabella Bird
Traduzione: Giovanna Giargia
Editore: EDT
Anno: 1998
Collana: Viaggi e Avventura
Formato: Brossura leggera con sovracopertina, 23 cm - memorie/lettere
Pagine: 200

Pubblicate dapprima a puntate su un noto settimanale dell'epoca, apparse in edizione completa nel 1879, queste Letters from the Rocky Mountains (così il primo titolo) iscrissero immediatamente l'autrice nella fiorente schiera dei grandi scrittori vittoriani di viaggi. Di ritorno da un soggiorno alle Hawaii, dettato da motivi di salute, Isabella Bird decide, nel 1873, di fermarsi in America per visitare il Colorado e, in particolare, le Montagne Rocciose. Nell'ancora selvaggio West, la gentildonna inglese, di ottima educazione e solidi principi, scopre il "nuovo mondo", tanto diverso dal suo, e vi si adatta mirabilmente: condivide la vita dura dei pionieri, cavalca per centinaia di chilometri, sola, nella neve, insegue mandrie come un vachero, scala il "Cervino americano", trova il suo rifugio tra le grandiose montagne in una piccola "conca blu", Estes Park, allora quasi inaccessibile. E, soprattutto, incontra Mountain Jim, il leggendario cacciatore di indiani delle Pianure, l'affascinante e temibile desperado, il cavalleresco bandito amante del whisky e della poesia coprotagonista delle sue avventure e simbolo di quella mitica "conquista dell'Ovest", di quell'epopea ormai al tramonto, di cui la Bird restituisce - in un raro esempio di memorialistica western, genere da noi poco tradotto - un affresco del tutto originale, in un'inedita prospettiva femminile.
 

Commento. Le memorie dal West di Isabella Bird, avventuriera inglese che girò il mondo nella seconda metà dell'Ottocento. Queste memorie sottoforma di lettere alla sorella risalgono al 1873 e furono prima pubblicate a puntate su un settimanale e poi raccolte in volume nel 1879 curato dalla stessa Bird.
Il libro non raggiunge le cinque stelle piene per via delle tante, davvero troppe, descrizioni di paesaggi che è bello leggere una, due, tre, quattro magari cinque volte... ma dalla sesta in poi annoiano da morire, anche perchè sono tutte uguali.
Il resto è interessantissimo perchè la Bird racconta la vita quotidiana del West come si svolgeva tra le montagne del Colorado, descrive le città minerarie, i campi di minatori e taglialegna, i personaggi che popolavano questo micromondo completamente avulso dalla civiltà: come vivevano, cosa mangiavano, dove dormivano, come si divertivano, e molto altro.
E' un libro dal tocco femminile, unico in Italia, che offre una prospettiva diversa (ma per certi versi uguale) del West prettamente maschile.

 
 

STORIA DEI PISTOLERI

Autore:
Luca Barbieri
Editore:
Odoya
Anno: 2010
Collana: Odoya Library (n. 31)
Formato: Brossura, 21 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
254

Una cavalcata insieme ad alcuni tra i peggiori farabutti che hanno insanguinato il Far West, un affresco con molti dei personaggi entrati nel nostro immaginario collettivo come moderni “cavalieri erranti” ma che di fatto furono spesso squallidi assassini: una feroce storia degli uomini e delle armi che resero celebre la Frontiera americana.

Storia dei pistoleri
narra le vicende, le biografie, i fatti di sangue e la loro influenza nella storia americana, attraverso precise ricostruzioni storiche e descrizioni dettagliate.
 
Immaginando i pistoleri come una bizzarra fratellanza unita da un comune culto per la colt, il racconto delle loro gesta inizia con la storia di colui che è ritenuto il “principe” dei gunfighters, Wild Bill Hickok, per passare poi a Calamity Jane, Seth Bullock, Jack Crawford, Pat Garrett, Annie Oakley, Buffalo Bill... e molti altri.

Storia dei pistoleri è anche il racconto del duello e delle armi che hanno fatto la storia della Frontiera, dove non manca una ricca sezione degli aneddoti più curiosi tra cui la ricostruzione della sparatoria più celebre della storia del West, quella dell’OK Corral.
 

Commento. Fantastica cavalcata che ci porta nei luoghi dei fuorilegge e dei lawmen del West, per conoscere quelli che sulla pistola basavano la loro sopravvivenza. Conosceremo così Wild Bill Hickok, Billy the Kid, Pat Garrett, Bat Masterson, Wyatt Earp. Ma non solo: impareremo anche a usare le armi conoscendo la loro storia, i modelli, le caratteristiche. Tutto il libro è inoltre pieno di citazioni e rimandi a film e fumetti, sia per confutare quello che il cinema western ha tramandato sia per semplificare e illustrare meglio le posizioni dell'autore.
Bellissima la veste grafica della Odoya e bellissime le fotografie a corredo del libro. Onore dunque alla casa editrice che ha avuto il coraggio di proporre sul mercato un'opera che mancava da ben 16 anni e onore anche al grande Luca Barbieri, che continua il suo percorso lungo le piste del West!

 
 

HOME ON THE RANGE
A culinary history of the American West


Autore:
Cathy Luchetti
Editore:
Villard
Anno: 1993
Formato:
Brossura, 23 cm, illustrato con numerose fotografie in b/n
Pagine:
238

Not a cookbook, but a collection of stories that will leave readers wondering why everyone in the Old West didn't die from starvation or malnutrition. Dependent upon the weather, which determined available crops and food sources such as deer, wild fowl, and fish, many settlers subsisted on meager rations. All types of people and representative foods are included, from the mountain men to the boarding-house cook, from the chuck wagons on the cattle drives to the settlers and the military. Many original recipes are given, such as "A Recite for Peach Cordial," which calls for two gallons of "good old whiskey," and for cake made from flour and water shortened with coon oil and fried in coon fat, complete with actual spellings and abundant capitalizations. Diary and journal accounts of many cooks, including those at a gold mine, logging camp, farm, and church, are provided, detailing the day-to-day obstacles they encountered preparing meals far removed from regular provisions. Black-and-white photographs poignantly and emphatically illustrate the harshness of their lives and the primitiveness of their facilities. A palatable means of studying the settlement of the West.

This colorful account of cooking on the frontier from 1700 to 1915 describes the foods, preparation techniques, and recipes of pioneers by providing excerpts from their diaries, journals, and letters. Every kind of pioneer seems included: seafarers, trappers, military personnel, cowboys, homesteaders, clerics, various ethnic groups, etc. By profiling selected individuals in each category and weaving together their stories, recipes, and photographs (unseen), the author illustrates how the pioneering process democratized cooking and contributed to the culinary pluralism of the Old West. Documented throughout with primary sources, this well-researched history is amusing as well as educational and should be purchased by both academic and public libraries.

 
 

COCHISE
Capo Apache Chiricahua


Titolo originale:
Cochise Chiricahua Apache Chief
Autore:
Edwin R. Sweeney
Editore:
Mursia
Anno: 1996
Collana: Storia e Documenti
Traduzione:
Fulvio Bernardinis
Formato: Brossura, 20 cm
Pagine:
477

Quando presero possesso dell'Arizona e del New Mexico, gli Stati Uniti ereditarono il territorio di un popolo che era stato una spina nel fianco per il Messico sin dal 1821 e ancora prima per la Spagna. Gli indiani di quel territorio, conosciuti collettivamente come Apache, vivevano in gruppi sparsi e con varie denominazioni: Mescaleros, Chiricahua, Jicarilla... Molto è già stato scritto su di loro e sui loro capi, ma nessuno ha mai raccontato in modo approfondito la vita del loro capo più grande: Cochise. Ora però Edwin Sweeney ha colmato questa lacuna con una completa biografia. Cochise, un Chiricahua, era definito il più abile, il più brutale e il più temuto degli Apache: con i suoi guerrieri faceva razzie sia in Messico sia negli Stati Uniti. Una sola volta venne catturato e imprigionato e quando fu liberato giurò che non sarebbe mai più stato preso. Nel 1861, quando suo fratello fu impiccato dagli americani ad Apache Pass, Cochise dichiarò guerra. Combattè strenuamente per dieci anni, e solo quando fu davanti a forze militari soverchianti accettò la pace e la riserva. Da allora, sebbene venisse incolpato praticamente di ogni razzia che veniva compiuta in Arizona e in New Mexico, mantenne fedelmente la sua parola e la pace fino alla morte, nel 1874.

 
 

IMAGES OF THE OLD WEST

Testi:
Dee Brown
Disegni: Mort Kunstler
Editore: Park Lane Press
Anno: 1996
Formato: Rilegato, 31 cm, completamente illustrato con disegni a colori
Pagine: 192

In this important book, Mort Kunstler, America's foremost historical artist, and Dee Brown, the highly acclaimed author of many best-sellers, including the renowned Bury My Heart at Wounded Knee, have collaborated to create, in paintings and in words, images of the amazing events and the extraordinary cast of characters that together tell the dramatic story of the Old West - one of the world's greatest epics. With a highly readable text and more than eighty accurate, dramatically composed paintings - each one carefully researched - Kunstler and Brown have created a stunning, authoritative book in which paintings and text are integrally related.
Mort Kunstler's magnificent paintings are the focus of this dramatic story for which Dee Brown's words provide the context. Together, words and pictures depict these historic moments with a strength and sensitivity that will surely deepen and enrich the reader's understanding of the most important and exciting undertakings in America's history.

Indice. 1. The Land Lies Waiting - 2. Mountain Men and Missionaries - 3. The Era of Manifest Destiny - 4. The Gold Rush and the Creation of the Old West - 5. The Civil War in the West - 6. Railroads West - 7. Cowboys and Cattlemen - 8. Outlaws and Lawmen - 9. The Plains Indian Wars - 10. Sunset for the Old West

 
 

IL GRANDE LIBRO DELLE TRIBU' INDIANE D'AMERICA

Autore: Marco Massignan
Editore: Xenia
Anno: 1999
Collana: Economici
Formato: Brossura leggera, 19,5 cm, illustrato con foto e mappe in b/n
Pagine: 384

Uno studio approfondito sulla storia, gli usi e i costumi delle tribù indiane d’America: le lingue, le guerre, le tradizioni religiose e i grandi capi delle popolazioni native americane. Le leggi statunitensi e la vita sociale degli Indiani. La religione del Peyote e il furto dello Spirito... Tutto quello che si vuole sapere, raccontato dalla parte degli Indiani.

 
 

THE GUNFIGHTERS

Autore: James D. Horan
Editore:
Gramercy
Anno: 1996
Collana: The autentic Wild West
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, illustrato con fotografie, disegni e mappe in b/n
Pagine: 312

 
 

THE OUTLAWS

Autore: James D. Horan
Editore:
Gramercy
Anno: 1996
Collana: The autentic Wild West
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, illustrato con fotografie, disegni e mappe in b/n
Pagine: 312

 
 

THE LAWMEN

Autore: James D. Horan
Editore:
Gramercy
Anno: 1996
Collana: The autentic Wild West
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, illustrato con fotografie, disegni e mappe in b/n
Pagine: 309

 
 

THE WEST THAT WAS

Cura
tori: Thomas W. Knowles, Joe Lansdale
Editore:
Wings Books
Anno: 1996
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, illustrato con fotografie, disegni e mappe in b/n e a colori
Pagine: 320

 
 

BLACK HATS AND WHITE HATS
Heroes and villains of the West


Autore: Harold Rabinowitz
Editore:
Metrobooks
Anno: 1996
Formato: Cartonato con sovracopertina, 30 cm, completamente illustrato con foto, disegni, mappe, manifesti a colori e in b/n
Pagine: 192

 
 

SEEKING PLEASURE IN THE OLD WEST

Autore:
David Dary
Editore:
University Press of Kansas
Anno: 2007
Formato: Brossura leggera, 24 cm, illustrato con numerose fotografie b/n
Pagine:
364

Shedding Puritan prejudices, people of the American West learned to enjoy themselves between approximately 1800 and the early 20th century. The men on Lewis and Clark's 1804 expedition square-danced to fiddle music. Cowboys did more than drink, gamble and chase women; their leisure pursuits included singing, storytelling, dominoes, reading, footraces and, among wealthy ranchers, collecting fine paintings. U.S. Army soldiers played the newfangled game of baseball and even enjoyed debating and attending concerts. Drawing on diaries, recollections and early newspapers, Dary's (Cowboy Culture) irresistible narrative, marvelously illustrated with 110 old photographs and engravings, recreates Cheyenne ceremonial dances, card games on Mississippi steamboats, New Orleans balls, frontier campfires and cafe-theaters, Santa Fe saloons, Wyoming bicycle clubs and mineral spas as he charts the emergence of a middle class that came to disapprove of prostitution, gambling, drinking, bear-baiting and buffalo-hunting. Much more than a catalogue of diversions, his engaging chronicle offers a stirring and enlarging vision of American culture and character.

 
 

INDIANI D'AMERICA
Tribù, storia, cultura, vita quotidiana

Titolo originale: The Native Americans. The indigenous people of North America
Curatore: Colin F. Taylor
Consulente tecnico: William C. Sturtevant
Editore: IdeaLibri
Anno: 2003
Collana: Indiani d'America
Traduzione: Piero Pieroni
Formato: Rilegato con sovracopertina, 34 cm, illustrato con numerosissime fotografie, mappe e disegni in b/n e a colori
Pagine: 256

 
 

MITI E LEGGENDE DEGLI INDIANI D'AMERICA

Curat
ore: Franco Meli
Editore: Fabbri Editore
Anno: 2001
Collana: I grandi classici della fiaba
Altre edizioni: Arcana Editrice 1995
Traduzione: Mariella Lorusso
Formato: Rilegato con sovracopertina, 19 cm, illustrato con foto b/n
Pagine: 278

Dalle estese praterie dell'Ovest e dalle Montagne Rocciose, dalla regione dei Grandi Laghi fino alla costa occidentale del Pacifico provengono le storie mitiche degli indiani del Nord America raccolte in queste pagine, attinte direttamente dal ricchissimo patrimonio orale indiano custodito nelle fonti etnografiche. Un complesso universo magico-religioso emerge dalle narrazioni sacre e profane che spiegano l'origine del cosmo e dell'uomo, la nascita della conoscenza e la conquista del fuoco.

 
 

THE GHOST TOWN STORYTELLER

Autore: Naomi Black
Fotografie:
Jack Deutsch
Editore:
Mallard Press
Anno: 1992
Formato: Rilegato con sovracopertina, 31 cm, illustrato con foto e mappe in b/n e a colori
Pagine: 192

 
 

LIFE OF A SOLDIER ON THE WESTERN FRONTIER

Autore: Jeremy Agnew
Editore:
Mountain Press Publishing Company
Anno: 2008
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con foto e mappe in b/n
Pagine: 266

Their heads filled with images of glory and battle, most young men joined the frontier army only to endure a life of tedious drills, bad meals, uncomfortable quarters, and ill-fitting uniforms. Working hard seven days a week and in all weather, soldiers frequently found themselves lonely and bored, with little opportunity for advancement but many ways to be punishedall for $13 a month.Focusing on the Indian Wars period of the 1840s through the 1890s, Life of a Soldier on the Western Frontier captures the daily challenges faced by the typical enlisted man and explores the role soldiers played in the conquering of the American frontier. In addition to describing the nitty-gritty details of a soldiers daily life, this fascinating study explores the Indian Wars from the perspective of both the military and the Indians and examines all aspects of the postCivil War army, including its organization, its weapons, and its personnel. The book also contains two appendices, one summarizing significant battles and the other listing selected western forts. Both include site locations and information for visitors. Dozens of photos and several maps add to the readers understanding and enjoyment. Life of a Soldier on the Western Frontier is more than a convenient reference bookits also a gripping and affecting story.
 

Commento. Tutto quello che c'è da sapere sulla vita quotidiana del soldato durante l'epopea del West, lo trovate in questo libro. L'autore non trascura nessun aspetto, anzi approfondisce anche con numerose notizie sugli Indiani, e sulle guerre indiane. Consigliatissimo!

 
 

THE WILD WEST CATALOG

Autore: Bruce Wexler
Editore:
Running Press Book Publisher
Anno: 2008
Formato: Cartonato con sovracopertina, 32 cm, completamente illustrato con foto, disegni e mappe in b/n e a colori
Pagine: 256

Catch the light on the barrels of the Spencer rifles of the United States 7th Cavalry in 1868, as they ride out of Fort Riley on patrol in Kansas. Smell the intoxicating aroma of Chuck Wagon Stew, amidst the trail dust on the Chisholm Trail in 1870. Hear the sound of gunfire on the lawless streets of Tombstone, Arizona, 1881. The Wild West Catalog captures the essence of the greatest period of expansion within the United States, between 1866 and 1900, when the West was well and truly tamed. Fighting and riding skills gained in the Civil War were put to good use in opening up and populating the West, while more sophisticated weapons developed during the Civil War were put to both good and bad use in the sometimes-volatile environment. This book portrays all the great characters of the West, including cowboys (and their favorite foodstuffs), Indians, the U.S. Cavalry, outlaws, lawmen, homesteaders, and saloon girls. Western artifacts and locations are also described, including frontier weapons and towns, and the burgeoning railroads. This book also discusses the West as it was depicted in movies, television, and literature, and catalogs the many classic toys inspired by the West, which have entertained generations of imaginations worldwide. Comprehensive and fascinating, the book brings the complete Old West alive for the reader.

 
 

CAVALLO PAZZO E CUSTER
Il dramma e l'epica del West nelle vite parallele di due guerrieri americani


Titolo originale:
Crazy Horse and Custer
Autore:
Stephen E. Ambrose
Editore:
Rizzoli
Anno: 1978
Collana: Collana Storica Rizzoli
Traduzione: Anna Nencioni
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, con alcune mappe
Pagine:
600

 
 

VICTORIO E GLI APACHE MIMBRES

Titolo originale:
Victorio and the Mimbres Apaches
Autore:
Dan L. Thrapp
Editore:
Mursia
Anno: 1996
Collana: Storia e Documenti
Traduzione:
Alessandro Zabini
Formato: Brossura, 20 cm
Pagine:
405

 

Fra il 1879 e il 1880, Victorio, condottiero degli Apaches Mimbres, superò nella tattica, nella manovra e nel combattimento le truppe messicane e quelle americane. Alla fine, rimase intrappolato in Messico. Venne ucciso e gli Apaches Mimbres furono pressoché annientati. Questa storia degli Apaches Mimbres, a partire dai loro primi contatti con gli invasori, nel 1849, fino alla tragedia del 1880, costituisce anche la prima biografia documentata di Victorio, uno dei più importanti condottieri degli indiani d’America. L’autore ha basato la propria ricostruzione sulle fonti primarie custodite sia negli Stati Uniti sia nel Messico.

