Romanzi • Racconti • Poesie • Sceneggiature

ULTIMO AGGIORNAMENTO Mercoledì 28 Dicembre 2016


 

THE COLLECTED SHORT STORIES OF LOUIS L'AMOUR
The Frontier Stories. Volume One

Autore:
Louis L'Amour
Editore: Bantam
Anno: 2003
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23,5 cm - raccolta di racconti
Pagine: 424

With more than 120 titles still in print, Louis L'Amour is recognized the world over as one of the most prolific and popular American authors in history. Though he met with phenomenal success in every genre he tried, the form that put him on the map was the short story. Now this great writer—Wall Street Journal recently compared with Jack London and Robert Louis Stevenson—will receive his due as a great storyteller. This volume kicks off a series that will, when complete, anthologize all of L'Amour’ s short fiction, volume by handsome volume.

Here, in Volume One, is a treasure-trove of 35 frontier tales for his millions of fans and for those who have yet to discover L'Amour’s thrilling prose—and his vital role in capturing the spirit of the Old West for generations to come.

 
 

THE COLLECTED SHORT STORIES OF LOUIS L'AMOUR
The Frontier Stories. Volume Two

Autore:
Louis L'Amour
Editore: Bantam
Anno: 2004
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23,5 cm - raccolta di racconti
Pagine: 452

With more than 120 titles still in print, Louis L'Amour is recognized the world over as one of the most prolific and popular American authors in history. Though he met with phenomenal success in every genre he tried, the form that put him on the map was the short story. Now this great writer – who The Wall Street Journal recently compared with Jack London and Robert Louis Stevenson – will receive his due as a great storyteller. This volume kicks off a series that will, when complete, anthologize all of L'Amour’s short fiction, volume by handsome volume.

Here, in Volume Two, is a treasure-trove of 35 frontier tales for his millions of fans and for those who have yet to discover L'Amour’s thrilling prose – and his vital role in capturing the spirit of the Old West for generations to come.

 
 

THE COLLECTED SHORT STORIES OF LOUIS L'AMOUR
The Frontier Stories. Volume Three

Autore:
Louis L'Amour
Editore: Bantam
Anno: 2005
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23,5 cm - raccolta di racconti
Pagine: 436

This third volume of Louis L'Amour's collected stories gathers twenty-eight tales of the American West in a keepsake edition sure to delight fans old and new. This collection is a thrilling tribute to the unique spirit of our frontier heritage and proves again the enduring popularity of America's favorite storyteller.

The essence of Louis L'Amour's timeless appeal can be found in these unforgettable short stories. Filled with men and women who embody the values we cherish most, L'Amour's frontier tales satisfy our longing for the inspiration provided by those who struggle against the odds with justice, honor, and courage.

Open this volume anywhere and you'll discover classic stories you'll never forget: like that of the man who finds a gruesome mystery at the site where a friend's ranch has vanished into thin air, or the one about the soft-spoken young suitor accused of cowardice who proves his courage when the guns are against him…without firing a shot. You'll read stories of ordinary people faced with extraordinary circumstances, from the drifter who poses as a murdered man to solve a mystery to the grizzled recluse who protects a runaway from a brutal "guardian" with the law on his side.

Whether following the exploits of a couple taking refuge in a cabin with a group of outlaws who don't intend to let them see sunrise or a man on horseback battling sleeplessness, Indians, and a cold-blooded killer in a life-and-death race through a harsh wilderness, these gripping tales all have one thing in common: you won't be able to put them down until the last page.

For lovers of great storytelling everywhere, this exciting collection features the unforgettable characters, heart-stopping drama, and careful attention to historical detail that have entertained readers for decades and earned Louis L'Amour a permanent place among our finest American writers.

 
 

THE COLLECTED SHORT STORIES OF LOUIS L'AMOUR
The Frontier Stories. Volume Seven

Autore:
Louis L'Amour
Editore: Bantam
Anno: 2009
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23,5 cm - raccolta di racconti
Pagine: 480

There is no story more distinctly American than the western and no writer as great a master of the form as Louis L’Amour. In this seventh volume of L’Amour’s collected short stories, you’ll find some of his most popular characters, heroes who have become a part of our cultural legacy, as well as the ordinary men and women whose adventures are chronicled with an immediacy no reader can resist–or ever forget.

In Louis L’Amour’s frontier stories, the American West is the crucible in which character is tested, reputations are won or lost, and life always hangs in the balance. Struggling to survive against the elements, hostile Indians, or outlaws who prey upon the honest and hardworking, the men and women in these tales each come face-to-face with what they’re made of–often in moments that explode with the violence of an avalanche or the speed of a drawn gun. Here L’Amour demonstrates the unerring touch for detail and keen insight into human nature that lend these stories the power to thrill, surprise, and entertain readers of every generation.

A man driven by his faith in the woman he loves survives war, Indian massacre, and near starvation only to find his homecoming delayed by one last battle–under his own roof. To stop a range war, a ranch foreman stands up to his boss, his men, and conspirators who seem to have both right and might on their side. And in a town where fourteen men have already died under suspicious circumstances, a new sheriff by the name of Utah Blaine patiently sets a trap for a frontier serial killer.

Here are stories of honest thieves and crooked lawmen, of dream chasers and treasure hunters, of men and women hoping for a second chance and others down to their last. This rich and varied cast embodies not only the spirit of the West but the timeless struggle of the best and worst in us all, on a stage as big as the frontier itself. Full of suspense, mystery, adventure, this remarkable collection has everything that’s earned Louis L’Amour his well-deserved reputation as America’s favorite storyteller.

 
 

TRAILS WEST
Western Stories

Autore:
Eugene Cunningham
Editore: Gunsmoke
Anno: 2013
Formato: Cartonato, 20 cm - raccolta di racconti
Pagine: 230

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2016/12/trails-west-western-stories-di-eugene.html

 
 

PARADISE SKY

Titolo originale:
Paradise Sky
Autore:
Joe R. Lansdale
Traduttore: Luca Briasco
Editore: Einaudi
Collana: Stile Libero Big
Anno: 2016
Formato: Brossura, 23 cm - romanzo
Pagine: 504

Deadwood, territorio del South Dakota. Il posto perfetto per reiventarsi una vita. Soprattutto se, come Nat Love, hai alle calcagna un marito in cerca di vendetta e una mira eccezionale. Ma nell'America di fine Ottocento, se sei nero come Nat, gli errori del passato non smettono mai di darti la caccia come segugi assetati di sangue.
Willie è solo un ragazzo, ma è già costretto a lasciarsi tutto alle spalle per sfuggire al proprietario terriero che ha assassinato suo padre. Incontrare Loving gli salva, letteralmente, la vita. L'uomo lo inizia alle sottili arti dello sparare, del cavalcare, del leggere e del giardinaggio. Quando muore, Willie eredita da lui il suo nuovo nome: Nat Love. Soldato e pistolero, Nat sembra destinato alla gloria. Ha tutto quello che un uomo del West può desiderare, compresa la donna dei suoi sogni e il rispetto di leggende come Wild Bill Hickok. Ma il passato torna a tormentarlo. E, soprattutto, Nat è nero, in un periodo in cui agli afroamericani non viene perdonato nulla. Privato della casa, dell'amore e di tutto ciò che aveva conquistato, a Nat Love non resta che mettersi sulle tracce dei suoi persecutori, pronto all'ultimo, mortale duello. 

 
 

WARLOCK

Titolo originale:
Warlock
Autore:
Oakley Hall
Traduttore: Tommaso Pincio
Editore: Sur
Collana: Big Sur
Anno: 2016
Formato: Brossura, 23 cm - romanzo
Pagine: 685

Fine Ottocento, sudovest americano. Warlock è una cittadina mineraria di frontiera in rapida espansione; insieme ai commerci, fioriscono il gioco d'azzardo e la prostituzione, gli scioperi e le scorribande dei cowboy. Mentre l'anziano governatore, il generale Peach, si crogiola ancora nel ricordo delle guerre contro gli indiani e di un'epoca eroica ormai da tempo superata, i cittadini sono frustrati dall'impotenza della legge ufficiale e decidono di assoldare un marshal privato, Clay Blaisedell. Armato delle sue due pistole dal calcio dorato, Blaisedell dovrà fare i conti con il capo dei cowboy Abe McQuown, ma anche con il vicesceriffo Bud Gannon, uomo ligio alle regole e dotato di un diverso, più mite senso della giustizia. Sullo sfondo, vediamo scorrere le vicende di un'umanità turbolenta e imprevedibile: minatori in lotta per una vita migliore, spregiudicati proprietari di saloon, prostitute in cerca di una seconda occasione, uomini di legge alcolizzati, dottori dall'idealismo incrollabile.

 
 

WESTERN SEX ROCK AND HORROR

 western horror


Autore: Stefano Jacurti
Editore: I libri di Emil
Collana: Composizioni
Anno: 2016
Formato: Brossura, 21 cm - raccolta di racconti
Pagine: 320

Lingue di fuoco scaturiscono da un fucile negli spazi sconfinati dove un bambino è l’unico sopravvissuto di una carovana massacrata. Mentre si susseguono battaglie nella neve, lupi all’attacco e cavalleggeri che spariscono nel nulla, ecco sopraggiungere storie di disertori, di corpi che si uniscono in amplessi selvaggi e di altri maciullati dalle pallottole.
La raccolta è un western che cavalca le rughe di una vecchia malata; un western nel quale, tra i conflitti a fuoco e quelli dell’anima, uomini e donne seguono una pista ad ovest di tutto. Le visioni orrorifiche della civil war e un pistolero nel buio, galoppano a fianco del sogno americano fallito, spolpato, ucciso: ma non per chi si arma per l’ultima ballata, per chi sgassa con una Harley Davidson e per chi, sulle note delle country music, ingaggia l’ultimo rodeo.
Western Sex Rock and Horror è una pista costellata di conti da saldare, da una squaw bellissima, da una forca che attende. Sono storie classiche, contaminate, sanguinarie, consumate come le cicche nel posacenere di un motel del sesso on the road. Stefano Jacurti racconta il selvaggio west di ieri e di oggi, dove nulla è come sembra e nulla sarà come prima, nemmeno dopo un concerto rock.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2016/07/la-recensione-di-western-sex-rock-and.html

 
 

L'ULTIMA VEDOVA SUDISTA VUOTA IL SACCO

Titolo originale:
Oldest Living Confederate Widow Tells All
Autore:
Allan Gurganus
Traduttore: Raul Montanari
Editore: Leonardo
Anno: 1991
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm - romanzo
Pagine: 1173

 
 

IL RANGER DEL TEXAS

Titolo originale:
The Lone Star Ranger
Autore:
Zane Grey
Traduttore: Alfredo Pitta
Editore: La Gazzetta dello Sport
Collana: Western Stories (n.1)
Anno: 2016
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 276

 
 

RACCOLTA WESTERN
Piombo del Texas - I rinnegati delle colline - La miniera maledetta

Autore:
D.B. Newton, Allan K. Echols, Gunnison Steele
Editore: Casa Editrice Dardo
Anno: 1960
Formato: Brossura, 18 cm - raccolta di romanzi e racconti
Pagine: 432

 
 

UNA DONNA, UNA SELLA E DUE PISTOLE
Quattro storie della frontiera del West

Titolo originale:
Autore:
Jack Schaefer
Traduttore:
Editore: Mario Raffi
Collana: Western Serie d'Oro (n.1)
Anno: 1958
Formato: Brossura, 21 cm - raccolta di racconti
Pagine: 126

 
 

 

IL FIUME ROSSO

Titolo originale:
Red River
Autore:
Borden Chase
Traduttore: Ester Piazza
Editore: Edizioni Alpe Milano
Collana: I Racconti del West (n.9)
Anno: 1952
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 80

 
 

VENDETTA DI SANGUE

Titolo originale:
Autore:
Edwin Shrake
Traduttore:
Editore: Sonzogno
Collana: I nuovi Sonzogno (n.40)
Anno: 1967
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 251

 
 

RIO COLORADO

Autore:
May Ionnes Cherry
Editore: Sonzogno
Collana: I nuovi Sonzogno (n.62)
Anno: 1968
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 190

 
 

IL MONTE DEL TUONO

Titolo originale:
Thunder Mountain
Autore:
Zane Grey
Traduttore: Ugo Carrega
Editore: Sonzogno
Collana: I nuovi Sonzogno (n.7)
Anno: 1966
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 252

 
 

LA LUNGA CAVALCATA

Titolo originale:
Long Ride, Hard Ride
Autore:
Elmer Kelton
Traduttore: [sconosciuto]
Editore: Casa Editrice Dardo
Collana: Ranch (n.74)
Anno: 1959
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 143

In una disperata lotta per un ideale che sembra ormai perduto, il tenente Miles Overstreett dello Esercito Confederato e la sua "banda" di pellacce texane si battono e soffrono pur di assicurare alla Confederazione la possibilità di un'ultima battaglia.

 
 

HOPALONG CASSIDY ENTRA IN GIOCO

Titolo originale:
Hopalong Cassidy Takes Cards
Autore:
C. E. Mulford
Traduttore: Bruno Oddera
Editore: Consalvo
Collana: Western (n.5)
Anno: 1953
Formato: Cartonato, 20 cm - romanzo
Pagine: 233

Le avventure di Hopalong Cassidy, il leggendario cow-boy del Far West, sgominatore dei fuorilegge, riportano nella nostra esistenza lucida e meccanica il senso del rischio e del coraggio, esaltano l’onore e la giustizia, ci restituiscono un paesaggio giovanile dal quale l’imprevisto e l’avventura non sono ancora definitivamente banditi.

 
 

LUNA COYOTE

Autore:
Samuel Marolla
Anno: luglio 2014
Formato: Ebook - romanzo

 western horror
 
 

THE DEVIL TAKES HIS CUT

Autore:
Dennis Liggio
Anno: 2014
Formato: Ebook - romanzo

 western horror
 
 

DEADTOWN AND OTHER TALES OF HORROR SET IN THE OLD WEST

Autore:
Carl Hose
Editore: MARLvision Publishing
Anno: 2010
Formato: Brossura, 20,5 cm - raccolta di racconti
Pagine: 183

 western horror
 
 

FIVE FINGERS

 western horror


Autore: Luca Barbieri
Editore: Meridiano Zero
Collana: West (n.5)
Anno: 2015
Formato: Brossura, 18 cm - raccolta di racconti
Pagine: 175

Un Far West cupo, crudo e sanguinario, come nei romanzi di Lansdale e McCarthy, attraversato da frustate di puro terrore. Un western horror fatto di cinque avvincenti storie legate tra loro.

"Un libro non banale, che resta impresso
nella pelle come la cicatrice di una pallottola"
- Claudio Paglieri

"Luca Barbieri, o il Joe Lansdale italiano"
- Vincent Spasaro

 
 

IL CACCIATORE DI APACHE

Titolo originale:
The Apache Hunter
Autore:
Gordon D. Shirreffs
Traduttore: Tiziano Agnelli
Editore: Edizioni Grafiche Lo Vecchio
Anno: 1996
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 315

 
 

LA BARRANCA

Titolo originale:
Barranca
Autore:
Gordon D. Shirreffs
Traduttore: G. Boldrini
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n.98)
Anno: 1969
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 245

 
 

LA TERRA DELLA MORTE

Autore:
Stewart E. White
Editore: Sonzogno
Collana: Il Romanzo d'Avventure
Anno: Ottobre 1925
Formato: Spillato, 21 cm - romanzo
Pagine: 64 (parte prima)

 
 

BANDITI DI FRONTIERA

Titolo originale:
Border Bandit
Autore:
Ray Hogan
Traduttore: Emma Stucchi
Editore: Editoriale Selecta
Collana: Super Western (n.7)
Anno: 1975
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 158

 
 

STARBUCK E IL CACCIATORE DI TAGLIE

Titolo originale:
The Hell Merchant
Autore:
Ray Hogan
Traduttore: Gabriele Tamburini
Editore: Studiopress
Collana: Super Western (n.2)
Anno: 1974
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 154

 
 

LA RESA DEI CONTI

Titolo originale:
Day of Reckoning
Autore:
Ray Hogan
Traduttore: Emma Stucchi
Editore: Editoriale Selecta
Collana: Western (n.1)
Anno: 1975
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 157

 
 

FORTE EVERGLADES

Titolo originale:
Fort Everglades
Autore:
Frank G. Slaughter
Traduttore: M. Alessandri e A. Lami
Editore: Dall'Oglio
Anno: 1954
Formato: Brossura, 19,5 cm - romanzo
Pagine: 376

 
 

EDGE. SIOUX IN RIVOLTA

Titolo originale:
Sioux Uprising
Autore:
George G. Gilman
Traduttore: Alda Carrer
Editore: Rizzoli
Collana: Western Rizzoli (n.11)
Anno: 1977
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 126

 
 

SFIDA AL CANYON INFERNALE

Autore:
Robert E. Howard
Traduttore: Roberto Chiavini
Editore: Fratini Editore
Collana: Mellonta Tauta
Anno: 2014
Formato: Brossura, 21 cm - raccolta di racconti
Pagine: 384

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2015/05/sfida-al-canyon-infernale-di-robert-e.html

 
 

SKINWALKER

 western horror


Autore:
Michael Newton
Editore: Wolfpack Publishing
Anno: 2015
Formato: Ebook - romanzo

Gideon Thorn, survivor at age two of the unknown 'animal' attack that massacred his family in Kansas Territory, roams the West in search of answers to his personal tragedy and other unsolved mysteries of seeming paranormal origin. In Skinwalker, his quest takes him to Tularosa, New Mexico Territory, where a savage prowler striking on nights with full moons has slaughtered eighteen victims. Can Thorn identify and slay the predator before it claims more lives—including his.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2015/10/skinwalker-di-michael-newton-recensione.html

 
 

LA VENDETTA DI MC ALLISTER

Titolo originale
: Vengeance of McAllister
Autore:
Matt Chisholm
Traduttore: Emma Stucchi
Editore: Editoriale Selecta
Collana: Western (n. 5)
Anno: 1975
Formato: Brossura, 19 cm - romanzo
Pagine: 158

 
 

INFERNO PER MC ALLISTER

Titolo originale
: Hell for McAllister
Autore:
Matt Chisholm
Traduttore: Emma Stucchi
Editore: Editoriale Selecta
Collana: Western (n. 2)
Anno: 1975
Formato: Brossura, 19 cm - romanzo
Pagine: 157

 
 

LA BANDA YOUNGERMAN

Titolo originale
: The Youngerman Guns
Autore:
Lewis B. Patten
Traduttore: C. Grovi Magrì
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 108)
Anno: 1970
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 191

 
 

I FUCILI DEL TEXAS

Titolo originale:
The Texas Rifle
Autore: Elmer Kelton
Traduttore: Rita Annoni
Editore: Longanesi
Anno: 1963
Collana: I libri che scottano / Suspense! (n.50)
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine: 206

Odiavano gli indiani come la peste, sparavano su di loro a vista. Il loro motto era: sterminateli. Erano i cosiddetti Fucili del Texas, uomini di tutti i tipi e di tutte le risme, ma felici di sparare. E sparavano sempre per uccidere.

 
 

LE SPORCHE DITA DEL DESTINO

Autore:
Angela Russo
Editore: Mef. L'Autore Libri Firenze
Collana: Biblioteca '80 - Narratori
Anno: 2006
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine: 134

In un originale western una giovane donna, per recuperare l'eredità di un'eccentrica zia cui era molto legata, parte verso l'Ovest con un improvvisato gruppo di suoi concittadini in cerca di fortuna e di terreno fertile da coltivare. Ha inizio un viaggio destinato a sconvolgere la fino ad allora dorata esistenza della ragazza: le difficoltà e le insidie del percorso, la devastante passione per un affascinante pistolero che si aggrega alla carovana, i sensi di colpa, la presenza di un assassino feroce...

 
 

GLI ACCAMPATI DI SILVERADO

Titolo originale
: The Silverado Squatters
Autore:
Robert Louis Stevenson
Traduttore: Attilio Brilli
Editore: Studio Tesi
Collana: Biblioteca Universale (n.6)
Anno: 1995
Formato: Brossura leggera, 20 cm - romanzo
Pagine: 147

Robert Louis Stevenson è forse lo scrittore che più di ogni altro si identifica con il piacere della lettura. Gli accampati di Silverado è la storia di un'inconsueta luna di miele trascorsa sulle pendici di una montagna incantata. Ne nasce un testo che costituisce uno dei vertici della scrittura stevensoniana e di un momento che ne illumina la complessa evoluzione. Un elogio infine alla vita nomade e avventurosa, dalla parte della natura, consegnataci da un impareggiabile giramondo di professione.

 
 

IL PISTOLERO

Titolo originale:
The Shootist
Autore: Glendon Swarthout
Traduttore: Mauro Filippini
Editore: La Frontiera Edizioni
Anno: 1982
Collana: Le Grandi Storie del West / Film
Formato: Brossura leggera, 21 cm - romanzo
Pagine: 179

Questa edizione in realtà è l'edizione La Frontiera (copertina in basso) con sopra incollata la copertina dell'edizione Lo Vecchio (copertina in alto)

 
 

SHADOW ON THE SUN

 western horror


Autore:
Richard Matheson
Editore: Tor Books
Anno: 2013
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 233

Southwest Arizona, a century ago. An uneasy true exists between the remote frontier community of Picture City and the neighboring Apaches. That delicate peace is shredded when the bodies of two white men are found hideously mutilated. The angry townspeople are certain the "savages" have broken the treaty, but Billjohn Finley, the local Indian agent, fears that darker, more unholy forces may be at work. There's a tall, dark stranger in town, who rode in wearing the dead men's clothes. A stranger who may not be entirely human . . . .
Originally published as a mass-market Western in 1994, "Shadow on the Sun" has been out of print for years and was largely overlooked by horror fans and general readers. Now at last this forgotten tale of supernatural terror returns to chill the blood of Matheson's many fans.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2015/05/shadow-on-sun-di-richard-matheson.html

 
 

THE LAST RIDE

Autore:
Thomas Eidson
Editore: Michael Joseph
Anno: 1995
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm - romanzo
Pagine: 304

The year is 1886 and old Samuel Jones, broken in body and soul, has ridden hard to reach his daughter’s remote New Mexico ranch—ridden hard so that he can die there. But Maggie Baldwin, grown and with children of her own, wants nothing to do with this man who abandoned her and her mother thirty years earlier to live with the Indians. Nothing, that is, until renegade Apaches shoot Maggie’s husband and kidnap her oldest daughter. Then she has no choice but to ride with the dying father she detests in a desperate attempt to rescue her child before the girl disappears forever into the vast twilight land of old Mexico.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2015/04/the-last-ride-di-thomas-eidson.html

 
 

CAVALLO NERO CARBONE

Titolo originale
: Coal Black Horse
Autore:
Robert Olmstead
Traduttore: Vincenzo Mantovani
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno: 2000
Formato: Brossura leggera, 22 cm - romanzo
Pagine: 214

Nel 1863, nel Sud dell'America devastata dalla Guerra Civile, un ragazzo di quattordici anni è spinto dalla madre ad andare alla ricerca del padre che un presentimento le fa credere morto. Robey veste per sicurezza una divisa reversibile, da un lato blu nordista e dall'altro grigio sudista. In sella a un cavallo di razza nero, suo unico compagno e protettore, attraversa paesaggi naturali incantati, ma anche il caos e gli orrori della guerra. È ferito gravemente alla testa da un vecchio che gli ruba il cavallo. Quando, in cerca di rifugio, si nasconde in una casa bruciata, assiste alla violenza su una giovane, Rachel, compiuta da un anziano predicatore fanatico. Dopo aver ritrovato il padre ferito mortalmente e l'amato cavallo, dovrà ancora confrontarsi con due uomini che lo cercano per la resa dei conti: il fratello di un uomo dedito allo sciacallaggio che ha ucciso e il predicatore che vuole riprendersi Rachel.

 
 

COSI' GIOVANE, BELLO E CORAGGIOSO

Titolo originale
: So Brave, Young and Handsome
Autore:
Leif Enger
Traduttore: Stefano Tummolini , Catherine McGilvray
Editore: Fazi
Collana: Le strade
Anno: 2009
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine: 413

Minnesota, 1915. Monte Becket ha smarrito ogni spirito d'inventiva. Il suo unico successo, un romanzo diventato per caso un bestseller, è pressoché dimenticato. Monte conduce ora una vita semplice e piana, una moglie che lo ama al suo fianco e un figlio dall'intelligenza sorprendente. Ma in un giorno qualunque, in una stagione qualunque, la sua vita cambia radicalmente. Becket è a pesca lungo il fiume quando vede avvicinarsi, a bordo di una barca a remi, Glendon Hale, il più celebre e temuto rapinatore di treni dello Stato, ricercato (e mai catturato) ormai da anni. E, per quanto incredibile possa apparire, questi due uomini, pur non avendo nulla in comune, diverranno grandi amici: tanto che il fuorilegge strapperà Becket alla famiglia, per condurlo con sé in un'avventurosa fuga verso la California. Un viaggio attraverso il West più selvaggio e primitivo, che metterà a dura prova tanto l'autenticità del senso della legge di Monte, quanto l'inviolabilità della sua morale. Lungo un percorso movimentato da bizzarri incontri e dalle continue fughe da Charles Siringo, il detective che da sempre è sulle tracce di Glendon, Monte scoprirà così il fascino della strada: fino a realizzare che, da un'esperienza simile, non gli sarà mai più possibile tornare indietro.

 
 

LA LINGUA DI CANAAN

Titolo originale
: Canaan's Tongue
Autore:
John Wray
Traduttore: Tommaso Pincio
Editore: Gea Schirò
Anno: 2008
Formato: Brossura leggera, 22 cm - romanzo
Pagine: 415

I suoi seguaci lo chiamavano il Redentore. Era a capo di una banda di malviventi asserragliata in una terra di nessuno tra la Louisiana e il Mississippi e dedita al furto degli schiavi. Adesso, però, Thaddeus Morelle è morto, e non per cause naturali. A ucciderlo è stato proprio il suo pupillo, Virgil Ball, desideroso di affrancarsi dalla sua nefasta e ipnotica influenza. Ma il povero Virgil ancora non sa che l'orrore in cui si è lasciato coinvolgere è una forza sinistra e formidabile, molto più grande di quel che egli immagina, un orrore vecchio come il fiume e sconfinato come l'America. Ambientato nei tormentati anni della Guerra Civile e ispirato alla figura di un criminale realmente esistito la cui notorietà, all'epoca, era pari a quella di Jesse James e AI Capone, "La lingua di Canaan" è un ritratto dell'altra faccia di una grande nazione. Un romanzo violento e visionario sul cuore nero dell'America.

 
 

LA STORIA DI SHORTY

Titolo originale
: The Englishman's Boy
Autore:
Guy Vanderhaeghe
Traduttore: Gianni Rigamonti
Editore: Mondadori
Collana: Strade Blu
Anno: 1998
Formato: Brossura leggera, 22 cm - romanzo
Pagine: 381

Ad Harry Vincent, giovane sceneggiatore arrivato dal Canada nella Hollywood del 1920, viene offerta l'occasione della vita: il boss degli studios Damon. Ira Chance lo assume per scovare Shorty McAdoo, vecchio cowboy dalla fama leggendaria. Quando Harry riuscirà a trovarlo scoprirà la sua vera storia. Ma questa non è la storia che voleva Chance e Harry sarà licenziato.

 
 

REVENANT
La storia vera di Hugh Glass e della sua vendetta


Titolo originale
: The Revenant
Autore:
Michael Punke
Traduttore: Norman Gobetti
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno: 2014
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine: 304

Hugh Glass era morto. Doveva essere morto. Nessun uomo normale sopravvive all'assalto di un grizzly, agli artigli lunghi quindici centimetri che fanno a brandelli schiena e collo, alla ferocia di un morso che lacera le carni. Ma come era finito abbandonato in fin di vita, in quel posto dimenticato da Dio nel Nordovest degli Stati Uniti?
Glass è un esploratore e un cacciatore di pellicce che nel 1822 prende parte a una spedizione lungo il fiume Missouri e i suoi affluenti: all'epoca quel territorio era di fatto inesplorato (la prima missione, quella di Lewis e Clark, risale a soli diciotto anni prima), selvaggio e minaccioso come solo la Frontiera sa essere. L'ultimo avamposto americano, uno sperduto forte dell'esercito, è lontano una settimana di cammino: il resto è territorio di caccia di Sioux tutt'altro che in buoni rapporti con l'uomo bianco. È qui che Glass, separatosi dal gruppo per trovare provviste, viene assalito da un orso. Vedendo in che condizioni l'ha ridotto l'animale, i compagni si convincono che gli resta poco da vivere: il grosso della spedizione procede nel suo viaggio, lasciando il trapper con due uomini, John Fitzgerald e Jim Bridger, incaricati di vegliare le sue ultime ore. Ma il destino sembra avere un conto in sospeso con il trapper: al terzo giorno di agonia, i tre uomini avvistano un gruppo di guerrieri indiani. Fitzgerald e Bridger, presi dal panico, abbandonano Glass, rubandogli le armi e il coltello, lasciandolo solo, disarmato, accanto alla fossa che già avevano scavato per lui, in balía degli indiani. Sembrerebbe la fine di Hugh Glass e invece è solo l'inizio. È a questo punto, infatti, che Glass diventa il protagonista di un'incredibile odissea che possiede la grandiosità della leggenda e la fondatezza della cronaca storica. Intraprende un viaggio di tremila miglia, attraverso le condizioni piú estreme, sopravvivendo ai pericoli e alle minacce della natura e degli uomini, diventando amico e alleato di popoli sconosciuti, mosso unicamente dalla piú incrollabile delle volontà: quella di un uomo che cerca la sua vendetta.
Senza tralasciare il rocambolesco passato del suo protagonista - tra naufragi al largo di Cuba, pirati, vagabondaggi e un lungo periodo di permanenza forzata (e quasi fatale) presso una tribú di indiani pawnee -, Michael Punke ricostruisce la storia vera di Hugh Glass, eroe celeberrimo della mitologia western, restituendolo alla dimensione che, piú di ogni altra, può rendere giustizia alla sua incredibile vicenda biografica: quella del romanzo.
Da Revenant Alejandro González Iñárritu sta girando un film, con Leonardo Di Caprio e Tom Hardy, in uscita nel 2015.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2014/10/revenant-di-michael-punke-recensione.html

 
 

GLI DEI DEL DESERTO

Titolo originale
: The Lonesome Gods
Autore:
Louis L'Amour
Editore: Mondadori
Anno: 1984
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm - romanzo
Pagine: 346

Pochi autori contemporanei hanno avuto un consenso vasto ed entusiasta quale quello che Louis L'Amour s'è guadagnato nel corso di una straordinaria carriera trentennale: 84 romanzi, più di 400 racconti e quasi 130 milioni di copie vendute fanno di lui uno dei quattro romanzieri più letti del mondo.
Ora, in un'opera che è già stata accolta in undici nazioni come un grosso avvenimento editoriale, Louis L'Amour ci presenta il suo più importante romanzo storico: Gli dei del deserto. Epica vicenda della frontiera americana, il libro racconta la storia di Johannes Verne, un giovane orfano protetto da misteriosi indiani. Forte dell'amore di due donne, Verne si trasforma in un rude avventuriero, capace di dominare gli spaventosi pericoli del deserto di Palm Springs e di dimostrare l'audacia necessaria per imporsi nell'avido mondo di una Los Angeles non ancora città, ma in via di rapida espansione.
Pervaso dall'affascinante atmosfera della California del Diciannovesimo secolo, Gli dei del deserto rappresenta il più ricco sforzo narrativo di Louis L'Amour, che esprime qui la sua insuperata abilità di coinvolgere i lettori nei propri personalissimi sentimenti per la terra, il coraggio e la gente della frontiera. Ancor più importante, è un romanzo che, se mai ce ne fosse ancora bisogno, conferma Louis L'Amour come il grande narratore dei vasti spazi americani.

 
 

VENTO DI TERRE LONTANE

Titolo originale
: Jubal Troop
Autore:
Paul I. Wellman
Traduzione: Maria Zotti e Giuseppina Ripamonti Perego
Editore: Baldini&Castoldi
Collana: Romanzi e racconti
Anno: 2003
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 507

Se mai qualcuno ha cercato narrativamente di ripercorrere l'epica western che il cinema hollywoodiano ha in vari modi rappresentato, questo è senz'altro Paul I. Wellman, scrittore e sceneggiatore celeberrimo nei decenni mediani del secolo scorso. Lo attesta questo avventuroso e affascinante romanzo ambientato negli aspri panorami cari a John Ford. Protagonista assoluto è Jubal Troop, che all'inizio è appena un ragazzo, lacero e perduto, alla ricerca di un lavoro qualsiasi che lo liberi dall'innata convivenza con la fame e il freddo. Al suo attivo il giovane cow-boy ha soltanto una contagiosa vitalità, un'indomita resistenza e un fiducioso ottimismo, che gli permettono di superare ogni più terribile esperienza e crescere in forza. Jubal è perennemente in fuga, e perennemente la sorte lo obbliga a ricominciare da capo, una volta sarà per causa di una donna, un'altra è il lavoro che va in fumo, un'altra ancora è la sua temerarietà a trascinarlo via da sicuri approdi. Anche se al fondo della sua irrequietezza c'è la speranza di ritrovare la donna amata e persa, Naomy, che poi rintraccerà e perderà e ritroverà ancora, per l'inevitabile happy end. Campito in scene drammatiche e chiuse, che segnano l'evolversi di una travagliata esistenza, la narrazione attrae il lettore in un vorticoso susseguirsi di colpi di scena, celebrando al contempo un mito e la sua storia.

 
 

GARRETT
Ucciderò ancora Billy the Kid


Testi:
Roberto Recchioni
Disegni: Riccardo Burchielli, Werter Dell'Edera, Cristiano Cucina
Editore: Editoriale Cosmo
Collana: Cosmo Serie Nera
Anno: 2014
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo a fumetti
Pagine: 208

 
 

SAGE CITY

Titolo originale
: Bitter Sage
Autore:
Frank Gruber
Traduttore: N. Coppini
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 74)
Anno: 1968
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 191

Wes Tancred aveva giurato che non avrebbe toccato mai più un'arma. Aveva ucciso Sam Older per legittima difesa. E non poteva provarlo. Così cavalcò da solo per le piste solitarie... cambiò nome... sperò di dimenticare e far dimenticare il proprio passato in mezzo all'attività frenetica di Sage City.
Poi Hong Kong Smith e i suoi desperados, provenienti dal Texas, arrivarono in città.
Quando le pallottole sparate da loro uccisero uomini innocenti, Wes Tancred capì che doveva impugnare nuovamente la sua pistola.
Come riuscì a salvare la città e a lavare il suo nome dall'onta, fa di «Sage City» un western rapido e scattante, uno dei migliori fra quelli scritti da Frank Gruber.

 
 

IL SENTIERO DELLA MORTE

Titolo originale
: Dead Man's Trail
Autore:
Frank Leslie
Copertina: Leomacs
Editore: Editoriale Cosmo
Collana: Cosmo Serie Pocket (n. 4)
Anno: 2014
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine: 224

Nel corso di una sparatoria, Yakima Henry viene salvato da un uomo misterioso che sacrifica la propria vita per salvarlo dall'attacco di una posse di desperados. Yakima scopre che l'uomo viaggiava con un importante carico d'oro e decide di restituirlo alla famiglia. Inizia così un incredibile viaggio fra le innevate montagne del Wyoming, un viaggio che porterà Yakima a scoprire molte cose su se stesso e sui suoi variegati compagni di marcia. L'appuntamento con il western moderno e inedito viene offerto da uno dei maestri contemporanei: Frank Leslie!

 
 

IL RISVEGLIO DEL SERPENTE

Titolo originale
: The Rattlesnake Season
Autore:
Larry D. Sweazy
Copertina: Leomacs
Editore: Editoriale Cosmo
Collana: Cosmo Serie Pocket (n. 3)
Anno: 2014
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine: 256

Nuovo romanzo della new wave western americana e nuovo autore (e personaggio) assolutamente da scoprire. Larry Sweazy è nato in Indiana ed è stato vincitore di un Spur Award nel 2005. Il risveglio del serpente è il primo romanzo del suo personaggio più celebre, lo sceriffo Josiah Wolfe. Impegnato ad accompagnare al processo un pericoloso criminale, proprio mentre Wolfe è devastato dalla morte della moglie e della figlia.

 
 

IL CONFINE DELLA VENDETTA

Titolo originale
: Border Empire
Titolo originale
: Showdown in Sonora
Autore:
Ralph Compton
Copertina: Leomacs
Editore: Editoriale Cosmo
Collana: Cosmo Serie Pocket (n. 2)
Anno: 2014
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine: 256

Nuovo appuntamento con il meglio della letteratura western americana e nuovo colpo in canna per il ciclo ideato da Ralph Compton che si è guadagnato 4 stelle (su cinque) su goodreads.com. Vi presentiamo le vicende di Wes Stone un uomo della legge che gettato il suo distintivo per vendicare la morte del padre, ucciso dalla banda Sandlin. Una storia di vendetta e rivoltellate per tutti gli amanti del genere!

 
 

WEST TEXAS KILL

Titolo originale
: West Texas Kill
Autore:
Johnny D. Boggs
Copertina: Leomacs
Editore: Editoriale Cosmo
Collana: Cosmo Serie Pocket (n. 1)
Anno: 2014
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine: 256

Editoriale Cosmo presenta al pubblico italiano un nuovo progetto da edicola e libreria, con prezzo di copertina contenuto, destinato a tutti gli appassionati del genere western! Una collezione di romanzi western, realizzati da una posse formata dai migliori specialisti americani del genere e tutti vincitori del prestigioso Spur Award, il maggior riconoscimento mondiale per questo genere letterario. Genere che negli States non ha mai smesso di mietere consensi e produce, annualmente, un numero impressionante di romanzi. Nel primo numero, arriva questo romanzo violento e pieno di sarcasmo, firmato da JD Boggs, vincitore di 6 Spurs! La vicenda vede il conflitto totale fra il crudele capitano Hector Savage e il ranger Dave Chance, costretto a liberare un killer suo prigioniero per farsi aiutare a liberare il West Texas dalla tirrania di Savage!

 
 

LA LEGGE DEL DESERTO

Titolo originale
: Law of the Desert Born
Autori:
Louis L'Amour (soggetto), Beau L'Amour e Catherine Nolan (sceneggiatura), Charles Santino (adattamento)
Disegni: Thomas Yeats
Editore: Editoriale Cosmo
Collana: Almanacco Cosmo
Anno: 2014
Formato: Brossura, 30 cm - romanzo a fumetti
Pagine: 160

Editoriale Cosmo invita tutti gli appassionati del western a un evento a dir poco epocale: il primo adattamento a fumetti di una storia originale scritta dal maestro assoluto del genere, il grandissimo Louis L'Amour. La vicenda si svolge nel New Mexico, 1887. Un turbine di violenza e vendetta che porterà Jesus Lopez, mezzo-messicano, mezzo-apache, all'inseguimento di coloro che hanno insanguinato la terra. Un evento editoriale di prima grandezza, davvero imperdibile!

 
 

LA CASA DEL PADRE

Autore:
Simone Biagi
Editore: DrawUp
Collana: Sentieri
Anno: 2012
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 200

Quattro giubbe rosse vengono inviate a svelare i misteri che nasconde il silenzio di Fort Hope, conquistato in realtà da una banda di fuorilegge che cercano l'oro di una vecchia miniera Yellowknife. Moses Bulkington e Wheenat, un mezzosangue e un indiano Dogrib, cercano di avvertire i Mounties del pericolo, ma si scontrano con i banditi e con il loro capo, Zane. Si salvano buttandosi nelle acque gelate del fiume Mackenzie, dalle quali vengono salvati da una famiglia di Sayisi Dene. Moses è ricercato per un omicidio di dieci anni prima, nonostante si professi innocente. Eviterà il carcere se parteciperà a una nuova missione in cerca dei fuorilegge, come guida e soldato. Moses accetta e ritrova la sua libertà, dopo anni vissuti nei boschi. Questo e tanto altro in un romanzo d'altri tempi, avventura dal ritmo intenso e dai continui colpi di scena, ambientato nel Canada della corsa all'oro, tra soldati, nativi, fuggiaschi, fiumi, dirupi e sterminate foreste, dove orsi e alci fanno da sfondo.

 
 

GOLDEN BOOT

Autore:
Paolo Nelli
Editore: Fazi
Collana: Le Vele
Anno: 2012
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 222

Golden boot, sperduto villaggio di cercatori d’oro e mandriani: una carcassa che pare decomporsi nell’arsura del deserto. A riscuoterlo dal suo torpore, spunta un giorno il reverendo Ralph, con la balzana idea di coinvolgere l’intero villaggio nell’allestimento di Medea. E di colpo, la tragedia rappresentata sul palco pare farsi specchio della realtà: il marito di Angela, chiamata a interpretare il personaggio di Medea, è stato infatti assassinato dal suo socio Dalton, che ne ha subito preso il posto sul letto accanto alla vedova. Tutto avviene innanzi agli occhi del quattordicenne Chuck, che già avrebbe l’età per impugnare la pistola e vendicare il padre, ma preferisce isolarsi nella bellezza dei libri e della poesia, e imparare a cucire stivali seguendo gli insegnamenti del vecchio Bill. In questo romanzo a tinte western dove il mito classico di Medea si incrocia con quello shakespeariano di Amleto, Chuck rifiuterà un destino già segnato, e se ne andrà senza sparare un colpo. Forse leggerà ancora i sonetti di Keats; forse continuerà a fabbricare stivali ben fatti, ordinati, puliti, che potranno lasciare un’impronta diversa in un mondo che ben fatto, ordinato e pulito non lo è quasi mai.

 
 

IL FORTE DELLA VENDETTA

Titolo originale
: Fort Vengeance
Autore:
Gordon D. Shirreffs
Traduttore: Alda Carrer
Editore: Meridiano Zero
Collana: West
Anno: 2014
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 176

Come ultima possibilità concessagli dopo i suoi trascorsi non privi di macchia, il maggiore Dan Fayes viene spedito a riportare ordine e disciplina presso lo sperduto Fort Costain, alla cui testa nessuno pare aver retto più di qualche mese. Sono l’alcol e il gioco d’azzardo ad ammollire i soldati? O la procace sorella del medico militare?
La figlia del proprietario di una vicina fattoria sembra saperne qualcosa… Nel frattempo violenti omicidi e misteriosi scalpi mettono tutti in allarme. È evidente che la tribù apache di Vento Nero non è più disposta ad attendere oltre: troppe richieste sono state ignorate. Non è la prima volta che il maggiore si trova a combattere contro gli indiani, ma certo non è preparato ad avere ai suoi ordini una truppa sul punto di ammutinare. A rendere ancor più difficile il suo compito sta il fatto che gli indiani questa volta sono armati di fucili a ripetizione...

 
 

LA FORESTA

Titolo originale
: The Thicket
Autore:
Joe R. Lansdale
Traduttore: Luca Briasco
Editore: Einaudi
Collana: Stile libero Big
Anno: 2013
Formato: Brossura, 22 cm - romanzo
Pagine: 352

Dopo aver perso entrambi i genitori durante un'epidemia di vaiolo, Jack Parker ha deciso di lasciare il Texas per trasferirsi in Kansas. Ma sulla strada incrocia una banda di fuorilegge che gli uccidono il nonno e rapiscono Lula, la sua sorella minore. Jack si mette allora sulle loro tracce, accompagnato da una squadra di cacciatori di taglie che più insolita non potrebbe essere: un nano colto e melanconico, dalla mira infallibile; un nero gigantesco, che si guadagna da vivere scavando fosse; una giovane prostituta dalla lingua lunga e il cuore d'oro; uno sceriffo con la faccia e il corpo coperti di cicatrici. La foresta è un viaggio in un'America del primo Novecento che somiglia molto a quella di oggi. Un romanzo spaventoso e divertentissimo al tempo stesso, come se i fratelli Grimm e Mark Twain si fossero uniti per scriverlo.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2015/01/la-foresta-di-joe-lansdale-recensione.html

 
 

IL FIGLIO

Titolo originale
: The Son
Autore:
Philipp Meyer
Traduttore: Cristiana Mennella
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno: 2014
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine: 560

Dalle grandi praterie annerite da immense mandrie di bisonti, agli smisurati ranch di proprietà di un pugno di allevatori che regnavano come monarchi assoluti su schiere di vaqueros, al paesaggio arido e desolato punteggiato dalle torri dei campi petroliferi, la storia del Texas occidentale è la storia di un susseguirsi di massacri, la storia di una terra strappata di mano piú e piú volte nel corso delle generazioni. E inevitabilmente anche la storia dei McCullough, pionieri, allevatori e poi petrolieri, è una storia di massacri e rapine, a partire dal patriarca Eli, rapito dai Comanche in tenera età e tornato a vivere fra i bianchi alle soglie dell'età adulta, per diventare infine, sulla pelle dei messicani e grazie ai traffici illeciti fioriti nel caos della Guerra Civile, un ricchissimo patrón. Ma se Eli McCullough, pur sognando la wilderness perduta, non esita ad adattarsi ai tempi nuovi calpestando tutto ciò che ostacola la sua ascesa, suo figlio Peter sogna invece un futuro diverso, che non sia quello del petrolio che insozza la terra e spazza via i vecchi stili di vita, e non può che schierarsi con trepida passione dalla parte delle vittime. La storia, però, la fanno i vincitori, ed ecco allora Jeanne, la pronipote di Eli, magnate dell'industria petrolifera in un mondo ormai irriconoscibile, in cui di bisonti e indiani non c'è piú neanche l'ombra, e i messicani sono stati respinti al di là del Rio Grande. Toccherà a lei affrontare, nel modo piú letterale possibile, un tragico e inesorabile ritorno del rimosso. Dopo aver esplorato, in Ruggine americana, le rovine dell'impero industriale statunitense, in questo romanzo western anomalo e modernissimo, fortemente politico e per nulla ideologico, Philipp Meyer indaga senza reticenze le origini di quello stesso impero, per raccontarci quanto è sempre stato sottile il confine che separa l'eroismo dalla ferocia.