 
 

LA RIVOLUZIONE MESSICANA

Autore:
Francesco Ricciu
Editore:
Dall'Oglio
Anno: 1968
Collana: Le grandi rivoluzioni del XX secolo
Formato: Brossura, 18 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine:
293

 
 

I CACCIATORI DI BISONTI

Titolo originale:
The american bison
Autore:
Martin S. Garretson
Editore:
Longanesi
Anno: 1967
Collana: I libri pocket
Traduzione: Luciana Mancinelli
Formato: Brossura, 18 cm
Pagine:
276

M.S. Garretson, naturalista e letterato, racconta in questo libro la storia d'America attraverso la storia del bisonte, la cui specie, proveniente dall'Asia, popolò attraverso l'Alaska, tutto il continente americano prima della colonizzazione. I pionieri dovettero contendere il territorio a mandrie sterminate, prima respingendole all'Ovest e poi decimandole. Attraverso le fasi di questa vera e propria guerra tra i pionieri e il bisonte, Garretson fa rivivere uno degli aspetti più favolosi e fantastici della storia americana alle sue origini. La visione di vaste lande biancheggianti per le ossa di migliaia e migliaia di animali, resti di colossali massacri, le corse sfrenate e tumultuose di mandrie furenti, il coraggio di pochi uomini contro l'impeto delle bestie scatenate sono descritti dall'autore con efficacia magistrale e rimarranno impressi nella memoria dei lettori. Il libro non parla soltanto di famosi cacciatori come Buffalo Bill e i suoi emuli, ma anche dei primi avventurieri e speculatori che fondarono le loro grandi fortune nella scia dei pionieri.

 
 

MASSIMILIANO E IL SOGNO DEL MESSICO
Dallo splendore di Miramare alla drammatica fine: l'odissea di un principe austriaco in balia delle grandi potenze


Titolo originale:
Maximilian and Juarez
Autore:
Jasper Ridley
Editore:
Rizzoli
Anno: 1993
Traduzione: Piero Spinelli
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine: 379

Nel breve periodo compreso tra l'aprile del 1864 e il giugno del 1867 si consumava uno dei più grandi drammi del Diciannovesimo secolo: l'ambizioso e tragico tentativo dell'imperatore Napoleone III di insediare l'arciduca Massimiliano d'Austria sul trono del Messico.

Il breve regno e la tragica morte di Massimiliano d'Asburgo sono tra gli episodi più drammatici del Diciannovesimo secolo e avvolti ancora oggi da un alone leggendario. Il giovane arciduca austriaco, fratello dell'imperatore d'Austria-Ungheria Francesco Giuseppe, che affronta serenamente il plotone d'esecuzione, commuove e al tempo stesso suscita curiosità.
Il 10 aprile 1864 a Miramare, presso Trieste, l'arciduca Massimiliano riceve dalle mani di una delegazione di notabili messicani la corona del Messico. Il 19 giugno 1867, abbandonato da Napoleone III, che lo aveva voluto sul trono e lo aveva sorretto con la forza delle baionette del suo esercito, tradito dai suoi stessi generali e alleati messicani, Massimiliano viene fucilato a Querétero da un plotone d'esecuzione dell'esercito repubblicano di Benito Juarez. Jasper Ridley con rigore storico e appassionata partecipazione alle vicende biografiche analizza l'intervento del corpo di spedizione francese, la tormentata e sanguinosa guerra civile che infuriò durante il regno di Massimiliano e i risvolti diplomatici e politici in Europa e negli Stati Uniti, la vecchia e la nuova potenza i cui interessi si scontrano qui per la prima volta. Da Napoleone III a Francesco Giuseppe alla regina Vittoria, dall'imperatrice Eugenia a Carlotta, moglie di Massimiliano, dal presidente Lincoln a Lord Palmerston, dai generali Grant e Sheridan fino a Porfirio Diaz e al maresciallo Bazaine, molti sono i personaggi storici coinvolti in questo dramma, ma su tutti emergono l'ingenuo principe austriaco e l'astuto Benito Juarez, suo principale antagonista e leader repubblicano. Sarà quest'ultimo, con il beneplacito degli Stati Uniti, a condurre alla vittoria il popolo messicano, ponendo fine tragicamente al sogno di Massimiliano in quella che è stata una delle prime guerre moderne di liberazione nazionale.

 
 

MISTER SMITH & WESSON

Titolo originale:
Messieurs Smith & Wesson
Autore:
Michel Lespart
Editore:
Ciarrapico
Anno: 1973
Collana: Un uomo, un'arma
Traduzione: Pasquale Cardinale
Formato: Brossura, 24 cm, illustrato con foto e disegni in b/n
Pagine: 189

 
 

UN CERTO SIGNOR COLT

Titolo originale:
Mounsieur Colt
Autore:
Dominique Venner
Editore:
Silva & Ciarrapico
Anno: 1973
Collana: Un uomo, un'arma
Traduzione: Pasquale Cardinale
Formato: Brossura, 24 cm, illustrato con foto e disegni in b/n
Pagine: 274

 
 

UN CERTO SIGNOR WINCHESTER

Titolo originale:
Mounsieur Winchester
Autore:
Yves Cadiou
Editore:
Ciarrapico
Anno: 1976
Collana: Un uomo, un'arma
Traduzione: Pasquale Cardinale
Formato: Brossura, 24 cm, illustrato con foto e disegni in b/n
Pagine: 365

 
 

LA CORSA ALL'IMPERO

Titolo originale:
The course of Empire
Autore:
Bernard De Voto
Editore:
Il Mulino
Anno: 1963
Collana: Collezione di Storia Americana
Traduzione: Ornella Gamalero
Formato: Rilegato, 24 cm, illustrato con mappe in b/n + 1 mappa a colori ripiegata
Pagine: 646

 
 

LE GRANDI PIANURE

Titolo originale:
The Great Plains
Autore:
Walter Prescott Webb
Editore:
Il Mulino
Anno: 1961
Collana: Collezione di Storia Americana
Traduzione: Luciano Serra
Formato: Rilegato, 24 cm, illustrato con mappe in b/n + 1 mappa a colori ripiegata
Pagine: 466

 
 

STORIA DELLA GUERRA CIVILE AMERICANA

Autore: Raimondo Luraghi
Editore:
BUR
Anno: 2009
Collana: Storia
Formato: Brossura, 20 cm, illustrato con foto e mappe in b/n
Pagine: 1401

La guerra civile tra Nord e Sud che dal 1861 al 1865 sconvolse gli Stati Uniti fu un avvenimento di portata epocale. Non solo infatti segnò la nascita della moderna nazione americana, ma per la prima volta vide il gigantesco apparato produttivo generato dalla rivoluzione industriale entrare con il proprio peso decisivo sui campi di battaglia. Le ferrovie, il telegrafo, il cannone a tiro rapido, il treno blindato, la nave corazzata, l'offesa subacquea furono usati su grandissima scala facendo di quel terribile scontra l'autentica prologo delle due guerre mondiali. Raimondo Luraghi - uno dei maggiori esperti della Guerra civile americana - ricostruisce in questa opera esaustiva la genesi, l'evoluzione e la conclusione del conflitto in tutti i suoi risvolti politici, militari, sociali, culturali, attraverso una narrazione altamente drammatica se pur rigorosamente scientifica e fondata su una vastissima documentazione.

 
 

FRONTIER LIVING
An illustrated guide to pioneer life in America, including log cabins, furniture, tools, clothing, and more


Autore: Edwin Tunis
Editore:
The Lyons Press
Disegni: Edwin Tunis
Anno: 2000
Formato: Brossura, 28 cm, illustrato con disegni e mappe in b/n
Pagine: 166

Frontier Living brings to light every significant aspect of daily life on the American frontier, with vivid text and more than 200 wonderful drawings. Immerse yourself in the character and culture of the men and women who stood at the harsh cutting-edge of our civilization: their dwellings, clothing, food, furniture, household articles; their hunting, farming, schooling, transportation, government; their amusements, superstitions, and religion. In Frontier Living the reader finds the forest frontiersman in his log cabin, the ranchero in his casa, the sodbuster in his prairie sod house. Here is the keel-boatman, the cotton farmer, the fur trader, the mountain man, the forty-niner, the cowhand - each helping to shape a new and distinctive way from untamed country. The flintlock gun, the Kentucky rifle, the freight and Conestoga wagons, the stagecoach, the Ohio flatboat, the first steamboat and steam railroad, are all reconstructed here in exact detail. This informative, authentic re-creation of the American frontier, seen in relation to its historic perspective, offers a major contribution toward an understanding of the American character.

 
 

PANCHO VILLA E LA RIVOLUZIONE MESSICANA

Autore: Manuel Plana
Editore:
Giunti
Anno: 1993
Collana: XX Secolo
Formato: Brossura, 19 cm, illustrato con foto e disegni in b/n e a colori
Pagine: 125
 

Commento. Buonissima introduzione a un argomento complesso come la Rivoluzione Messicana. Il libro non intende affatto essere esauriente ma si limita a fornire le linee storiche essenziali per capire origini, sviluppo e finale della Rivoluzione, focalizzando tutto principalmente sulle questioni politiche (interne ed estere). D'altronde è impossibile esaurire un argomento così sfaccettato in appena 100 pagine, eppure Plana riesce a tratteggiare una buona cronologia e a rendere molto più fluente e comprensibile la lettura di libri più corposi, approfonditi e documentati sulla Rivoluzione. Molto buono anche l'apparato iconografico, con foto e disegni esplicativi e affascinanti.

 
 

HISTORIC DRESS OF THE OLD WEST

Autore: Ernest Lisle Reedstrom
Editore:
Blandford Press
Curatore: Gilbert Crontz
Prefazione: Lawrence A. Frost
Disegni: Ernest Lisle Reedstrom
Anno: 1986
Formato: Rilegato con sovracopertina, 26 cm, completamente illustrato con foto e disegni in b/n e a colori
Pagine: 160

 
 

MANUALE DI TEX NEL WEST

Autore: Piero Pieroni
Disegni: Vincenzo Monti
Copertina: Aurelio Galleppini
Editore: Arnoldo Mondadori
Anno: 1982
Formato: Cartonato, 19,5 cm, illustrato con disegni a colori
Pagine: 156

Tex Willer, protagonista di numerose avventure nell'immenso Far West, è qui l'impareggiabile guida che, attraverso le sconfinate pianure americane, conduce una carovana di pionieri oltre le Montagne Rocciose, verso le fertili valli della California. Tex ripercorre la lunga e tortuosa pista tracciata nel corso di un secolo dalle gesta di quanti - indiani e soldati, pionieri e cercatori, sceriffi e fuorilegge - hanno fatto di quelle impervie terre il mitico West.

Indice. Presentazione - Alla ricerca di un secondo paradiso - Pochi mezzi e tanto coraggio - Dove comincia il West - Oltre il fiume Kansas - Gli indiani! Gli indiani! - Una tappa a Fort Laramie - La medicina nel West - I banditi! Arrivano i banditi! - Lo sceriffo, ossia la legge e l'ordine - L'incontro con i cowboy - Il passaggio delle Montagne Rocciose - I mormoni verso Salt Lake City - La vita nella città dei Santi - L'incontro con i cercatori d'oro - Pony express e telegrafo - L'arrivo del "cavallo di ferro" - Finalmente a Sacramento! - Pionieri, addio! - Cronologia - Primati e curiosità - Parole del West - Piccolo vocabolario Sioux.
 

Commento. Non ci sarebbe molto da discutere su questo libretto. E' una superficiale cavalcata attraverso gli elementi principali del West, di cui il buon Pieroni dà una breve spiegazione. E' un vero e proprio manuale del West, in cui Tex appare solo in qualche disegno di Monti (gli altri sono dedicati a illustrare i vari capitoli) e nel titolo del volume. Non è approfondito, e anche le illustrazioni lasciano un po' a desiderare (soprattutto dal punto di vista della colorazione), ma può servire benissimo come base per conoscere più che altro il West nei suoi aspetti quotidiani.

 
 

GERONIMO
Storia e leggenda dell'ultimo capo apache


Titolo originale:
Geronimo. The man, his time, his place
Autore: Angie Debo
Editore: Mursia
Anno: 1998
Collana: Ombre Rosse
Traduzione: Maria Elena Vaccarini
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con alcune cartine
Pagine:
365

Geronimo fu l'ultimo grande guerriero della storia indiana. Strenuo difensore dei diritti del suo popolo, resistette fino allo stremo contro l'avidità, l'incomprensione e la violenza dell'uomo bianco. Nemmeno una forza militare di cinquemila uomini al comando del famoso generale Miles riuscì ad avere la meglio sulla sua banda di sedici guerrieri, quattordici donne e sei bambini. Solo l'inganno, accordi promessi e mai mantenuti, sconfissero Geronimo. Visse rinchiuso in campi di prigionia per più di vent'anni, vagando tra la Florida, l'Alabama e l'Oklahoma. Geronimo fu uomo dotato di una grande carica magnetica e prodigioso divinatore: pur non avendo mai ricoperto la carica di capo-tribù, fu un leader incontrastato. Abile guerriero, spietato in battaglia, inflessibile nelle sue opinioni e implacabile nel suo odio, fu sempre fondamentalmente onesto e profondamente religioso.

 
 

DONNE SCIABOLE E CAVALLI
Le confessioni di un avventuriero al Messico

Titolo originale: My confessions
Autore:
Samuel E. Chamberlain
Curatore: Roger Butterfield
Editore: Feltrinelli
Anno: 1957
Traduzione: Luciano Bianciardi
Formato: Rilegato con sovracopertina, 25 cm, illustrato con disegni e mappe b/n e a colori; con cofanetto cartonato
Pagine:
352

Rimasto manoscritto per quasi un secolo, questo libro fu scoperto da un collezionista di Baltimora presso un antiquario del Connecticut. Al suo Apparire in America fu salutato come una testimonianza storica di straordinario interesse e di meravigliosa freschezza.
E in realtà Samuel Chamberlain, suo autore, testa calda, avventuriero e candido ribaldo in gioventù, rispettabile cittadino di Boston alla fine dei suoi giorni, aveva tutti i numeri per rappresentare, da vivo personaggio, fervidi anni di storia americana. Dopo il 1840 gli Stati Uniti erano, fra gli altri paesi del mondo, una sorta di adolescente inquieto, pieno di energie, pronto a buttarsi in una zuffa e a versare una lacrima sentimentale; assolutamente certo del suo destino; deciso a imporsi. Queste caratteristiche il soldato Samuel Chamberlain, dell'esercito statunitense, oltre a possederle e esprimerle nell'azione, volle più tardi metterle in carta, parole e figure; e cominciò così a stendere - solo per divertimento - un resoconto minuto, con splendide illustrazioni, degli uomini che aveva ucciso, delle ragazze che aveva amato, degli scontri sanguinosi, dei pericoli scampati, durante dieci anni di vagabondaggi e di vita militare nel Messico e nel vecchio West selvaggio.
Ne è venuto fuori un documento che è insieme un'opera d'arte e una storia affascinante di guerra e di avventure galanti. Accanto alle battaglie e alle vicende della guerriglia - una strage segreta e silenziosa dietro le linee - il lettore vi troverà le risse e gli amori che occupavano la vita del soldato tra un combattimento e l'altro; i suoi rapporti con gli ufficiali, le tremende cavalcate, la dura disciplina, la vita del campo di un esercito riottoso. Ci sono anche molte cose che non riguardano direttamente la guerra: com'era la vita, per esempio, sulle diligenze, sui vapori, nelle città lungo il corso del Mississippi, nei saloons di San Antonio, nel territorio senza legge dell'estremo Sudovest un secolo fa. E ovunque una folla di personaggi; dai generali Wool e Taylor, ai desperados come John Glanton e "il giudice" Holden; e le donne, soprattutto: dalle infide sorelle di Parras, alle compiacenti Victorine, alla bella e infelice Carmeleita, tutti colti dal Chamberlain con immediatezza e vigore sorprendenti.

 
 

GUIDA DEL CERCATORE D'ORO DELLA CALIFORNIA 1848
Nella quale si narra di tre settimane trascorse nelle miniere d'oro, delle avventure con i cercatori d'oro della California nell'agosto 1848, con un avviso agli emigranti e le istruzioni complete circa i metodi migliori per giungerci, viverci, affrontare le spese, e un'esauriente descrizione del luogo, una carta geografica e varie illustrazioni

Titolo originale: The emigrant's guide to the gold mines
Autore:
Henry I. Simpson
Curatore: Attilio Brilli
Postfazione: Attilio Brilli
Editore: Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio
Anno: 1991
Traduzione: Attilio Brilli e Piera Sestini
Formato: Cartonato, 29 cm, illustrato con fotografie e disegni b/n e a colori; con una carta geografica della California e degli Stati occidentali
Pagine:
100

Con tempestività, lo stesso anno dello scoppiare della febbre dell'oro verso l'El Dorado della California, fu pubblicata a nome Simpson - ma in realtà frutto di elaborazione redazionale dell'editore Joyce & Co. di New York, nel 1848 - questa Guida del cercatore d'oro della California. Sappiamo oggi che la corsa all'oro, del resto avviata da una specie di proclama del Presidente, servì più che alle miriadi di avventurosi che vi parteciparono, ai posteri coloni che trovarono il terreno per la stabile colonizzazione preparato. E questa guida, più che essere utile strumento agli immigrati, di cui London racconterà l'improba lotta, è una specie di abile dépliant pubblicitario. «Forse il primo esempio di come si alimenta un mito su scala mondiale»: la definisce Attilio Brilli, che rapidamente racconta, analizzandola, come una nazione allettò, con moderna persuasione, i suoi apripista da tutto il mondo.
 

Commento. Breve e alquanto superficiale "guida" alla vita e al mondo del cercatore d'oro della California. In realtà la maggior parte del volume è il racconto, sotto forma di lettera a un amico, di tal Simpson che andò a cercar fortuna nei campi auriferi californiani. Descrive, aggiungendo molti elementi romantici e ingigantendo ogni minimo aspetto apprezzabile di quel mondo, le esperienze che visse con alcuni prospector generalizzando un po' la cosa e in sostanza fornendo ben poche informazioni realmente utili. La seconda parte è più interessante perché dà una buona descrizione della natura della California, dei suoi abitanti, della flora, della fauna, della conformazione geografica e geologica, delle condizioni meteorologiche, del folklore, delle abitudini, dell'allevamento... C'è poi una sezione dedicata ai vari modi di viaggiare per raggiungere i campi auriferi, una postfazione di Attilio Brilli e una cartina geografica degli stati occidentali, un po' troppo poco dettagliata, con evidenziati i percorsi via mare e via terra per la California.