 
 

IL BUONO, IL BRUTTO E IL FIGLIO DEL CATTIVO

Autore:
Nelson Martinico
Editore: Bompiani
Collana: Narratori italiani
Anno: 2014
Formato: Brossura con sovracopertina, 21 cm - romanzo
Pagine: 165

Una leggenda del cinema. Ora avete fra le mani un romanzo che narra le vicende dei tre memorabili personaggi di Leone, vent'anni dopo. Il primo dei tre, Tuco, il Brutto, sta per uscire dalla prigione dove ha saputo che il Biondo, cioè il Buono, ha assunto un nuovo nome e fatto fortuna come impresario circense e autore di romanzetti western: è lui che ha dato a Buffalo Bill i soldi per mettere su il Wild West Show e creato il suo mito. Ma quando Tuco esce di galera, lo aspetta il figlio di Sentenza (il Cattivo). È un tipo pieno di vanità, di fisime religiose: vuole ritrovare la tomba del padre (in cui Tuco, prima di essere arrestato, ha nascosto la sua metà del tesoro) e sfidare il Biondo per dimostrare di essere il pistolero più veloce del West. Ma il Biondo al circo di Buffalo Bill non c'è più. Tra viaggi, sparatorie, morti redivivi e una sarabanda di scene divertenti e ironiche, questo libro ci restituisce tutta l'atmosfera polverosa del West, la sua musica e i personaggi che la animarono, maschere della memoria che non smettono di raccontare la storia di chi li ha amati... Sfide e duelli che ci hanno fatto sognare e riflettere sul tempo che passa inesorabile e sulla nostalgia di un'epoca eroica segnata dalla violenza ma anche dall'elogio dell'amicizia e dello spirito di avventura.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2014/06/il-buono-il-brutto-e-il-figlio-del.html

 
 

TEX WILLER. IL ROMANZO DELLA MIA VITA

Autore:
Mauro Boselli
Editore: Mondadori
Collana: Oscar Bestsellers
Illustrazioni: Fabio Civitelli
Anno: 2012
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine: 224

Per la prima volta nella sua lunga carriera Tex Willer decide di raccontarsi in prima persona. E lo fa non con un fumetto ma con un'autobiografia vera e propria. In questo inedito e intenso racconto Tex svela le sue origini, le storie dei suoi pards, l'incontro con il burbero Kit Carson, con il fiero navajo Tiger Jack e la nascita del figlio Kit dopo il matrimonio con Lilyth, figlia del capo Freccia Rossa. É narra gli avvenimenti che, nel lontano passato, lo hanno a lungo bollato con il marchio del fuorilegge, di come, benché texano, abbia combattuto la Guerra Civile con il Nord e della lotta per la libertà del Messico a fianco dell'amico Montales. Tex si scontra con banditi, proprietari terrieri senza scrupoli, politicanti corrotti, militari ambiziosi, indiani in rivolta, è un difensore dei deboli e degli oppressi, è sempre stato fortemente antirazzista e amico dei pellerossa. Per gli indiani Navajo è Aquila della Notte, saggio capo bianco e fratello di ogni uomo rosso. Per i bianchi è l'agente indiano della Riserva Navajo e un ranger dalla mira infallibile. Per i fuorilegge che hanno la sventura di incrociare la sua Colt è l'incubo peggiore.

 
 

LO SVELTO E IL MORTO

Titolo originale
: The Quick and the Dead
Autore:
Louis L'Amour
Traduttore: Antonio Ghirardelli
Editore: Meridiano Zero
Collana: West
Anno: 2014
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 191

Duncan McKaskel, sua moglie Susanna e il piccolo Tom si mettono in viaggio verso il selvaggio West alla ricerca di un avvenire migliore. Non sanno però di essere entrati in una zona pericolosa e senza leggi, in cui banditi, indiani, cacciatori e cercatori d'oro si spartiscono il territorio. Troveranno nell'ambigua figura di Vallian, pistolero dallo spirito libero, un angelo custode per il viaggio attraverso terre desolate. Ignorano tuttavia che il loro guardiano ha più di un mistero da nascondere, tra cui un'antica rivalità con un Urone pronto a tutto pur di sopraffare l'avversario: perfino a fornire indicazioni ai banditi che nel frattempo stanno dando la caccia ai McKaskel! Inizia così un appassionante inseguimento in una natura aspra e in una società senza altra legge che quella della colt.

 
 

SEGUENDO LA PISTA

Titolo originale
: Trailin'
Autore:
Max Brand
Traduttore: N. Coppini
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 67)
Anno: 1968
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 251

 
 

I PISTOLERI DI DORKING HOLLOW

Titolo originale
: The Guns of Dorking Hollow
Autore:
Max Brand
Traduttore: I. Cassina
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 123)
Anno: 1970
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 187

 
 

IL CAVALIERE SULLA PISTA MESQUITE

Titolo originale
: Rider of the Mesquite Trail
Autore:
Bradford Scott
Traduttore: N. Coppini
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 87)
Anno: 1969
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 189

 
 

IL FUORILEGGE

Titolo originale
: Outlaw
Autore:
Frank Gruber
Traduttore: N. Coppini
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 80)
Anno: 1969
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 189

 
 

AQUILA DI FUOCO

Titolo originale:
Striking Eagle
Autore:
Max Brand
Traduttore: C. Govi-Magri
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 83)
Anno: 1969
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 254

 
 

ALASKA

Autore:
James A. Michener
Traduttore: Adriana Dell'Orto
Editore: Bompiani
Anno: 1990
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm - romanzo
Pagine: 661

Con la capacità di fondere una ricostruzione storica accurata in un contesto narrativo avvincente, James A. Michener traccia un affresco straordinariamente intenso e vigoroso dell'Alaska, dall'epoca preistorica fino al XX secolo.
Michener risale fino agli albori del mondo, come già aveva fatto in Colorado, per narrare la formazione di quegli enormi giacimenti minerari che, milioni di anni dopo, daranno origine alla mitica "corsa all'oro" nel Klondike e allo sfruttamento petrolifero delle terre eschimesi. L'espansione e il ritiro dei ghiacciai e la deriva dei continenti modellano un territorio su cui pascolano indisturbati orsi e mammuth, alci e renne, finchè sulle lande ghiacciate e nelle vaste pianure steppose fa la sua comparsa l'uomo: ecco allora svolgersi la grande epopea di eschimesi, aleutini, athabaska e tlingit, nell'asprezza di una natura superbamente spietata sotto cieli illuminati da splendide aurore boreali. In questo scenario incomparabile si avventurano russi e americani, esploratori e mercanti, soldati e missionari: personaggi storici o di fantasia che popolano la grande saga dell'Alaska, dalla sua "scoperta" nel Settecento a opera dei russi al contrasto fra lo sciamanesimo e il cristianesimo, dal suo acquisto da parte degli americani nel 1867 fino all'età contemporanea in cui "la ghiacciaia di Seward" assume importanza anche sotto il profilo strategico.
Un nuovo, avvincente romanzo storico nell'inconfondibile stile di James A. Michener.

 
 

IL CANTO DELL'AQUILA

Autore:
Pierluigi Curcio
Editore: Aretha
Anno: 2013
Formato: Ebook - romanzo
Pagine: 107

Il mondo è andato avanti e gli affetti più cari sono oramai perduti per sempre. Ma non importa. Kit Farrell, ex agente Pinkerton, non può esimersi dall’andare in soccorso della donna un tempo vicina al cuore.
Sulla sua scia John Buchannon, il giovane aspirante avvocato affascinato dall’avventura e Dan Farrell, l’uomo a cui è stata sottratta la sposa durante la prima notte di nozze.
La trilogia del Canto dell’Aquila ci cala in un mondo duro, spietato, fra tradimenti, colpi di pistola, deserto e dolore. Amore, onore e lealtà.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2014/01/il-canto-dellaquila.html

 
 

L'UOMO DURO

Titolo originale
: The Diehards
Autore:
Dudley Dean
Traduttore: Elisa Marpicati
Editore: Longanesi
Collana: Suspense! (n. 41)
Anno: 1958
Formato: Rilegato con sovracopertina, 19 cm - romanzo
Pagine: 230

Arrivò a cavallo da Abilene stanco della pista polverosa e ancora coi nervi in sussulto per gli incontri e le imboscate degli indiani... e giusto in tempo per partecipare alla lotta senza quartiere di Big Bend, territorio quasi senza confini ma troppo piccolo per i due uomini che volevano impossessarsene. E già in qualche prato di Big Bend c'era una tomba per ognuno di costoro...

 
 

ALZATI E MUORI

Titolo originale
: To Tame a Land
Autore:
Louis L'Amour
Traduttore: Adriana Pellegrini
Editore: Longanesi
Collana: Suspense! (n. 18)
Anno: 1957
Formato: Rilegato con sovracopertina, 19 cm - romanzo
Pagine: 274

A vent'anni appena, Rye Tyler aveva già ucciso dieci uomini. Venuto all'Ovest con una carovana di pionieri, visto il padre trucidato dagli indiani, aveva imparato la dura lezione di quella terra selvaggia e solitaria, dove l'unica amica di un uomo è la pistola. E la pistola di Rye Tyler godeva di una fama leggendaria. Finchè l'uomo, sino allora costretto ad uccidere per difendersi, si trasformò nel selvaggio cacciatore dell'ultima sua vittima, il fuorilegge che gli aveva rubato la propria donna.

 
 

DORMI COL DIAVOLO

Titolo originale
: Name's Buchanan
Autore:
Jonas Ward
Traduttore: Marisa Edwards
Editore: Longanesi
Collana: Suspense! (n. 39)
Anno: 1958
Formato: Rilegato con sovracopertina, 19 cm - romanzo
Pagine: 249

Era alto, molto più alto degli altri uomini, e aveva lo sguardo selvaggio. Si chiamava Tom Buchanan e veniva dal Texas occidentale. Sparava con gioia e amava con passione. Stavolta capitò nella Agry County e sul bandito che la dominava. Non erano affari suoi, ma una fanciulla era stata violentata e l'onore di una famiglia macchiato...

 
 

SANGUE, DONNA E CAVALLO

Titolo originale
: Texas, Blood Red
Autore:
Shepard Rifkin
Traduttore: Elisa Marpicati
Editore: Longanesi
Collana: Suspense! (n. 15)
Anno: 1957
Formato: Rilegato con sovracopertina, 19 cm - romanzo
Pagine: 285

Fu in una valle verde, creata per ospitare una coppia di amanti, che il Terzo Cavalliera U.S. perdette tutti i suoi componenti, tranne cinque, più sfortunati ancora, che caddero vivi nelle mani degli indiani ribelli. E tra essi c'era una donna, giovane e bellissima.

 
 

RIO BRAVO

Titolo originale
: Rio Bravo
Autore:
Gordon Shirreffs
Traduttore: Elisa Marpicati
Editore: Longanesi
Collana: Suspense! (n. 50)
Anno: 1959
Formato: Rilegato con sovracopertina, 19 cm - romanzo
Pagine: 244

Rimandarono il sergente Gorse legato sul cavallo: attraverso il deserto arido ostile, il baio portò quel cadavere dagli occhi sbarrati fino alle grate di Fort Bellew. Gli spuntavano sei frecce dalla schiena. Gli indiani gli avevano squarciato il ventre ricucendolo con budella, maciullando le ossa delle braccia e delle gambe.
Con questa orribile tortura, Asesino, capo dei ciricaua lanciava la sua sfida. Prima che il sole sorgesse di nuovo, i cancelli di Fort Bellew si sarebbero spalancati e i cavalleggeri avrebbero galoppato sulle tracce di Asesino, lungo il sentiero che conduceva alla gloria o alla morte.

 
 

ZANNA BIANCA

Titolo originale
: White Fang
Autore:
Jack London
Traduttore: Anneliese Wolf Belfiore
Editore: Garzanti
Collana: I Garzanti
Anno: 1978
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 288

In una delle zone più selvagge del Nordamerica, dove gli inverni sono lunghi e rigidi, fra aspre montagne, e boschi, e fiumi, dove gli uomini lottano faticosamente contro un ambiente tanto avverso, vive Zanna Bianca, un cane lupo feroce e dolce, imbattibile e leale. E questa è la sua storia, e insieme la storia degli uomini che, di volta in volta, divengono i "padroni" di Zanna Bianca: rozzi, violenti, resi forse cattivi da una esistenza dura e precaria, ma sempre visti e amati come "dèi-uomini" da questo "lupo"; un amore e una devozione, quelli di Zanna Bianca, destinati a non essere ricambiati se non quando incontrerà Weedon Scott, un uomo buono e intelligente, che lo comprenderà e ne diverrà l'amico e il difensore.

 
 

LA FIGLIA DELLE NEVI

Titolo originale
: A daughter of the snows
Autore:
Jack London
Traduttore: Tullio Tulli
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 4)
Anno: 1966
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 284

Questa è la storia di «Tenas ih-iih» (Piccola Risata), ossia Frona Wells che, dopo aver compiuto gli studi, ritorna a Dawson dal padre, un uomo avventuroso e grande mercante dello Yukon, al tempo della corsa all'oro del Klondike. Ed è insieme il ritratto vivo di una donna forte, libera, di «buona razza», che sul finire del secolo scorso rappresenta arditamente un nuovo tipo di femminilità, diverso sia da quello tradizionale sia da quello proposto dalle correnti femministe. Frona Wells è insomma una donna che moltissimi uomini vorrebbero incontrare nella loro vita. E' anche una donna saggia. E tuttavia sbaglia a scegliere il suo uomo: e qui sta - in questo incomprensibile errore - l'origine della tensione di tutta la storia che si accaparra senza scampo l'attenzione del lettore.

 
 

IL FIUME ABBANDONATO

Titolo originale
: Forlom River
Autore:
Zane Grey
Traduttore: Alfredo Pitta
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 10)
Anno: 1966
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 247

La grande passione di Ben Ide sono i cavalli, passione che lo porta ad abbandonare la casa paterna, dove era costretto ad occuparsi di agricoltura, per rifugiarsi tra le montagne lungo il corso del Fiume Abbandonato, nome quanto mai appropriato al luogo e alla sua vita di reietto.
Con l'aiuto di Nevada, un fuorilegge dal passato oscuro ma dall'animo nobile e del vecchio indiano Modoc, va a caccia di «mustangs», i cavalli selvaggi molto diffusi a quei tempi in California. Ma il cavallo dei suoi sogni è il Rosso, uno stupendo stallone che nessuno è mai riuscito a catturare. Purtroppo nella zona si sono insediati dei filibustieri, ladri di greggi e di cavalli, che trascinano i genitori di Ben e di Ina, la ragazza da lui amata, in losche speculazioni. Non solo, ma con grande astuzia riescono a gettare su Ben e sui suoi compagni la colpa dei furti di bestiame.
Saranno la fiducia di Ina, della sua sorellina Hettie, l'aiuto di Nevada e Modoc e di uno sceriffo onesto che permetteranno a Ben di discolparsi, smascherare i banditi, catturare il Rosso e riabilitarsi agli occhi del padre, che lo aveva a suo tempo scacciato da casa.

 
 

I CAVALIERI DEL CIELO

Titolo originale
: The Sky Riders
Autore:
Bradford Scott
Traduttore: W. Capè
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 121)
Anno: 1970
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 188

Slade non cessava di bersagliarli.
Erano fuorilegge fantasma, abbastanza vivi, tuttavia, da cadere sotto l'uragano di piombo del Ranger.
Ora più di mezza dozzina dei terribili Cavalieri del Cielo era caduta sotto i colpi delle sue fiammeggianti Colt. I cittadini di Laredo tennero l'inchiesta e si convinsero che il misterioso Ranger aveva rotto l'incanto e distrutto il potere degli inafferrabili fuorilegge.
Ma i Cavalieri del Cielo avevano ancora un asso nella manica... un piano diabolico che avrebbe eliminato per sempre il Ranger Walt Slade.

 
 

L'ANIMA SELVAGGIA
Vol. 1°


Autore:
May Ionnes Cherry [Mariangela Cerrino]
Editore: Sonzogno
Collana: I Nuovi Sonzogno (n. 46)
Anno: 1967
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 187

E' il vero romanzo del West e ne trasmette al lettore tutto l'ampio respiro. Personaggi imperiosi e volitivi, si alternano a figuri dolci e remissive in un vivace e continuo svolgersi di avvenimenti sempre più avvincenti ed emozionanti. Savelyn, le sue sorelle e i fratelli, con l'autoritario genitore Alan Dilworth e il vecchio amico di casa, Cherry, sono al centro di sempre nuove e appassionanti situazioni. E il northern, l'impetuoso vento del nord, soffia periodicamente imperturbabile su uomini e cose, con la grande, infinita indifferenza del fato...
E' un western, questo, differente dagli altri. Un western fatto di lotte e di improvvise malinconie, di dolci momenti e di attimi brutali.
May Ionnes Cherry ha voluto portare al lettore un po' dell'epopea eroica e tragica della dura gente del Texas.

 
 

ANDIAMO CON PANCHO VILLA

Titolo originale
: Vamos con Pancho Villa
Autore:
F. Rafael Munoz
Traduttore: Ettore Da Zuani
Editore: Longanesi
Collana: I libri Pocket (n. 247)
Anno: 1970
Formato: Brossura, 19 cm - romanzo
Pagine: 209

Il libro è chiarissimo per il lettore anche più digiuno di nozioni storiche sulla rivoluzione messicana e che non abbia mai sentito parlare né di federalisti né di governativi. Chiunque viene travolto dal grido Vamos con Pancho Villa, giustamente scelto per il titolo. E' un grido che si sentì spesso nelle campagne del Messico, specie in quelle settentrionali, nelle discussioni politiche tra peones e ganaderos e soprattutto durante quel tumultuoso arruolamento dell'intera popolazione di certi paesetti sperduti, dove era giunto rimbalzando nell'aria quasi come il rullo di un tam tam. Tale grido aderì perfettamente alla voglia di cancellare il passato, abbandonando casa famiglia e zappa per liberarsi da lunghe oppressioni e per fare la guerra nel modo più feroce, secondo una tradizione di indifferenza totale alla morte passata nel sangue dei messicani con i sacrifici umani degli Aztechi e con i massacri dei conquistadores.

 
 

BUTCHER'S CROSSING

Titolo originale:
Butcher's Crossing
Autore:
John Williams
Traduttore: S. Tummolini
Editore: Fazi
Collana: Le strade
Anno: 2013
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine: 355

"Bastava un solo sguardo, o quasi, per contemplare tutta Butcher's Crossing. Un gruppo di sei baracche di legno era tagliato in due da una stradina sterrata e poco oltre, su entrambi i lati, c'erano alcune tende sparse". Ecco lo sperduto villaggio del Kansas dove, in una torrida giornata del 1873, giunge Will Andrews, ventenne bostoniano affamato di terre selvagge. L'America sta cambiando, la ferrovia in breve scalzerà la tensione verso l'ignoto che aveva permeato il continente, lasciando solo il mito della frontiera. Eppure, il giorno in cui Will sente sotto i piedi la sua terra promessa, esiste ancora la caccia al bisonte, un'esperienza portentosa, cruenta e fondante, archetipo della cultura americana. È questo che il ragazzo vuole: dimenticare le strade trafficate ed eleganti di Boston e rinascere in una terra che lo accolga come parte integrante della natura. Ma in questi luoghi lontani dalla costa orientale e dalla metropoli gli uomini sono legnosi, stremati dall'attesa di un riscatto mai ottenuto e negli occhi custodiscono tutta l'esperienza del mondo. La caccia, l'atroce massacro di cui Will si rende complice, è un momento hi cui si addensano simbologie, dove il rapporto tra l'essere umano e la natura diventa grandiosa rappresentazione, ma soprattutto è un viaggio drammaticamente diverso da ciò che il ragazzo si aspettava, da quel che immaginava di scoprire su se stesso e sul suo paese.

 
 

RACCONTI DEL WEST

Autore:
Vari
Curatori: Sergio Mura e Mario Raciti
Introduzione: Sergio Mura e Mario Raciti
Anno: 2013
Formato: Brossura, 21 cm - raccolta di racconti
Pagine: 359

Una raccolta di racconti western, alla terza edizione a cura di www.farwest.it. Racconti di Carlo Banchieri, Alfredo Barattucci, Daniele Battelli, Massimo Bencivenga, Sara Bernardinello, Andrea Bon, Claudio Collu, Iginio Boscolo Contadin, Mauro Fradegradi, Giampaolo Galli, Massimo Melis, Enzo Milano, Paolo Peruzzo, Franco Racca, Mario Raciti, Domenico Rizzi, Fernanda Romani, Salvatore Tofano.

Scaricabile gratuitamente in pdf all'indirizzo http://www.farwest.it/?p=14151

 
 

IL MEZZO DOLLARO DELLA CONFEDERAZIONE

Autore:
Renato Panizza
Editore: Erga
Anno: 2013
Formato: Brossura, 19 cm - racconto
Pagine: 63

"A notte fonda, guardò sbigottito a Nord, dove si vedeva l'orizzonte solcato da un immenso bagliore rossastro. Atlanta bruciava, continuava a bruciare, le fiammate anziché diminuire parevano aumentare, e con loro anche il fumo nero, denso e voluminoso, che saliva come da mille comignoli accesi" Nella cornice di una rigorosa ambientazione storica, l'autore colloca la drammatica vicenda di Johnny, giovane soldato sudista, nella Georgia sconvolta dalla guerra civile che spaccò gli Stati Uniti a metà ottocento, durante gli anni della presidenza di Abramo Lincoln. L'avventura nel sanguinoso confitto americano è mirabilmente collegata a una vicenda moderna, o meglio dei primi anni '70 del Novecento, vissuta negli stessi luoghi da un personaggio che porta lo stesso nome - Johnny. A fare da trait d'union tra le due storie, quasi fosse un sottile invisibile filo, è una vecchia moneta ritrovata casualmente, che alla fine, per un bizzarro gioco del destino, riuscirà a chiudere come in un cerchio le due vicende, così lontane tra loro nel tempo.

Materiali online
http://libriwestern.wordpress.com/2013/05/03/il-mezzo-dollaro-della-confederazione/

 
 

PER UN PUGNO DI DOLLARI

Autore:
Sergio Leone
Curatore: Luca Verdone
Editore: Cappelli
Collana: NUC Cinema
Anno: 1979
Formato: Brossura, 20 cm - sceneggiatura
Pagine: 90

 
 

IL GRANDE CIELO

Titolo originale:
The Big Sky
Autore:
A.B. Guthrie
Introduzione: Edmondo Aroldi
Traduzione: G. Glauco Cambon
Editore: Rizzoli
Collana: Biblioteca Universale Rizzoli
Anno: 1978
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine: 540

Un romanzo famoso da cui è stato tratto l'indimenticabile film omonimo: «Il grande cielo». Il Premio Pulitzer all'autore, la riduzione cinematografica (regia di Howard Hawks, interpretazione di Kirk Douglas), hanno fatto di questo libro un grande best-seller, un capolavoro della letteratura western, un classico del romanzo d'avventure e d'audacia. Sul fiume Missouri nel 1830, attraverso territori indiani, tre cacciatori di pellicce vanno allo sbaraglio e alla ricerca di un'inafferrabile fortuna. In un intreccio western «diverso» si fondono con realismo grandezze e miserie dell'epopea dei bianchi alla conquista del West, attendibilità storica, scarno stile narrativo alla Hemingway, descrizioni suggestive di usi e costumi, comportamenti e psicologie dei pionieri e dei pellirosse.

 
 

IL DESTINO ATTENDE A CANYON APACHE

Autore:
Laura Costantini e Loredana Falcone
Editore: Las Vegas
Collana: I Jackpot
Anno: 2012
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 326

È il 1870 e la giovane Kerry Roderyck, abituata al lusso e ai privilegi ma a cui la Guerra di Secessione ha tolto tutto, è in viaggio per lande desolate e praterie sconfinate: un uomo che disprezza la aspetta per fare di lei sua moglie. Shenandoah, la giovane squaw dai grandi poteri, è in attesa di scorgere una visione sul futuro della sua tribù, ma anche sul passato e su ciò che la differenzia dalla sua gente. Le loro piste sono destinate a incrociarsi e allacciarsi, e con esse quelle di David “Coda che Suona”, l’amico degli indiani, e di Daniel “Occhi d’Inverno”, lo spietato assassino di pellerossa. Mentre la guerra tra bianchi e rossi incombe, le vite dei protagonisti, così diverse e lontane tra loro, finiranno per unirsi e cambiare profondamente e dolorosamente.

 
 

IL TESORO DELLA SIERRA MADRE

Titolo originale:
The Treasure of Sierra Madre
Autore:
Bruno Traven
Traduzione: Teresa Pintacuda
Editore: Mondadori
Collana: Oscar
Anno: 1982
Formato: Brossura, 19 cm - romanzo
Pagine: 330
 

 
 

TEXAS

Titolo originale:
Texas
Autore:
James A. Michener
Traduzione: Carlo Corsi, Maria Giulia Castagnone, Riccardo Mainardi
Editore: Bompiani
Collana: I Grandi Tascabili (n. 111)
Anno: 1983
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 1111

Combinando abilmente realtà storica e invenzione letteraria, Michener racconta la saga di uno degli States americani più affascinanti, paese selvaggio, terra di comanches e pistoleros ma anche terra di progresso, di enormi ricchezze e grandi spinte ideali. Dalla conquista spagnola alla scoperta dei pozzi petroliferi, attraverso le battaglie d'Indipendenza e l'epopea western, in una reboante cavalcata storica, questo libro ha il pregio di far rivivere i vecchi miti che hanno esaltato intere generazioni e insieme ricostruisce la storia di un popolo per molti aspetti ignoto, tra vicende politiche, passioni amorose, intrighi, tradimenti, gesti eroici e momenti di gloria.

 
 

BASTARDI PER STIRPE

Autore:
Stefano Jacurti
Editore: Emil
Collana: Composizioni
Anno: 2012
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine: 186

Prendendo spunto da una vicenda della stona del west, il romanzo si immerge nella faida tra due famiglie che si contendono i pochi spazi verdi a Tonto Basin, in Arizona. La guerra sui pascoli tra cowboy e allevatori di ovini scatena una reazione a catena, con scontri armati, spedizioni punitive, stragi di animali, lutti e vendette trasversali. Ma uno sciamano non ha intenzione di restare a guardare e in una sperduta missione, un frate cerca una risposta: chi sono i bastardi per stirpe? Mentre ci si prepara allo scontro risolutivo altre minacce incombono alle spalle dei belligeranti. In un territorio dove gli Apache sono tornati in guerra e l'esercito si è rimesso in marcia, spetterà a due capi carismatici come Bud e Sam e a una donna coraggiosa come Terry affrontare un percorso disseminato di croci, per un futuro migliore.

Materiali online
http://westerncampfire.blogspot.it/2014/04/bastardi-per-stirpe-di-stefano-jacurti.html

 
 

STORIE DEL WEST RACCONTI
Secondo volume


Autore:
Autori Vari
Curatore:
Staff di www.farwest.it
Editore:
volume non edito
Anno: 2012
Collana: Storie del West Racconti (n. 2)
Formato: Brossura, 22 cm - racconti
Pagine:
144
Scaricabile in pdf gratuitamente dal sito www.farwest.it

 
 

IL PICCOLO GRANDE UOMO

Titolo originale:
Little Big Man
Autore:
Thomas Berger
Traduzione: Luciano Bianciardi
Editore: Club Italiano dei Lettori (licenza Rizzoli)
Altre edizioni: Rizzoli 1971; BUR 1977; Rizzoli 1995; Fanucci 2006
Anno: 1977
Formato: Rilegato con sovracopertina, 24 cm - romanzo
Pagine: 550

Un western revisionista che smitizza il West così com'è sempre stato narrato,in cui trovano posto l'ironia, il sarcasmo, ma anche il rispetto per la cultura pellerossa e la denuncia del genocidio. Un affresco in grado di trasportare il lettore in un andirivieni fra dramma e commedia,romanticismo e satira. (dall'edizione Fanucci, 2006)

Il "Piccolo grande uomo" protagonista di questa epopea americana è un bianco allevato dai Cheyenne: nella posizione ideale, quindi, per comprendere la psicologia, le ragioni e le reazioni dei due popoli, dalla strage di Washita compiuta da Custer alla sanguinosa battaglia di Little Big Horn, in cui Custer trovò (o si diede) la morte. Jack Crabb (il Piccolo grande uomo) sarebbe,appunto, uno dei pochi scampati di quel leggendario Settimo Cavalleria, benché il suo nome non figuri nell'elenco degli uomini presenti alla battaglia. In tutto il libro serpeggia in realtà questo dubbio, che Crabb sia un fanfarone e che non tutti i suoi splendidi racconti su Toro Seduto e Cavallo Matto, su Wild Bill Hickok e Wyatt Earp siano oro colato. (dall'edizione Rizzoli, 1995)

La storia vera di Jack Crabb, cacciatore di bisonti, bianco ma allevato dall'età di 10 anni dai Cheyennes.
Un western alla rovescia nella voce di un uomo diviso fra due popoli che racconta in prima persona il generale Custer, Toro Seduto, Cavallo Matto e il massacro di Little Big Horn... (dall'edizione BUR, 1977)

 
 

LA TRAPPOLA D'ORO

Titolo originale:
The Golden Snare
Autore:
James Oliver Curwood
Traduzione: V. Viviani
Editore: Nord
Anno: 2001
Collana: Fantacollana
Formato: Brossura leggera con sovracopertina, 20 cm - romanzo
Pagine: 180

"Anche per quelle terre desolate del Nord, Bram Johnson era un essere straordinario. In primo luogo, si trattava di una creatura confacente al mondo in cui viveva: pareva essere stato creato dalla fatalità. Talvolta assomigliava a un uomo in possesso di sentimenti e tal'altra sembrava un bruto col cuore d'un demonio. In alcune occasioni si poteva perfino supporre che possedesse un'anima, che rimaneva nascosta nell'intimo delle foreste e delle solitudini selvagge che l'avevano formato. Era alto più di un metro e ottanta, ed aveva una forza gigantesca, il viso largo, gli zigomi sporgenti, le labbra grosse e il naso piatto. Ma quello che di lui colpiva era il colore bianco della sua pelle." (Dalla prima pagina del volume)

 
 

IL MOSTRO DEGLI HAWKLINE
Un western gotico


Titolo originale:
The Hawkline Monster
Autore:
Richard Brautigan
Traduzione: Enrico Monti
Editore: Isbn
Anno: 2008
Formato: Brossura leggera, 18,5 cm - romanzo
Pagine: 208

Oregon, 1902. Greer e Cameron sono due killer-cowboy assoldati dalle affascinanti sorelle Hawkline per uccidere il mostro che ha fatto sparire loro padre – un alchimista alla ricerca della soluzione ai problemi dell’umanità – e che le tormenta, insinuandosi nei loro pensieri e sconvolgendo le loro vite. Ma nella sperduta casa gialla dalle fondamenta di ghiaccio, niente è come sembra: tra esperimenti chimici e trasformazioni surreali, si consumano strani amplessi e strane morti. Il mostro degli Hawkline è una distorta parodia dei generi western e gotico, la poetica e divertita risposta di Brautigan alla perdita della libertà di pensiero e alla «fine di un sogno della scienza». Quando il regista Hal Ashby legge il romanzo, rimane incantato dalla sua eccentrica ironia e vuole farne un film con Jack Nicholson e Dustin Hoffman, ma il progetto si arena perché Brautigan non approva i cambiamenti alla sceneggiatura.

Un misterioso mostro entra nella mente delle persone e le fa agire a proprio piacimento. Abita le caverne di ghiaccio accanto a una villa abitata da una zitella terrorizzata che per mettere la parola fine a quest'incubo ingaggia due killer disposti a tutto. Si dice che il mostro abbia già ucciso il padre della signora, uno strano alchimista alla ricerca della soluzione per i problemi dell'umanità. "Il mostro degli Hawkline" è un'assurda parodia di due generi, un western gotico ambientato nel 1902 e carico di immagini.
 

Commento. Uno dei libri più strani che io abbia mai letto. Se la trama scarna può essere classica e apparentemente "normale", non è così il suo svolgimento dalla mano di Brautigan. Infarcito di trovate surreali e scritto con uno stile volutamente ridondante e ripetitivo, questo romanzo è una divertente storia che gioca con i generi western e gotico dove nulla sembra quello che è e tutto viene messo in discussione, una storia grottesca e al limite dell'assurdo che anticipa le atmosfere di Lansdale e riprende, con evidenti rimandi, quelle di Lovecraft. Così strana e fantasiosa che il mostro stesso del titolo non è un vero e proprio mostro.
Dopo aver letto questo libro guarderete con occhi diversi il vostro attaccapanni o il vostro portaombrelli.

Materiali online
http://linsolito.net/index.php?option=com_content&view=article&id=46:il-mostro-degli-hawkline&catid=35:autori-italiani&Itemid=62
http://www.mangialibri.com/node/4115
http://www.fantascienza.com/magazine/notizie/11888/il-mostro-degli-hawkline/
http://www.lettera.com/libro.do?id=7175
http://www.paradisodegliorchi.com/cgi-bin/pagina.pl?Tipo=recensione&Chiave=498
http://www.horrormagazine.it/notizie/3802
http://nonsolonoir.blogspot.com/2009/03/l-richard-brautigan-il-mostro-degli.html
http://www.lankelot.eu/letteratura/brautigan-richard-il-mostro-degli-hawkline.html
http://abydenuscorallus.blogspot.com/2010/02/il-mostro-degli-hawkline.html
http://taisen.splinder.com/post/20869350/Il+Mostro+degli+Hawkline+%28The+

 
 

IL PAESE DI DIO

Titolo originale:
God's Country
Autore:
Percival Everett
Traduzione: Marco Rossari
Editore: Nutrimenti
Anno: 2011
Collana: Greenwich (n.15)
Formato: Brossura leggera, 22 cm - romanzo
Pagine: 200

1871, caro vecchio e selvaggio West, nell’aria rimbomba ancora l’eco della Guerra di secessione; il Civil Rights Act sarebbe arrivato quattro anni dopo ma se ne sente già l’incedere. Curt Marder guarda attonito e impotente un drappello di farabutti vestiti da indiani bruciare il suo ranch, ammazzargli il cane e rapirgli la moglie. Potrebbe intervenire, sparare – la sua mano tentenna – ma decide di non farlo. Guarda la scena dall’alto, assiste alla sua vita andare in fumo. Marder è codardo, razzista, avido, imbroglione, un voltagabbana, uno di cui è bene non fidarsi. Anche perché è un disertore e a star con lui si rischia di finire sulla forca.
Mosso più dall’istinto che dalla rabbia, Marder decide di ingaggiare Bubba, il miglior braccatore del circondario nel tentativo di ritrovare quella parte di sé che sembra perduta e che vuole far coincidere con la moglie. La caccia ai finti indiani si trasforma, come nella migliore tradizione everettiana, in un’odissea donchisciottesca, e sembra davvero di stare di fronte al teleschermo: risse nei saloon, duelli, occhiatacce, silenzi troppo lunghi, gli indiani che sfottono i cowboy dicendo loro “augh”, una rapina e perfino un’allusione alla parabola del buon samaritano. Scorrono fiumi di whisky, ma questo si sa.
Marder e Bubba sono affiancati da Jake, un adolescente scontroso dai modi troppo aggraziati – “hai notato che quel ragazzino non piscia mai davanti a noi?” – i cui genitori sono stati uccisi dalla stessa banda di delinquenti. Il trio – sembrano i tre moschettieri dopo una litigata – ha a che fare con una carrellata di personaggi sgangherati: un prete che contrabbanda alcol, Loretta – una baldracca piuttosto esosa –, indiani veri, un ebreo baro di professione, soldati ancora assetati di guerra, un imbellettato generale Custer con una vestaglietta poco virile che mangia carne cruda e annuncia il Proclama di emasculazione.
Come in Ferito Everett lavora sul rovesciamento dei cliché del western per ottenere un effetto parossistico. La sua attenzione è concentrata sul peccato originale: l’identità dei neri e degli indiani d’America prevaricati dai coloni, la radice dell’odio e dell’intolleranza. E alla fine, finisce anche il tempo delle parole. Prevale la consapevolezza che il dio del West è un dio prêt-à-porter, un Dio “insopportabilmente crudele in cui credere”.

Biografia del libro
Il mito del West sgretolato da un antieroe falso e bugiardo. “Ho scritto Il paese di Dio nel 1991 quando vivevo nella Wind River Indian Reservation, Wyoming”, non troppo distante dai luoghi che faranno da sfondo alle vicende narrate in Ferito. “Non sono mai stato un grande appassionato dei western americani”, spiega Everett, “sebbene riconosca che facciano parte del grande mito del mio paese. E così un giorno ho pensato di sfruttare questa forma per indagare il mito alla radice. Mi interessava capire in che modo gli americani vogliono vedere sé stessi, mi interessava esplorare il racconto di frontiera”. “Tutti i western sono artificiali, autentiche falsificazioni, nessun western è una rappresentazione storica autentica, nemmeno quando trattano di avvenimenti realmente accaduti”. Everett ha agito così: “Ho dissezionato oltre un centinaio di film e altrettanti romanzi western in modo tale da poter fare mio quel tipico modo di parlare, soprattutto quei cliché. Volevo che venisse fuori una lingua familiare, qualcosa che suonasse reale e irreale allo stesso tempo, proprio come nei film western”. “Ero consapevole che stavo scrivendo una parodia di quel genere, una demistificazione che parte da un’unica certezza: nelle nostre menti c’è e sempre ci sarà un mitico vecchio West”.
 

Commento. Inizia in sordina, e per buona parte si ha sempre l'impressione che si tratti di un western comico, tipo i film di Trinità. Poi però gli eventi incalzano uno con l'altro e alla comicità subentra l'azione.
Siamo precisi: questo romanzo è ANCHE un western comico. Perché nel frattempo è una parodia, è una denuncia, è un trattato sociologico.
Il protagonista è la nemesi del "buon cristiano" e, paradossalmente per il pensiero dell'epoca (e, perché no, anche di oggi), sono i neri e gli indiani a incarnare i valori buoni e corretti.
Everett disegna un West realistico anche se durante la lettura la latente impressione che il romanzo possa cadere completamente nel comico è forte, ci sono anche numerose battute che mi hanno strappato una risata.
Una stellina in meno per lo stile di Everett che proprio non mi è piaciuto.
Ad ogni modo... "Il paese di Dio" è un ottimo romanzo, se non altro per chi cerca qualche evasione dal western classico tutto eroi senza macchia e sparatorie a cavallo.

Materiali online
http://www.sulromanzo.it/blog/il-paese-di-dio-di-percival-everett
http://www.booksblog.it/post/7445/il-paese-di-dio-di-percival-everett
http://www.nazioneindiana.com/2011/03/14/il-paese-di-dio-di-percival-everett/
http://www.ilprimoamore.com/testo_2325.html
http://www.sololibri.net/Il-paese-di-Dio-Percival-Everett.html
http://www.libreriagriot.it/products-page/narrativa/percival-everett-il-paese-di-dio-nutrimenti-2011/
http://www.oblique.it/greenwich_everett_paese.html
http://scrittoriprecari.wordpress.com/2011/03/31/il-paese-di-dio/
http://www.elle.it/Entertainment/Libri/Il-paese-di-Dio
http://www.lifegate.it/it/eco/people/libri/fermiamoci_a_leggere/il_paese_di_dio.html
http://www.mondoeditoriale.com/me/percival-everett-il-paese-di-dio.html

 
 

TWO FOR TEXAS

Titolo originale:
Two for Texas
Autore:
James Lee Burke
Traduzione: Francesco Saba Sardi e Luca Conti
Editore: Meridiano Zero
Anno: 2004
Collana: Primo Parallelo
Formato: Brossura leggera, 20 cm - romanzo
Pagine: 217

Son Holland e Hugh Allison sono prigionieri in un carcere tra le paludi della Lousiana e sanno di non avere futuro. Il loro destino è morire lontani da un mondo che li ha dimenticati. Non hanno nulla in comune: il primo è giovane ed è finito dentro con l'unica colpa di essere un ingenuo, il secondo invece è una vecchia canaglia che nella vita ne ha già viste troppe. Ma per un colpo di fortuna coglieranno insieme l'ultima occasione per fuggire, lasciandosi l'inferno alle spalle. Per Son e Hugh inizia così una fuga contro il tempo, fatta di sudore e sangue, attraverso una natura sontuosa e indifferente, nel disperato tentativo di raggiungere il Texas. La notizia della loro evasione si diffonde, sempre più in fretta, il cerchio attorno a loro si stringe come la corda tesa di una forca. A pochi giorni dalla Dichiarazione di Indipendenza del Texas e dall'epica sconfitta di Fort Alamo, i due latitanti, troppo onesti per una terra spietata, sfioreranno da eroi il corso della storia e scopriranno che il loro viaggio li ha resi uomini nuovi.

Louisiana, 1836. Tra paludi soffocanti e fatali, un campo di prigionia dai ritmi massacranti. Due detenuti, Son Holland e Hugh Allison, condividono la stessa cella e la speranza di andarsene un giorno, sognando il Texas. Non hanno nulla in comune e un giorno, del tutto inaspettata, si presenta la loro occasione. I due fuggono, ma l'inferno che credevano di essersi lasciati alle spalle non tarderà a braccarli. Inizia così una fuga disperata, un vorticoso viaggio dalla Louisiana al Texas. E mentre il cerchio attorno a loro si stringe, i due entrano di forza nella storia americana. A pochi giorni dalla Dichiarazione di Indipendenza del Texas, Hugh e Son saranno al fianco di Sam Huston nell'esercito che sconfiggerà definitivamente i messicani a Sant'Anna.
 

Commento. Un bel western d'altri tempi con un'ambientazione poco sfruttata nella narrativa del genere. Burke è bravissimo a ricostruirla in ogni particolare - armi, cibo, geografia, vestiario, villaggi, ecc -(come piace a me) e a costruirci una storia ricca di azione e con tre personaggi fantastici, due dei quali - i protagonisti - destinati a entrare nella storia.
Questo romanzo è un western zeppo di sensazioni che l'autore riesce a ricreare senza sforzo: saloon, bordelli, taverne, stalle, cavalli, paludi miasmatiche, piogge, accampamenti indiani e militari, fiumi da attraversare, armi ad avancarica, dolore, fatica, sudore, polvere, un carcere in mezzo all'acqua della Louisiana e una missione distrutta nelle pianure del Texas... Questo, e molto di più, è quello che vi terrà incollati al libro, raccontato con uno stile asciutto ed essenziale per una storia ricca e appassionante.
Consigliato!

Materiali online
http://www.meridianozero.it/press/burke1rec.htm
http://jamesleeburke.wordpress.com/category/two-for-texas/
http://www.chioggiaduepuntozero.it/wordpress-c20/?p=557
http://milanonera.hotmag.me/?p=6675
http://www.lettera.com/libro.do?id=5049
http://forum.bookcrossing-italy.com/viewtopic.php?t=14812
http://omardimonopoli.blogspot.com/2009/02/texas-addio.html

 
 

AGGUATO AL PASSO DEL NIBBIO

Titolo originale:
Breakheart Pass
Autore:
Alistair MacLean
Traduzione: Tullio Dobner
Editore: Bompiani
Anno: 1975
Formato: Brossura leggera, 20 cm - romanzo
Pagine: 196

Siamo nel 1873, nello stato americano del Nevada. Un treno militare porta i soccorsi a Fort Humboldt, una località isolata colpita da un'epidemia. Sul treno si trovano il governatore dello Stato, un colonnello della cavalleria degli Stati Uniti e sua nipote, uno sceriffo federale con il suo prigioniero, un bandito baro e incendiario, oltre ai reparti militari.
Sembra una missione di ordinaria amministrazione, appena ostacolata dal freddo polare e dal pericolo degli indiani in perenne rivolta.
Ma ecco, spariscono due ufficiali; il telegrafo non funziona più, d'improvviso; il bandito si comporta in modo da attirarsi la simpatia di Marica, la giovane nipote del governatore, e l'odio di tutti gli altri. Gli avvenimenti precipitano, i colpi di scena si susseguono: è in gioco molto più di un'epidemia, è minacciata la sicurezza degli Stati Uniti. Un uomo, solo e disarmato, deve dare tutto se stesso per sconfiggere la congiura. Chi e che cosa attende il treno a Fort Humboldt, alla fine del viaggio?

Un incalzante western-thrilling da cui la UNITED ARTISTS ha tratto un grande film d'avventura.
 

Commento. Uno dei pochi (l'unico?) western-gialli-thriller editi in Italia. Un ottimo romanzo con una precisa struttura: presentazione dei personaggi, spiegazione del conflitto con elementi nascosti e crescendo di suspense. Ambientazione insolita con dei personaggi caratterizzati a puntino. Anche se per la prima metà del libro l'azione langue, MacLean riesce a dosare le informazioni e i colpi di scena così da arrivare ai punti forti senza sbadigliare.
Consigliato agli amanti del giallo-thriller, se non altro per l'ambientazione e il crossover col western.
Edizione italiana del 1975 mai più ristampata o riedita.
Da questo romanzo il film "Io non credo a nessuno" con Charles Bronson.

 
 

LA TENEREZZA DEI LUPI

Titolo originale:
The Tenderness of Wolves
Autore:
Stef Penney
Traduzione: Norman Gobetti
Editore: Einaudi
Anno: 2008
Collana: Stile Libero Big
Formato: Brossura leggera, 20 cm - romanzo
Pagine: 460

Canada, fine Ottocento. La vita di una piccola comunità della Columbia britannica, composta da tagliaboschi e cacciatori di pellicce, viene sconvolta dal misterioso delitto di un ricco commerciante francese, la cui vita appare costellata di enigmi e di trascorsi anche loschi, tutti da chiarire. I sospetti convergono sul figlio adottivo dei coniugi Ross, una coppia molto nota e stimata; il ragazzo è stato l'ultimo a vedere la vittima viva ed è fuggito subito dopo l'omicidio. La signora Ross non riesce a rassegnarsi all'idea che suo figlio sia colpevole, e prende la decisione estrema di seguirne le tracce avventurandosi nel gelo invernale delle foreste canadesi, accompagnata soltanto da un nativo che conosce il territorio palmo a palmo. Comincia cosí una corsa contro il tempo, attraverso un paesaggio ostile e colmo di insidie: un lungo viaggio che approda in una strana e chiusa comunità norvegese, nella quale, forse, si nasconde la verità...