 
 

BUTCH CASSIDY
Quelli del Mucchio Selvaggio


Autore: Fabio Falzone
Editore: Bevivino
Anno: 2005
Collana: Wanted
Prefazione: Bruno Fornara
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con 16 tavole di fumetto b/n
Pagine:
124

Praterie, cuoio di cavallo e la colt carica nella fondina. Ti serviva altro nel West? Sì, ci voleva immaginazione e follia. Per correre sul tetto di un treno in corsa, per entrare e uscire da una banca imbottito di nitro e per intimare a un mucchio di cowboy selvaggi di non sgozzare il cassiere. Ma soprattutto ci voleva velocità. Rapidità di pensiero, col lazo, le briglie, il fucile e con le donne. Robert Leroy Parker, meglio noto come Butch Cassidy, incarnava il perfetto uomo della prateria. Ma la sua arma segreta fu un'altra. Che non c'entrava nulla con la polvere da sparo e i ganci da boxeur. Fu quel sorriso beffardo e il suo carattere alla mano a catalizzare intorno a sé il leggendario Mucchio Selvaggio di trenta e più pistoleros. Criminali del calibro di Sundance Kid, Harvey Logan, Elzy Lay e dell'enigmatica Etta Place. Uomini che fecero tremare le casseforti degli Stati Uniti d'America e che imbottirono di idee le sceneggiature di centinaia di film western.

 
 

ETHEL
Vita e menzogne di Etta Place


Autore: Mario Bonaldi
Editore: Bevivino
Anno: 2005
Collana: Wanted
Prefazione: Paolo Nori
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con 19 tavole di fumetto b/n
Pagine:
126

Etta si chiamava Ethel. Il nome con cui la conosciamo è dovuto all’errore di compilazione di una locandina: gli uomini che la ricercavano scrissero Etta, e tale divenne. Etta Place: la donna che fuggì in Sudamerica con Butch Cassidy e Sundance Kid. Le sue origini, il suo destino ci sono ignoti; tutto ciò che esce dal cono di luce della sua avventura con i due bandidos appartiene al campo delle supposizioni. Allora, forse, per capire chi è Ethel, è necessario dare voce alle voci false. La sproporzione tra il poco che si sa di certo e la quantità di fantasie inventate su di lei è sorprendente; alcune sono strepitose, altre completamente idiote. Era una maestra, una puttana, o una cameriera? Ed era la donna di Sundance, di Butch, di entrambi? Che cosa ci fa in Messico durante la rivoluzione? E in Baviera, al festival di Bayreuth? C'era una linea: plausibile, sconnessa, che sarebbe stato bene seguire per raccontare la sua storia. Ma il richiamo delle menzogne è stato irresistibile. Ethel è tutto questo. Togliete l'invenzione, e di lei non resta che un nome. Falso.
 

Commento. E' una puntuale ricostruzione della vita di questa fantomatica bandita che a quanto si dice accompagnò Butch Cassidy e Sundance Kid in Sudamerica, in fuga dalla legge. Bonaldi ricostruisce l'esistenza di Etta (il cui vero nome, presumibilmente, era Ethel) basandosi su tantissime ipotesi che si sono succedute dalla fine del XIX secolo ad oggi, il 99% molto fantasiose e inverosimili, il resto dubbio ma fondamentalmente credibile. La prosa è avvincentissima, si legge d'un fiato, fa divertire e appassionare, e stranamente - visto lo stile tra il saggio, il romanzo e la commedia - riesce a darci un ottimo ritratto di questa misteriosa donna, che poco ci manca - visto il pochissimo che si sa di lei - si scopra mai nemmeno esistita.

 
 

I PIEDI NERI
Razziatori delle pianure del Nord-Ovest


Titolo originale:
The Blackfeet, Raiders on the Northwestern Plains
Autore: John C. Ewers
Editore: Mursia
Anno: 1997
Collana: Storia e documenti
Traduzione: Fulvio Bernardinis e Gioia Re
Formato: Brossura leggera, 20 cm, illustrato con alcune mappe b/n fuori testo e fotografie b/n
Pagine:
320

I Piedi Neri rappresentano la più forte potenza militare nelle pianure del Nord-Ovest americano nei tempi storici del bisonte. Per mezzo secolo, fino al 1805, furono costantemente in guerra con gli Shoshoni e arrivarono quasi allo sterminio totale di quella tribù. Attaccarono ripetutamente anche i Flathead e i Kutenai spingendoli verso Ovest, al di là delle Montagne Rocciose. Questo volume è una vera miniera di informazioni sulle tre tribù che costituirono la nazione dei Piedi Neri: Piegan, Blood e Siksika, o Piedi Neri propriamente detti.

 
 

LA CONQUISTA DEL FAR WEST (1830-1860)

Titolo originale:
The Far Western Frontier (1830-1860)
Autore: Ray Allen Billington
Editore: Mondadori
Anno: 1958
Collana: Biblioteca Moderna
Altre edizioni: Odoya 2009
Traduzione: Renato De Paolis
Formato: Cartonato, 19 cm, con alcune mappe b/n
Pagine:
362

Il vasto e complesso mondo delle regioni occidentali degli Stati Uniti nel periodo cruciale 1830-1860, non aveva trovato prima che in quest'opera dello storico Ray Allen Billington, una descrizione tanto felice ed esauriente. L'America è nata sì sulle coste dell'Atlantico, ma i "pionieri" delle guerre contro gli spagnoli e indiani e della "corsa all'oro" hanno scritto le pagine più drammatiche e affascinanti del suo processo di unificazione, proprio a occidente del Mississippi e del Missouri, oltre le Montagne Rocciose, verso l'Oregon, la California, il Nuovo Messico. La conquista del Far West è per il lettore italiano un'opera fondamentale e indispensabile, un testo che, oltre a dargli un'idea precisa di questo mal conosciuto periodo eroico, chiarisce esattamente le ragioni del formidabile sviluppo e del successo nel mondo del popolo americano.

 
 

CONQUISTA
La distruzione degli indios americani


Autore: Massimo Livi Bacci
Editore: Il Mulino
Anno: 2005
Collana: Biblioteca storica
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21,5 cm, illustrato con disegni, mappe e grafici in b/n e a colori
Pagine:
335

"... tre viaggi sono all'origine delle complesse vicende demografiche del continente americano nell'epoca moderna. Il primo, il più antico, è quello intrapreso 15 o 20.000 anni fa da un cacciatore siberiano che traversò con qualche compagno la Beringia ghiacciata e mise piede in Alaska, aprendo la strada ad una lenta migrazione. ... Il secondo viaggio è quello di un quarantenne genovese, di media statura, gran navigatore, coraggioso quanto tenace, con ottime relazioni politiche e religiose. ... Il terzo viaggio è quello di un uomo, non sappiamo se mozzo o marinaio, passeggero o funzionario reale, avvenuto nell'autunno del 1518. L'ignoto personaggio che sbarca a Santo Domingo dell'Hispaniola ha una caratteristica: è affetto dal virus del vaiolo e diffonde il contagio nell'isola". L'arrivo degli europei significherà per le popolazioni native l'inizio di una catastrofe demografica di vastissima portata. Quali ne furono le cause? La documentazione giunta fino a noi è straordinariamente ricca: conquistadores, religiosi, uomini di legge, funzionari e mercanti scrivevano memorie e rapporti, stilavano atti, svolgevano inchieste, emettevano sentenze. Il mondo indigeno, per parte sua, ha lasciato eloquenti tracce degli eventi e molte testimonianze dirette dello spietato soggiogamento perseguito dagli europei. Facendo parlare queste fonti, il volume mostra come nel rovinoso declino degli indios abbiano giocato una serie di concause, riconducibili a fattori economici e sociali non meno che alle malattie "importate". E sorprendentemente giunge alla conclusione che quella catastrofe non era un destino: non fu la conseguenza inevitabile del contatto tra europei e indios, ma un risultato cui contribuirono sia i modi della Conquista sia la natura stessa delle società sottomesse. Restituita in un racconto avvincente, una vicenda tra le più impressionanti della storia umana, i cui protagonisti recano i nomi di Colombo e Montezuma, Atahuallpa e Pizarro, Cortés e Tupac Amaru.

 
 

APACHE
Storia e cultura di un grande popolo


Titolo originale:
Apache. A history and culture portrait
Autore: James L. Haley
Editore: Mursia
Anno: 1999
Collana: Ombre Rosse
Traduzione: Alberto Viotti e Maria Teresa Marenco
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con alcune cartine
Pagine:
430

Per scrivere la storia degli Apache non è sufficiente illustrarne le battaglie, piene di polvere, sangue e armi tonanti. E' importante conoscere come questo popolo interpreta il mondo, i suoi miti, le usanze e le tradizioni, perché queste sono l'essenza e la testimonianza della sua cultura. Haley, nel presentare gli Apache, sceglie il modo più vero: quello i ricostruire, attraverso documentazioni e raccolte coeve di testimonianze, la vita di questo coraggioso popolo guerriero.

 
 

GLI APACHE
Storia di un popolo di guerrieri


Titolo originale:
The Apache Indians
Autore: Frank Lockwood
Editore: Rusconi Libri
Anno: 1995
Collana: Dalla parte degli indiani
Traduzione: Lucrezia Besi
Formato: Brossura leggera, 21 cm
Pagine:
298

Fino al 1938, gli Apache costituivano uno spauracchio, una leggenda grandiosa e terribile che trasfigurava un popolo di guerrieri in un'orda di spietati selvaggi. Questo libro, che raccoglie le testimonianze degli ultimi protagonisti, mette ordine nella cronologia e offre un'interpretazione nuova della guerra che, per tre secoli, ha contrapposto una piccola e sparpagliata tribù di Indiani allo strapotere dell'Uomo Bianco.

 
 

COLT
Una leggenda americana


Titolo originale:
Colt. An american legend
Autore: R.L. Wilson
Editore: Gremese
Anno: 1987
Collana: Superalbum
Traduzione: Silvana Diletti
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22,5x29 cm, completamente illustrato con foto, disegni, mappe, manifesti a colori e in b/n
Pagine: 405

 
 

I PIEDI NERI

Autore: Marco Massignan
Editore: Xenia
Anno: 2001
Collana: Tascabili (n.155)
Formato: Brossura leggera, 19,5 cm, illustrato con foto e disegni in b/n
Pagine: 128

La storia, le tradizioni, la lingua e i luoghi sacri di una delle più rinomate tribù native americane. L'organizzazione sociale e le società di medicina. Le grandi cerimonie: la Danza del Sole e la Tenda Tremante. I principali miti della tribù dei Piedi Neri.

 
 

SEGNALI DI FUMO
L'avventura del West nella Fotografia


Curatore: Shelley Dowell, con la collaborazione di Susanna Weber
Interventi: William F. Stapp; George P. Horse Capture
Editore: Alinari
Anno: 1993
Presentazione: Claudio De Polo
Traduzione:
Fabio Palmiri
Formato: Brossura leggera, 24x27,5 cm, completamente illustrato con foto in b/n e a colori, anche a piena pagina
Pagine: 190

L'Epopea dei pellerossa, che si sono battuti per l'indipendenza e la sopravvivenza della loro tribù contro l'uomo bianco, portatore di altri usi e costumi, ha sempre colpito la fantasia e l'immaginazione collettiva. Ma ora con questo volume, la battaglia di Wounded Knee, Toro Seduto, le tribù dei Sioux, i villaggi del West, sono documentati in immagini autentiche di immenso valore storico: la storia del West nelle testimonianze fotografiche. Un importante lavoro di ricerca in tutti i musei e gli archivi Nord Americani che ha permesso di ricostruire una storia, di dare un volto a uomini e protagonisti, entrati nella leggenda.

 
 

BILLY THE KID
La sua storia. La verità sulle imprese di audacia e di sangue del leggendario bandito del West raccontata da Pat F. Garrett lo sceriffo che alla fine lo catturò e lo uccise


Titolo originale:
The authentic life of Billy the Kid
Autore: Patrick Floyd Garrett
Editore: Longanesi
Anno: 1973
Collana: Il Cammeo (n. 297)
Introduzione: J.C. Dykes
Traduzione:
Orsola Nemi
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con foto in b/n e a colori e disegni b/n
Pagine: 174

Fra tutte le testimonianze dirette sui fuorilegge del West, non ne esiste una più interessante e drammatica di quella di Pat F. Garrett. Pubblicata per la prima volta nel 1882, contribuì, assieme all'immagine del giovane fuorilegge, raffigurato nei vecchi dagherrotipi col suo Winchester, al dilagare dei miti e delle leggende fiorite attorno al bandito, che addirittura veniva paragonato a un novello Robin Hood. Fu proprio Garrett, sceriffo della Lincoln County, a uccidere nel 1881, con un colpo di pistola, Billy the Kid. Per tale gesto si attirò il biasimo di certi puritani del West che spiegavano come egli avesse liquidato il bandito a tradimento, o per lo meno in un'impari lotta. Narrando, nelle ultime pagine, la morte di Billy, lo sceriffo cerca appunto di rivendicare il suo onore, anche se la sua ricostruzione dell'ultimo e fatale scontro non risulta molto persuasiva. A ogni modo, Garrett ripresenta la carriera di Billy senza acrimonia, anzi, con un rispetto che sfiora l'ammirazione. Gran parte degli episodi gli furono raccontati dallo stesso Billy, datosi alla macchia per aver ucciso chi aveva offeso sua madre, iniziando così una tumultuosa vita di brigantaggio dall'Arizona fino al Messico, fra giocatori e ladri di cavalli, e diventando ben presto per il pubblico il bandito eroe inafferrabile.

 
 

IL DIAVOLO SULLA SIERRA
Quando per sopravvivere bisogna divorare o essere divorati. La più agghiacciante pagina di storia del West


Autore: Angelo Solmi
Editore: Rizzoli
Anno: 1978
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, illustrato con disegni in b/n
Pagine: 200

Ricostruito in tutti i suoi drammatici e appassionanti particolari, il "Donner Party", destinato a generare il mostruoso diavolo della Sierra, appare come la più terribile e, insieme, affascinante storia del West. La vicenda degli 87 emigrati da Springfield, nell'Illinois, verso la Terra Promessa della California, si colora di volta in volta di tinte luminose o sanguigne, lungo gli interminabili 3000 chilometri di piste durissime che si snodano attraverso le grandi praterie, le Montagne Rocciose, il sinistro Deserto di Sale, fino al disperato epilogo sulla Sierra Nevada. Pressoché ignota in Europa, ma ben conosciuta negli Stati Uniti, al punto che il regista Roman Polanski nel 1969 si apprestava a farne un film (poi abbandonato a causa della strage di Bel Air, la spedizione Donner, formata di ricchi possidenti agricoltori del Middle West, rappresenta la grande epica della Frontiera e precede l'epopea western. Portandosi sui carri donne, bambini, mobili, porcellane, biancheria, monete d'oro, gioielli e trascinandosi dietro cavalli e mandrie di buoi, il "Donner Party" ruppe, nel 1846, i confini dell'ignoto, oltre gli ultimi avamposti della civiltà. Illusi di poter seguire una "scorciatoia" destinata ad abbreviare il cammino verso l'Eldorado della California, i coloni trovarono un insormontabile ostacolo sulla Sierra, già innevata, quando ormai la meta pareva a portata di mano. Allora il dramma si mutò in tragedia e, nonostante gli sforzi e il generoso altruismo di alcuni, l'ombra sinistra del cannibalismo si allungò con cruda atrocità sul "Donner Party". I diari dei superstiti, consultati dall'autore, rivelano un pauroso sfondo che sembra uscito da un intreccio shakesperiano e non si possono leggere senza un fremito di commozione. Nella grandezza di pochi e nella miseria di molti finì per rivelarsi subdola disumanità un diabolico lupo mannaro, incubo estremo del "Donner Party". Ma, al di là dei lunghi mesi di sofferenza, di fame, di speranze e di disperazione, tutti i protagonisti, eroi o pusillanimi, accomunati dalla sorte in un unico destino, vanno valutati in un giudizio globale, a testimonianza dello sforzo concorde per far grande l'America, unita per loro merito dall'Atlantico al Pacifico.
 

Commento. Il libro di Solmi, pur contando poche pagine, riesce magistralmente a dipingere, anche nei dettagli, i momenti drammatici vissuti dalla carovana Donner su quelle montagne maledette. La sua prosa e le sue descrizioni fanno immedesimare il lettore e lo coinvolgono al punto da sentire quasi le sofferenze dei prigionieri della neve, che affrontarono la morte con stoicismo consapevoli della loro situazione. E' un bel libretto (ristampato successivamente in brossura dalla Euroclub) realizzato con le poche fonti all'epoca a disposizione - anche se ultimamente non è che ne siano usciti di tanti altri lavori simili in America - ma che dà un profondo spaccato di quei brutti momenti.

 
 

«TRE STELLE» CROOK
Una vita alla frontiera. Autobiografia del generale amico degli indiani


Titolo originale:
General George Crook. His autobiography
Autore: George Crook
Curatore: Martin F. Schmitt
Editore: Mursia
Anno: 1990
Collana: Storia e Documenti
Presentazione: Joseph C. Porter
Traduzione:
Fulvio Bernardinis
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21,5 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine: 320

Il generale George Crook fu uno dei più interessanti ufficiali dell'esercito americano durante le guerre indiane.
Personaggio paradossale e controverso, capo militare deciso e innovatore, il generale Crook seppe condurre aspre spedizioni punitive contro gli indiani ostili. Tuttavia, nonostante la sua fierezza sul campo, egli dimostrò una notevole sensibilità nei confronti delle loro condizioni di vita e simpatizzò apertamente per le ragioni che li spingevano a combattere. Il suo successo militare e il suo genuino interesse per il benessere indiano derivavano dalla sua conoscenza del territorio e delle culture indiane. E la piena consapevolezza delle realtà tribali gli permise appunto di concepire la sua più efficace arma strategica, l'uso degli ausiliari indiani contro le bande indiane ostili.
L'autobiografia di George Crook copre il periodo compreso tra il conseguimento del diploma a West Point nel 1852 e il giorno successivo alla battaglia del Rosebud, il 18 Giugno 1876. Scritta tra il 1885 e il 1890, rimase però incompiuta per il sopraggiungere in quell'anno della morte del generale. Martin F. Schmitt, che nel 1942 scoprì il manoscritto nella biblioteca dell'Army War College di Washington, ne curò l'edizione a stampa annotandola e completandola con i capitoli sulla carriera di Crook dopo il 1876, lavorando sulle sue carte personali, su fonti giornalistiche coeve e d'archivio.
Questa autobiografia del generale soprannominato «Tre Stelle» è e rimane una notevole e significativa fonte di notizie su un uomo non ortodosso e sul suo tempo.

 
 

MANDRIE E COW-BOYS

Autore: Piero Pieroni
Editore: Vallecchi
Anno: 1974
Collana: Avventure nella storia
Formato: Rilegato con sovracopertina, 28 cm, completamente illustrato con foto e disegni in b/n e a colori
Pagine: 150

[...] il ritratto degli allegri cavalieri erranti della prateria che, fra il 1865 e la fine del secolo scorso, spinsero milioni di capi di bestiame dalla prateria del Texas sulle piste dirette ai nodi ferroviari del Kansas e ai pascoli del Montana. La letteratura popolare, poi il cinema si impadronirono della figura del «centauro americano» e ne fecero per noi il simbolo stesso della conquista del West: un eroe senza macchia e senza paura, con la pistola fumante in una mano e la chitarra nell'altra, sempre pronto a correre in aiuto dell'indifesa fanciulla cavalcando a briglia sciolta. La realtà fu naturalmente ben diversa e meno romantica. Piero Pieroni, in MANDRIE E COW-BOYS, senza voler distruggere il mito, racconta la «vera» storia dei cow-boys e l'affascinante marcia del bestiame attraverso le pianure assolate e oltre i fiumi in piena, contro ogni sorta di ostacoli. Come è ormai tradizione della collana, il materiale illustrativo è ricchissimo e rende il volume un documentario completo su uno dei capitoli più emozionanti della storia del West.

 
 

JESSE JAMES
Storia del bandito ribelle


Titolo originale:
Jesse James. Last rebel of the Civil War
Autore: T.J. Stiles
Editore: Il Saggiatore
Anno: 2006
Collana: Nuovi Saggi Storia
Prefazione: Giulio Giorello
Traduzione:
Maria Eugenia Morin
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine: 603

Jesse James, il bandito ribelle, era un’ombra, un uomo che viveva in perenne clandestinità, una vera e propria leggenda fatta di voci e di storie che s’intrecciavano a fatica con la realtà. Eppure tutti conoscevano il suo nome, era celebre quanto il presidente degli Stati Uniti. Nel 1865, dopo la sanguinosa battaglia di Appomattox, i governatori del Missouri offrirono più di trecento ricompense per la cattura di criminali; ma perché fu proprio la sua banda la più ricercata? E in quale misura il temibile fuorilegge ha contribuito a costruire la propria fama? Le questioni e i conflitti fondamentali della storia americana accompagnano tutta la sua esistenza: la grande catastrofe della guerra di Secessione, gli anni difficili della ricostruzione, la diffusione delle ferrovie e il nascere di un’economia dominata dalle grandi imprese. Discendente di un vecchio ceppo di pionieri, figlio di un pastore d’anime, cresciuto in un’epoca fortemente segnata dalla divisione razziale, già a sedici anni Jesse James combatte una delle più cruente guerriglie dei confederati. Assale diligenze, rapina banche e tende agguati ai treni in uno stato del Midwest stretto tra il Nordest industriale, il Nordovest dei piccoli agricoltori e il Sud schiavista, dove ogni questione politica diventa personale e ogni conflitto si trasforma in violenza. Si presenta alla gente come un insolito Robin Hood, ai nemici come un comune delinquente: la sua morte improvvisa fissa per sempre queste maschere lasciando in sospeso il giudizio. Attraverso un lungo lavoro di ricerca e uno studio approfondito dei documenti T.J. Stiles racconta la vita di Jesse James legandosi ai fatti e allontanando la leggenda. Questa è una storia di americani che odiavano e uccidevano altri americani, di vincitori e vinti che rifiutarono di dimenticare e di perdonare. È una storia «fatta di imboscate, sparatorie e scorribande audaci, scampati pericoli, tradimenti e vendette», un racconto memorabile, una rivelazione dell’uomo e della sua epoca.

 
 

DONNE DELLA FRONTIERA
La storia sconosciuta delle eroine del West


Titolo originale:
Gentle Tamers. Women of the Old Wild West
Autore: Dee Brown
Editore: Mondadori
Anno: 1977
Collana: Le Scie
Traduzione: Silvia Giacomoni
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, illustrato con fotografie b/n
Pagine: 257

Si crede sempre di saperne tutto. Uno dice West e a questa parola l'immagine che si propone davanti agli occhi è immediata: cowboy, cavalli, diligenze, carovane, praterie, bivacchi, sparatorie, saloon, whisky. Scatta poi, in un secondo momento, la controimmagine di questa avventura solo apparentemente tutta d'oro. Ovvero, si presenta il rovescio della medaglia: tribù indiane, guerra di conquista, massacri, genocidio, civiltà distrutta, riserve, estinzione. Ecco, si dice, è tutto qui. Non c'è altro. Ma, inaspettatamente, da questa storia che pare tutta conosciuta, d'un tratto emerge il personaggio sino ad oggi dimenticato e vissuto in penombra, sempre di luce riflessa. Il personaggio è la donna, la donna che era accanto a quel cowboy o sui carri di quelle carovane, vicina al marito ufficiale in qualche sperduta guarnigione o nelle case da gioco piene di fumo; la donna che costruì con l'uomo le case e le città, dissodò le terre incolte, riuscì a rendere possibile, a volte persino bella, la vita per se stessa e per gli altri. Come vissero in concreto, come affrontarono l'esperienza del West queste mogli, queste madri, queste «donne di piccola virtù»? Ma, soprattutto, cosa significò per loro? Qualunque fosse il loro ceto sociale e la provenienza, perbene o di malaffare, posate massaie, giovani maestre in cerca di marito, attrici, prostitute o missionarie dalla fede accesa, una cosa le accomuna tutte. Sradicate dai luoghi d'origine per seguire la famiglia o attratte dalle prospettive dei nuovi territori, la vita dura cui andarono incontro le sbalzò di colpo dalle pareti domestiche e dal riparo di un tetto (a volte anche dalla protezione maschile), per immetterle nel vivo di una realtà dove la difesa per la sopravvivenza - in un mondo disagiato e senza leggi - era la prima regola da imparare. E fu qui che le donne, nel vero senso della parola e no, imbracciarono il fucile, ponendosi accanto agli uomini nell'edificazione del nuovo mondo, ma anche - non si dimentichi - difendendosi da essi. Fu qui, suggerisce Dee Brown, fortunato autore di Seppellite il mio cuore a Wounded Knee, che nacquero i loro primi dubbi sulla superiorità maschile; fu qui, nelle terre di Frontiera, che ebbe origine la prima ribellione femminista all'autorità dei maschi. Poi un giorno, nel Wyoming, a un tè offerto da una gentile signora di mezza età, tutto ciò si concretò nella richiesta del voto alle donne, quindi della completa uguaglianza sociale e civile con l'uomo. Era l'anno 1869.
 

Commento. L'unicità di quest'opera rende il libro, volente o nolente, da apprezzare. Fortunatamente non si tratta di un testo di bassa qualità, bensì di un'ottima disamina del mondo "rosa" del West. L'autore, notissimo agli amanti di West e acclamato come il migliore, dà un'eccellente raccolta di informazioni circa l'universo delle donne che vivevano nel West, raccontandone gli aspetti più disparati: oltre a quelli prettamente storici, fanno capolino quelli relativi all'alimentazione, alla cucina, al divertimento, ai passatempi, al vestiario, alla casa, al lavoro e molto altro. Brown emancipa la donna e ne offre il ritratto innalzandola oltre il livello "mascolino" che imperava nel West, affermando che è stata proprio la donna, e non l'uomo, a conquistare quelle terre selvagge. E' nel contempo il ritratto di un'atmosfera che da lì a poco avrebbe completamente ribaltato il ruolo della donna, sia tre le comunità del West sia all'interno della casa e della famiglia.

 
 

MEN OF THE WEST
Life on the American Frontier


Autore: Cathy Luchetti
Editore:
Norton, W. W. & Company, Inc.
Anno: 2006
Formato: Brossura leggera, 22x25 cm, completamente illustrato con foto in b/n
Pagine: 288

"A lively read, filled with wonderful quotes and photographs."--"Denver Post & Rocky Mountain News"
The lure of adventure and riches brought men west. Some had dreams of a quick gold strike and an easy retirement. Some were explorers drawn to this vast land. Still others were homesteaders eager to put down new roots. Many would return back east, worn out by hardship. But some found places for themselves as cowboys, ranchers, or townsmen. Cathy Luchetti, author of "Women of the West," captures the great upheaval of being a pioneer as well as the process of settling in. She uses the words of the men themselves, taken from letters, diaries, and memoirs--not only the iconic cowboys of our imagination but also the doctors, teachers, and ministers. She captures the frontiersmen from the East and the Native Americans whose lives were changed forever by their arrival. 139 b/w photographs.

 
 

DOC HOLLIDAY
The life and legend


Autore: Gary L. Roberts
Editore:
Wiley
Anno: 2007
Formato: Brossura leggera, 24 cm, illustrato con foto in b/n
Pagine: 544

"Splendid . . . not only the most readable yet definitive study of Holliday yet published, it is one of the best biographies of nineteenth-century Western 'good-bad men' to appear in the last twenty years. It was so vivid and gripping that I read it twice."
--Howard R. Lamar, Sterling Professor Emeritus of History, Yale University, and author of The New Encyclopedia of the American West

"The history of the American West is full of figures who have lived on as romanticized legends. They deserve serious study simply because they have continued to grip the public imagination. Such was Doc Holliday, and Gary Roberts has produced a model for looking at both the life and the legend of these frontier immortals."
--Robert M. Utley, author of The Lance and the Shield: The Life and Times of Sitting Bull

"Doc Holliday emerges from the shadows for the first time in this important work of Western biography. Gary L. Roberts has put flesh and soul to the man who has long been one of the most mysterious figures of frontier history. This is both an important work and a wonderful read."
--Casey Tefertiller, author of Wyatt Earp: The Life Behind the Legend

"Gary Roberts is one of a foremost class of writers who has created a real literature and authentic history of the so-called Western. His exhaustively researched and beautifully written Doc Holliday: The Life and Legend reveals a pathetically ill and tortured figure, but one of such intense loyalty to Wyatt Earp that it brought him limping to the O.K. Corral and into the glare of history."
--Jack Burrows, author of John Ringo: TheGunfighter Who Never Was

"Gary L. Roberts manifested an interest in Doc Holliday at a very early age, and he has devoted these past thirty-odd years to serious and detailed research in the development and writing of Doc Holliday: The Life and Legend. The world knows Holliday as Doc Holliday. Family members knew him as John. Somewhere in between the two lies the real John Henry Holliday. Roberts reflects this concept in his writing. This book should be of interest to Holliday devotees as well as newly found readers."
--Susan McKey Thomas, cousin of Doc Holliday and coauthor of In Search of the Hollidays

 
 

THE ALAMO

Autore: Frank Thompson
Editore:
Thunder Bay Press
Anno: 2002
Formato: Cartonato con sovracopertina, 30 cm, completamente illustrato con foto, disegni, mappe, manifesti a colori e in b/n
Pagine: 128

Although The Alamo fell in the early morning of March 6, 1836, the death of the Alamo defenders has come to symbolize courage and sacrifice for the cause of liberty. The memories of James Bowie, Davy Crockett, and William B. Travis are as powerful today as when the Texan Army routed Santa Anna to the cry "Remember the Alamo!" This book is more than a tribute to those who fell defending the mission. It is a thoroughly researched, vividly illustrated, objective description of the circumstances building up to and leading from that stand. By using contemporary writings, this history describes the political and military organizations of both sides, the weapons and equipment available to them, and the enduringly famous personalities involved, creating a vivid picture of this dramatic battle and the period in which it was fought.

 
 

LA BATTAGLIA DI LITTLE BIG HORN
Toro Seduto e Cavallo Pazzo contro Custer


Autore: Raffaele D'Aniello
Editore: Newton & Compton
Anno: 2001
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm, illustrato con tavole b/n
Pagine: 368

A Little Big Horn le tribù riunite del Lakota (Sioux) sconfissero il 7° Cavalleggeri del generale Custer, mostrando non solo una loro superiorità tattica di combattimento, ma anche quali potenzialità vi fossero nell'azione unitaria dei popoli nativi americani. L'autore ci accompagna in un viaggio nel mondo dell'etnologia, della storia, della tattica militare, dell'iconografia.

 
 

MANI IN ALTO
Storie criminali del Far West


Titolo originale:
Hands up!
Autore: David J. Cook
A cura di Everett L. DeGoyler, Jr.
Editore: Lerici
Anno: 1964
Collana: Tempo Libero (n. 1)
Traduzione:
Adriana Dell'Orto
Introduzione: Everett L. DeGoyler, Jr.
Formato: Cartonato leggero, 21 cm, illustrato con tavole b/n fuori testo
Pagine: 404

 
 

LA CONQUISTA DEL WEST
Armi e avventure del West americano


Titolo originale:
The Peacemakers. Arms and adventures in the American West
Autore: R.L. Wilson
Editore: Gremese
Anno: 1994
Collana: Superalbum
Traduzione: M. Mura
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23x29 cm, completamente illustrato con foto, disegni, mappe, manifesti a colori e in b/n
Pagine: 402

Nessuna vicenda storica ha colpito l'immaginazione popolare quanto la conquista del West. E nessun altro oggetto della storia del West ha affascinato collezionisti, storici, studenti e il pubblico in genere quanto le armi: fucili, pistole, coltelli Bowie e altri coltelli, tomahawks e una miriade di altre armi. Sono queste le "Peacemakers", soprannome dato a Samuel Colt (il Peace Maker, il paciere) nel 1847 e nome commerciale della più famosa arma del West: il revolver Single Action Army calibro 45. In senso più ampio, queste furono le armi usate nella conquista di una terra selvaggia come la Frontiera, per poi assumere un ruolo più pacifico nella rappresentazione teatrale, cinematografica e televisiva del West, e infine diventare tra i più preziosi oggetti da collezione e da museo dell'antiquariato americano.
Con questo libro, il più completo e ricco di splendide immagini mai realizzato sulle armi del West e sui loro utilizzatori, R.L. Wilson ha voluto rendere uno speciale omaggio al West.
Testo, didascalie, 320 illustrazioni a colori e 215 in bianco e nero guidano il lettore, con dovizia di particolari, all'interno di questo mondo affascinante. Partendo dalle armi dei primi americani, La conquista del West traccia un percorso che spazia dalle spedizioni di Lewis e Clark, attraverso esploratori, commercianti e montanari, fino all'esercito e ai cercatori d'oro e d'argento; dai pistoleri, giocatori d'azzardo, fuorilegge, tenutarie di bordello e prostitute, agli ufficiali di pace, cowboys e ranchers, senza dimenticare gli agricoltori, i bottegai, gli agenti della Wells Fargo, cacciatori e sportivi-gentiluomini, uomini e donne del circo del Wild West, fino alle stelle del genere western, in teatro, al cinema, alla radio e alla televisione. Il capitolo finale è dedicato al mondo del collezionismo e ai tesori della Frontiera.
Ideale complemento di best-sellers precedenti - Winchester: una leggenda americana e Colt: una leggenda americana - questo libro è soprattutto la storia delle armi del West. In netto contrasto con le primitive armi degli indiani nascevano le meravigliose creazioni di Colt, Winchester, Smith & Wesson, Remington, Marlin, Sharps, Henry Deringer, Hawken, le armerie e i subappaltatori degli Stati Uniti, i piccoli negozi degli armaioli privati, ma anche il diffusissimo coltello Bowie e altre armi ancora, molte delle quali impreziosite da incisioni e intarsi, alcuni realizzati persino dalla Tiffany & Co.
Nessun altro libro sul West può vantare immagini a colori altrettanto belle e significative. Grazie al talento di alcuni fotografi e agli archivi di immagini del periodo, l'autore può qui presentarci la più straordinaria raccolta di immagini storiche sulle armi del West e sui loro utenti mai pubblicata, con originali fotografie a colori, fotografie di immagini e opere dell'epoca (Bodmer, Miller, Bierstadt, Catlin, Remington, Jackson e altri), e fotogrammi di film e episodi televisivi.
Queste stupende illustrazioni comprendono anche centinaia di cimeli dell'epoca, anch'essi parte integrante dell'epopea: oggetti d'artigianato indiano, cartuccere e fondine, selle, stivali e altri oggetti in pelle, uniformi militari, scatole da gioco, distintivi, cappelli, abiti, immagini pubblicitarie e biglietti da visita, cimeli del mondo dello spettacolo e altro ancora. Persino l'architettura del tempo compare in molte immagini.
Oltre 250 collezionisti privati, musei e associazioni storiche hanno collaborato con l'autore nelle sue ricerche. Fra tutti, il più prezioso è stato il Gene Autry Western Heritage Museum, che ospita una collezione d'armi e di accessori unica al mondo. Più di sessanta fotografie riguardano armi e oggetti provenienti da quel museo.
Il formato del libro permette bellissimi primi piani delle varie armi, accompagnati da dettagliati testi che ne raccontano la storia e ne illustrano il significato. Wilson non dimentica poi di dare uno sguardo anche al genere cinematografico del "western", il cui scopo principale è quello di cercare di mantenere vivo quello spirito romantico e avventuroso che caratterizzò lo storico West. Una bibliografia selezionata e un indice dettagliato completano questo importante omaggio a quel fenomeno tutto americano che è il West.
 

Commento. DA AVERE!