 
 

IL CARRO MAGICO

Titolo originale:
The Magic Wagon
Autore:
Joe Lansdale
Traduzione: Seba Pezzani
Editore: Fanucci
Anno: 2008
Collana: Collezione Vintage
Formato: Brossura leggera, 21,5 cm - romanzo
Pagine: 192

Il XX secolo è appena iniziato: nel Texas fanno la loro comparsa i primi venditori ambulanti di rimedi miracolosi, mentre i vecchi cowboy sorvegliano le linee di frontiera e gli sceriffi mantengono l'ordine nelle piccole città, dove l'odio razziale fatica a spegnersi, nonostante la liberazione degli schiavi appartenga al passato. La famiglia del giovanissimo Buster Fogg, voce narrante di questo romanzo, viene spazzata via da un tornado insieme alla sua casa, e il ragazzo si unisce - per caso o per volontà del destino - alla compagnia itinerante di Billy Bob Daniels, inventore di medicine prodigiose e tiratore eccezionale, che si proclama figlio illegittimo del leggendario e pistolero Wild Bill Hickok. Insieme all'ex schiavo Albert e ad Alluce Marcio, una scimmia lottatrice, il gruppo di memorabili personaggi viaggia in lungo e in largo per il Texas, inseguito da una tempesta che incombe su di loro come una maledizione indiana, e trascinando il lettore in una spirale di emozioni continue, esilaranti e a tratti tragicomiche. Scritto nel 1986, "Il carro magico" è un'ironica e nostalgica elegia dedicata al selvaggio West.

 
 

LA TERRA DEL SIGNORE

Autore:
May Ionnes Cherry [Mariangela Cerrino]
Editore: Sonzogno
Anno: 1970
Collana: I Nuovi Sonzogno (n.107)
Formato: Brossura leggera, 18 cm - romanzo
Pagine: 188

Ritroviamo Elijah McGowen, lo sceriffo di "Adios, amigo".
Lo ritroviamo senza la stella che era il suo scopo di vita, in una terra per lui pericolosa, con la responsabilità di una moglie e di una figlia. Ma Elijah McGowen non è un uomo che può arrendersi, sottomettersi, subire. Tormentato dal ricordo di un equilibrio e di una libertà perduti, si troverà a dover lottare da solo contro due classi sociali diverse, entrambe ostili, in un mondo che non accetta che la lotta come modo di vita, e la violenza come strumento quotidiano.
I Gentili e i Mormoni, un lembo di terra sul fiume Virgin, lo spietato deserto intorno; e poi le passioni esasperate, il cinismo e la vigliaccheria della gente, l'illusione di una vittoria che si ha soltanto con l'abbandono dei propri desideri: ne "La terra del Signore" il lettore troverà qualcosa "di più" e qualcosa "di diverso" di un romanzo western fine a se stesso. Troverà la lotta di un uomo che non vuole cedere e integrarsi, né appartenere a qualcosa o a qualcuno se non a se stesso.
 

Commento. Un bel western della nostra Mariangela Cerrino che tra gli anni 60 e 70 scrisse numerosi western per poi passare al fantasy e alla fantascienza. Questo volume è il secondo con protagonista Elijah McGowen, sceriffo mormone con un personalissimo senso dell’appartenenza. Di pochissime parole, disamorevole, risulta spesso pure fastidioso e antipatico. Dovrà lottare quasi da solo contro due nemici – il presente e il passato, astratti ma concreti nelle fazioni di Mormoni e Gentili – in eterno conflitto.
Per chi ama Louis L’Amour questo romanzo sarà piacevole perchè la Cerrino ha uno stile che si avvicina molto a quello del maestro americano del western.
Dovrò procurarmi i suoi numerosi altri romanzi western.

 
 

LA MOGLIE DEL GENERALE

Titolo originale:
Redemption Falls
Autore:
Joseph O'Connor
Traduzione: Massimo Bocchiola
Editore: Guanda
Anno: 2009
Collana: Le Fenici Tascabili
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine: 504

Mentre la Guerra civile americana è ormai alla fine, a Redemption Falls, la capitale di un immaginario territorio di frontiera nel Nordovest degli Stati Uniti, James O’Keeffe fatica a svolgere il ruolo di governatore, abbandonato da Washington e guardato con sospetto dai suoi rudi concittadini. Irlandese di nascita, con un rocambolesco passato da oppositore della Corona britannica, O’Keeffe è sposato con un’ereditiera di New York, la bella e ombrosa Lucia-Cruz McLelland. Quando, dopo anni di separazione, Lucia decide di raggiungere il marito nei selvaggi territori del West, trova non solo un uomo spaesato e distante, ma anche, con lui, un misterioso ragazzino, probabilmente uno dei tanti orfani del conflitto.
Né lei né O’Keeffe possono immaginare che, dal Sud al Nord, una giovane donna stia attraversando il paese alla ricerca proprio di quel ragazzino, in un lungo viaggio che avrà conseguenze sorprendenti sulla loro vita e sul destino di molte altre persone. Con uno sguardo insieme intimo e grandioso, Joseph O’Connor costruisce un’epopea sulla guerra, l’amore e il perdono, dove la redenzione è sempre possibile, dando voce a schiavi e presidenti, a banditi e sceriffi, a indiani e illetterati.

"Un libro che mi ha tolto il respiro... Solo un grande autore poteva scriverlo." (Frank McCourt)
"A tratti rapido, brillante e acuto, in altri momenti ricco di splendide descrizioni e di episodi commoventi... Un racconto appassionante." (Colm Toibìn)
"Un libro unico di questi tempi. Uno scenario di violenze, amori e tragedie al tempo della Guerra civile americana, raccontato magistralmente e con straordinaria empatia." (Nuala O'Faolain)
 

Commento. Un vero pastiche di stili e forme narrative, questo romanzo: poesie, canzoni, ballate, diari, appunti, manifesti, lettere, verbali, testimonianze di processi, interrogazioni, oltre alle parti puramente narrative. Tutte queste forme O’Connor è molto abile a padroneggiarle ma molte sembrano lì giusto per far mostra di sè, non riuscendo a portare avanti la storia. Tutte però dovrebbero formare la trama di un ragazzino perduto che viene adottato dal Generale O’Keeffe, Governatore di un Territorio nel Nordovest degli Stati Uniti, e sua moglie Lucia, mentre la sorella del piccolo attraversa l’America – e molti pericoli – per ritrovarlo. Tutto questo alla fine della Guerra Civile, che ha lasciato ferite ancora aperte.
E’ un bel romanzone dove c’è un po’ di tutto, violenza, dramma, un pizzico d’amore, azione, intrighi, ma la trama è tutta lì anche se può apparire ingarbugliata dagli incroci dei molti documenti che vengono presentati capitolo dopo capitolo. Che se non altro, anche se non portano avanti la storia, almeno approfondiscono i personaggi che sono tutti molto sfaccettati (credo che O’Connor abbia dovuto fare un lavoro non indifferente).
E’ un western, non aspettatevi storie d’amore (per fortuna!) o sentimentalismi, anche se ci sono. Non aspettatevi di contro molta azione, ma quando c’è si sente, e anche la violenza. Qua e là si trovano impercettibili influenze di Cormac McCarthy.
Il finale a sorpresa si può già intuire qualche pagina prima.
Consigliato.

 
 

JODO CARTAMIGLI

Autore:
Vincenzo Pardini
Prefazione: Giovanni Veronesi e Leonardo Pieraccioni
Editore: BUR - Biblioteca Universale Rizzoli
Anno: 1998
Collana: SuperBUR del Mese - Narrativa (n.14)
Altre edizioni: Mondadori (1989)
Formato:
Brossura leggera, 19,5 cm - romanzo
Pagine: 230

"Jodo Cartamigli ci è sembrato così essere il sogno che ognuno di noi porta dentro sin da bambino: un West leggendario, mitico, ma per certi versi più che reale, poiché metafora di una vita in cui siamo ogni giorno chiamati a combattere.
I suoi personaggi hanno le facce rudi e i modi spicci della gente di montagna. Ecco perché abbiamo scelto di girare il film a Campocatino, estrema Garfagnana, ai piedi delle Apuane, i cui altopiani sembrano essere quelli dell'Arizona.
Il mio West non poteva quindi avere ambientazione migliore: Campocatino, oltre a rispecchiare l'atmosfera del romanzo, ci faceva vivere l'avventura degli uomini e delle donne della frontiera." (dalla prefazione)

Da questo romanzo è stato liberamente tratto "Il mio West" il film diretto da Giovanni Veronesi e interpretato da Leonardo Pieraccioni, Harvey Keitel e David Bowie.
 

Commento. Ci son voluti mesi per convincermi che "Jodo Cartamigli" fosse un western, e l'aiuto determinante di un gentile lettore contattato su altri lidi. Beh, alla fine il romanzo è un western straniato dalle sue caratteristiche fondamentali. La "storia" vede il protagonista, Jodo Cartamigli, immigrato dalla Toscana, girare per l'Arizona e far da balia a un ragazzino: il perchè, non si sa/capisce. Intelaiata a questi eventi c'è pure una serie di fatti su un ranchero della zona che non ha assolutamente la minima attinenza ai fatti con Jodo, se non per un elemento (la catena d'oro del panciotto) che unirebbe i due per un evento del passato descritto sommariamente e mai più ripreso da Pardini. Il finale è allucinante e non si capisce un piffero del ruolo che avrebbe nell'intera vicenda.
Un amico su aNobii, che ho contattato per avere informazioni sul romanzo, definisce lo stile di Pardini "illeggibile". Non sono del tutto concorde, ma quello che posso dire è che lo stile del libro non è assolutamente adatto al genere western. Genere western che, tra l'altro, è una trasposizione americana di un'ambientazione rurale italiana, probabilmente i luoghi dove nacque Pardini (che ha scritto, a quanto ho letto su internet, molte storie ambientate in Toscana): non c'è molta atmosfera western se non per qualche revolver, saloon e cinturone. Tra l'altro alcuni elementi non c'entrano una cippa col West (i cobra nel West? - giusto per fare un esempio) e il tutto insomma ha un aspetto poco credibile. Devo però ammettere che il romanzo, in alcuni tratti, m'è sembrato uno spaghetti western (sarà che ho "percepito" un'italianizzazione degli scenari? :D).
Chiudo dicendo che la presente è l'unica recensione su questo libro presente in internet. Ho ribaltato il web per trovare qualche informazione, prima dell'acquisto, ma non ho trovato una parola in più all'infuori del titolo e del nome dell'autore. Persino chi possiede il libro sembra non l'abbia mai letto. Un record!

 
 

LA CONQUISTA DEL WEST

Titolo originale:
How the West was Won
Autore:
Louis L'Amour
Traduzione: Lucia Usellini e Maria Marini
Editore: Zillitti
Anno: 1964
Formato: Rilegato con sovracopertina, 18 cm - romanzo
Pagine: 229

 
 

L'ALBERO DELLA VITA

Titolo originale:
The Tree of Life
Autore:
Hugh Nissenson
Traduzione: Andrea Terzi
Editore: Garzanti
Collana: Gli Elefanti
Anno: 1993
Formato: Brossura leggera, 19 cm, illustrato con disegni b/n e colori fuori testo - romanzo
Pagine: 233

L'albero della vita ricostruisce, in forma di diario, la vita dei pionieri che, alla fine dell'Ottocento, si avventurarono alla conquista del West. Attraverso la registrazione quasi quotidiana degli eventi, assistiamo alle crescenti difficoltà nei rapporti tra coloni e indiani, alla lotta del protagonista contro l'alcolismo, alla sua corte a una giovane vedova incinta, alle sue conversazioni con un eccentrico individuo che crede di ricevere messaggi mistici dal cielo.
In questo romanzo puntigliosamente realistico eppure illuminato da squarci visionari, Nissenson esplora l'epopea della frontiera da un punto di vista insolito e rivelatore, grazie anche a una inedita fusione di narrativa, poesia e pittura. E ci trasmette così la forza originaria di uno dei grandi miti contemporanei.
 

Commento. Deludente. Il diario di un pioniere negli Stati Uniti del 1811-1812 tra corteggiamenti disinteressati, malattie, raccolti e preghiere. Le prime 150 pagine sono quasi da suicidio per la noiosità, poi c'è una tentata impennata per via del pericolo di alcune tribù indiane che compiono scorrerie tra le città e le fattorie ma sempre con l'aria che a Nissenson, scrivendolo, non gl'importava granchè. Inutilmente prolisso anche nei rapporti tra i vari personaggi, di cui nessuno rimarrà impresso nella mente dopo la lettura.

 
 

PAPA' SPOSO' UNA MORMONE

Titolo originale:
Papa Married a Mormon
Autore:
John D. Fitzgerald
Traduzione: Elda Inglese Giroldo
Editore: Garzanti
Anno: 1967
Collana: I rossi e i blu
Formato: Brossura leggera, 18,5 cm - romanzo
Pagine: 354

E' la storia eroicomica delle cittadine di Silverado e Adenville, due "boom towns" del selvaggio West, e della grande famiglia dei Fitzgerald, negli anni in cui Papà sposò una mormone. Coloni, minatori e avventurieri, alla conquista di nuove terre, in nome del Dio dei cattolici, dei mormoni e dei metodisti, si agitano irrequieti in questo romanzo, in una specie di lieto e temerario balletto, accompagnato dal canto degli inni sacri e ritmato dai colpi di pistola. E' una cronaca vivace raccontata allegramente da John Dennis Fitzgerald, poeta paroliere, jazzman, giramondo, narratore e ultimo rampollo di quella famiglia del West.
 

Commento. Questo simpatico romanzo è ottimo per chi cerca un western posato ma allo stesso tempo autentico. Pur raccontando la storia di una famiglia e i loro rapporti religiosi con mormoni, metodisti, cattolici, agnostici non mancano gli episodi violenti e le sparatorie. Forse parla pure troppo di religione (alla fine un po' viene a noia) ma lo consiglio perché a tratti è anche divertente.

 
 

IL MARE D'ERBA

Titolo originale:
The Sea of Grass
Autore:
Conrad Richter
Traduzione: Giuliana Pozzo
Editore: Mondadori
Anno: 1967
Collana: Oscar (n. 125)
Formato: Brossura leggera, 18,5 cm - romanzo
Pagine: 172

Un "ranch" più grande del Massachsetts e del Connecticut messi insieme, con mandrie favolose che avevano a disposizione un mare d'erba: sul ranch domina incontrastato il colonnello Brewton, una specie di zar. Il mondo feroce del West ammette solo i giganti; la legge è ancora lontana, e i deboli o si lasciano asservire o debbono soccombere. Così si fondò, nell'800, la fortuna agricola americana. Brewton e i suoi collaboratori, però, dovranno fare i conti con la civiltà che avanza e che, preceduta dalle carovane di immigrati, infrange gli esclusivismi e i confini. Come il suo impero resta "contaminato" dalla nuova, irresistibile realtà storica, così Brewton subisce una decisiva trasformazione nei sentimenti più intimi: l'amore per la stupenda Lutie segnerà per lui e il suo mondo l'acquisto di dimensioni da misurare non più in vastità, ma in profondità, secondo principi più umani e moderni.
 

Commento. Embè? Non succede niente in questo romanzetto il cui stile è davvero troppo melenso per un western (e non è nemmeno un western rosa). Davvero brutto.

 
 

IL RAGAZZO DAI CAPELLI ROSSI

Autore:
Piergiorgio Di Cara
Editore: Perdisa Pop
Anno: 2007
Collana: Babele Suite
Formato: Brossura leggera, 16,5 cm - romanzo
Pagine: 113

Il ragazzo dai capelli rossi è finalmente maggiorenne, e solo. Suo padre è stato ammazzato, e lui stesso ne ha vendicato la morte, uccidendo a sua volta. La vita scorre noiosa, il ranch, qualche capatina in città, niente di particolarmente eccitante. E oltre? Oltre c'è l'America, il più grande paese della terra. Il ragazzo dai capelli rossi decide di andare a vedere se è davvero così.
 

Commento. Bah, niente di che. E' un romanzetto mogio mogio che alla fine non lascia nulla. Succede poco, il finale è stringatissimo e banale, i personaggi (e pure i fatti) stereotipati e l'ambientazione poteva benissimo essere la Scozia del XIV secolo o il Vietnam. Meno male che è breve... Il prezzo non vale la qualità del romanzo.

 
 

IL MIO NOME E' JOHN LITTLE

Titolo originale:
Poetic Justice
Autore:
Elliott Murphy
Traduzione: Catia Lattanzi
Editore: Fbe
Anno: 2007
Collana: La bicicletta
Formato: Brossura leggera, 21 cm - romanzo
Pagine: 191

"Volevo scrivere un romanzo che diventasse il mio western immaginario preferito. Ho pensato al Cavaliere della valle solitaria, Mezzogiorno di fuoco e Sfida infernale. E a un adolescente, Petit Jeanne, distrutto dalla vendetta e dalla solitudine. Ho voluto che crescesse nella folle decadenza della New York della fine dell'800, circondato da prostitute dal cuore grande, poeti torturati, un elegante fuorilegge e un prete che ha abbandonato la tonaca. Petit Jean diventerà grande; metamorfosatosi in John Little, attraverserà l'Oklahoma." (E.M.)

"Per scrivere questo libro ho dovuto reinventare i più grandi miti del Nuovo Mondo e affrontare la nostalgia e le ferite di un espatriato. Ho trasferito la mia storia in un romanzo. Non posso più ritornare a casa. E nemmeno tu, John Little" (E.M.)
 

Commento. Un romanzo che parte bene e finisce malissimo. Più che un crescendo c'è un diminuendo pazzesco in questa storiella che ha un protagonista molto poco western per il contesto generale in cui si svolge la vicenda. John Little sembra avere le caratteristiche di un pistolero ma poste al limite minimo, sfumate, evanescenti. I fatti si dipanano dall'ampio al raggrinzito: Murphy impiega parecchie pagine per l'incidente scatenante e va sempre più assottigliando la storia fin quando non dilegua la vendetta (obbligatoria, viste le premesse, e comunque assolutamente deludente) in qualche riga e la fine del protagonista in qualche parola. Credo di non aver letto (nè percepito) nessuna influenza e/o citazione ai film western che sembra abbiano ispirato Murphy. Peccato, occasione sprecata, perchè il prodotto è pure confezionato benino, anche dal punto di vista della traduzione.

 
 

VITA DURA

Titolo originale:
Roughing it
Autore:
Mark Twain
Curatore: Sara Donegà
Traduzione: Sara Donegà
Editore: Barbes
Anno: 2008
Collana: Classici
Formato: Brossura leggera, 18 cm - memorie
Pagine: 450

Nel 1872 Mark Twain pubblica “Vita dura”, il resoconto ironico del lungo viaggio, durato dal 1861 al 1867, al seguito di suo fratello, nominato “Segretario del Territorio del Nevada”. Il titolo inglese del libro, “Roughing it”, ritenuto solitamente l’antecedente della prima opera con cui Twain si fa conoscere al pubblico, “Innocents Abroad”, è un modo un po’ particolare per indicare una vita complicata, difficile: infatti, l’autore vi narra molteplici avventure ambientate in luoghi diversissimi tra loro; talmente numerose che nella prefazione si scusa con i lettori per l’enorme “quantità di informazioni” contenute nell’opera. Dichiara inoltre, sempre con garbata ironia, che “le notizie sembrano uscire da me per natura, come vino dalla botte. Spesso mi è sembrato che avrei dato la mano destra, se avessi potuto trattenere i miei ricordi; ma non è stato possibile”. Così nel libro si spazia dalla conoscenza con i mormoni e il loro capo Brigham Young nello Utah, all’esordio come giornalista per il “Daily Territorial Enterprise” a Virginia City; dall’esperienza come minatore in Nevada, nelle miniere d’argento di Comstock Lode, alla descrizione di panorami meravigliosi come le sponde del lago Tahoe, incastonato tra i monti della Sierra Nevada; dall’analisi del fenomeno della speculazione mineraria, alla descrizione del vulcano di Kilauea, nelle Hawaii, da lui chiamate Isole Sandwich. Ognuno di questi episodi è trattato con dovizia di particolari, spiegazioni esaustive e indagini approfondite, caratterizzate da un grande senso dell’umorismo, come si può notare ad esempio nelle digressioni riguardo agli usi e costumi dei mormoni - di cui si analizza l’abitudine alla poligamia e la Bibbia particolare, di cui si offre un breve sunto - o dei nativi delle Hawaii, dei quali si raccontano le tradizioni religiose e politiche, prima della conversione al cristianesimo. Spesso Twain si serve di articoli di giornali o brani del suo diario personale e riutilizza materiale che aveva già pubblicato su alcune riviste, come “Union” e “Express”, ma sfrutta sicuramente la sua fervida fantasia per alcuni degli episodi più esilaranti, spassosi e assurdi che sembrano non avere nessun collegamento con quanto viene raccontato (ad esempio il mistero della corrispondenza di Mr Greeley sulle rape o la “Storia del vecchio montone” raccontata da Jim Blaine ubriaco). Quando fu pubblicato nel febbraio del 1872 il libro era impreziosito da 304 illustrazioni, realizzate da una dozzina di artisti diversi.

 
 

IL GRANDE LIBRO DEL WEST AMERICANO

Curatori: Natascia Pennacchietti e Costanza Rodotà
Traduzione: Natascia Pennacchietti e Costanza Rodotà
Editore: Cavallo di Ferro
Anno: 2011
Formato: Brossura leggera, 23 cm, illustrato con foto in b/n nel testo e fuori testo - racconti e ballate
Pagine: 333

Dalla corsa dei pionieri per la conquista delle grandi praterie del West alla nube di fuliggine del primo cavallo di ferro. Dalla febbre dell'oro ai duelli sotto il sole cocente. Dai banditi Jesse James e Butch Cassidy al tragico massacro del Settimo Cavalleggeri del Generale Custer da parte dei Sioux, nella celebre battaglia del Little Bighorn. E molto di più. Il grande libro del West americano riunisce in un unico volume illustrato le storie e le cronache - di cui molte inedite in Italia - che hanno creato il fascino e il mito del West, raccontandone lo spirito a metà fra passato e presente, realtà e finzione, verità e leggenda. Oltre a Racconti e leggende, Testimonianze vere su personaggi, luoghi e fatti legati alla storia del West, fanno parte di questa raccolta anche le più famose Canzoni e ballate, componenti imprescindibili dell'immaginario dei cowboy.
 