 
 

BUFFALO BILL'S WILD WEST
An american legend


Autori: R.L. Wilson, Greg Martin
Editore: Chartwell Books
Anno: 2004
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23x29 cm, completamente illustrato con foto, disegni, mappe, manifesti a colori e in b/n
Pagine: 316

No theme in history has captured the imagination like the American West, and no presentation of the drama surpassed the original Wild West shows. In this unparalleled theater, the cast of characters were themselves authentic heroes: Buffalo Bill Cody, Texas Jack Omohundro, Wild Bill Hickok, Captain A. H. Bogardus, Annie Oakley, Doc Carver ("Evil Spirit of the Plains"), Lillian Smith, Captain Jack Crawford ("Poet Scout of the Plains"), Sitting Bull and hordes of Indians, Pawnee Bill, and May Lillie. These pioneer stars and superstars were predecessors to the Western film and television personalities of later times, and to the troupe in the contemporary extravaganza at Disneyland/Paris. Buffalo Bill's Wild West is a panoramic celebration of these colorful characters, who created the image of the West for Americans, and for the world. The book also celebrates the exciting and often flamboyant accoutrements and costumes, which were part and parcel of the stars' public appearance, and honors such characters as William Mathewson, recognized even by Cody himself as the "original Buffalo Bill." 
The lavish illustrations feature the Michael Del Castello Collection of the American West, with portfolios of treasures from the Buffalo Bill Museum (Buffalo Bill Historical Center, Cody, Wyoming) and the Autry Museum of Western Heritage (Los Angeles).
Cody and his contemporaries made the West come alive to millions through their Wild West show tours of Europe and America. Lavishly illustrated and unsurpassed in its authenticity, Buffalo Bill's Wild West is a collector's item for anyone interested in the most fascinating array of all objects of Americana, and in the uniquely colorful saga of the West.
From the original Wild West shows of P. T. Barnum in Hoboken, New Jersey, to the spectacular entertainments of such headliners as Buffalo Bill and Annie Oakley, see the arms and accessories of the adventurers who charmed the crowned heads of Europe and brought America's Wild West culture to the world--in the process helping to make Colt, Winchester, Wells Fargo, and the West into American legends.
In this unique volume, the authors have produced the most spectacular, lavish, and detailed illustrated tribute ever to Buffalo Bill and his Wild West show-business originals.
Buffalo Bill's Wild West is an unmatched chronicle drawn upon decades of research and collecting, augmented with images by master photographers Peter Beard and Douglas Sandberg, and period photo-graphs and archival material from museums and private collections, particularly that of Michael Del Castello--featured at the Royal Armouries Museum, Leeds, in the summer 1999 loan exhibition "Buffalo Bill's Wild West."
In over 225 color plates and 160 black-and-white illustrations, with in-depth text and captions, the colorful arms, posters, photo-graphs, costumes, saddles, accoutrements, stagecoaches, and, for the first time, Buffalo Bill's Wild West Winchester Ammo Wagon, are brought to life. The extraordinary, exquisitely detailed illustrations include more than 50 posters and advertising broadsheets, over 100 rare cabinet card photographs, innumerable historic firearms, advertising art and trade cards, and show-business memorabilia.
All the renowned exhibition shooters are presented: Buffalo Bill Cody, Annie Oakley, Frank Butler, Doc Carver, Johnny Baker, Pawnee Bill, Lillian Smith, Captain A. H. Bogardus and sons, Captain E. E. Stubbs, Curtis Liston, Arizona Joe, and many more--all of them sports and entertainment luminaries of their day.
Designed as a companion volume to the bestselling Colt: An American Legend; Winchester: An American Legend; The Peacemakers; Steel Canvas; and Ruger & His Guns, this new work covers a fascinating period in history and entertainment that will never be seen again.

 
 

VERSO L'OVEST

Titolo originale:
Sarah Royce and the American West
Autore: Sarah Royce
Editore: SEI
Anno: 1996
Collana: Testimoni Oculari
Traduzione: Giusi Riverso
Formato: Cartonato morbido, 26 cm, illustrato con disegni e fotografie in b/n e a colori
Pagine: 48

In questo volume potrai seguire le avventure della giovane Sarah Royce, una ragazza americana del secolo scorso. Sarah si trasferisce, con tutta la sua famiglia, dalla costa atlantica alla California. E' il 1849, l'anno magico della più famosa corsa all'oro degli Stati Uniti. Sarah attraversa il leggendario West e dà testimonianza dei molti, talvolta drammatici problemi che si presentano nel corso del lungo viaggio, attraverso sconfinate praterie, deserti, montagne. Durante il viaggio incappa nella fuga di una mandria, si perde nel deserto del Carson, incontra una gigantesca tarantola e scampa ad una disastrosa alluvione nel Sacramento. Emozioni e avventure sono garantite.

 
 

STORIA DEL FAR WEST

Autore: Viviana Zarbo
Editore: Newton Compton
Anno: 1994
Collana: Il Sapere - Enciclopedia Tascabile (n. 48)
Formato: Brossura leggera, 17 cm, illustrato con disegni in b/n
Pagine: 96

Far West è il nome dato dagli americani, nel XIX secolo, alle pianure che si estendono dal Mississippi alle Montagne Rocciose. Divenute terre di colonizzazione agricola, alimentarono presto uno dei grandi miti della storia moderna, sia con le avventure dei pionieri sia con le loro lotte contro gli Indiani. Questo libro ha l'ambizione di ridimensionare nella realtà storica ciò che nell'immaginario collettivo è stato stravolto dall'influenza determinante dei mass media, in particolare del cinema. Rivivono in queste pagine senza manicheismi i personaggi che hanno dominato la nostra fantasia: Toro Seduto, Nuvola Rossa, Buffalo Bill, Calamity Jane, Jesse James. Non più quindi indiani malvagi, ma solo uomini che hanno combattuto per la loro terra e la loro stessa esistenza. Non più banditi o eroi della legge ma spesso semplici avventurieri, sia da una parte che dall'altra.
 

Commento. Libro pessimo. Dà una leggerissima infarinatura di storia del West, peraltro assolutamente incompleta (prende in considerazione solo le guerre indiane, la legge e il ruolo e la figura del cowboy) e non offre nessun materiale utile per una completa, anche se superficiale, conoscenza dell'epopea western. La veste editoriale è altrettanto scarsa, anche se per 50 cent non possiamo pretendere nulla. Da parte mia non lo consiglio nemmeno per i "novellini" che si avvicinano per la prima volta alla storia del West. Ci sono molti libri più completi di questo.

 
 

LA VERA STORIA DI JESSE JAMES

Titolo originale:
Jesse James my father
Autore: Jesse James Jr.
A cura di: Cristiano Armati
Editore: Newton Compton
Anno: 2007
Collana: Biblioteca Economica Newton (n. 192)
Traduzione: Dario Morelli
Formato: Brossura leggera, 22 cm, illustrato con disegni in b/n
Pagine: 206

«Sono stati scritti e pubblicati centinaia di libri su Jesse James e la sua banda di fuorilegge. La maggior parte di questi volumi sono falsi dalla prima fino all'ultima pagina. Quelli che restano contengono qualche frammento di verità all'interno di capitoli e capitoli fatti solo di bugie». A parlare così è Jesse James Jr., il figlio del bandito più ricercato della storia del West. Attivo negli Stati Uniti ancora sconvolti dalla guerra civile, Jesse rapinò banche, assaltò diligenze e, ingaggiando una lotta senza quartiere contro i "nordisti", cercò di impedire l'espandersi della ferrovia nel suo Paese. Insieme al fratello Frank e agli altri complici del "quintetto terribile", diventò un nuovo Robin Hood americano, orgoglio dei contadini del Sud sconfitti dai soldati dell'Unione. Per questa ragione le imprese di Jesse non si risolvono all'interno di una logica semplicemente criminale ma possono essere comprese soltanto tenendo presente la durezza di una Nazione in cui l'esistenza degli uomini era segnata dal pregiudizio razziale e dove la risoluzione dei conflitti veniva demandata alle pistole. Scritta con parole semplici e sincere, La vera storia di Jesse James è una lettura obbligata per tutti coloro che, insieme ai fatti che consacrarono il mito del bandito, desiderano scoprire la cruda realtà della vita nel "selvaggio West".
 

Commento. Scarsissima biografia del celebre bandito, basata essenzialmente sui ricordi del figlio e quindi, per me, priva di quel rigore storiografico che possa confutarne o confermarne le dichiarazioni. Tra l'altro, nello già scarso numero di pagine, gli ultimi capitoli sono dedicati alla vita del figlio (quindi una breve autobiografia) e alla trascrizione dei documenti di un processo svoltosi contro di lui. Unici pregi, il prezzo basso (5 euro) e il coraggio della Newton a proporre un'opera legata al West. Per chi volesse davvero saperne di tutto e di più su Jesse James, consiglio "Jesse James. Storia del bandito ribelle" di TJ Stiles, edito dal Saggiatore.

 
 

LA GRANDE FRONTIERA
Uomini e donne del West


Titolo originale:
The Westerners
Autore: Dee Brown
Editore: Mondadori
Anno: 1974
Traduzione: Andrea D'Anna
Formato: Rilegato con sovracopertina, 26 cm, completamente illustrato con foto, cartine, disegni in b/n e a colori
Pagine: 288

«La storia del West americano ha tutti gli elementi dell'Iliade e dell'Odissea. E' un mondo eroico di conquiste e di guerre, di viaggi in terre lontane, di audaci cacce, estreme resistenze, imprese leggendarie. E' un'epopea di grandi gesti, di trionfi e fallimenti, del più vasto campionario di eroi e di eroine. Il West è una tragedia temperata da interludi di commedia. E' una storia del bene e del male, un dramma allegorico fatto di astrazioni personificate». Così Dee Brown, autore del famoso best-seller Seppellite il mio cuore a Wounded Knee, introduce a questa sua nuova opera dedicata a un West tutto da rivisitare, da riscoprire, da riconsiderare sotto una nuova luce. Brown ci guida in un'appassionante cavalcata attraverso i secoli, alla scoperta di un mondo emblematico dove si sono date convegno genti di ogni angolo della terra e si sono scatenate tutte le cupidigie, tutte le passioni, tutte le forme di sfruttamento. In questo autentico ombelico del mondo, nella cornice di una natura maestosa e selvaggia, si sono consumate le vicende personali di uomini e di donne d'eccezione, e la travolgente avanzata della civiltà bianca ha condotto all'estinzione stirpi umane e specie zoologiche. Questa terra, un tempo dominio incontrastato dei fieri pellirosse e di sterminati branchi di bisonti, ha visto un succedersi di avventurieri di ogni risma in cerca di ricchezza e di gloria, le frenetiche attività di speculatori senza scrupoli, politicanti corrotti, magnati delle comunicazioni, militari di carriera, profeti di nuove religioni come Brigham Young, il poligamo che parlava con Dio. Questa terra è stata teatro delle epiche fatiche di esploratori, cercatori d'oro, cow-boys, cacciatori di pellicce, mercanti, pionieri, umili operai cinesi della strada ferrata, mistici erranti come Jedediah Smith, artisti come George Catlin, il «mago della pittura», che immortalò nei suoi disegni e dipinti un mondo primitivo da lui intensamente amato e destinato a morirgli lentamente sotto gli occhi. Come un colossale Western affollato di personaggi indimenticabili, Dee Brown ricrea per noi il fascino unico di questo mondo, tutto il suo colore e il suo pathos, ma la suggestività dello spettacolo non esclude un tomo demistificatorio che fa giustizia di valutazioni e categorizzazioni ormai inaccettabili. Questa vena spregiudicata, a tratti dissacrante, percorre tutta la storia del West di Dee Brown, che balza da una vivida galleria di eroi e di antieroi. Essa si apre col primo uomo che giunse nel West dal mondo non-indiano, un negro marocchino di nome Esteban, per poi presentare volti spesso inediti di altre figure rappresentative del favoloso West - compreso un nobile, indomito e fondamentalmente mite Toro Seduto accanto a un fatuo e pusillanime generale Custer - e concludersi col cow-boy vagamente grottesco che per due volte diede con successo la scalata alla Casa Bianca: Teddy Roosevelt, alias Quattrocchi, alias il Cavaliere di Ferro, colui che «rappresentò il distillato finale dell'esperienza del West, e come presidente fece molto per imprimere durevolmente questi tratti nel carattere del popolo americano».

Indice. Introduzione - I figli del Sole - Il Mare Occidentale - Cavalieri in pelle di daino - Catlin: il «dottore della pittura» - Parkman e l'anno della decisione - Gregg e la principessa errante - La strada dell'Eldorado - Un angelo e uno spirito del male - I veloci carri di John Butterfield - Il Napoleone delle pianure - La più grande impresa sotto il sole - Gli sterminatori degli indiani - Il padre dei cowboys - Una ribelle in gonnella - Libbie e Autie - Toro Seduto, lo spodestato - Teddy, il domatore di cavalli - Bibliografia - Fonti delle illustrazioni - Indice analitico
 

Commento. Bellissimo libro, Brown è una garanzia. Ha una impostazione di fondo che predilige il racconto di grandi uomini e donne che formarono, in un modo o nell'altro, la storia del West (Custer e la moglie, Charles Goodnight, Francis Parkman, Ben Holladay, ecc.). Grandi illustrazioni di bellissimi quadri e dipinti, fuori testo e in carta patinata.

 
 

I COWBOY
Vita quotidiana, storia e leggenda


Titolo originale:
Cowboy
Autore: David Murdoch
Editore: Dorling Kindersley
Anno: 2005
Collana: Biblioteca Illustrata del Sapere (n. 36)
Altre edizioni: DeAgostini 1994
Traduzione: Cristina Rebeccani
Formato: Cartonato, 30 cm, completamente illustrato con foto, cartine, disegni in b/n e a colori
Pagine: 64

Un'originale e stimolante presentazione dell'affascinante vita dei cowboy in ogni parte del mondo. Eccezionali fotografie dal vivo di cavalli e mandrie, di marchi, lazi, attrezzi e utensili di ogni genere offrono un'efficace testimonianza visiva della vita quotidiana nel ranch.

 
 

I PELLEROSSA
Alla scoperta delle culture degli Indiani d'America: armi, riti, divinità, vita quotidiana delle più famose tribù


Titolo originale:
North American Indian
Autore: David Murdoch
Editore: Dorling Kindersley
Anno: 2005
Collana: Biblioteca Illustrata del Sapere (n. 35)
Altre edizioni: DeAgostini 1994
Traduzione: Orfeo Bandini
Formato: Cartonato, 30 cm, completamente illustrato con foto, cartine, disegni in b/n e a colori
Pagine: 64

Un'originale e stimolante presentazione dell'affascinante mondo dei Pellerossa. Eccezionali fotografie di magnifici copricapi, di mocassini riccamente decorati, di mirabili argenti e ceramiche finemente lavorate offrono un'efficace testimonianza visiva di questa fertile cultura.

 
 

IL FAR WEST
Alla scoperta della storia della Frontiera Americana, dalla corsa all'oro al massacro di Wounded Knee


Titolo originale:
Wild West
Autore: Stuart Murray
Editore: Dorling Kindersley
Anno: 2005
Collana: Biblioteca Illustrata del Sapere (n. 34)
Altre edizioni: DeAgostini 1994
Traduzione: Ilaria Ortolina
Formato: Cartonato, 30 cm, completamente illustrato con foto, cartine, disegni in b/n e a colori
Pagine: 64

Questa guida originale ed emozionante esplora l'affascinante storia dell'America del West. Eccezionali fotografie e documenti storici offrono un'efficace testimonianza visiva della storia del leggendario Far West.

 
 

VILLA E ZAPATA
Una biografia della Rivoluzione Messicana


Titolo originale:
Villa and Zapata. A biography of the Mexican Revolution
Autore: Frank McLynn
Editore: Net
Anno: 2006
Collana: Storica
Altre edizioni: Il Saggiatore 2003
Traduzione: Giuseppe Bernardi
Prefazione: Giulio Giorello
Formato: Brossura, 21 cm, illustrato con tavole in b/n
Pagine: 508

E' la prima rivoluzione del XX secolo. I suoi leader sono le prime icone dell'America Latina, cui si affiancherà, decenni dopo, quella di Che Guevara. Il tentativo di abbattere la dittatura di Porfirio Díaz diede avvio a un decennio di scontri che in vestirono quasi tutto il territorio messicano, provocando complessivamente un milione di morti. E mettendo a nudo ambizioni personali, gelosie localistiche, disuguaglianze economiche e conflitti etnici. Frank McLynn racconta la Rivoluzione messicana attraverso la vita dei suoi due eroi leggendari: Pancho Villa, che nel Nord creò un agguerrito esercito di rancheros e charros, ed Emiliano Zapata, che guidò la rivolta dei contadini e dei peones del Sud. Se Villa fu il grande comandante militare della Rivoluzione, il protagonista di imprese audaci che ispirarono canzoni e racconti favolosi, Zapata ne fu invece l'anima, l'espressione della volontà incorruttibile di trasformare radicalmente la società messicana. Dotati entrambi di grande carisma, Villa e Zapata raggiunsero il loro apogeo nel 1914, quando insieme fecero un trionfale ingresso nella capitale; ma negli anni successivi l'incapacità di costruire una solida alleanza e di conciliare le diverse istanze di cui erano portatori segnò il declino della loro parabola sotto i colpi di due ambiziosi avversari, Alvaro Obrégon e Venustiano Carranza.

 
 

EVERYDAY LIFE IN THE WILD WEST
From 1840-1900


Autore: Candy Moulton
Editore: Writer's Digest Books
Anno: 2002
Formato: Brossura, 23 cm, illustrato con fotografie b/n
Pagine: 326

Everyday Life in the Wild West shows you firsthand what it was like to tame the praries, fight the battles and build the boomtowns. From the vittles people ate (including boudins and buffalo humps) to what they wore (such as linsey-woolsey, caliso and duck), this book is packed with historical accounts, maps and photographs to give you a complete perspective of this fascinating era.

Indice. Introduction • The Land, Government and War * The Land Itself - Land Ownership - Native American Territories, Leadership and Lifestyle - United States/Indian Treaties - Western Wars • Everyday Life * Clothes and Accessories - Food and Drink - Architecture - Furnishing a Home - Marriage and Family - Doctors, Dentists and Medicine • Wild West Society * Education - Employment - Entertainment - Language - Travel and Communications - Crime and Punishment - Coins/Money and How Much Things Cost - Writer's Resource Guide - Chronology - Bibliography - Index

 
 

IL COWBOY
Leggenda e realtà. Dizionario della storia dei pionieri americani


Titolo originale:
Der cowboy. Legende und wirklichkeit von A-Z. Ein lexikon der amerikanischen pionergeschichte
Autore: H.J. Stammel
Editore: SEI (Società Editrice Internazionale)
Anno: 1974
Traduzione: AA.VV.
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm, illustrato con fotografie b/n e a colori
Pagine: 406

La prima autentica opera di consultazione sul mondo dei cowboy e sul «selvaggio West».
Centinaia di voci e oltre 550 illustrazioni, a uno o più colori, forniscono informazioni storicamente esatte - in ordine alfabetico - sulla vita quotidiana dei cowboy: codice d'onore, equipaggiamento, giochi, senso dell'amicizia e vita amorosa.
Pistole, fucili e altre armi - Imperi dei bovini - Trasferimenti di mandrie - Pony Express e linee ferroviarie transcontinentali - Ambiente e catastrofi naturali - Coloni e Mormoni - Indiani: l'ambiente di vita, la lingua, la cultura e il loro sterminio - Spie, esploratori ed esercito USA - Cercatori d'oro e avventurieri - Linciaggio e umanità - Bande e banditi: queste non sono che alcune tra le numerosissime voci che ci riportano a quell'affascinante epoca che fu il pionierismo americano

Indice. Introduzione - Profilo storico - Il paese - Gli indiani - I pionieri - I coloni - La legge - Le donne - I cowboys - Il dizionario - Ringraziamenti

 
 

COSI' SPARAVANO I NOSTRI
Uomini e armi del vecchio West


Autori: A.G. Cimmarelli, A. Gattia
Editore: Stringa
Anno:
1966
Formato:
Rilegato con sovracopertina, 30 cm, completamente illustrato con fotografie e disegni in b/n e a colori
Pagine: 230

Indice. Armi nuove per una nuova nazione - Sul sentiero di guerra - Sceriffi, fuorilegge, cow-boy - Dal tavolo verde al circo

 
 

DI LA' DAL GRANDE MISSOURI
Esplorazioni e spedizioni commerciali nelle Montagne Rocciose (1832-1838)


Titolo originale:
Across the wide Missouri
Autore: Bernard DeVoto
Editore: Mursia
Anno: 1992
Traduzione: Maria Elena Vaccarini
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm
Pagine: 448

Frutto di lunghe e accurate ricerche d'archivio, queste pagine raccontano le vicende del commercio delle pellicce nella regione delle Montagne Rocciose tra il 1832 e il 1838. L'autore non offre né una sintesi divulgativa né una storia analitica dei fatti e delle circostanze che in quel torno d'anni videro fronteggiarsi in termini concorrenziali principalmente la Compagnia Americana delle Pellicce e la Compagnia delle Pellicce delle Montagne Rocciose. Egli cerca piuttosto di presentare tale commercio nei meccanismi che gli furono propri, di associarlo a uno stile di vita particolare, che per certi versi contribuì a plasmare il patrimonio spirituale e culturale del popolo americano; inoltre, di individuarne i nessi con l'espansione verso ovest degli Stati Uniti e, soprattutto, di mettere a nudo l'esistenza solitaria e selvaggia, affascinante ma dura, dei mountain men. Una costante percorre l'intera opera, costituendone anzi l'aura essenziale: quella di trasmettere al lettore la sensazione del tempo che incalza, mentre un migliaio di uomini anonimi, tra il Missouri e il Pacifico, negli anni '30 del secolo scorso, stava accelerando la fine di un'epoca della storia americana per renderne possibile un'altra.