Commento. Niente da dire. Un libro inutile che affossa ancor di più il genere (e poi gli appassionati si lamentano di non vedere mai in libreria libri western). Qualche racconto noiosissimo, qualche testimonianza d'epoca piena zeppa d'errori storici e una sezione con testi di canzoni cowboy.
Il prezzo è da rivolta rispetto alla qualità (anche materiale) del libro.

 
 

IL MASSACRO DI GOLDENA

Autore: Gian Luigi Bonelli
Curatore dell'edizione: Sergio Bonelli
Illustratore: Aldo Di Gennaro
Editore: Sergio Bonelli
Anno: settembre 2008
Altre edizioni: Audace 1951 (ed. orig.)
Collana: Tex Gigante (n.575) (allegato)
Formato: Brossura leggera, 21 cm, illustrato con disegni a colori nel testo - romanzo
Pagine: 98

A capo di una banda di Apaches, Fraser, baro e rinnegato, ordina il massacro di un'intera città. Ma Tex si mette sulle sue tracce, e Fraser giocherà la sua ultima partita con la Morte!
Il più celebre eroe del fumetto italiano festeggia i sessant'anni di vita editoriale con la riedizione di questo romanzo, scritto nel 1951 dal suo creatore: Gianluigi Bonelli.

Materiali online
http://www.ubcfumetti.com/tex/?16863
http://www.sergiobonellieditore.it/news/comics_set08/goldena.htm
http://chidhergrun.blogspot.com/2008/09/da-red-killer-tex-willer.html

 
 

EREDITA' DI SANGUE

Autore:
Matteo Negri
Editore:
Pascal
Anno: 2006
Formato: Brossura, 21 cm - romanzo
Pagine:
334

Un romanzo western. Un romanzo d’avventura. Come quelli che si scrivevano una volta: i buoni, i cattivi, sparatorie, fughe, inseguimenti, agguati. La lotta per la vita. La morte. Ecco finalmente uno scrittore che non ha paura di misurarsi con quella che da sempre è la sfida più ardita e rischiosa per un narratore: la storia, l’intreccio. Spesso la narrativa contemporanea è intimistica, monologante, soggettiva. Matteo Negri ha invece creato una grande storia corale e intersoggettiva, nella quale un complesso di personaggi dà vita a una drammatica ed emozionante avventura. Canada, seconda metà del XIX secolo, il giovanissimo Elliott, viene perseguitato da un crudele zio, dedito al crimine, che vuole assassinarlo per interessi ereditari. Attraverso una lunga serie di colpi di scena, un vecchio ed eroico sceriffo, e il misterioso ‘Straniero’ salveranno il ragazzo e faranno trionfare la giustizia. Nel corso dell’avventura Elliott vive una drammatica iniziazione alla vita, lungo la quale scopre anche valori eterni come amicizia, altruismo, lealtà. Riscoprendo e reinventando la grande epopea del West, Negri ci regala una storia appassionante, che incolla il lettore al libro dalla prima all’ultima riga.

Commento. Un romanzo western dallo stile sobrio, con una trama ben strutturata. I personaggi sono un po' stereotipati (lo Straniero in primis) ma ben delineati. Credo che una maggiore attenzione ai dettagli "western" avrebbe molto giovato al romanzo, alla fine a parte i cavalli e le pistole e i saloon non c'è molto che faccia capire di trovarsi nel West.
Qua e là ci sono alcune citazioni a film western e in particolare all'eastwoodiano "Gli spietati".

Materiali online
http://www.mbg.trivulzio.com/Articles/dem_western.html

 
 

AVREI VOLUTO ESSERE UCCISO DA CLINT EASTWOOD
Pensieri nel West


Autore:
Stefano Jacurti
Editore:
Aletti
Anno: 2011
Formato: Brossura, 21 cm - racconti
Pagine:
74

I pensieri nel West di Stefano Jacurti sono ballate dove all’evocazione di un mondo selvaggio e dal grilletto facile, si uniscono le riflessioni sui sentimenti umani.
Nel tamburo di una pistola che spara miele e cianuro sulla frontiera della vita, c’è la dedica a Clint Eastwood e a tutto il genere western che ha segnato la vita dell’autore.
Le strofe selvagge oscillano tra ricordi, orizzonti sognati e macabre visioni.
Sono rese dei conti dove le miserie umane e il riscatto sanciscono il passare del tempo di un maturo pistolero.
Come un Winchester che espelle il bossolo, il bene e il male vengono sparati contro la sagoma del lettore con due mani: quella implacabile e quella sanguinante per le incomprensioni.
L’ennesimo duello di un autore ad ovest della poesia sta per cominciare con un sogghigno minaccioso ma anche con un grazie al cinema, alle amicizie vere, alla vita.

Commento. Ballate, poesie, pensieri, corti western. Tra immagini cupe, nere, di speranza o di rassegnazione, di vendetta o di giustizia, di vita o di morte, l'autore dipinge il suo West seguendo le orme di uno dei più grandi maestri cinematografici del genere: Clint Eastwood. Attraverso i ricordi legati ai suoi film, in questa raccolta c'è un viaggio in un West spietato ma che può ancora dare qualcosa a chi sogna.

Materiali online
http://www.alettieditore.it/emersi/mar11/Jacurti.htm

 
 

PIANETA DI FRONTIERA

Titolo originale:
Frontier Earth
Autore:
Bruce Boxleitner
Curatore: Giuseppe Lippi
Editore:
Mondadori
Anno: 2000 (10 settembre)
Traduzione: Stefano Di Marino
Collana: Urania (n. 1396)
Formato: Brossura, 19 cm - romanzo
Pagine:
313

Macklin e Doris non sono alieni, anche se lavorano per una civiltà interstellare. Sono umani come noi e tengono d'occhio benevolmente la Terra, considerata un selvaggio pianeta di frontiera. Poi l'astronave dei Monitori viene attaccata dai Kra'agh e Macklin precipita sulla Terra perdendo la memoria. Doris ha il compito non facile di rintracciarlo e ricordargli chi è, perché Macklin sembra essersi sistemato fin troppo bene nella città di Tombstone, Arizona, dell'anno di grazia 1881. Peccato che non sappia niente dell'imminente sfida all'OK Corral, né che i Kra'agh, sotto mentite spoglie, si sono arruolati nella spietata banda Clanton... Pianeta di frontiera è un pirotecnico romanzo d'azione scritto da Bruce Boxleitner, il Capitano Sheridan della serie TV "Babylon 5".
 

Commento. Ecco una bella sorpresina! Nella mia ricerca a titoli (rarissimi in italiano) di western "contaminato", dopo il western-horror di Joe Lansdale mi sono imbattuto in questo romanzo di Bruce Boxleitner, un caso più unico che raro di western-fantascienza. Solo che, per mia fortuna, la parte western è prevalente e quella fantascientifica si limita a quei pochi elementi amalgamabili all'ambientazione terrestre.
La trama verte su Macklin, un Osservatore della terra che viene attaccato da una squadra di alieni cattivi e precipita sulla terra perdendo la memoria. La sua capsula cade nei pressi della Tombstone del 1881 e Macklin in breve si ritroverà coinvolto nella sfida all'OK Corral, inseguito da due Kra'agh (gli alieni mostruosi e cattivi), cercato dalla sua fidanzata e quasi innamorato della sua alberghiera.
E' un bel western con una trama assolutamente lineare e per nulla ingarbugliata, con un protagonista ben delineato e un corredo di co-protagonisti davvero ben orchestrato, tra cui anche i fratelli Earp, Doc Holliday e il clan dei Clanton. La ricostruzione di Tombstone e della sparatoria è accuratissima, come tutto ciò che richiede l'ambientazione storica.
Il romanzo alterna il punto di vista degli umani con quello dei Kra'agh.
Lo stile è rapido e frizzante, ed è facile finire il romanzo nel giro di un paio di letture.
Esiste un sequel, "Frontier Earth: Searcher", mai pubblicato in Italia.

 
 

ALTAMENTE ESPLOSIVO

 western horror


Autore:
Joe R. Lansdale
Editore:
Fanucci
Anno: 2010
Collana: Collezione Vintage
Traduzione: Luca Conti
Formato: Brossura, 22 cm - racconti
Pagine:
236

Dieci racconti inediti di Joe R. Lansdale, scelti appositamente dall'autore per il pubblico italiano con una sua introduzione scritta appositamente per questo volume. Joe R. Lansdale ha selezionato le storie che meglio rappresentano ogni suo genere, ogni stile, ogni passione trasformata in parole. C'è il grottesco, l'horror, la malinconia, il pulp, il realismo estremo, lo humour. C'è tutto Lansdale in un concentrato che fa scoprire ancora una volta un autore visionario e profondo indagatore dell'animo, cinico e fatalmente ammaliante.
 

Commento. Due ottimi racconti western presenti in questa raccolta: "L'albergo dei gentiluomini", western-horror con fantasmi e lupi mannari; "Hide and Horns", western tradizionale sulla caccia a un Buffalo soldier.

 
 

LA MORTE CI SFIDA

 western horror


Titolo originale:
Dead in the West
Autore:
Joe R. Lansdale
Editore:
Fanucci
Anno: 2008
Collana: Tif Extra
Traduzione: Maurizio Nati
Formato: Brossura, 22 cm - romanzo
Pagine:
198

Un guaritore indiano lancia la sua maledizione per vendicare l'assassinio della moglie: un'epidemia semina la morte tra gli abitanti di Mud Creek, facendoli diventare degli zombi. A risolvere la situazione ci penserà il reverendo Jebidiah Mercer, armato di fede e di un revolver calibro .36.
 

Commento. Ecco come deve essere un romanzo! Basta con i salamelecchi esistenzialisti, con le prediche velate, con le storie di autori del cazzo che si spacciano per maestri di vita con le loro storie d'amore e i loro personaggi che fanno venire il latte alle ginocchia! Basta! Vogliamo Lansdale! Vogliamo i personaggi pezzi di merda, che usano la pistola anche per aprire la porta di casa, che cadono in mezzo ad avventure dove se non cominci a sparare o a menare cazzotti rischi di perdere ancor prima di un battito di ciglia.
In questo racconto lungo Lansdale ci offre azione e intrattenimento, rade al suolo qualsiasi pretesa di dramma psicologico/esistenziale/amoroso e tira fuori un'ottima storia. Una cittadina del West, una maledizione indiana, un reverendo con la pistola e un'orda di zombie in attesa nel buio... tutto condito con piombo rovente e sangue a fiumi. Persino la "storia d'amore" è ridotta a minima cosa (non la credevo possibile in romanzo del genere, nemmeno così breve) e meno male!
Un Lansdale forse acerbo ma già con uno stile da bastardo che ti acchiappa e ti inchioda in un punto della strada da cui puoi vedere tutto, proprio come se fossi al centro dell'azione. Le vicende, con il loro intreccio molto poco intrecciato, lineari e sequenziali, permettono una lettura rapida (io l'ho finito in tre ore) e coinvolgente, per cui direi che l'appellativo di "b-movie su carta" calza a pennello.
E' il primo romanzo di JRL che leggo e se già comincia così, mi sa che ne vedrò delle belle!
Spero che pubblichino altri suoi romanzi western (magari con più cura redazionale, anche nella traduzione), d'altronde l'ho sempre conosciuto come eccellente autore di storie di Frontiera.
Un ottimo scrittore che narra di West e maledizioni è Luca Barbieri, il cui "Five Fingers - Cinque dita", libro-raccolta, evoca i toni lugubri del grande Lansdale!

Materiali online
http://www.horrormagazine.it/notizie/3195/?print=1
http://davidecassia.blogspot.com/2010/07/la-morte-ci-sfida-joe-r-lansdale.html
http://www.libro-mania.com/la-morte-ci-sfida-joe-r-lansdale/
http://www.lankelot.eu/letteratura/lansdale-joe-r-la-morte-ci-sfida.html
http://hotmag.me/nonsolonoir/2008/06/03/l-joe-r-lansdale-la-morte-ci-sfida/
http://www.saltinaria.it/news/cultura/237-joe-r-lansdale-la-morte-ci-sfida.html
http://www.creepyvisions.com/2010/10/la-morte-ci-sfida-romanzo.html
http://shamanic-journey.blogspot.com/2009/12/la-morte-ci-sfida-di-joe-r-lansdale.html
http://armakuni.blogspot.com/2008/06/la-morte-ci-sfida-di-joe-r-lansdale.html

 
 

M-RIVISTA DEL MISTERO: NERO WEST

 western horror


Curatore:
Andrea Carlo Cappi
Editore:
Alacran
Anno: 2008
Formato: Brossura, 20 cm - racconti
Pagine:
206

Questo numero contiene "Deadman's Road", un romanzo inedito di Joe R. Lansdale. Inoltre un'intervista esclusiva con Franco Nero e Racconti e fumetti di: Ambrose Bierce, Max Brand, Daniele Caluri, Stefano di Marino, R. Morton, Clarence Mulford, Sergio Rilletti, J. Cameron Smith e molti altri.
 

Commento. Nonostante la maggior parte dei racconti non sia un granché, il massimo dei voti lo assegno per l'unicità della raccolta: racconti western noir finora non se ne erano mai visti in Italia. Il romanzo breve di Lansdale merita l'acquisto e belli anche i due articoli di Andrea C. Cappi, mentre sul resto dei racconti se ne salvano solo un paio.
In ogni caso, onore al sig. Cappi che ha curato questo numero e spero che ne faccia presto uscire un altro, secondo me il duo western/noir è quanto di più affascinante possa esserci in narrativa.

Materiali online
http://alanaltieri.forumfree.it/?t=25380869

 
 

STORIE DEL WEST RACCONTI

Autore:
Autori Vari
Curatore:
Staff di www.farwest.it
Editore:
volume non edito
Anno: 2010
Collana: Storie del West Racconti (n. 1)
Formato: Brossura, 22 cm - racconti
Pagine:
299
Scaricabile in pdf gratuitamente dal sito www.farwest.it

Ventidue racconti inediti di ventidue appassionati scrittori western, raccolti appositamente per questo volume, risultato di un contest varato a fine 2010 dal sito farwest.it e calorosamente accolto dai fan di storia del West. Il libro annovera racconti, giusto per fare due nomi, di autori come Luca Barbieri (Five Fingers. Cinque dita, Il Foglio Letterario, 2008; il saggio Storia dei pistoleri, Odoya, 2010) e Domenico Rizzi (Pianure lontane, Fabrizio Filios Editore, 2009; innumerevoli saggi tra cui il premiato Le schiave della Frontiera, Firenze Atheneum, 2003).
Il libro è disponibile gratuitamente in formato elettronico e non è stato realizzato a fini di lucro.

 
 

SIX SHOTS
Sei racconti del Weird West

 western horror


Autore:
Alfredo Mogavero
Editore:
XII
Anno: 2010
Collana: Eclissi (n. 8)
Formato: Brossura, 21 cm - racconti
Pagine:
173

Storie di vecchi pistoleri, ubriaconi e mostri; di maledizioni, fulmini e bastardi dal grilletto facile; di spiriti, becchini e indiani nella nebbia; di partite a poker, patti pericolosi e messicane fatali; di stregonerie nere, inquisitori e preti tormentati; di rese dei conti con il proprio passato.

Più di cent’anni fa, nell’Ovest di una nazione ancora giovane, accaddero delle vicende.
Che non appaiono nei libri di Storia.
Che i film e i romanzi western non hanno mai voluto raccontare.
Troppo strane per non essere solo balle di qualche ubriacone in un saloon di quarta categoria.

Sei racconti che corrono come una diligenza sul fondo sconnesso di una strada nella prateria, con un manipolo di banditi alle spalle e soltanto sei colpi nel caricatore per buttarli giù tutti. Prima che sia troppo tardi.
 

Commento. Sei storie che mischiano fantasy e western, un'accoppiata molto rara in narrativa. Segnate anche da un sottile filo ironico/umoristico queste storie raccontano di pistoleri-ragno, campi di battaglia infestati, uomini-parafulmine, scienziati pazzi, stregoni neri, reverendi con la pistola. Un genere molto lansdaliano sebbene lo stile di Mogavero sia distante da quello dello scrittore texano.

Materiali online
http://mcnab75.livejournal.com/299374.html
http://ferrucciogianola.blogspot.com/2010/05/six-shots-di-alfredo-mogavero-sul-mio.html
http://www.gothicnetwork.org/articoli/six-shots-di-alfredo-mogavero-sei-incursioni-nel-weird-west
http://liberidiscrivere.splinder.com/post/22558878/recensione-di-six-shots-di-alfredo-mogavero
http://www.iyezine.com/libri/976-alfredo-mogavero---six-shots.htm
http://www.fabbricantidiuniversi.it/?p=888

 
 

BLACK FLAG

 western horror


Autore:
Valerio Evangelisti
Editore:
Einaudi
Anno: 2008
Collana: Stile libero
Altre edizioni: Einaudi 2002
Formato: Brossura, 20 cm - romanzo
Pagine:
217

"Non è un romanzo consolante. La cavalcata infernale di una banda di irregolari sudisti, durante la guerra civile americana, vuole essere metafora per esplorare lo scatenarsi della violenza generato dal più radicale vuoto di valori. Analogamente, la proiezione della stessa violenza in un futuro remotissimo, o il suo recupero in un passato tanto recente da fondersi con l'attualità, intendono segnalare una patologia psichica di dimensioni sociali, che nel deserto emotivo e nell'assenza di solidarietà trova il proprio fondamento. In tutte queste dimensioni diventa apocalittico fattore di distruzione. Ripeto, non è un romanzo consolante. Credo alla funzione della narrativa come elettroshock, unica via per smuovere le coscienze." (V.E.) (dall'edizione del 2002)

Black Flag è la bandiera sotto cui cavalca un gruppo di sudisti durante la guerra di secessione americana. Insieme a loro: un sospetto uomo-lupo con terribili poteri, una scheletrica puttana irlandese, e Pantera, l'eroe: mago messicano meticcio, asceta, uomo cinico e disilluso eppure capace di catalizzare le speranze di chi non si vuole arrendere, come un "messia per caso". Mettendo in scena un teatro umano sconvolgente - malati psichici, mutilati, sceriffi, militari ma anche mutanti e abitanti lunari - e intrecciando piani temporali diversi, Evangelisti costruisce un'allegoria della violenza, del contagio esacerbato tra bene e male.
 

Commento. Una cavalcata nella brigata di Jesse e Frank James dietro le orme del palero Pantera, alla ricerca di un uomo-lupo che ha massacrato alcune prostitute in Texas. Una cavalcata infernale che trascina il lettore in un mondo violento e cupo, uno dei migliori romanzi western pubblicati in Italia. La storia principale (Black flag) è intervallata da episodi/capitoli di un romanzo breve di fantascienza. Aprono e chiudono il libro le due parti di un ulteriore racconto post-apocalittico.

Materiali online
http://www.blackmailmag.com/Evangelisti.htm
http://www.scheletri.com/libri/libri0351.htm
http://lavocedelfuoco.blogspot.com/2007/08/black-flag-valerio-evangelisti.html
http://barnumg.splinder.com/post/21894916/black-flag-di-valerio-evangelisti-einaudi
http://www.fantascienza.com/magazine/libri/2657/black-flag/
http://web.tiscali.it/libreria_edison/Recensioni/blackflag.html
http://undergroundzone.splinder.com/post/5629355/black-flag
http://whiterussiancinema.blogspot.com/2010/09/black-flag.html

 
 

IL COLLARE SPEZZATO

Autore:
Valerio Evangelisti
Editore:
Mondadori
Anno: 2008
Collana: Piccola Biblioteca Oscar
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine:
440

"Il collare di fuoco", il primo romanzo di questa serie storica narrava la formazione, nell'arco di un cinquantennio, del Messico come Stato moderno. Con questo secondo romanzo, la storia va avanti e procede implacabile col suo carico tumultuoso di nuove speranze, nuove vittorie e sconfitte, nuove leggende e nuovi eroi. Come sempre al centro della trama i rapporti burrascosi tra le vicende del Messico e le mire del più ingombrante dei Paesi vicini: gli Stati Uniti d'America. Evangelisti narra l'evento centrale di una storia plurisecolare: la Rivoluzione messicana, con tutti i suoi leggendari piccoli e grandi protagonisti, con i suoi mille eroismi, le mille miserie e le enormi contraddizioni che un evento tanto rilevante finisce per scatenare. Esauritisi gli eventi tempestosi legati alla fase rivoluzionaria, nasce uno stato costituzionale che ben presto dovrà cercare a tutti i costi di darsi un minimo di stabilità economica e politica. Fino alla nazionalizzazione, sotto la presidenza di Lazaro Cardenas, dell'industria petrolifera che restituisce al Messico il necessario controllo sulla più preziosa delle sue risorse e che pone termine a un'epoca di violenza.

 
 

IL COLLARE DI FUOCO

Autore:
Valerio Evangelisti
Editore:
Mondadori
Anno: 2007
Collana: Piccola Biblioteca Oscar
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine:
440

Valerio Evangelisti ripercorre la formazione del Messico come stato moderno in un romanzo storico di ampio respiro. Dalla rivolta dei messicani in Texas nella metà dell'Ottocento la vicenda si dilata, spostandosi in Messico per abbracciare la lotta di Benito Juárez contro Massimiliano d'Austria, la dittatura di Porfirio Díaz, la modernizzazione forzata del paese, le rivolte contadine, le stragi e le deportazioni di indigeni, fino ad arrestarsi alla soglia della rivoluzione. Filo conduttore, il rapporto contraddittorio di odio e amore tra Messico e Stati Uniti; ma anche il lento formarsi di un'identità nazionale e di una cultura unitaria adatta a darle espressione. Il tutto visto attraverso le vicende di molti personaggi (spesso realmente vissuti).

Commento. Mi spiace per Evangelisti - di cui ho letto "Antracite" e "Black flag" - ma questo non è un romanzo, non nel puro senso del termine. E' piuttosto una storia del Messico western romanzata. Tanti, troppi personaggi realmente esistiti si muovono nel contesto politico dell'ultima metà del XIX secolo messicano: socialisti, liberalisti, anarchici, conservatori, rivoluzionari, peones, soldati, ecc. Non c'è una trama, non c'è quasi mai tensione. C'è, e si vede, un'ampia documentazione e questo libro è la versione romanzata-drammaticizzata di tale ricerche. E' bello, per carità, lo stile è fantastico sia come sceneggiatura che come scrittura, ma io personalmente non lo considero un romanzo.

 
 

ANTRACITE

Autore:
Valerio Evangelisti
Editore:
Mondadori
Anno: 2004
Collana: Piccola Biblioteca Oscar
Formato: Brossura, 18 cm - romanzo
Pagine:
370

Sono trascorsi dieci anni dalla fine della Guerra Civile, e gli Stati Uniti sono preda della cupidigia di potenti gruppi industriali. Pantera, misterioso pistolero-stregone messicano, viene assoldato come sicario da una setta terroristica operante tra i minatori irlandesi della Pennsylvania, e non tarda a rendersi conto che dietro ciò che appare un rudimentale conflitto sociale operano forze che si battono senza esclusione di colpi per la conquista dell'intero paese. Ma dovrà compiere un lungo e tortuoso itinerario prima di capire che a confronto sono due diverse anime dell'America, e che quella che vincerà lascerà la sua impronta sui secoli a venire. Davanti a tutto ciò, anche un pistolero cinico e spietato può rivelarsi agente del bene.