 
 

I PISTOLERI
Armi e uomini sulla Frontiera, 1840-1900


Titolo originale:
Age of gunfighter. Man and weapons on the Frontier, 1840-1900
Autore:
Joseph G. Rosa
Editore: IdeaLibri
Anno: 1994
Altre edizioni: IdeaLibri 1995
Traduzione:
Piero Pieroni, Chiara Passigli
Formato: Rilegato con sovracopertina, 34 cm, completamente illustrato con fotografie e disegni in b/n e a colori
Pagine: 193

I pistoleri: nel vecchio West li chiamavano 'men killers', uccisori di uomini, ma dai primi anni del Novecento sono noti come pistoleri, in base alle imprese di una 'razza a sé' che comparve nella guerra con il Messico del 1846, fu testimone nella sua adolescenza della febbre dell'oro in California e delle guerre di confine tra Kansas e Missouri negli anni 1850, raggiunse la maturità durante la Guerra Civile combattendo una guerriglia su entrambi i fronti, visse la vita adulta nelle cittadine nate con il boom minerario, l'allevamento del bestiame, la ferrovia e, durante tutto questo periodo turbolento, raggiunse la pienezza della propria personalità.
Nelle remote regioni degli stati e dei territori, dove la legge era inefficace o inascoltata, il miglior amico di un uomo, e la sua unica speranza di salvezza, era la pistola.
Fra coloro che vissero e morirono con le armi in pugno, guadagnandosi fama e reputazione, alcuni, come Bill Tilgham e Bat Masterson, erano onesti uomini della legge; altri, come Wild Bill Hickok e Wyatt Earp, si appuntarono la stella solo quando le circostanze lo imposero e usarono il revolver per mantenere l'ordine pubblico. Ma quelli come Jesse James e Billy the Kid se ne servirono al solo fine di procurarsi ricchezza e potere, seminando terrore e odio fra gli onesti cittadini che incontrarono sul loro cammino.
Basato sugli studi e le ricerche più recenti e autorevoli, "I Pistoleri" fa luce su un periodo violento, unico nella storia del West americano. In quattro capitoli - "Il West violento", "Feudi e guerre per i pascoli", "Vita tumultuosa dei cowboys e delle città del bestiame", "Legge e ordine: dalle armi al tribunale" -, il volume narra di uomini che hanno lasciato un segno indelebile di mortale efficienza, e che ancora ci affascinano. Con un racconto vivido e rigoroso di quel tempo, Joseph G. Rosa combina studi contemporanei ad una meticolosa ricerca storica, per giungere alla lucida valutazione di un'epoca.

 
 

IL WEST
Dai primi coloni a Wounded Knee: in immagini esclusive la storia della Nuova Frontiera


Titolo originale:
The West
Autori:
William C. Davis, Joseph G. Rosa
Editore:
DeAgostini
Anno:
2000
Traduzione:
Paola Ravizza
Formato:
Rilegato con sovracopertina, 37 cm, completamente illustrato con fotografie e disegni in b/n e a colori
Pagine:
176

Un libro che documenta la storia vera del West. 58 sintetici capitoli tracciano un quadro del periodo, descrivendone aspetti sociali, istituzionali e culturali e raccontando le avventure dei protagonisti che sono diventati vere e proprie leggende dell'epoca: Lewis e Clark, Billy the Kid, Buffalo Bill, Custer, Butch Cassidy.
 

Commento. Amici del West! Non consigliare questo libro agli appassionati è uno degli errori più grandi che un "collega" potrebbe fare! Perché? Semplicemente perché è un libro FANTASTICO! E' un'opera che, insieme a "Gli uomini della Frontiera" e "I Pistoleri" entra a far parte dritto dritto della categoria "Migliori libri sul West mai editi in Italia". Gli autori, scrittori anche degli altri due libri sopra citati (Joseph Rosa per "I Pistoleri" e William Davis per "Gli uomini della Frontiera"), hanno ben pensato di unire le loro precedenti opere e scrivere e comporre a due mani un meraviglioso affresco del fantastico West americano. Il libro, lo dico subito, dimensionalmente parlando è letteralmente enorme, come si evince anche nei dati della scheda in alto. Un volumone che è diviso in ben 58 capitoli, ognuno dei quali di 2 o 4 pagine, più illustrato che scritto. Il testo di ogni capitolo, infatti, è sì descrittivo ma a causa del ristretto numero di pagine non è molto approfondito. Ma vi assicuro che questo non è assolutamente un difetto, in quanto ci sono numerosi capitoli che sono molto precisi, e comunque ognuno è assolutamente illustrato con bellissime fotografie, mappe, disegni, quadri, riproduzioni, manifesti, e chi più ne ha più ne metta...
Non c'è più molto da dire, farne una recensione non è semplice né, a mio avviso, molto utile perché alla fine il libro è una raccolta di descrizioni a cui non si può dare un commento dal momento che raccontano semplicemente la realtà. Non è un romanzo. Si può solo dire che il taglio è generale, molto semplice e non molto approfondito (per i motivi sopra citati), non presuppone letture propedeutiche proprio perché si occupa il libro stesso di trascinarvi all'interno della storia del West spiegandovi senza fronzoli com'era avvenuta realmente.

 
 

LA PIU' GRANDE IMPRESA DEL MONDO
La storia degli uomini che costruirono la ferrovia transcontinentale


Titolo originale:
Nothing like it in the world
Autore: Stephen E. Ambrose
Editore: Longanesi
Anno: 2004
Collana:
Il Cammeo (n. 428)
Traduzione: Sergio Mancini
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm, con 32 tavole di fotografie b/n e alcune cartine
Pagine: 536

In poco più di cinque anni, due eserciti di quindicimila uomini, partendo rispettivamente da Sacramento in California e da Omaha in Nebraska, riuscirono a unificare con più di tremila chilometri di ferrovia il territorio degli Stati Uniti, una nazione giovane appena uscita da una guerra civile e impegnata nella grande avventura della conquista del West. Oltre a tracciare il quadro storico della vicenda, l'autore si sofferma sulle vicende umane dei protagonisti dell'impresa, sulla loro vita quotidiana, sulle aspettative e le speranze che li guidarono in quest'epopea a dispetto degli enormi ostacoli naturali, politici ed economici, fino alla posa del "chiodo d'oro" che simbolicamente unì la costa orientale e quella occidentale del Grande Paese.

 
 

LE CITTA' NELLA STORIA DEGLI STATI UNITI

Titolo originale:
A history of urban America
Autori:
Charles N. Glaab, Theodore A. Brown
Editore: Giannini
Anno: 1970
Collana:
Economia e Società (n. 3)
Traduzione: Felice Villani
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm
Pagine: 460

Lo sviluppo delle città è posto al centro di questo libro come tema unificatore della storia sociale degli Stati Uniti. Il processo che trasforma piccole comunità nelle grandi odierne metropoli; l'infittirsi della rete urbana; il sorgere di nuove città in connessione con la speculazione sulle linee ferroviarie e sulle aree fabbricabili; il rapporto città-campagna e il mutare nella realtà, nella concezione e nella rappresentazione letteraria di tale rapporto sotto la spinta della industrializzazione e dell'urbanismo; le condizioni di vita e le lotte politiche nei centri urbani; i problemi economici demografici edilizi sanitari dello sviluppo cittadino: questi i temi trattati dagli autori non come argomenti puramente tecnici, ma come aspetti fondamentali della storia degli Stati Uniti. L'impostazione originale, moderna, aperta ai contributi delle « scienze sociali »; il rigore dell'analisi e la ricca e varia documentazione; il presentarsi oggi in Italia di alcuni problemi dello sviluppo urbano che già trovano in queste pagine una collocazione storica fanno di questo volume uno strumento necessario non soltanto agli specialisti e agli storici, ma agli uomini politici, agli economisti, agli urbanisti, ai sociologi, ad ogni persona attenta ai problemi della società contemporanea.

 
 

LA FRONTIERA NELLA STORIA AMERICANA

Titolo originale:
The Frontier in American history
Autore: Frederick Jackson Turner
Editore: Il Mulino
Introduzione: Claudio Calamandrei
Anno: 1975
Altre edizioni: Il Mulino 1959, 1967
Collana: Universale Paperbacks (n. 29)
Traduzione: Luciano Serra
Formato: Brossura leggera, 19 cm, alcune cartine b/n
Pagine: 444

« La frontiera nella storia americana », che viene qui ripubblicata in una nuova edizione, è un'opera classica, il cui autore viene considerato il padre della moderna storiografia americana. Cos'è la teoria o ipotesi della frontiera? La storia americana, secondo la teoria del Turner, è essenzialmente una storia di colonizzazione dell'Ovest. La chiave di questo processo è la presenza di una frontiera mobile che continuamente si sposta aprendo nuovi orizzonti economici ed umani. Mentre per noi la frontiera è un limite, per gli americani essa è stata, fino alla fine del secolo scorso, una « zona intermedia sempre in movimento da oriente verso occidente tra un mondo legato all'antica cultura e alle tradizionali stratificazioni politiche e sociali di derivazione europea e un mondo ancora vergine, aperto a ogni nuova esperienza e identificantesi con la natura stessa ». In un senso più alto e metaforico si può dire che la storia americana è la storia della frontiera.

 
 

A OVEST DELLA LEGGE

Autori: Piero Pieroni, Riccardo Gatteschi
Editore: Fratelli Fabbri
Anno: 1975
Collana: Americana
Formato: Cartonato morbido, 25 cm, illustrato con fotografie in b/n e a colori
Pagine: 184

Chi era veramente Wyatt Earp, lo sceriffo della celebre sfida all'OK Corral?. E Jesse James, il fuorilegge romantico, ucciso a tradimento da un parente, fu un rapinatore omicida o la vittima di un'oppressione legale contro la quale non ebbe altra difesa che la pistola? Billy the Kid: un adolescente sanguinario o l'inconsapevole campione della rivolta della gente comune che si opponeva allo strapotere mafioso dei grandi allevatori di bestiame? A queste e a molte altre domande cercano di rispondere gli autori del volume, montando, con l'aiuto di centinaia di testimonianze dell'epoca, una specie di processo ai miti e ai luoghi comuni di uno dei momenti più drammatici della storia del West: l'imposizione della legge nei selvaggi territori della frontiera. Il risultato è un sorprendente capovolgimento delle nostre idee sui "buoni" e sui "cattivi" del West come ci sono state trasmesse dal mito cinematografico. In realtà, infatti, fuorilegge e banditi furono spesso vittime di situazioni sociali o razziali senza scampo, rifiuti senza colpa del fallimento del sogno americano di una società libera e giusta per tutti, mentre gli "uomini con la stella", i rappresentanti della legge, furono spesso fautori della violenza del potere.

 
 

LA CONQUISTA DEL WEST

Titolo originale:
En avant vers l'Ouest
Autore: Jacques Chastenet
Editore: Club degli Editori
Anno: 1968
Altre edizioni: Dall'Oglio 1968
Collana: Fatti e figure
Traduzione: A. Vidotto Bonafonte
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con 16 fotografie in b/n e alcune cartine
Pagine: 240

Jacques Chastenet, dell'Académie française, narra la storia della « corsa verso l'Ovest », e cioè dell'incoercibile slancio che in tre secoli, con ritmi vari e attraverso incredibili peripezie, portò alla colonizzazione del territorio dei futuri Stati Uniti: dalle coste dell'Atlantico a quelle del Pacifico. Sono rivissute le diverse tappe di questa conquista e le caratteristiche di ciascuna di esse; sono rievocati gli uomini e le donne che vi parteciparono e le tracce profonde che essi lasciarono nella psicologia del popolo americano. L'autore non evita i lati oscuri dell'epopea, soprattutto la violenza e gli inganni che permisero la progressiva eliminazione dei primitivi possessori del suolo: i Pellirosse. Strada facendo, si attraversano le zone già esplorate dai film western e si incontrano i protagonisti di questi film. Forse si giungerà alla conclusione che la realtà, senza essere meno pittoresca delle immagini che ne sono state evocate, era in realtà ben diversa. Accuratamente documentata, di un assoluto rigore storico, l'opera è scritta da una penna vivace, e la sua lettura si rivela piacevole e ricca di informazioni. Il volume è arricchito da cartine nel testo e da numerose tavole fuori testo.
 

Commento. Lodevole lavoro. Raccontare l'intera storia del West in 240 pagine, e farlo in maniera esauriente, non è facile. Chastenet ci riesce e ci offre uno spaccato storico di primo livello raccontando la conquista spezzandola in blocchi argomentativi di scorrevole lettura. L'impero del bestiame, quello minerario, gli indiani, i Mormoni, la ferrovia, la corsa verso l'Ovest, l'espansione agricola, partendo dalla guerra d'indipendenza e dalle prime esplorazioni verso Ovest sono gli argomenti che il libro tratta ed espone in maniera chiara, pur con qualche errore e qualche pecca editoriale (le traduzioni dei nomi dei protagonisti). Direi un buon compendio di storia, abbastanza utile a chi cerca una lettura completa senza voler cadere nella noiosità dei particolari.

 
 

I PASCOLI DELL'INFERNO
La vera storia del cowboy


Autore: Alberto Paleari
Editore: Fratelli Fabbri
Anno: 1977
Collana: Collana: Americana
Presentazione: Piero Pieroni
Formato: Cartonato morbido, 27 cm, illustrato con numerose fotografie in b/n
Pagine: 160

 
 

IL GRANDE LIBRO DEL FAR WEST

Titolo originale:
The best-ever book of the Wild West
Autore: Mike Stotter (con la collaborazione di Dee Brown)
Editore: Vallardi Industrie Grafiche
Anno: 1997
Altre edizioni: Euroclub 1998
Formato: Cartonato con sovracopertina, 31 cm, illustrato con fotografie e disegni in b/n e a colori
Pagine: 64
 

Commento. Simpatica rassegna illustrativa della Storia del West, con bei disegni e alcune fotografie. Racconta in maniera semplice (è un libro per ragazzi) ma completa molti aspetti storici e culturali della vita nel West, gli indiani, i cowboy, i pistoleri, i cercatori d'oro, gli uomini di legge, i pionieri, i soldati, ecc. Più che altro un libro illustrativo con breve testo e brevi didascalie.

 
 

LO SCERIFFO DI FERRO
La vera storia di Wyatt Earp, Doc Holliday e della sfida all'OK Corral


Titolo originale:
Wyatt Earp, Frontier Marshal
Autore: Stuart N. Lake
Editore: Longanesi
Anno: 1976
Collana: Il West (n. 11)
Presentazione e Traduzione: Tullio Dobner
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine: 313

«E' impossibile raccontare la vera storia del vecchio West» disse una volta Bat Masterson «a meno che Wyatt Earp non racconti ciò che sa. E Wyatt Earp non parlerà». Fortunatamente il tempo e le circostanze hanno confutato le previsioni di Masterson e Wyatt Earp dedicò gli ultimi mesi di vita alla narrazione della sua storia, a un resoconto veritiero e di prima mano della sua carriera. Wyatt Earp è stato a lungo un mito per gli amanti del vecchio West, ma questa biografia, raccolta da Stuart Lake, non è assolutamente un racconto mitico. Decine e decine di testimoni oculari sono stati intervistati per la verifica di ogni minimo particolare; migliaia di chilometri sono stati coperti per raccogliere tutta la documentazione; centinaia di vecchi giornali di Frontiera sono stati sfogliati per ricavarne ogni nota pertinente. Fuori della leggenda questo libro offre il ritratto di un uomo che compendiò in sé la sua epoca: il più efficiente difensore della legge e il più grande pistolero del Vecchio West. Narrare la sua storia, spiegare la posizione di dominio che si conquistò con la forza del calibro 45 nelle cittadine della prateria e nei campi di minatori nel «decennio rosso» del Sud-Ovest significa raccontare la storia della nascita di una nazione e dei suoi valori: la fede nell'individuo e nell'azione positiva. La filosofia di Earp e la ragione del suo successo potrebbero essere compendiate nelle parole con cui si rivolse a Ike Clanton, fuorilegge spaccone, ladro di bestiame e assassino: «Vattene a casa, Ike, parli troppo per essere un buon pistolero».
 

Commento. Premessa: affrontate questo libro con lo stesso spirito e le stesse speranze di un romanzo. Non aspettatevi fatti storici veritieri e approfonditi nella loro realtà storica, nè descrizioni biografiche sulla quale ci mettereste la mano sul fuoco. "Lo sceriffo di ferro" è quello che viene decantato come "biografia veritiera" ma che alla fine si rivela nient'altro che un ottimo calderone dove la fantasia dell'autore ribolle raccontando la vita e le storie di Wyatt Earp. Dal paesino dell'Illinois dove nacque alla California dove morì, il più conosciuto dei fratelli Earp è qui descritto come un'agiografia, facendone risplendere la figura come se brillasse di luce propria, quando invece in luogo dell'aureola potevano benissimo starci un paio di corna da diavolo e in luogo dell'alone luminoso solo fango, polvere e sporcizia. Insomma, Wyatt Earp, a differenza di quanto in questo volume descritto, non era l'eroe che gli USA acclamarono e accettarono almeno fino agli anni 50 del XX secolo, ma un semplice uomo di Frontiera passato alla storia semplicemente per una sparatoria poi divenuta famosissima in base ad alcune congetture poco chiare che vi ruotarono. Quindi, non prendete il testo di Lake come la biografia ufficiale di Earp, bensì col beneficio del dubbio. Per carità, ci sono alcuni racconti che potrebbero essere veri, ma che differenza fa quando tutto il resto sono solo pure invenzioni?