Commento. Non male. Peccato che gli intrallazzi politici, e i motivi che portano Pantera da una parte all'altra, siano mal spiegati, causa una trama troppo intrecciata, anche se allo stesso tempo lineare. Bellissimo e da approfondire il personaggio di Pantera e tutti gli altri, altrettanto lo stile di Evangelisti, senza fronzoli e molto molto concreto.
La stella che manca per arrivare al voto pieno è dovuta, quindi, alla confusione dell'intreccio.

 
 

IL SEGNO ROSSO DEL CORAGGIO

Titolo originale:
The Red Badge of Courage
Autore:
Stephen Crane
Editore: Bur
Prefazione: Vito Amoruso
Anno: 2002
Collana: Superbur Classici (n. 197)
Traduzione: Bruno Tasso
Formato: Brossura leggera, 20 cm - romanzo
Pagine: 181

Sentì che in quella crisi le sue leggi di vita gli erano inutili. Tutto quello che aveva appreso di sé non aveva ora valore alcuno. Egli era un'entità ignota. Vide che di nuovo sarebbe stato costretto a farsi una esperienza...

 
 

FIVE FINGERS
Cinque dita

 western horror


Autore:
Luca Barbieri
Editore:
Il Foglio Letterario
Anno: 2008
Formato: Brossura, 21 cm - racconti
Pagine:
180

Cinque storie epiche come le gesta narrate dai cowboy al fuoco dei bivacchi e violente come le vite dei pionieri in terra di frontiera, implacabili come i pistoleri del vecchio west e oniriche come le leggende dei nativi americani.
Cinque colpi di Colt scaricati addosso ad assassini sanguinari e impiccati che non vogliono morire, indiani misteriosi e mostri partoriti dal freddo e dall'angoscia.
Cinque rasoiate che squarciano il velo su di un west cupo e terribile dove non esistono eroi né salvezza e la sola legge è quella della pistola, ma dove a volte nemmeno la pistola ha potere contro entità spaventose e sovrannaturali.
Cinque racconti che vogliono cantare l'America e le sue disillusioni, ma anche un'epoca non troppo lontana in cui ancora sapevano fiorire le leggende.
Cinque dita strette su quella vecchia Colt fumante che non vuole proprio saperne di arrendersi ai fantasmi nelle verdi praterie della fantasia.
 

Commento. Un West cupo e pauroso, racconti che ci illustrano la parte peggiore e violenta del West, tra pistoleri dimenticati, indiani infestati da vermi e mostri cannibali.
Luca Barbieri è un narratore eccezionale, dallo stile lansdaliano, che non esita a portare su carta personaggi partoriti dall'angoscia e dalla paura, dagli incubi e dalle leggende più oscure del West. E' un mondo disincantato, quello costruito dall'autore, ci sono solo antieroi, solo personaggi violenti che non cercano nulla se non vendetta o un posto all'ombra per fumarsi una sigaretta e scaldarsi una padella di fagioli, che vivono della loro pistola e la usano contro l'orrore che spesso gli capita tra capo e collo.
Consigliatissimo!

Materiali online
http://www.farwest.it/?p=1434
http://corpifreddi.blogspot.com/2009/06/five-fingers-cinque-dita-luca-barbieri.html
http://www.subaqueo.it/dblog/articolo.asp?articolo=144
http://giurista81.blogspot.com/2010/09/recensione-narrativa-five-fingers.html
http://www.scheletri.com/libri/libri0457.htm
http://www.pennadoca.net/pennadoca/index.php?option=com_content&task=view&id=1427

 
 

BALLA COI LUPI

Titolo originale:
Dance With Wolves
Autore:
Michael Blake
Editore:
Club
Anno: 1991
Traduzione: Liliana Bollini
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm - romanzo
Pagine:
303

La storia epica e appassionante del tenente John Dunbar che rinuncia per sempre al suo mondo e alla sua gente per diventare un eroe comanche.

 
 

I GRANDI DUELLI AL SOLE
Sfida infernale e Mi amigo


Titoli originali:
Saint Johnson, Mi amigo
Autore:
W.R. Burnett
Editore:
Longanesi
Anno: 1975
Collana: I classici del West
Traduzione: Adriana Pellegrini
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzi
Pagine:
528
 

L’autore presenta i suoi personaggi con piglio assolutamente originale, rispetto a tutti i migliori esempi del genere, e antieroico. Sfida infernale ha per protagonista un peace officer  chiamato a soccorrere la comunità di una cittadina dove lo sceriffo non basta più. Si intravede subito, sotto questo personaggio Wayt Johnson, il leggendario protagonista della sfida all’OK Corral, Wyatt Earp; e nel suo amico l'altrettanto famoso Doc Holliday, lo sventurato medico tubercolotico divenuto, per disperazione, giocatore e cacciatore di uomini. Questo testo ha ispirato molti altri romanzi e film.

In Mi amigo invece troviamo un sergente di cavalleria tutto d'un pezzo, più abile dello stesso colonnello nel manovrare la truppa; e un giovane bandito dall'aspetto angelico e dall'immaginazione crudele: una fortunata combinazione tra Billy the kid e un ragazzo irrequieto e ribelle.

Tra varie avventure il romanzo, ambientato al tempo in cui lo sterminio degli indiani è quasi terminato, si intrecciano due esperienze, entrambe formidabili: quella del soldato incallito, sopravvissuto grazie all'istinto di conservazione e a un bagaglio di norme apprese dalla pratica e quella del ragazzo, impostata invece sui trucchi e sulle manovre più astute per non finire ucciso. Alla fine, nonostante l'amicizia e la simpatia nate tra loro, il vecchio e il giovane si troveranno uno contro l'altro. Quale delle due esperienze sarà più valida?

 
 

ALLA CONQUISTA DEL WEST

Autore:
Lou Cameron
Editore:
Mondadori
Anno: 1980
Collana: Biblioteca dell'avventura (n. 20)
Traduzione: Lidia Lax
Formato: Brossura leggera, 21 cm - romanzo
Pagine:
416

Venivano da ogni dove, alcuni per conquistare, alcuni per nascondersi, alcuni spinti dall'irrequietezza, altri ancora per costruire una nuova speranza dalle radici di un'antica disperazione in quella promettente terra selvaggia. Tutti con una cosa in comune: una fiera determinazione a domare quella terra e a lasciarci sopra il loro segno. E così anche Zeb Macahan indomabile come un inverno sulle Colline Nere, ma dotato di una pietà e di una tenerezza ben note alla sua famiglia e alla donna misteriosa da lui amata, perduta e ritrovata in questa regione impervia. E così i forti uomini e le coraggiose donne le cui vite raccontano la storia della Conquista del West.

 
 

ALBA FATALE

Titolo originale:
The Ox-Bow Incident
Autore:
Walter van Tilburg Clark
Editore:
Garzanti
Anno: 1966
Collana: I romanzi famosi
Traduzione: Paolo C. Gajani
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine:
284

Il mito del selvaggio, duro, vecchio West in un'avventura drammatica, irreparabile e esemplare: un libro veramente anticipatore, uno spiraglio intrepidamente aperto sulle capacità di aberrazione e di ingiustizia dell'uomo sia come dittatore, sia come membro di una folla debole, vigliacca, faziosa. Leggenda, storia e sociologia sono strettamente alleate in questo vigoroso romano che ha ispirato un suggestivo film hollywoodiano interpretato da Henry Fonda, Dana Andrews e Anthony Quinn.

 
 

GHIACCIO

Titolo originale:
The Rutless Men
Autore:
Lewis Patten
Editore:
Longanesi
Anno: 1959
Collana: Suspense (n. 1)
Traduzione: Elisa Marpicati
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine:
255

Luke Partin, ricoperto di polvere, disperato, con un cavallo sfiancato, segue la pista dell'assassino del suo migliore amico soltanto per scoprire troppo tardi che costui già lo attende in imboscata con tre altri delinquenti.

 
 

I COMPARI

Titolo originale:
McCabe
Autore:
Edmund Naughton
Editore:
Mondadori
Anno: 1971
Collana: Oscar Mondadori (n. 379)
Traduzione: Margherita de Donato
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine:
196

Presbyterian Church è un centro nei pressi della frontiera canadese che i suoi abitanti definiscono enfaticamente città. Alla fine del secolo scorso di posti come questo, squallido e al tempo stesso pericolosamente eccitante, ce n'erano molti nel selvaggio nord-ovest dell'America. E personaggi come John McCabe, un avventuriero con un suo speciale codice d'onore, e Constance Miller, una prostituta intelligente e volitiva, vi potevano allignare abbastanza tranquillamente finché gli interessi organizzati di qualche trust minerario non intervenivano magari con dei sicari ai quali erano affidati ordini perentori. In questo romanzo l'incalzare degli avvenimenti, che sfociano in un finale di agghiacciante violenza, si mescola a un'atmosfera tenebrosamente immobile, spezzata soltanto dall'incredibile umanissimo sentimento di odio-amore che lega l'avventuriero e la prostituta.

 
 

MISSOURI

Titolo originale:
The Missouri Breaks
Autore:
Thomas McGuane
Editore:
Mondadori
Anno: 1976
Collana: Oscar Mondadori (n. 715)
Traduzione: Ettore Capriolo
Formato: Brossura leggera, 19 cm - sceneggiatura del film
Pagine:
140

Marlon Brando è un killer prezzolato. Jack Nicholson è un ladro di cavalli. Uno di loro deve uccidere l'altro e non è affatto disposto a morire. Missouri, la storia di una caccia all'uomo destinata a rimanere memorabile.

 
 

DUELLO AL SOLE

Titolo originale:
Duel in the Sun
Autore:
Niven Busch
Editore:
Mondadori
Anno: 1973
Collana: Oscar Mondadori (n. 308)
Altre edizioni: Mondadori (1970)
Traduzione: Caterina Longanesi
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine:
265

Storia d'avventure e d'amore sullo sfondo di un Texas ancora aspro e selvaggio, Duello al sole è dominato da due personaggi, Perla Chavez, una bellissima adolescente di madre indiana, che vive nella grande fattoria del senatore McCanles, e Lewt (uno dei figli del ranchero) focoso e irrequieto. Uniti da una passione violenta e sfrenata, essi si pongono ben presto fuori della legge. Lewt, uccide per gelosia e imbocca la strada del banditismo; Perla, diventa la sua ombra. L'amore però, si trasforma lentamente in odio e la vicenda, che si snoda in un clima infuocato di violenza rapine omicidi, vede la drammatica conclusione nel « duello al sole » fra i due fuorilegge, che tronca il tragico legame e apre a Perla Chavez un nuovo orizzonte.

 
 

IL CAVALIERE DELLA VALLE SOLITARIA

Titolo originale:
Shane
Autore:
Jack Schaefer
Editore:
Mondadori
Anno: 1967
Collana: Oscar (n. 137)
Altre edizioni: Baldini & Castoldi (1959)
Traduzione: Elda Giroldo
Formato: Brossura leggera, 19 cm - romanzo
Pagine:
224

Shane è perseguitato dalla sua terribile forza: soffre ad usarla, e in tutti i modi cerca di dimenticare i nemici abbattuti. Ma la sorte lo perseguita. Giunto in una vallata del West convinto di potervi trovare un po' di pace, è invece costretto a battersi. Tenta in tutti i modi di dissuadere i prepotenti, ma questi non si arrendono. Shane, allora, come un moderno San Giorgio schiaccia il drago a sette teste della sopraffazione e del ricatto. La singolare personalità del cavaliere solitario reca, con le sue gesta, un messaggio di onestà e di giustizia, distaccandosi dalle solite figure del West volgarizzate dal cinema. In questo romanzo dello scrittore-giornalista Jack Schaefer, la violenza è rappresentata come una maledizione, che il protagonista sopporta con virilità, ma che patisce come un'immeritata condanna. Essenziale e limpido come un apologo, questo libro ripropone alla coscienza moderna un problema morale come la responsabilità delle proprie azioni.

 
 

UN VERO UOMO PER MATTIE ROSS

Titolo originale:
True Grit
Autore:
Charles Portis
Editore:
Club degli Editori
Anno: 1969
Collana: Un libro al mese
Altre edizioni: Mondadori (1969)
Traduzione: Paola Forti
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm - romanzo
Pagine:
219

A Fort Smith, Arkansas, vive Mattie Ross, una ragazza di quattordici anni dal carattere risoluto, capace di citare a memoria intere sezioni della Bibbia. Una banda di fuorilegge ha fatto irruzione nella sua casa e ha ucciso il padre, rubando un cavallo e un consistente bottino in denaro. Ma Mattie è una dura e non si dà per vinta. Cerca subito di ottenere giustizia, si fa coraggio, mette mano ai risparmi di famiglia e arriva in città per ingaggiare un vecchio sceriffo che, seppure mezzo alcolizzato, sovrappeso e con un occhio solo, ha fama di implacabile cacciatore di uomini. Il suo nome è Rooster Cogburn, detto il “Grinta”. Sebbene assai malmesso, accetta di andare alla ricerca dell’assassino, ma non nasconde le sue riserve sulla giovane età della ragazza. Mattie si dimostra invece decisa e in grado di tenere testa a ogni obiezione di chi la considera troppo audace. Insoddisfatta del Grinta, incontra in un saloon il ranger texano La Boeuf, anch’egli alla ricerca dello stesso fuorilegge. Senza esitare, gli propone di partecipare all’azione suscitando la rabbia del Grinta, da sempre nemico dei texani. Raggiunto con fatica un accordo i tre si mettono in viaggio verso la regione montagnosa dove si è ritirata la banda dopo l’assalto. È un percorso duro, pieno di insidie, e i tre in un primo momento riescono a catturare due fuorilegge rimasti indietro. Ma la caccia è appena iniziata, e seguiranno giorni di fatica e di avventure, prima di scovare il vero assassino…
Pubblicato per la prima volta nel 1968, Il Grinta ha lo stesso carattere della sua indimenticabile protagonista: è eccentrico, diretto e risoluto, comico e irresistibile. Già romanzo di culto non solo della narrativa ma del cinema western – da cui la pellicola omonima valsa a John Wayne la sua unica interpretazione da Oscar – Il Grinta è un classico che affonda le radici nell’animo americano. (dalla nuova edizione Il Grinta, Giano Editore, 2011, traduzione di Marco Rossari).

 
 

UN VOLO DI COLOMBE

Titolo originale:
Lonesome Dove
Autore:
Larry McMurtry
Editore:
Euroclub
Anno: 1987
Altre edizioni: Mondadori (1986)
Traduzione: Roberta Rambelli
Formato: Rilegato con sovracopertina, 23 cm - romanzo
Pagine:
709

 
 

I RACCONTI DEL GRANDE NORD E DELLA CORSA ALL'ORO

Autore:
Jack London
Editore:
Newton
Anno: 1992
Collana: Grandi tascabili economici
Introduzione: Mario Picchi
Traduzione: Piero Pieroni, Paola Cabibbo, Annagrazia Bassi, Maria Eugenia Morin, Elisabetta Valdrè, Luca Codignola, Sandro Roffeni
Formato: Brossura, 22 cm - racconti
Pagine:
586

Fra l'estate del 1897 e l'autunno del '98 il ventiduenne Jack London visse la più grande avventura della sua vita, intraprendendo un lungo viaggio nel Grande Nord, al confine tra Canada ed Alaska, raggiungendo le migliaia di disperati di ogni età e condizione partiti per la corsa all'oro nello Yukon. A quell'esperienza straordinaria sono ispirati questi racconti, che coprono poco più di un quarto della produzione totale di London e che, per quanto scritti a quel tempo sotto l'urgenza immediata del guadagno, consentirono all'autore di crearsi un proprio inconfondibile stile e di raggiungere la fama.

Queste storie di sogni impossibili, di indiani, ragazzi, cercatori d'oro, uomini soli con se stessi nel momento della prova suprema, oltre la quale nulla può esistere, sono tra le più belle che London abbia mai scritto.

 
 

IL BAULE NELLA PRATERIA

Autore:
Stefano Jacurti
Editore:
Serel International
Anno: 2008
Formato: Brossura, 21 cm - racconti
Pagine:
110

"Da quanto tempo era lì? Forse cinque ore. Cinque ore di attesa… fino a che un ramo spezzato lo fece tornare alla realtà e alla sua decisione: avrebbe combattuto. Non era più tempo di ricordi, era tempo di battaglia, l’ultima. L’ultima caccia, l’ultimo colpo in canna, l’ultimo ringhio, l’ultimo artiglio, l’ultimo balzo."

“Il baule nella prateria”, racconti western, storie di uomini e donne nella dura lotta per la sopravvivenza in un mondo selvaggio. Un baule è caduto da un carro di coloni. E’ rimasto nella prateria e il vento lo ha scoperchiato. Dentro ci sono loro:

Un mezzosangue attende un treno nella città deserta… E’ un’anima divisa in due. I bianchi lo buttano fuori dal saloon perché è mezzo indiano, gli Apache lo cacciano perché è mezzo bianco, ma lui non ha alcuna intenzione di andarsene e il suo piombo è uno solo…

“La banda degli apostoli”, così li chiamano perché sono in dodici gli apostoli dell’inferno che seminano il terrore nel Montana tra assalti ai treni e scontri a fuoco. Ma un giorno qualcosa va storto…

Un vecchio è rimasto solo in una ghost town e spara alla sua immagine riflessa in uno specchio. Gli amici lo hanno abbandonato ma prima di sparire c’è ancora qualcosa da fare…

Durante la guerra civile americana, prima dell’ennesimo assalto, un capitano dell’Ohio si presenta davanti alla tenda del colonnello Chamberlain con una richiesta, ma non è una licenza…

Questi e altri racconti formano “Il baule nella prateria” di Stefano Jacurti, regista e attore in “Inferno bianco”, che ora porta il western tra le pagine di un libro.

Materiali online
http://www.farwest.it/?p=1769

 
 

RACCONTI DEL WEST

Titolo originale: Western Stories
Autore:
Stephen Crane
Introduzione: Attilio Brilli
Editore: Sellerio Editore Palermo
Anno: 1992
Collana: Il Castello (n. 57)
Traduzione: Laura Forconi Ferri
Formato: Brossura leggera con sovracopertina, 21 cm - racconti
Pagine:
151

Nella sua breve vita di ventisette anni, Stephen Crane scrisse pagine di realismo letterario che hanno nel loro genere avuto una funzione formativa nella letteratura americana. A cominciare dal Segno rosso del coraggio, del 1895, che in certa misura insegnò a Hemingway a descrivere la paura, la viltà e la vergogna di fronte al pericolo. E poi alcuni dei Racconti del West: Un uomo ed altri, esaltato da Conrad; Uomini saggi, un particolare della vita americana in Messico, che piaceva a H.G. Wells; I cinque topi bianchi, «una delle più belle storie del mondo» secondo Ford Maddox Ford; L'arrivo della sposa a Yellow Sky, western anti-western. Crane fu da scrittore corrispondente di guerra: da scrittore, poiché considerava la condizione di guerra luogo privilegiato per quelle situazioni umane che la letteratura si occupa di trattare, anche in questo precedendo tanta letteratura americana, e seguendo il suo indiretto maestro Ambroce Bierce. Del mito della frontiera, ancora al suo nascere, e forse prima, Bierce aveva scritto qualcosa di folgorante: «In America non è più possibile andare a Est o a Ovest, e nemmeno a Nord: l'unica via d'uscita è il Sud». Cioè il Messico, fuori dall'America, dove i Racconti del West sono ambientati, a iniziare il western malinconico, pessimista, antieroico; a iniziare l'anti-western, prima che il genere western nascesse.

 
 

STORIE DEL WEST

Autore: Bret Harte
Curatore: Cecilia Mutti
Editore: Mattioli 1885
Anno: 2006
Collana: Experience
Traduzione: Franca Bea e Carlo Padovani
Formato: Brossura leggera, 21 cm - racconti
Pagine:
110

Nel 1848, con la scoperta dei giacimenti nella Sierra Nevada, la febbre dell’oro si propagò attraverso gli Stati Uniti, spingendo a ovest migliaia di persone. Contemporaneo di Mark Twain, nonché suo amico-nemico, Bret Harte fu sicuramente un testimone eccezionale della tumultuosa vita della Frontiera. Con ironia e grande tecnica narrativa, questi racconti western ridipingono i volti e i paesaggi della più grande epopea della storia americana.
 

Commento. Breve ma simpatico volumetto di racconti ambientati durante la corsa all'oro in California. Lo stile di Harte è coinvolgente e molti dei racconti sono delle piccole perle per come sono strutturati ed esposti.

 
 

VITA SUL MISSISSIPPI

Titolo originale:
Life on the Mississippi
Autore: Mark Twain
Editore: Mattioli 1885
Anno: 2005
Collana: Ad fluxum aquae
Traduzione: Sebastiano Pezzani
Formato: Brossura leggera, 21 cm - memorie
Pagine:
400

Il testo è cronaca fedele e divertita di un ritorno sui battelli dopo molti anni e di un viaggio affascinante a bordo, fino alla foce del fiume. La lenta navigazione fa sfondo alla galleria dei ricordi del narratore, non tralasciando indicazioni tecniche sull’arte del pilota, trucchi, ricordi del periodo di apprendistato. Il libro diventa così al tempo stesso testo autobiografico e importante documento sulla storia della navigazione a vapore.

 
 

TUTTI I RACCONTI WESTERN

Titolo originale:
The Complete Western Stories
Autore: Elmore Leonard
Editore: Einaudi
Anno: 2008
Collana: Stile Libero Noir
Prefazione: Gregg Sutter
Traduzione:
Luca Conti
Formato: Brossura leggera, 20 cm - racconti
Pagine: 686

Scontri tra popoli e civiltà, conflitti tra anarchia e ricerca dell'ordine, individuo e collettività, banditi e sceriffi, indiani e giacche blu. Mitologia e realismo, luoghi dell'anima e corpi impolverati: in una parola sola, il West secondo Elmore Leonard.

Piste polverose che solcano il deserto. Cappelli Stetson calcati sugli occhi.
E fucili a canne mozze, canyon, saloon, corral - e sceriffi, cowboy, cavalleggeri. Apache. È questo il mondo che Elmore Leonard esplorò negli anni Cinquanta, fin dal suo esordio con La pista apache: alcuni indiani ribelli e un blanco, Travisin, che per vincerli usa non tanto le armi, quanto l'intelligenza e una lealtà tale da guadagnargli il rispetto anche dei nemici. Sono così, gli eroi di Leonard. Uomini che vincono non solo perché sparano meglio, ma perché combattono con coraggio, pazienza e correttezza. Anche se non sono modelli di virtù - come Pete Given, che in Dietro le sbarre entra in prigione ubriaco e ne esce vicesceriffo dopo aver impedito un'evasione; o perfino se sono destinati a diventare dei farabutti - come Bobby Valdez, che in Buoni e cattivi non riesce a salvare un uomo da una falsa accusa e, da tutore della legge, si trasforma in bandito.
Trenta racconti scritti quasi tutti nel giro di un decennio, ambientati in Arizona e New Mexico tra il 1870 e il 1890, capaci di evocare il mito eterno della frontiera con un ritmo serratissimo e un linguaggio di forte impatto visivo. Trenta racconti che, sulla carta come al cinema, hanno plasmato il genere western.

«I racconti di Leonard appartengono alla migliore narrativa western di sempre». (Usa Today)
 

Commento. Che Elmore Leonard sia un maestro letterario del western è assolutamente palese se si legge questo libro. A partire dal fatto - da sottolineare più e più volte - che la Einaudi ha avuto un coraggio da leone a pubblicare una raccolta WESTERN quando ormai questo genere fa venire i brividi a tutte le case editrici che lo sfuggono come se fosse un portatore di sfortuna. Spero che Leonard, questo Leonard, faccia da apripista al genere qui in Italia, e ha tutte le carte in regola per riuscirci. Questi racconti sono West allo stato puro, piccoli capolavori che sarebbe stato un vero delitto lasciare nelle sole librerie americane, perché uno scrittore come Leonard deve essere conosciuto in tutto il mondo, e non solo per i suoi romanzi noir. Trenta racconti ambientati nel West più puro - quello tra Arizona e New Mexico - che hanno la magia di spedire in lettore in quei luoghi accanto al protagonista, a seguirne le gesta come se li si stesse vivendo personalmente. Azione, sparatorie, ma soprattutto astuzia, furbizia, intelligenza sono elementi che trapelano in questi racconti, intagliando personaggi psicologicamente di ogni tipo, dallo sceriffo tranquillo e pacato al soldato terrorizzato dagli indiani, il tutto circondato da trame semplici ma che Leonard riesce a cucire addosso ai protagonisti con una maestria non comune. Un libro da non lasciarsi sfuggire nonostante il prezzo, una raccolta da leggere e rileggere. ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO!

Materiali online
http://ilmiolibro.kataweb.it/booknews_dettaglio_recensione.asp?id_contenuto=3216059
http://prontoallaresa.blogspot.com/2008/08/rece-tutti-i-racconti-western.html

 
 

I GRANDI RACCONTI DEL WEST

Cura
tore: Piero Pieroni
Editore:
Edipem
Anno: 1975
Collana: La nostra biblioteca classica (n. 92)
Formato: Rilegato, 20 cm - racconti
Pagine: 313

 
 

AVVENTURE NEL WEST
Il Re della prateria - I minatori dell'Alaska - La sovrana del campo d'oro

Autore: Emilio Salgari
Editore: Mondadori
Anno: 2004
Collana: Oscar Classici (n. 608)
Formato: Brossura leggera, 20 cm, 3 volumi + cofanetto, illustrato con disegni b/n nel testo - romanzi
Pagine: 280; 368; 342

Tre storie, pubblicate originariamente tra il 1896 e il 1905, in cui l'autore di "Sandokan" si cimenta con un'ambientazione diversissima dalla giungla malese, ma altrettanto intrigante: le sterminate praterie e i canyon del Far West. Tre racconti poco conosciuti, ma irresistibili per la fervida immaginazione e l'intreccio ricco di azione e suspense, tra la febbre dell'oro e le lotte con i pellerossa, senza trascurare feroci contese per conquistare intrepide e sensuali fanciulle.

 
 

IL SENTIERO DEL WEST

Titolo originale:
The Way West
Autore: A.B. Guthrie
Editore: Mondadori
Anno: 1967
Collana: Oscar (n. 123)
Traduzione:
Orazio Viani
Formato: Brossura leggera, 18,5 cm - romanzo
Pagine: 361

La regione più ricca del nuovo continente è l'Oregon. Il mito dell'Oregon, di cui sono zeppi centinaia di film western, era così diffuso alla fine del secolo scorso che la gara per giungervi ha assunto talvolta aspetti parossistici. Le corse alla "terra promessa" si rivelavano vere e proprie prove del fuoco per la coscienza d'ogni uomo; per le famiglie e i clan, costituivano spesso tragiche scuole di vita. Questo il significato de "Il sentiero del West", il libro centrale di quella specie di trilogia, sul folklore e la storia del West ("Il grande cielo" e "Queste mille colline" sono gli altri due) giustamente considerata classica. Dopo lo svilimento dell'epopea pionieristica operato dall'inflazione cinematografica, questo romanzo ci restituisce intatta e ricca di fascino la poesia e la verità di uno dei fenomeni più appassionanti e interessanti della storia americana.

 
 

QUESTE MILLE COLLINE

Titolo originale:
These Thousand Hills
Autore: A.B. Guthrie
Editore: Mondadori
Anno: 1976
Collana: Oscar (n. 699)
Traduzione: Lidia Ballanti
Formato: Brossura leggera, 18,5 cm - romanzo
Pagine: 351

Ambientato nel West dei grandi allevamenti di bestiame, molto più affollato e movimentato di quello della lenta conquista da parte dei pionieri, questo romanzo di A.B. Guthrie rievoca un'epoca affascinante. La vicenda si svolge in una regione singolare per bellezza e ricchezza, una regione che aveva le sue radici nel suo passato indiano ed era avviata verso la colonizzazione. E sullo sfondo si muovono i personaggi, da Whitey, lo stalliere ubriacone, a Carmichael, il cow-boy, e alla fragile Callie. E' la storia - così essenziale nella formazione del carattere americano - del ritrarsi della civiltà di fronte alle durezze di un territorio selvaggio e del ritorno di virtù e di vizi quasi scomparsi. E' una rievocazione della gioventù storica di una nazione. Un libro, un'epoca, una terra indimenticabili.

 
 

LA MARCIA

Titolo originale:
The March
Autore: E.L. Doctorow
Editore: Mondadori
Anno: 2007
Collana:
Scrittori italiani e stranieri
Traduzione:
Vincenzo Mantovani
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine: 368

Il 23 dicembre 1864 il generale William Tecumseh Sherman scriveva ad Abraham Lincoln una lettera in cui definiva la città di Savannah, in Georgia, il suo "regalo di Natale". Mai Natale era stato più sanguinoso. La caduta di Savannah infatti era l'estremo frutto della campagna nota con il nome di "marcia al mare" iniziata da Atlanta, messa a ferro e fuoco nel novembre dello stesso anno. "La marcia" è il racconto di quelle sessanta miglia di violenza e di quei sessantamila veterani dell'Unione agli ordini di un uomo la cui tenacia spesso diventa crudeltà. Intorno alle operazioni militari Doctorow dipinge un affresco di una civiltà in fuga: schiavisti, schiavi, uomini, donne, ricchi e poveri, accomunati dalla furia di una guerra civile che cerca la sua epica e trova solo sangue e distruzione.

 
 

IL TESORO DEL WEST

Autore: Piero Pieroni (a cura)
Editore: Vallecchi
Anno: 1959
Altre edizioni: Vallecchi 1963
Formato: Rilegato con sovracopertina, 29 cm, illustrato con disegni b/n nel testo e a colori fuori testo - racconti
Pagine: 548

Dopo la fantascienza, l'avventura e il poliziesco è ora la volta, in questa fortunatissima collana destinata ai giovani di tutte le età, di quel West che ha esercitato così largo fascino sulla fantasia dell'uomo contemporaneo. Dice Renè Bazin che il mito del West può esser considerato una specie di Odissea moderna, nella quale il protagonista è, via via, il cacciatore, il pioniere, il soldato, il cow-boy, lo sceriffo, e Itaca vagheggiata un qualsiasi posto « pulito ed illuminato bene » ad ovest del Mississippi. Ma agli occhi del pubblico che sempre affolla le sale cinematografiche dove si proiettano film western diventa, il West, anche il simbolo di una libertà sconfinata in cui i problemi così complessi e opprimenti dell'uomo moderno si sciolgono in una lotta elementare contro forze semplici, concrete, evidenti. Un tipo di eroe che risolve le sue difficoltà a pugni o a pistolettate sembra fatto apposta per conquistare immediatamente le simpatie dell'uomo comune d'oggi, il quale sa bene, per sofferta esperienza, come la vita non consenta più, in alcun modo, soluzioni tanto precise e, per quanto faticosamente ottenute, totali. Nella realtà storica, certo, le cose erano un po' diverse: ma il fatto resta che, attraverso la leggenda cinematografica, l'uomo di oggi vede il West la sua forma d'evasione forse più immediata. Piero Pieroni si è proposto di rievocare in questo libro, appunto, gli aspetti leggendari della conquista del West: ne è venuta fuori una sorta di raccolta di film western, o piuttosto - poiché la narrazione ha una sua unità di svolgimento - un lungo film western che ha per soggetto l'intera storia del West nei suoi aspetti più pittoreschi: avventuroso, epico, umoristico, ma non per questo falso e lontano dalla realtà. I racconti che lo compongono (quasi tutti di autori contemporanei) sono stati scelti non solo per la carica leggendaria ma anche per la loro verosimiglianza storica. Insieme ai racconti, si incontrano, via via, testimonianze dell'epoca: diari, canzoni, articoli. Ciascuna delle quattro parti del volume è preceduta da un inquadramento storico essenziale. Per la parte illustrativa si è preferito ricorrere - anziché ad una artista d'oggi - ai pittori dell'epoca, che ebbero esperienza dei personaggi e delle vicende, a vecchi giornali, a pubblicazioni popolari: così da rendere più direttamente l'atmosfera e il clima. Questo Tesoro del West, dunque, darà a tutti i suoi lettori, con una rievocazione completa, la gioia di una lunga e meravigliosa avventura.

 
 

DEADWOOD
L'epopea delle Colline Nere

Titolo originale:
Deadwood
Autore: Pete Dexter
Editore: A. Vallardi
Anno: 1988
Altre edizioni: Garzanti 1988
Traduzione: Maria Teresa Marenco
Formato: Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine: 432

I grandi avvenimenti e l'ambientazione di questo romanzo come l'incendio che distrusse Deadwood, l'assassinio di Bill Hickok e della Bambola Cinese, le condizioni atmosferiche, la vita e i viaggi di Charley Utter, sono tutti reali. Anche i personaggi, con l'eccezione di Malcom Nash, sono reali e al tempo di questi avvenimenti abitavano a Deadwood.
 

Commento. Bella interpretazione di Deadwood ai tempi di Wild Bill. Pochi personaggi, ma importanti, si susseguono in questo romanzo ambientato tra le colline del Dakota. Storicamente poco attendibile, dà comunque un ottimo spaccato alternativo dei tempi ruggenti di Deadwood e dei suoi protagonisti.

 
 

INCIDENTE A TWENTY-MILE

Titolo originale:
Incident at Twenty-Mile
Autore: Trevanian
Editore:
Garzanti
Anno:
2001
Traduzione:
Andrea Buzzi
Formato:
Rilegato con sovracopertina, 22 cm - romanzo
Pagine:
360

L'epopea del West è ormai al tramonto. In una sperduta cittadina del Wyoming, ormai quasi abbandonata, se non fosse per la cinquantina di minatori che sbarcano ogni sabato a far baldoria, arriva un giovane straniero: Matthew Dubchek. E' gentile e abile, e dunque trova diversi lavoretti con cui si guadagna da vivere. E inizia anche a scoprire i piccoli e grandi segreti degli abitanti di un borgo all'apparenza tranquillo. Ma non appena arriva Lieder, pazzo assassino evaso dal manicomio criminale insieme a due fuorilegge, si scatena l'inferno. Lieder vuole impadronirsi dell'argento della miniera, ma anche liberare gli Stati Uniti da tutti quelli che ritiene parassiti: negri, cinesi e soprattutto ebrei.
 

Commento. Questo romanzo è un capolavoro! I fatti narrati con somma maestria e l'ambientazione cupa, plumbea, fatiscente e degradata, unita al genere western che ha sempre qualcosa da dire e offrire, fanno di questo romanzo uno dei migliori che io abbia mai letto. Forse la psicologia del ragazzo protagonista sembra troppo ingenua, ma è un aspetto che il resto del racconto riesce tranquillamente a far passare in secondo piano. Il finale è degno del bellissimo lavoro svolto da Trevanian. Straconsigliato!

 
 

WYATT EARP

Titolo originale:
Wyatt Earp
Autore: Dan Gordon
Editore:  Sonzogno
Anno: 1994
Altre edizioni: Euroclub 1995
Collana: I Romanzi Sonzogno
Traduzione: Alessandra De Vizzi
Formato: Rilegato con sovracopertina, 21 cm - romanzo
Pagine: 318

Ritorna la grande epopea del West attraverso la tumultuosa vita di uno dei suoi mitici protagonisti. Uomo, uomo di legge, leggenda, Wyatt assimila e fa propria, nell'arco di una vita, l'asprezza dei territori selvaggi che attraversa con tutta la famiglia alla ricerca di stabilità. Niente, infatti, nel ragazzo introverso del Missouri, che sembrava destinato a seguire le tracce del padre diventando avvocato e giudice lasciava presagire che sarebbe invece diventato una delle pistole più temute del West e uno degli sceriffi più rispettati. Gli avvenimenti incalzano ma il mito di Wyatt Earp, uomo semplice, che rimase aggrappato per tutta la vita agli ideali appresi da bambino, non ne rimane intaccato.

Un romanzo di Dan Gordon basato sulla sceneggiatura di Dan Gordon e Lawrence Kasdan del film "Wyatt Earp" con Kevin Costner, Dennis Quaid e Gene Hackman.
 

Commento. Un ottimo romanzo incentrato sul film. Ne riprende quasi battuta per battuta le scene ma le mischia con altre che non sono presenti nel film. Lo stile è piacevole e scorrevole, il libro è leggibile in poche ore. Certo non è da considerarsi storicamente attendibile, ma come romanzo mi sento di consigliarlo, soprattutto per chi è curioso e vuole confrontarlo con il film.

 
 

COLORADO

Titolo originale:
Centennial
Autore: James A. Michener
Editore:  Bompiani
Anno: 1999
Altre edizioni: Bompiani 1987, 1990, 1997
Collana: I grandi tascabili
Traduzione:
S. Accardi
Formato: Brossura leggera, 18 cm, illustrato con mappe in b/n fuori testo - romanzo
Pagine: 700

Con Colorado Michener continua il suo viaggio a ritroso nel tempo alla ricerca delle radici di un popolo e di una terra. In un grandioso susseguirsi di fasi storiche, dalle prime ere geologiche fino ai giorni nostri, l'autore ricostruisce temi, luoghi, personaggi che hanno sempre popolato la nostra fantasia e immaginazione e che abbiamo conosciuto anche attraverso il cinema, la televisione e i fumetti. Indiani d'America, cercatori d'oro, pionieri, avventurieri, cowboy sono i veri protagonisti di questa saga affascinante raccontata con l'accuratezza e il rigore dello storico e la vena felice del romanziere.

 
 

A OVEST DI DODGE

Titolo originale:
West of Dodge
Autore: Louis L'Amour
Editore: Edimar-Gotham
Anno: 1998
Collana: Cult Stories
Formato: Brossura leggera, 21 cm - racconti
Pagine: 239

Il vecchio West dei cowboy, dei minatori e degli assassini si trasforma nei racconti di Louis L'Amour in un profondo e tenero inno alla vita.
L'America di metà ottocento vista da uno dei suoi più sentiti protagonisti.

Racconti inclusi:
- Oltre il chaparral (Beyond the Chaparral)
- Un marito per Janey (A Husband for Janey)
- A Ovest di Dodge (West of Dodge)
- L'arrivo di Rope Nose (The Passing of Rope Nose)
- Prendere posizione (To Make a Stand)
- L'uomo che veniva dal deserto (That Man From the Bitter Sands)
- Fai decidere le carte (Let the Cards Decide)
- Ricchi al di là di ogni immaginazione (Riches Beyond Dream)
- A Ovest di Dry Creek (West of Dry Creek)
- Lo sceriffo di Canyon Gap (Marshal of Canyon Gap)
- Il cacciatore (Home is the Hunter)
- Pioggia su Halfmoon (Rain on the Halfmoon)
- Diligenza per Willospring (Stage to Willowspring)
- Vogliono impiccarmi (To Hang Me High)
 

Commento. Ecco un volumetto davvero davvero molto simpatico e coinvolgente. I brevi racconti che vi sono raccolti portano la firma niente po' po' di meno che del famoso Louis L'Amour, scrittore di romanzi e novelle western, il cui successo è stato, nel genere, enorme, soprattutto in America. Questi racconti spaziano da soggetto a soggetto, da ambientazione ad ambientazione, offrendoci un ritratto molto romantico e romanzato del vecchio West. Storie di pistoleri, uomini di legge e cercatori d'oro, di banditi e cacciatori, di cowboy e giocatori d'azzardo, di belle donne e di avventurieri, tutte scritte con prosa scorrevole e puntata sui dettagli, senza comunque nulla togliere all'azione e all'avventura. I protagonisti sono spesso spiegati al lettore tramite i loro ragionamenti ed i loro background, "introduttori" all'intreccio della storia, la quale è in ogni racconto molto ben congegnata, anche se a volte può risultare un po' pesante a causa dei rilievi psicologici che l'autore usa per tracciare il profilo dei suoi personaggi.
Questi racconti sono inediti e la loro raccolta, come si evince dall'introduzione, è stata curata dal figlio.

Materiali online
http://www.libridaleggere.it/racconti/a-ovest-di-dodge-di-louis-lamour/

 
 

MERIDIANO DI SANGUE

Titolo originale:
Blood Meridian or The Evening Redness in the West
Autore:
Cormac McCarthy
Editore:  Einaudi
Anno: 1998
Altre edizioni: Einaudi 1996, 2006
Collana:
Einaudi Tascabili (n. 543)
Traduzione: Raul Montanari
Formato: Brossura leggera, 20 cm - romanzo
Pagine: 348

A metà Ottocento, al confine tra Messico e Stati Uniti, una banda di killers professionisti annienta tutto quello che trova sul suo cammino. Un ragazzo del Tennessee, fuggito di casa, si unisce a una banda di cacciatori di scalpi. La banda ha un regolare contratto per sterminare gli Apaches e lascia dietro di sé una scia di sangue che sembra apparire all'orizzonte come un tramonto infuocato. Fino a quando i massacri diventano imbarazzanti per quelli stessi che li avevano commissionati. Trent'anni dopo l'uomo del Tennessee che da ragazzo aveva attraversato il "meridiano di sangue", ritroverà il giudice Holden, uno della banda, chiamato a leggere la sua ultima, definitiva sentenza.
 

Commento. Un romanzo che fa della violenza la sua chiave di presentazione e di narrazione. Tutto gira intorno ai fatti e ai misfatti di un gruppo di cacciatori di scalpi guidato dal Giudice, un uomo immenso, completamente glabro e il cui comportamento sembra dipingerlo agli occhi dei suoi seguaci come un essere uscito dall'inferno. Quest'uomo li guida attraverso i paesaggi più disparati alla ricerca di bande indiane a cui togliere lo scalpo. Tra i suoi c'è un ragazzino quindicenne che viene in questo modo iniziato alle spietati leggi del West, si ritrova ad uccidere, a combattere, a rialzarsi dal fango e dalla polvere. McCarthy è abilissimo a tracciare una descrizione perfetta del Sud Ovest americano, immergendovi protagonisti dai tratti particolari che intrecciano le loro vite, le loro esperienze, le loro idee in un turbine di sangue, violenza e morte.
Una storia che ti permette di immergerti in quell'atmosfera infernale, una storia come ce ne sono poche.

Materiali online
http://www.liberolibro.it/cormac-mccarthy-meridiano-di-sangue/
http://www.equilibriarte.net/site/brugnolialessio/blog/meridiano-di-sangue&fs=1
http://www.graziagiordani.it/recensioni/Meridiano%20di%20sangue%20di%20Cormac%20Mc%20Carthy.htm
http://corpifreddi.blogspot.com/2009/02/meridiano-di-sangue-cormac-mccarthy.html
http://www.lankelot.eu/letteratura/mccarthy-cormac-meridiano-di-sangue.html
http://mondobalordo.wordpress.com/2009/08/25/meridiano-di-sangue-di-cormac-mccarthy/
http://leucodermis.blogspot.com/2009/08/sarebbe-proprio-un-bellinferno.html

 
 

LE OPERE COMPLETE DI BILLY THE KID
Bravate, amori, ammazzamenti e morte del ragazzo più cattivo del West


Titolo originale:
The Collected Works of Billy the Kid
Autore: Michael Ondaatje (a cura di Ottavio Fatica)
Editore: Garzanti
Anno: 2002
Altre edizioni: Theoria 1995
Collana: Gli Elefanti
Formato: Brossura leggera, 19 cm, illustrato con fotografie b/n nel testo - memorie di fantasia
Pagine: 137

Billy the Kid, ovvero William Harrigan Bonney, nacque il 23 novembre 1859. Ammazzò il primo uomo a dodici anni, a colpi di coltello, segnando così il proprio destino. Morì per mano dello sceriffo Pat Garrett il 13 luglio 1881: nel frattempo aveva ucciso altre venti volte. Ventun anni di vita, ventuno omicidi. Anche se aveva imparato a scrivere bene, Billy the Kid non ebbe il tempo per comporre un libro. La sua autobiografia se l’è dunque immaginata Michael Ondaatje, che ha prestato al giovane pistolero una voce e un’anima. L’autore del Paziente inglese disegna con tratti indimenticabili la figura di questo eroe americano, già visitato in più occasioni dal cinema e dalla letteratura. Le opere complete di Billy the Kid condensano la sua fulminante avventura in poche pagine dense e ricche di suggestioni, sospese tra storia e racconto, tra mito e poesia.
 

Commento. Questo piccolo libro di poco più di cento pagine ci presenta la vita romanzata, e le «bravate, amori, ammazzamenti» di uno dei banditi più spietati dell’epopea del West. Nato a New York, negli ambienti irlandesi della città, Billy the Kid ha avuto spesso parecchi nomi, la maggior parte dei quali usati durante l’arco della sua breve vita. Nella breve introduzione iniziale, Ottavio Fatica (curatore del volume) ci presenta una piccola biografia del bandito, spiegandoci anche l’origine dei suoi nomi, e svelandoci quello reale, nonché accostando la vita del giovane fuorilegge con il fenomeno della criminalità. Ondaatje, invece, ci regala un valido affresco del Kid: vestendone i panni, e schizzando, attraverso aneddoti, curiosità, avvenimenti, sparatorie e galoppate, un ritratto romanzato del giovane pistolero, prestandogli così carta e penna e dandogli la possibilità di raccontare le proprie gesta, come se fosse stato vivo. Il libro, o meglio lo stile, si compone di brevi racconti di avvenimenti uniti a poesie e pensieri, nonché a ricordi lontani e vicini. Il Kid, tramite la penna di Ondaatje, ci racconta così l’ultima parte della sua breve vita, fino alla tragica morte. L’autore, inoltre, arricchisce il testo con interviste, vestendo per brevi racconti anche i panni dello sceriffo Garrett e della donna del Kid. In definitiva, un volume con poche pretese, umile, scritto a volte in modo incomprensibile, che tuttavia non ci regala una biografia accurata di Billy, limitandosi ad accennarne i fatti salienti in prima persona, con tratti grotteschi e poetici.