 
 

L'EPOPEA DEL FAR WEST
Cacciatori indiani pionieri cowboys fuorilegge sceriffi


Autore: Piero Pieroni (a cura)
Editore: Mondadori
Anno: 1961
Formato: Cartonato morbido, 32 cm, completamente illustrato con fotografie in b/n e a colori; con allegato disco 33 giri con le canzoni del Far West
Pagine: 106 circa, non numerate
 

Commento. Bella carrellata sulla storia e l'epopea del Far West. Piero Pieroni, in questo volume, riduce al minimo il testo preferendo far parlare le immagini, delle quali il libro è pieno. Più che altro si tratta di disegni d'epoca, ma molto affascinanti, e in ogni caso l'autore ci propone anche qualche fotografia. La prosa è molto semplice e, se possiamo dire così, un po' "tirata via", di conseguenza non è molto esaustiva e traccia a grandi (molto grandi) linee la storia della Frontiera. E' un volume destinato alle biblioteche dei collezionisti e degli appassionati più feraci, non certo a chi cerca dettagli, precisione o completezza. A rendere poco significante questa mancanza, però, c'è il disco 33 giri con le canzoni del Far West allegato in terza di copertina. Trovare una copia con il disco è cosa molto rara, e lo è ancora di più trovarla a prezzo accessibile.

 
 

I GIUSTIZIERI DEL FAR WEST
Un resoconto esatto e imparziale della caccia, processo, cattura ed esecuzione capitale della banda di Henry Plummer


Titolo originale:
The Vigilantes of Montana, or popular justice in the Rocky Mountains
Autore: Thomas J. Dimsdale
Editore: Lerici
Anno: 1965
Collana: Tempo libero (n. 7)
Traduzione: A. Dell'Orto
Formato: Cartonato morbido, 21 cm
Pagine: 262

Un resoconto esatto e imparziale della caccia, processo, cattura ed esecuzione capitale della banda di Henry Plummer, unitamente alla cronaca della vita e dei delitti di molti criminali e 'desperados', il tutto disseminato di scene di vita negli accampamenti dei cercatori d'oro del Far West; essendo questa l'unica opera degna di fede sull'argomento mai presentata finora al pubblico.
 

Commento. Questo volume è il racconto di prima mano di un professore che visse e vide i momenti ed i fatti che narra. Thomas Dimsdale, professore inglese, traccia la storia dei Vigilantes del Montana attraverso una serie di articoli, basandola anche sulla famosa figura di Henry Plummer, il bandito-sceriffo. Dimsdale risiedeva a Bannack, villaggio che, insieme a Virginia City, era la capitale di assassini, ladri, bari e tagliagole, che infestavano anche gli accampamenti e le miniere dei dintorni pronti ad attaccare e depredare sia cercatori d’oro isolati che diligenze che carri. Il volume narra queste gesta, e come vennero affrontate dai Vigilantes: come risultò la loro giustizia sommaria ma efficace, come riportarono tanti successi grazie alla loro perseveranza e voglia di giustizia, come accompagnarono alla forca tutti i banditi del Montana. Ogni fuorilegge è descritto fisicamente e psicologicamente, e l’autore ne riporta anche accenni biografici e, soprattutto, la storia del suo inseguimento e della sua morte, rigorosamente per impiccagione, da parte dei Vigilantes. Un lavoro certosino, scritto anche con una prosa accattivante tipica del secolo, anche questa volta, però, minato dalla totale mancanza di fotografie a corredo (che nell’edizione originale in inglese c’erano).

 
 

COWBOY
Scritti e testimonianze dell'epoca dei grandi tratturi del West


Titolo originale:
Best of American Cowboy
Curatore: Ramon F. Adams
Curatore edizione italiana: V. Riva
Editore: Feltrinelli
Anno: 1958
Altre edizioni: Feltrinelli Economica 1979; Loescher 1981
Traduzione:
Luciano Bianciardi
Formato: Rilegato con sovracopertina e cofanetto, 21 cm, illustrato con fotografie e disegni in b/n e a colori; con una mappa delle Pianure Americane sul retrocopertina; con un "Canzoniere del West" in appendice
Pagine: 550

Scritti e testimonianze dell'epoca dei grandi tratturi del West.

Indice. Nota dell'editore italiano - Introduzione - Anonimo: Un uomo tagliato per tempi suoi - Edgar Rye: Le opere e i giorni dell'autentico cowboy - Peter Wright: La civiltà della mandria e del cavallo - W.S. James: La moda presso i cowboy - Emerson Hough: I divertimenti del cowboy - Bob G. Quickfall: Stagli addosso! - "Bunny": Un cowboy coi fiocchi - Frank J. Hastings: Il torello maculato - Don H. Biggers: La raccolta del bestiame - Benjamin S. Miller: Incendio nella prateria - Reginald Aldridge: I traffici della prateria - James Cox: Maverick, fantasia e realtà - J.M. Pollock: La sete - William French: La cattura di Elfego Baca - Mary J. Jaques: Téxas, e non Texàss - Stewart Edward White: La scelta del bestiame - John Clay: Giustizia nella prateria - John Bratt: I rischi della vita sul pascolo - Tom Candy Ponting: La partenza della mandria - Joseph McCoy: La spedizione del bestiame - James C. Shaw: Dal Texas al Warbonnet - J.L. Hill: Lungo il tratturo nel 1883 - Andy Adams: La mandria assetata - John Craig: La via più a Nord - Charles Steedman: Una notte selvaggia - John Callison: Il sudario del cowboy - Edgar Beecher Bronson: Fine del viaggio - Canzoniere dei cowboy del West - Indice delle illustrazioni
 

Commento. Quest’opera è considerata dalla maggior parte degli esperti italiani, la Bibbia del cowboy. C’è tutto sul personaggio per eccellenza della Frontiera: vita, morte e miracoli, leggende e realtà. Le oltre 550 pagine che compongono il corposissimo volume, sono costituite da testimonianze dirette di veri cowboy, che ne raccontano la vita al ranch, lungo la pista e nelle città. Numerose tavole di fotografie sono disseminate per il libro, che ha la semplicità di venir descritto come, appunto, la Bibbia del cowboy, semplicemente perché c’è tutto quello che si vuole conoscere, dalle abitudini al lavoro, dalla vita personale al divertimento, tutto assolutamente testimoniato e veritiero, senza fronzoli e nessuna possibilità di inganno. Inoltre il formato del libro, costituito da un volume cartonato con sovracopertina e cofanetto, ci regala un simpaticissimo “Canzoniere del cowboy”, con numerosi testi inglesi e tradotti seguiti dal pentagramma con le varie note, e una raccolta di ritagli di giornale del West che si può leggere nelle guardie di copertina. La sovracopertina, inoltre, contiene all’interno una dettagliata cartina degli Stati Uniti. Che volere di più?

 
 

UN FISCHIO NELLA PRATERIA
L'epopea del treno nel grande West


Titolo originale:
Hear that lonesome whistle blow
Autore: Dee Brown
Editore: Mondadori
Anno: 2000
Altre edizioni: Mondadori 1980
Collana: Oscar Storia (n. 210)
Traduzione: Augusta Mattioli
Formato: Brossura leggera, 20 cm, illustrato con fotografie e mappe in b/n
Pagine: 360

Il 10 maggio 1869, nella piccola e solitaria stazione di Promontory, un martello placcato d'argento conficcò due arpioni d'oro dentro una traversina ferroviaria. Quella traversina era la sola che mancasse, ormai, per unire l'Atlantico e il Pacifico. Da un capo all'altro dell'America, le locomotive attraversavano non solo fiumi, montagne e deserti, ma anche la vita degli uomini, portando alcuni alla rovina, dando ad altri ricchezza e potenza. Abraham Lincoln e Jesse James, selvaggi speculatori e operai, indiani e coloni ruotano in questo libro intorno a un mitico protagonista: il cavallo di ferro. E' un vasto, epico libro di storia, colmo di violenza e di furore; uno sguardo gettato sulla genesi di una società che, dalla conquista di un continente, trasse slancio per conquistare il mondo.

 
 

SEPPELLITE IL MIO CUORE A WOUNDED KNEE

Titolo originale:
Bury my heart at Wounded Knee
Autore: Dee Brown
Editore: Mondadori
Anno: 2003
Altre edizioni: Mondadori 1972, 1973, 1975, 1977, 1980, 1994; Club 1993
Collana:
Oscar Storia (n. 96)
Traduzione: Furio Belfiore
Formato: Brossura leggera, 20 cm, illustrato con fotografie b/n
Pagine: 477

1860 - 1890: è il trentennio della "soluzione finale" per il problema indiano, che approda alla distruzione della cultura e della civiltà dei pellerossa. In questo periodo nascono tutti i grandi miti del West, un'epopea ad esclusivo beneficio degli uomini bianchi. I racconti dei commercianti di pellicce, dei missionari, dei cercatori d'oro, delle Giacche Blu, degli avventurieri, dei costruttori di ferrovie e di città stendono una fitta coltre che nasconde la versione indiana sulla conquista del West. I pellerossa costituivano l'antistoria, l'ostacolo al trionfo della nuova civiltà; per di più non sapevano scrivere nella lingua dei bianchi. Eppure la loro fievole voce non è andata perduta del tutto: alcuni ricordi hanno resistito al tempo in virtù della tradizione orale o per mezzo delle pittografie; dai verbali degli incontri ufficiali è possibile desumere illuminanti testimonianze; nelle rarissime interviste raccolte da giornalisti sono reperibili suggestive ricostruzioni di celebri e sanguinosi avvenimenti, e da sperdute pubblicazioni dell'epoca l'opinione dei pellerossa è potuta così giungere fino a noi. Dee Brown ha fatto solo la sua parte di storico: la raccolta delle fonti, l'esame critico, la stesura della narrazione. Per la prima volta a parlare sono i pellerossa, dai grandi capi agli oscuri guerrieri; narrano come venne distrutto un popolo ed il mondo in cui viveva.

 
 

STORIA DEGLI INDIANI D'AMERICA

Titolo originale:
Histoire des indiens d'Amérique du Nord
Autore: Philippe Jacquin
Editore: Il Giornale
Anno: 2004
Altre edizioni: Mondadori 1977, 1981, 1984, 1991, 1995
Collana: Biblioteca Storica (n. 23)
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm, illustrato con disegni, mappe e tabelle in b/n
Pagine: 206

Protagonista di centinaia di romanzi, film, cartoons, per lungo tempo simbolo del selvaggio astuto e crudele, l'indiano d'America è diventato un mito. Ma chi è egli realmente? Studi più recenti ci consentono di meglio comprendere l'evoluzione delle società indiane, che ben prima dell'arrivo dei bianchi e in condizioni naturali talvolta molto difficili seppero sviluppare tecniche, arti e forme di organizzazione politica altrettanto varie e complesse delle nostre. Ma l'impatto con l'uomo bianco disintegrò tali società: ne sconvolse il metodo di vita, la concezione spirituale, la religione. Accolto dapprima come un dio, il bianco si rivelò ben presto un nemico. Centinaia di trattati non rispettati, campagne di sterminio, massacri, deportazioni, campi di concentramento, finirono con lo spezzare la resistenza degli indiani, anche se alcuni recenti avvenimenti mostrano che essa sta forse rinascendo.

 
 

LUNGO LE RIVE DEL COLORADO
Le storie e gli eroi della Frontiera Americana


Titolo originale:
Best of Dee Brown's West
Autore: Dee Brown (a cura di Stanley D. Banash)
Editore: Mondadori
Anno: 2002
Altre edizioni: Il Giornale 2003
Collana: Biblioteca Storica (n. 293)
Traduzione: Gaia Battaglioli
Formato: Brossura leggera, 20 cm
Pagine: 339

Riconosciuto unanimemente come il più grande storico del West, Dee Brown ha pubblicato per oltre cinquant'anni libri e articoli raccontando la vera storia della Frontiera. Ci ha offerto il ritratto di una regione e l'immagine di una cultura di gran lunga più complessa e affascinante di quanto non mostrino gli stereotipi di film e romanzi. E soprattutto ha cambiato per sempre la visione che l'Occidente ha del popolo indiano, mostrando chiaramente quali siano le conseguenze dell'espansionismo americano. In questo volume sono raccolti ventiquattro tra i suoi scritti più significativi, testi che tracciano un disegno anticonvenzionale e autentico del West. Accanto ai grandi protagonisti rivivono i ragazzi del Pony Express, i cowboy, i pionieri: uomini e donne protagonisti di intrighi, crimini e scandali, ma anche della lunga storia di pace e guerra tra l'uomo bianco e i pellirosse, della corsa all'oro, dell'eroismo della vita quotidiana.
 

Commento. Ecco un bel volume, anche recente, di un autore il cui nome è sinonimo di garanzia per chi vuole leggere la vera storia del West. Dee Brown, autore di diversi best-sellers, in questa sua opera raccoglie numerosi suoi scritti sull’epopea della Frontiera, e ci regala un bellissimo affresco descrivendone gli elementi e le caratteristiche, nonché gli avvenimenti, che la crearono e costituirono. Partendo così dalla storia dei primissimi banditi – i feroci predatori dei fiumi, quando ancora la Frontiera non era arrivata oltre il Middle West – Brown ci regala fantastiche galoppate attraverso le praterie solcate dai Pony Express e domate dai coloni, i deserti affrontati dai soldati e dagli indiani, i fiumi e le città attraversati dai cowboy, le montagne oltrepassate dai pionieri, con conseguenze a volte anche tragiche. E molto altro ancora… Un ottimo libro, sia per gli esperti, sia per coloro che vogliono “assaggiare” per la prima volta le storie del West, dal momento che unisce ottime ricerche ad uno stile semplice ed efficace.

 
 

LE GUERRE INDIANE
Little Big Horn, Rosebud, Wounded Knee, Washita, Sand Creek e...


Autore: Walter Pedrotti
Editore: Demetra
Anno: 1998
Collana: Il Sapere
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con fotografie e disegni a colori e b/n
Pagine: 112

Little Big Horn, Rosebud, Wounded Knee, Washita, Sand Creek... L'opposizione del "popolo degli uomini" all'invasione da parte dei bianchi è punteggiata da scontri, battaglie e massacri che scandiscono l'annientamento delle tribù che un tempo vivevano libere e fiere sul continente americano.
 

Commento. Questo libretto è davvero un'ottima guida introduttiva a chi si rivolge per la prima volta verso la storia dei nativi americani. Le numerose battaglie che la maggior parte delle tribù del West combatterono contro l'Esercito americano o contro i privati che profanavano la loro terra sono qui descritte agilmente, senza fronzoli o giri di parole. L'autore ci offre un ampio spaccato sociale e militare delle guerre indiane e introduce il lettore in modo attento anche se non approfondito. Lo scarso numero di pagine non pretende di essere esaustivo e particolareggiato, ma questo rimane comunque un ottimo testo, anche per l'apparato iconografico ben curato.

 
 

LA MIA VITA NELLE GRANDI PIANURE

Titolo originale:
My life on the Plains
Autore: George A. Custer
Editore: Mondadori
Anno: 1997
Collana: Oscar Storia (n. 156)
Traduzione e Postfazione: Giuseppe Strazzeri
Formato: Brossura leggera, 20 cm
Pagine: 335

Pubblicata originariamente a puntate, è l'autobiografica descrizione delle spericolate campagne condotte nei territori indiani dal generale Custer dal 1867 fino alla spedizione del 1874 sulle Black Hills. Divenuto generale a soli ventitré anni, fedele alla sua nomea di condottiero e sterminatore di pellirossa, Custer si rese protagonista di imprese esecrabili, gesti audaci e infrazioni del codice militare che spesso gli procurarono anche severi provvedimenti disciplinari. La lettura di queste pagine, se non rafforza l'immagine di un pazzo sanguinario, traccia tuttavia la fisionomia di un uomo guidato in ogni sua azione da uno sconfinato culto di sé e dal desiderio insaziabile di gloria imperitura. Di ciò è dimostrazione il massacro del Settimo Cavalleria a Little Big Horn nel giugno del 1876 ad opera dei Sioux, una delle più brucianti sconfitte inflitte dagli Indiani all'esercito degli Stati Uniti, in cui lo stesso Custer trovò la morte: errori di valutazione delle forze nemiche e sviste tattiche si sommarono tragicamente nell'episodio conclusivo di una folle e metodica costruzione del mito di se stesso.

 
 

LA GUERRA CIVILE AMERICANA

Titolo originale:
The American Civil War, 1861-1865
Autore: Reid Mitchell
Editore: Il Giornale
Anno: 2003
Altre edizioni: Il Mulino 2003
Collana:
Biblioteca Storica (n. 21)
Traduzione: Luisa Pece
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm, illustrato con alcune cartine in b/n
Pagine: 173

La guerra civile o guerra di secessione che si combatté fra il Nord e il Sud degli Stati Uniti dal 1861 al 1865 fu un conflitto che lasciò sul terreno oltre seicentomila morti e che ebbe conseguenze enormi sulla società e sull'economia del paese, a partire dall'emancipazione degli schiavi neri. Reid Mitchell ripercorre la storia della guerra di secessione, esponendone in primo luogo l'andamento dal punto di vista militare, e poi collocandola all'interno della politica dell'Unione e dei Confederati. Una particolare attenzione è data agli aspetti sociali della guerra e alle differenti conseguenze che essa ebbe su uomini e donne, sulla popolazione bianca e su quella nera.

 
 

L'AMERICA ALLA CONQUISTA DEL FAR WEST

Autore: Paul Ulrich
Editore: Ferni
Anno: 1973
Collana: Amici della Storia
Formato: 2 Volumi, Cartonato morbido con titolo in rilievo, 18 cm, illustrato con fotografie e disegni b/n
Pagine: 256; 256

Commento. "L'America alla conquista del Far West" è un'opera che raccoglie in due piccoli ma prestigiosi volumi l'intera storia del West, raccontando nei dettagli quelle tappe che la costituirono, piuttosto che soffermarsi sui protagonisti e le loro storie. Quindi non troveremo né approfondimenti né accenni a eroi della Frontiera come Wild Bill Hickok, Wyatt Earp, Calamity Jane, John Hardin o Doc Holliday... bensì l'esposizione chiara e precisa di eventi quali la corsa all'oro, la ferrovia, le guerre indiane, Alamo, ecc. Un capitolo raccoglie le fasi del cowboy, del bandito e dello sviluppo delle cittadine (quest'ultima è una chicca rarissima negli altri libri del genere italiani). Un occhio particolare è gettato sulla figura del generale Sutter, colui che fondò un vero e proprio impero in California poco prima della scoperta dell'oro, fra l'altro avvenuta proprio in una delle sue proprietà e da un suo dipendente.
I volumi sono accompagnati da fotografie a piena pagina fuori testo, che sono anche di discreta qualità. Nel primo volume c'è allegato un disegno raffigurante una sparatoria.

 
 

LA CORSA ALL'ORO

Titolo originale: The Bonanza West. The Story of the Western Mining Rushes, 1848-1900
Autore: William S. Greever
Editore: Il Saggiatore
Anno: 1966
Collana: I Gabbiani (n. 40*)
Traduzione: Antonietta Beltramo
Formato: Volume I, brossura leggera, 17 cm
Pagine: 369

In California, tra pigri peones, pacifici indiani e turbolenti immigrati europei, si scatena la grande avventura che in pochi decenni maturerà la potenza degli odierni Stati Uniti. Un paesaggio da età delle origini è qui risuscitato nella sua immensa, talvolta terribile grandiosità naturale. E nelle ormai leggendarie zone e centri dei cercatori si agita una folla di avventurieri famosi, predicatori, ballerine, affaristi, finanzieri, scrittori, giornalisti da strapazzo, tutti magnetizzati dal miraggio dell'oro. Tra tali scenari e personaggi, questo primo volume ricostruisce le albe di un'epoca favolosa, ancora ignara di ciò che prometteva.

Indice. La corsa all'oro in California - Le miniere della California - I minatori della California - La scoperta del giacimento del Comstock - Lo sfruttamento del Comstock - La vita nelle miniere del Nevada - I primi tempi del Colorado - Leadville, Creede e Cripple Creek

 

LA CORSA ALL'ORO

Titolo originale: The Bonanza West. The Story of the Western Mining Rushes, 1848-1900
Autore: William S. Greever
Editore: Il Saggiatore
Anno: 1966
Collana: I Gabbiani (n. 40**)
Traduzione: Antonietta Beltramo
Formato: Volume II, brossura leggera, 17 cm
Pagine:
304

La «corsa» continua: Montana, Idaho, Black Hills, Klondike. Si aprono nuove vie di comunicazione, nascono colossali imprese di trasporti, poderose iniziative mercantili. La febbre dell'oro si va rivelando una febbre di crescenza, i suoi diagrammi prefigurano lo schema di sviluppo del capitalismo nordamericano, l'avventurosa anarchia dei cercatori si trasforma e si razionalizza nelle imprese organizzate dell'industria. Mutano le strutture sociali, muta il volto dell'economia: si costituiscono i sindacati, erompono le prime, sanguinose lotte operaie. Tale il tumultuoso, ferace processo storico dal quale gli USA usciranno ad affrontare i drammatici, immani e progressivi compiti del nostro secolo.

Indice. Oro e argento nel Montana - Il rame di Butte - Le miniere dell'Idaho negli anni sessanta e settanta - Le sommosse operaie di Coeur d'Alene - Black Hills: indiani e oro - Black Hills: Deadwood e Lead - La corsa all'oro nel Klondike - Gli sviluppi del Klondike - «L'oro sta dove lo trovi»
 

Commento. Quest’opera, oltre ad essere l’unica sul versante editoriale italiano ad affrontare l’argomento, è davvero una miniera di informazioni, notizie, curiosità sul mondo della corsa all’oro e su tutto quello che ne conseguì e, anche, che ne precedette. Due corposi volumetti ci raccontano per filo e per segno tutti gli avvenimenti all’interno della corsa all’oro, partendo dalla California ed arrivando all’Alaska, passando quindi per tutti gli altri Stati in cui la “febbre dell’oro” si propagò: Arizona, Nevada, Colorado, Montana, Idaho, Dakota, Wyoming. L’autore, riscoprendo (per l’epoca) scritti e documenti inediti, traccia un affresco dettagliatissimo che comprende biografie, riproduzioni di documenti, cifre e statistiche, descrizioni di paesaggi e cittadine, racconto del lavoro nelle miniere, della vita dei cercatori d’oro, dei Vigilantes e della criminalità, dell’avanzare del progresso nei sistemi di scavo e dei trasporti. Un lavoro sensazionale, che ancora una volta è indebolito dalla totale mancanza di fotografie e immagini e dalla traduzione a volte un po’ incerta e incomprensibile.

 
 

INDIANI DEL NORD AMERICA
Storia di un popolo leggendario


Autore: Luana Leonini (a cura)
Editore: Editoriale Zeus
Anno: 2000
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con fotografie a colori e in b/n
Pagine: 127

Commento. Rapidissima e alquanto insufficiente carrellata di storia degli indiani d'America. Racconta le principali guerre indiane e le principali tribù, fornendo notizie storiche, culturali e religiose. Buono per una infarinatura leggerissima, che comunque lascerà un senso di incompletezza.

 
 

UOMINI DISPERATI

Titolo originale: Desperate Men
Autore: James Horan
Editore: Longanesi
Anno: 1951
Altre edizioni: Longanesi 1966
Collana: Piccola Biblioteca
Formato: Brossura leggera, 18 cm
Pagine: 442

Le gesta della banda James e del Mucchio Selvaggio descritte con particolare minuzia, senza tralasciare gli aspetti politici, geografici e organizzativi di coloro che dovevano contrastare questi banditi (ndr).

 
 

IL WEST AMERICANO
Un mito geografico


Autore: Costantino Caldo (con scritti di Daniela Santus e Alessandra Vatasso)
Editore: Tirrenia Stampatori
Anno: 1994
Formato: Brossura leggera, 24 cm, illustrato con cartine e grafici in b/n
Pagine: 240

La ripartizione del mondo in Oriente e Occidente ha acquistato un valore culturale e simbolico che va al di là della semplice indicazione geografica.
In America il West è stato una componente fondamentale nella formazione dello stato, perché le vicende della sua conquista sono servite a costruire una specie di mito di fondazione della nazione.
L'amplificazione di queste vicende passa per la diffusione della conoscenza dell'ambiente naturale, dei grandiosi paesaggi e del rapporto diretto ed eroico tra l'uomo e l'ambiente. I veicoli di questa conoscenza sono diversi, dai rapporti degli esploratori ai romanzi, dalla pittura al cinema, inclusi gli studi dei geografi americani.
L'analisi di questi diversi momenti è affrontato nel libro, con particolare riguardo per gli aspetti più propriamente geografici, dai più noti ai meno conosciuti.
Le ipotesi su cui si basa questo studio sono le seguenti: esiste una divaricazione tra il West «vero» e il West percepito dai cittadini; l'emigrazione verso ovest non è un movimento spontaneo ma si basa su precise direttive delle forze politiche ed eco-nomiche; inoltre, fatto più importante alla luce del processo di acculturazione che interessa l'Italia, il modello mitico del West americano trasmigra fuori d'America e penetra nella cultura dei paesi europei.
La parte più originale dello studio si fonda proprio sulle indagini compiute tra gli italiani, per accettarne il grado di accettazione dei tratti culturali legati al West.
I risultati dicono che di questo mito estraneo alla nostra cultura abbiamo assorbito molti aspetti, ma spesso solo in modo superficiale e con forti differenze dipendenti dal grado d'istruzione, dalla regione di appartenenza, dall'età. In definitiva, la percezione geografica del West è forte, imita quella che ne hanno gli stessi americani, ma nel contempo viene distorta e ci rende subordinati.
Una migliore e più approfondita conoscenza della geografia del West non accentuerà questa dipendenza culturale, ma ci renderà più coscienti delle somiglianze e delle differenze di due culture - l'americana e l'europea - nel porsi di fronte alla grandiosità naturale e alla pregnanza storica del West.

 
 

TORO SEDUTO
La sua vita, i suoi tempi


Titolo originale: The Lance and the Shield
Autore: Robert Utley
Editore:
Mondadori
Anno:
2000
Altre edizioni:
Mondadori 1994, 1995
Collana:
Oscar Storia (n. 218)
Traduzione:
Roberta Rambelli
Formato:
Brossura leggera, 20 cm, illustrato con fotografie in b/n
Pagine: 450

Grandissimo capo militare, guida spirituale dei Sioux, Toro Seduto è un personaggio complesso e affascinante di cui per decenni si è tramandata un'immagine deformata dalle suggestioni cinematografiche. Grazie ad anni di capillari ricerche, addentrandosi all'interno di una cultura di cui si sono perduti i tratti essenziali, Robert M. Utley ci restituisce in questo libro un ritratto fedele e completo di Toro Seduto. Nelle pianure comprese fra il Missouri, le Bighorn Mountains e le praterie canadesi, si svolgono l'infanzia, la formazione, la carriera di comandante militare di questo grande capotribù. Qui hanno luogo le sue battaglie, compresa la più famosa, quella del Little Big Horn, nel corso della quale morì il generale George Armstrong Custer e che segnò al contempo il massimo successo e l'inizio della fine. Inscindibile dalla vita del grande condottiero è la storia del suo popolo, i Lakota, e della sua tribù, i Sioux Hunkpapa. Lo studio delle condizioni materiali, dell'organizzazione sociale, delle credenze religiose costituisce uno spaccato drammatico e vivo di un'intera civiltà, della lotta per la sua sopravvivenza e del suo progressivo e inarrestabile declino.

 
 

GLI UOMINI DELLA FRONTIERA
Alla conquista del West 1800-1899

Titolo originale: The American Frontier. Pioneers, Settlers & Cowboys, 1800-1899
Autore: William C. Davis
Editore: IdeaLibri
Anno: 1994
Collana: Indiani d'America
Traduzione: Piero Pieroni
Formato: Rilegato con sovracopertina, 34 cm, completamente illustrato con fotografie, mappe e disegni in b/n e a colori
Pagine: 256

"Dove la popolazione è dispersa, dove non esiste il sostegno delle convenzioni e delle leggi, e gli uomini non possono contare che su se stessi, il coraggio diventa attributo fondamentale e necessario di ciascun individuo. L'uomo del West, in passato, non aveva altra scelta che essere coraggioso" (Walter Prescott Webb)

"Ecco la frontiera americana che avanza verso ovest dall'Atlantico al Pacifico: è una storia di rapacità, di violenza e di tragedia, unita all'epoca e al trionfo, narrata da uno dei più brillanti scrittori di storia americana" (Robert Utley)
 

Commento. Questo libro è senza ombra di dubbio uno dei migliori sul West mai editi Italia. Prende in esame tutto il periodo storico della Frontiera dal 1800 al 1899, suddividendolo in fondamentali capitoli che ben rendono le caratteristiche principali di quello che fu il Far West. Così l’autore ci parla delle prime esplorazioni verso ovest, dell’arrivo dei coloni e dei cercatori d’oro, della nascita delle cittadine della Frontiera, delle guerre indiane, dei pistoleri e degli uomini di legge, dei cowboy e della fine dell’epopea. Tutto l’apparato testuale è eccellentemente supportato da una raccolta incredibile di fotografie, mappe e disegni. Grazie al contributo del “Buffalo Bill Historical Center” di Cody (Wyoming), che ha fornito i manufatti e gli attrezzi per la documentazione fotografica, l’autore ci offre un’ampissima prova di come vivevano e cosa utilizzavano i protagonisti del West: trapper, cowboy, cercatori d’oro, proprietari terrieri, postiglioni, indiani, cacciatori, banditi e sceriffi semplicemente dandoci l’opportunità di vedere con i nostri occhi. Ogni oggetto è ben descritto da una sintetica spiegazione e ogni “lavoro” del West è illustrato da un disegno e chiarito da un breve box. Il grande formato, inoltre, permette di gustare a tutto tondo le illustrazioni, e rende il volume un’opera di pregio.

 
 

GLI EMIGRATI VITTORIOSI
Gli italiani che nell'Ottocento fecero fortuna nel West Americano

Titolo originale: The Immigrant Upraised: Italian Adventurers and Colonists in an Expanding America
Autore: Andrew F. Rolle
Editore: Il Giornale
Anno:
Marzo 2004
Altre edizioni: Mondadori 1972; Bur 2003
Collana: Biblioteca Storica (n. 29)
Traduzione: Quirino Maffi
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm, illustrato con alcuni disegni b/n
Pagine:
376

Professore emerito di Storia americana all'Occidental College di Los Angels, Andrew F. Rolle capovolge le interpretazioni stereotipate che vedono gli italiani che emigrarono nell'Ottocento negli Stati Uniti come cocciutamente ancorati alle più retrive tradizioni della terra d'origine, emarginati a tal punto da difendersi fondando società segrete che si sarebbero poi trasformate in Cosa Nostra. Emerge così un volto diverso degli italiani che conquistarono il West e che, partiti da condizioni molto disagiate, raggiunsero posizioni di successo nella cultura, nella politica, nella finanza e nell'industria.

 
 

DIZIONARIO DEL WEST
La grande avventura americana

Autore: Marco Cerretti
Editore: Vallardi
Anno: 1997
Collana: Domino
Formato: Brossura leggera, 12 cm, illustrato con alcune fotografie e disegni b/n
Pagine: 220

Tra leggenda e realtà, i personaggi e i luoghi, i rituali e le avventure del più affascinante mito della storia moderna.
 

Commento. Ecco un libretto senza molte pretese e senza molti pregi. Il titolo, seppur idoneo, sarebbe da considerare quanto meno dubbio: più che di West – inteso come epopea e quindi con tutti i suoi personaggi, sia bianchi che rossi – questa piccola opera parla essenzialmente degli indiani d’America, descrivendone molte caratteristiche, tribù e personaggi, tralasciando con molta disinvoltura il West dei fuorilegge, degli sceriffi, dei pionieri, insomma il West comunemente detto “bianco”. Di tutto il periodo storico che prende in considerazione, comunque, l’autore ci fornisce l’elenco alfabetico di tutto ciò che lo formò e lo costituì, allegandolo con una descrizione, spesso molto breve e senza scendere molto nei particolari, dando quindi una leggera infarinata su ciò che di solito anche i profani di selvaggio West sanno. In definitiva, un piccolo volume tascabile, tra l’altro non molto corposo, utile più che altro per i più piccoli o per coloro che non conoscono per nulla questa epopea selvaggia e vogliono conoscerne in fretta – ma superficialmente – i protagonisti.

 
 

CAVALLO PAZZO
Storia del capo Sioux che vinse a Little Bighorn

Titolo originale: Crazy Horse
Autore: Larry McMurtry
Editore:
Mondadori
Anno:
2003
Collana:
Oscar Storia (n. 316)
Traduzione:
Marco Fiocca e Silvia Rosa Sperti
Formato:
Brossura leggera, 20 cm
Pagine:
126

Cavallo Pazzo, il guerriero Sioux protagonista della drammatica battaglia di Little Bighorn, una delle figure chiave della storia americana e personaggio leggendario agli occhi del suo popolo, è rimasto a lungo avvolto nel mistero. In questa agile ma accuratissima biografia Larry McMurtry ne racconta la vita straordinaria e l'epica morte, restituendo per la prima volta un ritratto a tutto tondo del capo indiano. Ne ricostruisce le vicende e la psicologia con obiettività, ma anche con partecipazione emotiva e con un'attenzione tutta particolare per l'umanità del personaggio, che assurge a simbolo di un periodo e di un sistema di valori ormai scomparsi. Il risultato è un saggio brillante che illumina la figura di Cavallo Pazzo e tutta la sua epoca, tracciando un affresco della grande epopea del West e della tragica lotta dei pellirossa per la sopravvivenza.

 
 

ALLA CONQUISTA DELLE GRANDI PRATERIE

Titolo originale: The West
Autore: Jon E. Lewis
Editore:
Piemme
Anno:
1998
Traduzione:
Aldo Audisio
Formato:
Rilegato con sovracopertina, 22 cm, alcune cartine
Pagine:
474

Il West americano fu un'epoca e un luogo. Ma, soprattutto, fu uno stato d'animo, un modo di vivere e di pensare.

Commento. Questo tomone di oltre 450 pagine è un’opera immensa che merita di far parte delle nostre librerie di appassionati del West. L’autore è un illustre storico della storia della Frontiera, e ci fornisce un’incredibile disamina di tutto quello che ha creato, sviluppato e ucciso l’epopea del selvaggio West. Parte dai primissimi umani che si spinsero ad ovest partendo dal Messico, i conquistadores spagnoli, e ci porta in un viaggio particolareggiato e pieno di aneddoti che ci affascinerà tale da non poter fermare la lettura. Vedremo così come fu il viaggio esplorativo di Lewis e Clark, come venne raggiunto a poco a poco il West dai primissimi cacciatori e trapper, come diventò pian piano un territorio aperto a tutti e come riuscì a “contenere” tutte le storie che lo resero l’epoca e il luogo più affascinante della Storia. In questo saggio si alternano tutti i protagonisti del West, in un vortice di biografie, racconti, diari, testimonianze, resoconti e documenti, lasciando spazio anche ai fatti e agli eventi poco conosciuti, e regalandoci anche numerose “chicche”. I protagonisti e gli eventi della Frontiera rivivono dunque in questo meraviglioso libro, descritti alla perfezione e nei minimi particolari. L’unica nota negativa è la mancanza di un apparato iconografico, ridotto solo a qualche cartina introduttiva.

 
 

ALCE NERO PARLA

Titolo originale: Black Elk speaks
Autore: John G. Neihardt
Editore: Adelphi
Anno: 1990
Altre edizioni: Adelphi 1968, 1969, 1973, 1980, 1983, 1985, 1989, 1992, 1994, 2002
Collana: Gli Adelphi
Traduzione: J.R. Wilcock
Formato: Brossura leggera, 20 cm, alcuni disegni b/n
Pagine: 299

Vecchio stregone Sioux, Alce Nero racconta il periodo più tragico della storia del suo popolo e ci trasmette la sua estrema "visione di potere", compendio di una sapienza che sfugge ai persecutori bianchi.
«Alce Nero è tra le più belle affermazioni dei valori spirituali... Riassumere "Alce Nero"? Per un certo verso ci vuol poco: il santo asceta a nove anni, dopo che strani malanni, impalpabili avvertimenti si sono infittiti su di lui giungendo dal mondo delle invisibili potenze e germinazioni, riceve una stupenda visione: le forze che presiedono alla natura, alla storia e al superamento e della natura e della storia gli si palesano sotto il velame di una coreografia che non potrebbe certo arridere ad una fantasia esclusivamente umana. Al paragone l'Apocalissi è più arida, emblematizzante. Un ritmo potente... scandisce le solenni parole rituonanti fra giogaie di monti, le apparizioni di antenati primordiali, di sacri cavalli caracollanti, di altri misteriosi animali».